Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Romano martire

Date rapide

Oggi: 9 agosto

Ieri: 8 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàRavello Festival 2022, è tutto pronto per la settantesima edizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: Storia e StorieIl Milite Ignoto è eterno, figlio d’Italia e fratello di tutti noi

Ravello Festival VXX edizione, è tutto pronto per l'edizione 2022 del Festival della città della musicaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

Il Milite Ignoto è eterno, figlio d’Italia e fratello di tutti noi

Scritto da (redazionelda), lunedì 1 novembre 2021 14:51:53

Ultimo aggiornamento lunedì 1 novembre 2021 15:25:01

di Salvatore Ulisse Di Palma*

Nel 2021 ricorre il centenario della traslazione del Milite Ignoto all'Altare della Patria e per tale occasione il Gruppo delle Medaglie d'Oro al Valor Militare d'Italia, in collaborazione con l'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), ha avviato il progetto "Milite Ignoto, Cittadino d'Italia" finalizzato al conferimento della "cittadinanza onoraria" da parte di tutti i Comuni italiani. Detta iniziativa è sostenuta anche dal Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d'Arma (ASSOARMA).

Chi è il Milite Ignoto e cosa Egli rappresenta.

Dopo i fatti della Grande Guerra, le Nazioni che vi avevano partecipato, come simbolo degli enormi sacrifici e gli eroismi delle collettività, decisero di onorare la salma di un soldato combattente anonimo, caduto con le armi in pugno. Approvata la legge, l'allora Ministero della Guerra diede incarico ad una commissione che esplorò attentamente tutti i luoghi nei quali si era combattuto, dal Carso agli Altipiani, dalle foci del Piave al Montello.

Undici furono le salme individuate, tutte anonime e composte in bare di legno grezzo, tutte uguali, rappresentanti le seguenti zone: Rovereto, Dolomiti, Altipiani, Grappa, Montello, Basso Piave, Cadore, Gorizia, Basso Isonzo, San Michele, tratto da Castagnevizza al mare. Esse ebbero ricovero, in un primo tempo, a Gorizia, da dove furono poi trasportate nella Basilica di Aquileia il 28 ottobre 1921.

Maria Bergamas, popolana di Gradisca d'Isonzo, il cui figlio Antonio, di leva nell'Esercito austriaco, aveva disertato per andare a unirsi alle schiere italiane, cadendo poi in combattimento come Ufficiale Sottotenente sul Monte Cimone e giuridicamente dichiarato disperso, sfila lentamente davanti alle 11 bare. Probabilmente spinta dall'istinto materno, si ferma davanti ad una di esse, con decisione e senza parlare. La bara prescelta fu collocata sull'affusto di un cannone e, accompagnata da reduci decorati al valore e più volte feriti, fu deposta in un carro ferroviario appositamente predisposto. Il viaggio d'Onore si compì sulla linea Aquileia - Venezia - Bologna - Firenze - Roma a velocità moderatissima, atteso presso ciascuna stazione ferroviaria dalla popolazione, dai tanti reduci, dalle mamme e mogli, che accorrevano per onorare in ginocchio il caduto simbolo dei tantissimi padri, figli, fratelli, mariti, parenti, amici che non avevano più fatto ritorno ai propri affetti.

 

Giunto a Roma, il 3 novembre 1921 il "Milite Ignoto" veniva tumulato il giorno successivo nel sacello posto sull'Altare della Patria. A lui fu concessa la medaglia d'oro con questa motivazione:

 

"Degno figlio di una stirpe prode e di una millenaria civiltà, resistette inflessibile nelle trincee più contese, prodigò il suo coraggio nelle più cruente battaglie e cadde combattendo senz'altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della patria".

Ciò premesso, ai giorni d'oggi sono molteplici i significati che si potrebbero attribuire al Milite Ignoto. Egli è tutt'altro che anacronistico. Non vi è persona al mondo che passando davanti all'altare della Patria in Roma non getti lo sguardo a quel sacello, costantemente presidiato da militari di tutte le Forze Armate.

Dapprima Egli ci comanda di non disperdere il ricordo. Il culto della memoria è un dovere, testimone di storia, radici e tradizioni, da passare di mano in mano di generazione in generazione. Ripercorrendo quelle pagine di storia, in un attimo si compie un balzo di cent'anni in avanti, lontano da quelle guerre che flagellarono il primo cinquantennio del 900. Lui ci permette di riprovare quell'emozione fortissima, di ritornare a loro, uomini e soldati, caduti per l'Italia di oggi e sentirli ancora vivi e presenti, facendo sì che il loro sacrificio non sia stato vano.

