Ultimo aggiornamento 41 minuti fa S. Enrico imperatore 'Il pio'

Date rapide

Oggi: 13 luglio

Ieri: 12 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Storia e StorieRavello 1996: le Idi di giugno

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

Ravello 1996: le Idi di giugno

Inserito da (redazionelda), lunedì 2 maggio 2016 11:41:15

La notizia del riavvicinamento di Salvatore Di Martino e Secondo Amalfitano ufficializzata ieri ha destato meraviglia a Ravello (e non solo) nonostante l'indiscrezione circolasse da oltre un anno.

Ormai nella Città della Musica non c'è più nulla di cui meravigliarsi: nemmeno se dopo 24 anni di battaglie più o meno sanguinose (politicamente parlando) i due più grandi condottieri di Ravello ricominciano a interloquire, a sorridersi e a condividere la stessa linea politica.

Ma ritorniamo indietro di due decenni, riaprendo l'album dei ricordi e ripercorrendo i tratti di una storia giudiziaria che inevitabilmente ha caratterizzato le sorti politiche e sociali di Ravello. Lo facciamo affidandoci alla precisa ricostruzione dei fatti a cura di Gino Amato in un articolo pubblicato su E' costiera il 29 ottobre 2007.

Perché un popolo che non ha memoria non ha futuro.

In questa prima fase, per il lungo tempo trascorso, vale la pena di fare un passo indietro per far capire meglio ai lettori quando e con quali accuse scattò il procedimento penale nei confronti di Di Martino. Dalla lettura degli articoli successivi il lettore, chissà, potrà anche rispondere alla domanda: perché?

Le prime indagini su Salvatore Di Martino scattarono nel 1995, lo stesso anno in cui venne eletto nuovamente sindaco di Ravello dopo una campagna elettorale a tratti violenta tra lui e il suo antagonista Secondo Amalfitano. Il risultato finale vide vincitore Di Martino con 1.025 voti contro i 671 ottenuti da Amalfitano. C'è da ricordare che i due contendenti avevano precedentemente governato assieme Ravello per sei anni consecutivi, dal 1985 al 1991. Il 3 agosto del 1991 le loro strade si divisero in maniera piuttosto traumatica. Pochi mesi dopo le elezioni, come detto in precedenza, scattarono le indagini.

Tutto iniziò con il sequestro da parte degli inquirenti, di una macchina per scrivere presso il comune di Ravello, poi ci fu una perquisizione presso l'ufficio legale privato di Di Martino, fino ad arrivare agli arresti domiciliari del sindaco.

Il principale capo d'imputazione contestato, secondo le indagini condotte dal Sostituto procuratore del Tribunale di Salerno Rosa Volpe e dal GIP Michelangelo Francavilla fu che, contemporaneamente Di Martino come sindaco firmava ordinanze di demolizione di costruzioni abusive e come avvocato forniva consulenza legale agli stessi cittadini che avevano commesso l'abuso edilizio.

Altro reato contestato fu quello di aver obbligato(?) un messo comunale a falsificare le date di alcune notifiche, sempre dirette a cittadini "abusivisti", allo scopo di farli rientrare nei 60 giorni utili per inoltrare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale.

Per questi principali reati, il primo giugno 1996 il sindaco Di Martino viene posto agli arresti domiciliari su disposizione del GIP del Tribunale di Salerno, Michelangelo Francavilla.

Il 17 giugno i giudici della terza sezione penale del Tribunale di Salerno (Versani, Cirillo e Iorio) respingono la richiesta di rimettere in libertà Di Martino. La richiesta poteva essere considerata solo se Di Martino si fosse dimesso come Sindaco. Mantenendo tale carica ricorrevano i presupposti di inquinamento delle prove.

Il 18 giugno il sindaco si dimise. Un corteo cittadino si mosse dalla piazza fin sotto la sua abitazione in segno di solidarietà.

Il 4 luglio si dimise anche la giunta e tutti i consiglieri di maggioranza.

