Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 minuti fa S. Isidoro vescovo e martire

Date rapide

Oggi: 4 aprile

Ieri: 3 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl messaggio di impegno e di libertà di Antonio Borgese

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Insieme a Voi - la Colomba di Sal De Riso è buona e sa di buono. Aiuta gli ospedali della Campania acquistando le colombe pasquali di Sal De Riso

Storia e Storie

Il messaggio di impegno e di libertà di Antonio Borgese

Scritto da (Redazione), venerdì 11 ottobre 2019 09:02:46

Ultimo aggiornamento venerdì 11 ottobre 2019 09:02:46

Mercoledì scorso si sono stati celebrati, nel Duomo di Ravello, i funerali di Antonio Borgese, una delle figure di spicco della comunità ravellese, titolare, fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, dell'allora ufficio di collocamento in vari centri della Costiera amalfitana, impegnato in campo politico - amministrativo per più mandati quale consigliere e assessore comunale e presidente dell'azienda silvo - pastorale, scrittore attento e raffinato di testi di genere biografico.

Al termine del rito funebre, sulla scalea del Duomo, hanno tenuto un'articolata e commossa commemorazione, condita anche da coinvolgenti ricordi personali, Nicola Amato e Enzo Del Pizzo, cui ha fatto seguito un discorso di Francesco Criscuolo, che proponiamo:

 

«Non si può sottacere l'aura di tristezza propria di una circostanza, che vede tanti, ravellesi e non, riuniti attorno a un caro amico, a un uomo di non poco spessore personale e sociale.

È una testimonianza palpitante di affetto e di stima verso una persona che ha ben meritato, perché ha dato senso alla lunghezza dei giorni vissuti con la validità delle opere compiute.

Non senza ragione, l'autore del libro biblico del Siracide ha scritto che "la morte di un uomo manifesta le sue opere" (Sir. 11, 27).

Le opere di Antonio sono ben visibili nella dimensione del buon padre di famiglia, attento, diligente, premuroso, capace di non perdersi d'animo di fronte a vicende familiari tanto più tragiche e dolorose, quanto più impensabili ed inattese. Le stesse opere sono ben visibili, altresì, nella poliedricità e versatilità dell'indole, nella serenità e onestà di fondo, nell'apporto dato con spirito di servizio al progresso della comunità ravellese in veste di consigliere e assessore comunale nell'amministrazione guidata dal Prof. Salvatore Sorrentino, nella qualità di campione di libertà, che ha aperto una breccia nel muro del conformismo culturale degli anni ‘60 del secolo scorso, facendosi portatore di una mentalità duttile e innovativa.

La sua operatività risalta, ancor più, nell'attività di rappresentante locale del Ministero del Lavoro, per il cui corretto svolgimento ha percorso in lungo e in largo tutti i paesi della Costiera amalfitana con la mitica e inseparabile "lambretta", che oggi assurge a valore di cimelio.

Egli è stato tutt'altro che un grigio travet, in quanto ha cercato di incidere, da par suo, nel tessuto sociale in un tempo contrassegnato dalla presenza di un sistema di protezione sociale non ben definito, dalla carenza di rilevanti attività economiche e produttive, dall'assenza degli odierni incentivi statali e assistenziali, contribuendo ad educare e a far crescere nei giovani il desiderio di investire in un sereno futuro lavorativo.

Per tutto questo lascia sicuramente un segno e può rientrare a buon diritto, secondo una felice espressione dello scrittore latino Plinio il vecchio, tra coloro, di cui la memoria non scompare per poter tesserne le lodi.

Ciascuno di noi, in cuor suo, lo affida alla speranza, a quella speranza - scrive S. Paolo - che non delude (Rm 5, 5), perché assomma in sé gli aneliti più autentici e profondi di ogni uomo».