In secondo luogo, l'illustre Soldato senza nome, lontano dalle guerre di allora, è come se si spogliasse della divisa infeltrita, consentendoci di pensare alle tante sfide e sofferenze dell'oggi, ai tanti caduti del quotidiano, basti pensare alle vittime sul lavoro, in divisa e non, fino alla drammatica pandemia dovuta da COVID-19, che ha flagellato il mondo intero. Questo e altro, ci fa capire che il Milite Ignoto non appartiene ad una storia ormai trascorsa, fatta di grosse mostrine e pesanti divise di flanella, ma cambia tanti vestiti e volti ed è il simbolo vero di un'Italia che, con tenacia, lotta continuamente per i propri valori, la propria dignità e i propri diritti. Ecco perché in tale quadro il miglior vestito che Gli si può attribuire è renderlo cittadino d'Italia, perché è patrimonio di ognuno di noi e questa nobile iniziativa farà sì che attraverso il dovere del ricordo, ancora oggi questo semplice soldato, senza nome, ci sia ancora una volta di esempio di forza e perseveranza, di un uomo che non si è sottratto ai propri doveri fino all'estremo sacrificio.

In ultimo, trovo bellissimo che nessuno sappia il suo nome. Nessuno sa perché la mamma Maria lo abbia scelto; probabilmente l'ha fatto pensando che in quelle spoglie mortali vi fosse il figlio disperso. Quel Soldato non ha confini. A Lui si possano attribuire tanti nomi, cui ognuno può rivolgersi con un pensiero per lenire quel dolore che risiede nei cuori, legato alle persone care non più presenti in questo mondo.

Egli è eterno, Figlio d'Italia e fratello di tutti noi. Nell'aderire all'iniziativa, Ravello oltre a dimostrare piena consapevolezza della radice storica del nostro Paese, lascerà un segno indelebile nella storia della Città della Musica, rendendosi fattivo testimone verso le nuove generazioni.

*consigliere comunale di Ravello

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 108250108

Storia e Storie

Nuove scoperte a Pompei, riaffiorano le stanze della Domus del Larario con arredi e oggetti

Piccoli ambienti arredati rinvenuti attorno al sontuoso larario con raffigurato un "giardino incantato", già scavato nel 2018 nel corso di interventi di manutenzione dei fronti di scavo. La vita immobile di Pompei che riaffiora alla luce: ultimi istanti di vita fotografati negli arredi sconquassati dall'eruzione...

Il Paese dei balocchi

di Antonio Schiavo Se Carlo Collodi avesse conosciuto l'emporio di Mario Conte, ci avrebbe ambientato il paese dei balocchi. I tanti Lucignolo e Pinocchio (e non solo) almeno degli ultimi sessant'anni ci hanno trovato di tutto: bastava chiedere e, come d'incanto, tutto appariva. Mi sono sempre domandato...

Gore Vidal, simbolo di un epoca che ha reso Ravello famosa nel mondo

"Ravello celebra oggi il decennale della scomparsa di Gore Vidal, intellettuale di statura internazionale, che amò profondamente questa città, ampiamente ricambiato da tutta la nostra comunità. Villa Rondinaia, bianca e maestosa, abbarbicata sulle rocce, fu meta di scrittori, artisti, musicisti, politici...

Tramonti: stasera al via il Corteo Storico, ne parla l’ideatore Domenico Taiani

Dopo due anni di silenzio, torna a Polvica, frazione di Tramonti, la rievocazione del Corteo Storico. Alla sua undicesima edizione, la manifestazione ideata e creata dal professore Domenico Taiani, segretario dell'Associazione Gete, riporta in vita i fatti accaduti nel 1460, quando la popolazione aiutò...

“Ravello Rendez-Vous”: il cortometraggio su Gore Vidal e La Rondinaia, la villa a strapiombo sul mare della Costiera Amalfitana /TRAILER

Sono passati 10 anni dalla scomparsa di Gore Vidal: era il 31 luglio del 2012 quando lo scrittore, drammaturgo, saggista e sceneggiatore si spense nella sua casa di Los Angeles, all'età di 86 anni. Com'è noto, Vidal ha trascorso molti anni della sua vita in Italia: prima a Roma, e poi, presso "La Rondinaia"...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.