Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Storia e Storie4 novembre 1921. Maiori e il Milite Ignoto: la posa della prima pietra del Monumento ai Caduti

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

Maiori, Costiera Amalfitana, Storia, Protagonisti, Personaggi, Storie

4 novembre 1921. Maiori e il Milite Ignoto: la posa della prima pietra del Monumento ai Caduti

Il Sindaco di Maiori dell'epoca era il nobiluomo cav. Francesco Conforti che fece affiggere appositi manifesti dove invitava tutta la cittadinanza

Inserito da (redazionelda), giovedì 4 novembre 2021 09:53:07

di Donato Sarno

Esattamente cento anni fa, venerdì 4 novembre 1921, in occasione del terzo anniversario della Vittoria, veniva a Roma tumulata la salma del Milite Ignoto sull'Altare della Patria. Il Prefetto di Salerno aveva raccomandato ai vari Comuni della provincia di ricordare l'evento e Maiori per la circostanza organizzò una memorabile manifestazione. Si decise, infatti, che proprio in quel giorno avesse luogo la posa della prima pietra di quello che sarebbe poi divenuto il Monumento ai Caduti e che si era stabilito dovesse sorgere all'ingresso della cittadina, all'inizio del Corso Reginna, sul lato destro per chi sale dalla spiaggia, dove tuttora si trova e dove, come si scrisse all'epoca, "di fronte l'onda è immensa, dove eterna è l'ammirazione delle virtù degli eroi, dove la vista del monumento denota ai forestieri la civiltà degli abitanti, quasi volesse dire al passante: Scopriti, noi fummo eroi, i cittadini posero a nostro ricordo".

Il Sindaco di Maiori dell'epoca - che era il nobiluomo cav. Francesco Conforti (1861 - 1953), bisnonno materno di chi scrive - e il Comitato appositamente costituito per l'erigendo Monumento fecero affiggere appositi manifesti, nei quali, con parole forti e cariche di patriottismo, si invitavano i cittadini a prendere parte in massa alla cerimonia, definita "italianissima funzione"; inoltre, su lodevole iniziativa del giovane giornalista maiorese Domenico Scannapieco (1901 - 1983), il quale molto si era battuto in precedenza perché l'opera fosse avviata, venne pubblicato un foglio di quattro pagine, dal titolo La Gloria, Maiori ai suoi gloriosi figli nel terzo anniversario della Vittoria, contenente il programma della cerimonia, i testi dei suddetti manifesti, l'elenco dei Caduti maioresi (ben oltre la settantina) con brevi cenni biografici (inclusi mutilati, invalidi e decorati), oltre ad un ampio articolo dello stesso Scannapieco (Vittorio Veneto nel III anniversario) e ad altri due articoli sul medesimo argomento (uno di Ferdinando Lodato e l'altro del prof. architetto Gaetano Conforti, figlio del Sindaco, anch'egli reduce della Grande Guerra ed autore di un bozzetto di Monumento).

La cerimonia si svolse in modo solenne e toccante. Nella Chiesa Collegiata, parata di nero a lutto, i "valorosi artisti Della Mura" prepararono un catafalco, riproducente a grandezza naturale il monumento che si intendeva erigere e che fu assai ammirato. Alle ore 9.00, alla presenza delle autorità civili e militari, del Capitolo della Collegiata, del restante clero, dei Frati Francescani e di tantissime persone, il Prevosto Monsignor Nicola Giordano celebrò sull'altare maggiore la S. Messa di requiem, con la solennità propria dell'antica liturgia e su musica d'organo a due voci del professor Di Sarno, coll'accompagnamento della Schola cantorum, diretta dalla signorina Vincenzina Capone. Ebbe quindi luogo - preceduta da un discorso del Canonico don Giuseppe Montesanto - la benedizione del tumulo, con canto del Libera me, Domine, de morte aeterna, e quindi resero ad esso onore i Reali Carabinieri e i Reali Finanzieri al comando del maresciallo Del Corral. Terminata la funzione religiosa, partì dalla Collegiata un grandioso corteo, che sfilò al suono di tutte le campane e tra lo sventolio di "mille bandiere" per tutto il Corso Reginna fino alla chiesa di San Giacomo. Prendevano parte al corteo "i RR. Carabinieri, le RR. Guardie di Finanza, il Clero, i Frati, l'autorità comunale, le scuole, i mutilati, gl'invalidi, i decorati, le madri e vedove dei caduti, gli ex combattenti e reduci inquadrati al comando del giudice cav. Vaccariello e del Marchese Mezzacapo, uno stuolo di ufficiali in divisa, il Circolo Sociale, la Fratellanza Maiorese, la Naiade, la Pro Maiori, la rappresentanza delle Banche e del cantiere navale, altre autorità, le guardie forestali e una fiumana di popolo reverente e commossa".