 

Il messaggio di Nicola Amato:

«Ho innalzato un monumento più duraturo del bronzo e più alto della regale maestà delle piramidi che nè la pioggia che corrode nè il vento impetuoso potrà abbattere nè l'interminabile corso degli anni e la fuga del tempo.
Non morirò del tutto, anzi una gran parte di me eviterà la morte e per sempre io crescerò rinnovato nella lode dei posteri.
Così Flacco Quinto Orazio nelle sue lodi utilizzando la fase ormai famosa
Non omnis moriar.... l'uomo non muore tutto

L'immortalità cui tende ogni essere umano è frutto di un connubio tra vita e morte, ove il giudizio sulla vita vissuta è solo l'anello di congiunzione con la vita, dopo la morte, che è il ricordo (il cd monumento alla memoria) piuttosto che l'oblio che ti proietta nella dimenticanza eterna.
Antonio Borgese il suo monumento alla memoria se l'è costruito da solo non sprecando o rendendo inutile la sua vita.
Ha vissuto intensamente una vita dedita in primis alla famiglia e alla cura dei figli dopo la dipartita della moglie Vittoria, al lavoro come collocatore, alla società civile rivestendo diversi incarichi politici, da consigliere ad assessore a presidente dell'azienda silvo pastorale costiera amalfitana, persona devota, di cultura e di grande umanità.

Qualche anno fa Antonio Borgese, accompagnato dal figlio Omar, si presentò nel mio ufficio e mi fece promettere che al suo passaggio nel mondo dei giusti, avrei tenuto un pubblico elogio funebre consegnandomi l'ode di Orazio.
L'impegno fu suggellato da una triplice stretta di mano.
Ho accettato di intervenire nel saluto di commiato ad Antonio in virtù di un rapporto di amicizia che è nato con Don Pantalone (mio zio) e che nel tempo ha ritenuto dover continuare con me, onorato della sua stima nei miei confronti.
Questo mio breve ricordo riguarda proprio i rapporti di Antonio Borgese con don Pantaleone e il Santuario dei Santi Medici.
Benchè vi fosse una differenza di pochi anni tra di loro Antonio considerava don Pantaleone come un padre da cui attingeva nutrimento e guida per la sua crescita.
Il loro legame era molto forte tant'è che Antonio accompagnava mio zio in giro per mezza Europa, soprattutto in Inghilterra, per la raccolta di fondi per la realizzazione del nuovo santuario.

Ben cianquant'anni di vita vissuta in simbiosi tanto da indurre Antonio ad improvvisarsi scrittore e scrivere un libro, sui cinquant'anni di vita pastorale di Mons. Pantaleone Amato parroco, dal titolo l'UOMO E LA ROCCIA, dedicato al figlio Dorian.