Il 9 luglio, a dimissioni avvenute di sindaco e intero gruppo di maggioranza, alcuni giornali pubblicarono che il PM Rosa Volpe avrebbe espresso parere favorevole sulla liberazione dai domiciliari anche se il GIP Francavilla si riservò un approfondimento delle indagini fino al 26 luglio. Entro quella data Di Martino fu fuori.

Val la pena di sottolineare, per completezza d'informazione, che successivamente all'incriminazione di Di Martino per incompatibilità tra la funzione di amministratore e la professione di avvocato nella difesa di un cittadino che ha in essere un contenzioso con l'amministrazione presieduta dallo stesso soggetto (amministratore/avvocato), si sono avute sentenze di proscioglimento.

Il 25 ottobre 2007 l'ennesima udienza del processo che vedeva imputato Salvatore Di Martino. Il giudice chiese l'archiviazione per intervenuta prescrizione dei reati ma l'ex sindaco di Ravello la respinse chiedendo di "essere giudicato nel merito".

In sostanza la disavventura di Di Martino poteva avere finalmente termine ma lui, pur di dimostrare le sue ragioni, è stato disposto a sottoporsi a un nuovo processo.

SI RICORDA CHE QUESTO ARTICOLO E' DATATO 29 OTTOBRE 2007

Questa cronaca si riferisce agli anni passati e non al presente, perché quel processo, nel frattempo, si è concluso con Di Martino uscito indenne.

Talvolta, i giornali ripropongono testi degli anni precedenti perché è indispensabile ravvivare la memoria storica dei cittadini, fondamentale per rafforzare la coscienza collettiva. Questo il nostro intento, consapevoli come siamo, dopo anni di impegno per la comunità, di essere con le nostre cronache e le nostre analisi, oltre che un'agenzia informativa quotidiana, anche un "luogo" di dibattito, approfondimento, di comparazioni e di recupero del passato.

Ciò non significa che il passato e il presente siano sovrapponibili, se è vero, come in questo caso, che molte cose cambiano: nel 2007, ad esempio, c'era un procedimento penale a carico dell'avvocato Salvatore De Martino, mentre oggi, da quella vicenda, l'ex sindaco è uscito indenne.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 106842100

Storia e Storie

Arma dei Carabinieri: 210 anni di fedeltà e servizio

Quest'anno ricorre il 210° anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri, un'occasione per riflettere su oltre due secoli di servizio e fedeltà allo Stato e ai cittadini. La storia dell'Arma inizia in un periodo di grandi cambiamenti e incertezze, segnato dalla caduta di Napoleone Bonaparte...

Santa Febronia: la protettrice di Patti che unisce generazioni e città

Nella splendida cornice della Sicilia settentrionale, su un colle affacciato sul mare e di fronte alle sette isole Eolie, sorge la storica città di Patti. È qui che, secondo la tradizione, nel 285 d.C. nacque Santa Febronia, figura centrale della fede locale e simbolo di devozione millenaria. Santa Febronia,...

Santa Trofimena, il cuore di Minori tra storia e devozione

Il culto e la devozione per Santa Trofimena a Minori sono il cuore pulsante di una comunità che si raccoglie attorno alla sua patrona in un abbraccio di fede e tradizione che dura da oltre mille anni. Santa Trofimena, Vergine e Martire di origini siciliane, è diventata l'emblema di questo borgo della...

Giovanni Scala: un viaggio fotografico nel cuore di Praiano

Il 6 luglio 2024, la Congrega del S.S. Rosario di Praiano ha aperto le sue porte per una serata dedicata alla fotografia e alla memoria, inaugurando la mostra intitolata a Giovanni Scala. Un evento atteso che ha visto la partecipazione di molti cittadini e appassionati, desiderosi di rivivere, attraverso...

Il 7 luglio 1647 inizia la rivolta di Masaniello contro il vicerè spagnolo

Nel caldo luglio del 1647, Napoli fu teatro di una delle più significative rivolte popolari contro il dominio spagnolo, guidata da un giovane pescivendolo, Tommaso Aniello d'Amalfi, conosciuto come Masaniello. La rivolta, scaturita dall'opprimente sistema fiscale imposto dalla monarchia spagnola, scosse...