Ebbero quindi luogo la benedizione e la posa della prima pietra, mentre gli alunni delle scuole, alla direzione del professore Salvatore Cavo, insegnante severo ed assai stimato di cui tuttora è vivo il ricordo tra gli anziani, cantarono l'inno del Piave. A fare da madrina fu scelta "la popolana Signora Filomena Cuomo Cretella", in quanto madre di ben due Caduti (i fratelli Alfonso ed Andrea Cuomo). La donna ricevette il "bacio di riconoscenza" dal generale Guglielmo Cerqua. Il generale, nativo di Giugliano in Campania, ma trasferitosi a Maiori per aver sposato la gentildonna Giovanna Cantilena, additò quella madre "al popolo intero come esempio di costanza e fermezza", al termine di un bel discorso da lui per l'occasione tenuto, in cui "con parole altamente patriottiche enumerò gli atti di valore dei nostri eroici e gloriosi concittadini che sacrificarono la loro giovine esistenza per la grandezza della Patria".

Possa pertanto la lettura della cerimonia così bellamente organizzata cento anni or sono a Maiori tenere sempre vivi in tutti noi il ricordo e la riconoscenza verso i Caduti.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 108651104

Storia e Storie

La festa della Maddalena ad Atrani e il rito del sarchiapone

di Sigismondo Nastri - Gli atranesi erano fieri, e lo sono ancora, della festa che organizzano il 22 luglio, nella ricorrenza della protettrice, Santa Maria Maddalena. L'indimenticabile Michele Buonocore, vigile urbano, ma anche poeta e cultore della storia e delle tradizioni locali, mi recuperò i versi...

Taylor Swift: la famiglia della popstar americana era originaria di Cava de’ Tirreni

È instancabile il lavoro del Gruppo Cava Storie, che in vista dell'ultimo concerto italiano di Taylor Swift ha avviato delle minuziose ricerche sulle sue origini. In un articolo a firma di Aniello Ragone, edito su La Città di Salerno, si rivela come la famiglia della popstar internazionale fosse originaria...

Oggi è il Nelson Mandela Day: si celebra l'eredità di un'icona globale per la Pace

Oggi, 18 luglio, si celebra il Nelson Mandela day, una giornata internazionale dedicata a onorare la vita e l'eredità di Nelson Mandela, uno dei leader più iconici e influenti del XX secolo. La data non è casuale: il 18 luglio è il giorno del compleanno di Mandela, nato nel 1918 in un piccolo villaggio...

Pompei, scoperta inattesa getta luce sulla storia della Spagna

Una brillante carriera militare, poi il buen retiro a Pompei, nella cittadina campana, famosa per la bellezza del paesaggio e le vedute sul golfo di Napoli, che attirava anche personaggi come Cicerone e Agrippa. È quanto emerge dall'iscrizione su una tomba trovata durante i lavori per la realizzazione...

Arma dei Carabinieri: 210 anni di fedeltà e servizio

Quest'anno ricorre il 210° anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri, un'occasione per riflettere su oltre due secoli di servizio e fedeltà allo Stato e ai cittadini. La storia dell'Arma inizia in un periodo di grandi cambiamenti e incertezze, segnato dalla caduta di Napoleone Bonaparte...