Nella prefazione al libro Antonio afferma di provare paura nella trattazione della monografia storica di un uomo di fede, ma nello sciogliere la riserva, ebbe a scrivere che quella penna con cui stava scrivendo era un arnese che aveva usato per quarant'anni per fare tutt'altro mestiere, che non è certamente quello dello scrittore o del giornalista ma di un comune impiegato per conto dello stato a servizio del pubblico.
Il legame indissolubile con Don Pantaleone va ben oltre la morte tant'è che qualche anno addietro mi chiese se poteva costruire una cappella cimiteriale proprio a ridosso della tomba di Don Pantaleone, utilizzandone il muro comune, e benchè gli avessi indicato altri spazi ove costruirsi la dimora eterna, mi ribadiva che voleva restare vicino a don Pantaleone come in vita anche in morte.
Grazie a questa amicizia e alla devozione di Antonio per il Santuario dei Santi Cosma e Damiano, nel 2013 ha donato allo stesso elementi marmorei e ha apposto una Croce in ferro sulla facciata della chiesa rispettando la raccomandazione di don Pantaleone allorchè nel 1997, a seguito della evidenzia di Borgese sulla mancanza di una croce, «Con tante cose a cui devo far fronte - rispose Don Pantaleone, non posso pensare a questi dettagli.Vuol dire che ci penserai tu».
Nel 2006 muore l'amata moglie Vittoria e Antonio, già ottantenne, si dovrà prendere cura dei figli Omar, Oscar, Evan e Karim.
Purtroppo nel 2007 in America a seguito di un incidente stradale muore Oscar, appena ventiquattrenne, un duro colpo per lui e la famiglia.
All'epoca tutta la cittadinanza si raccolse intorno alla famiglia preoccupandosi di ogni cosa, con una gara di solidarietà unica. Io fui incaricato dall'avvocato Paolo Imperato Sindaco di Ravello dei contatti con il consolato americano e delle formalità per il rientro.
Giunto il momento del trasferimento della salma dall'America Antonio mi chiamò e mi affidò l'incaricò di andare a Napoli ad accogliere il feretro del figlio perchè lui non se la sentiva, dicendomi di sostituirmi a lui.
Quella morte segnò molto Antonio tanto da non accettarla e alla mia richesta di apporre una lastra marmorea al loculo che conteneva il corpo di Oscar lui mi rispondeva sempre che la lapide avrebbe certificato di fatto la morte del figlio che lui immaginava ancora vivo in America.
Solo negli ultimi tempi si è deciso di completare il loculo convinto com'era che a breve avrebbe raggiunto sia Oscar che Vittoria che il neonato Dorian.
Come abbiamo visto Antonio Borgese ha vissuto una vita a servizio della famiglia e della comunità, una vita vissuta con intensità dando significato alla vita sua e delle persone che l'hanno conosciuto.
Antonio si è eretto da solo il monumento alla sua memoria per cui il suo passaggio terreno non sarà dimenticato.
Ma nessuno muore se vive nel cuore di chi resta e così sarà per Omar, Evan e Karim, i suoi carissimi figli, che ognuno di noi deve considerare come fratelli o figli.
A loro non dobbiamo far mancare la nostra vicinanza perché essi hanno bisogno del nostra sostegno, della nostra attenzione, della nostra disponibilità come gesto che rende sicuramente più ricchi chi lo riceve e chi lo dà.
Vai Antonio, il mondo dei giusti ti aspetta.
Il tuo ricordo si ravviverà in noi ogni qualvolta lo sguardo incrocerà quello dei tuoi figli e le opere da te compiute».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il “muccaturo”, il copricapo delle nostre antenate

di Sigismondo Nastri Un amico mi ha chiesto di scrivere qualcosa sul muccaturo: non certo il fazzoletto che portiamo in tasca - oggi sostituito da quelli più pratici di carta - per pulirci il naso, ma il muccaturo col quale si coprivano il capo le nostre antenate (le nonne, per quelli della mia generazione)....

“Quattro aprilante giorni quaranta”: il vecchio adagio prevede maltempo

"Quattro aprilante giorni quaranta". È un vecchio proverbio napoletano (con la variante ‘quattro brillanti giorni quaranta') che fa riferimento alle condizioni climatiche e prevede le stesse condizioni del 4 aprile per i seguenti 40 giorni. Se dovesse piovere il 4 aprile, quindi, ci sarebbero altri 40...

Le grandi epidemie della storia: una disadorna riflessione sul Covid-19

di Francesco Criscuolo* Il confinamento coatto nelle proprie abitazioni, rientrante nelle misure restrittive della libertà personale messe in campo dal governo Conte per erigere solidi argini al dilagare dell'epidemia di Covid - 19, non è un fatto nuovo nella storia delle calamità collettive. I dati...

L'alluvione del 26 marzo 1924 che provocò distruzione e morte a Vettica di Amalfi

Il 26 marzo del 1924 un violento nubifragio si abbatté sulla Costiera Amalfitana. Ad Amalfi, conseguentemente a un drammatico evento franoso, 61 abitanti della frazione di Vettica Minore persero la vita. Il più anziano delle vittime aveva 82 anni, mentre il più giovane era venuto alla luce da appena...

17 marzo. Oggi l'anniversario dell'Unità d'Italia

Ricorre oggi l'anniversario dell'Unità d'Italia. Il 17 marzo 1861 veniva proclamato a Torino il Regno d'Italia. In seguito alla Seconda guerra di indipendenza e alla spedizione dei Mille, guidata da Giuseppe Garibaldi, nel biennio 1859-60, l'obiettivo dell'unità d'Italia era stato in gran parte raggiunto,...