Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 minuti fa Natività di S. Giovanni

Date rapide

Oggi: 24 giugno

Ieri: 23 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeIo st…arei con Fedez

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaCon il Cuore. Dona alle mense francescane e aiuta i poveri in questo periodo di grande difficoltà

L'Editoriale

Io st…arei con Fedez

Scritto da Antonio Schiavo (redazione), domenica 9 maggio 2021 10:59:51

Ultimo aggiornamento domenica 9 maggio 2021 10:59:51

di Antonio Schiavo

Molti anni fa, quando arrivai a Firenze, con due miei colleghi prendemmo in affitto una casa in via Baracca. A pochi passi da essa c'era un Centro di accoglienza della Caritas dove si distribuivano pasti, si offriva un servizio docce e di barbiere.

La fila era lunga davanti ai due sportelli ed era composta, nella quasi totalità, di stranieri.

Facevamo la spesa all'Esselunga lì vicino e, di tanto in tanto, ci si trovava a far passare un addetto che riportava i carrelli nell'alloggiamento interno del supermercato o, in altre occasioni, si sentiva chiamare dall'altoparlante l'incaricato delle pulizie alle casse o ai reparti.

Anche in questo caso gli operatori erano quasi tutti extracomunitari in prevalenza del corno d'Africa o del Bangladesh.

Perché questa premessa in apparenza poco attinente col titolo di questo pezzettino.

Perché oggi davanti a quello stesso Centro di accoglienza la gran parte dei richiedenti aiuto è composta da nostri connazionali ed altrettanto si verifica tra gli addetti nei supermercati.

Il coronavirus, sì che ha moltiplicato esponenzialmente una crisi economica ormai endemica nel nostro Paese con politiche del lavoro lasciate in balia di politici in cerca di consenso o di sindacati sovente più attenti al consociativismo che alla sorte di operai e dipendenti pubblici o privati.

Tanto è vero che, per dirne una, il tasso di disoccupazione era ed è tra i più alti fra i Paesi industrializzati e quello giovanile rasenta (e ora supera ) il 30%.

Ora, chi si è autoproclamato sostenitore dei lavoratori durante quel concertone del Primo Maggio da un po' diventato solo passerella per promozioni discografiche e per sermoni pieni di retorica e demagogia?

Un rapper in disarmo, sostenuto con molta probabilità da una strategia di marketing ben studiata. Costui, per un giorno ha svestito i panni, non solo metaforici, di Gucci o di Dolce e Gabbana, indossando quelli più dimessi di un servitore del popolo.

Che ha declamato il suo sermone non dalla sontuosissima casa di non so quante centinaia di metri quadri o dalla villa di Los Angeles ma da un'anonima stanzetta sapientemente poco inquadrata. Che ha nascosto Rolex e tatuaggi col cui costo si sarebbero pagati un bel po' di salari agli operai di cui oggi si erge a paladino.

L'avesse fatto un Giuseppe Di Vittorio che aveva un solo vestito buono, un Berlinguer sobrio e severo nella sua coerenza e non uno che ha messo a soqquadro un supermercato prenotato appositamente per il suo compleanno mentre i suoi compari facevano razzia e spreco di cibo e bevande buoni per sfamare un esercito di miserabili che bussano alle porte della Caritas, ci saremmo inchinati al suo appello, ma così quel pistolotto è sembrato solo ridicolo e strumentale, degno semmai di una storia su Instagram ad uso e consumo di imbambolati followers che col lavoro avranno sicuramente ben poco a che fare.

In quanto poi all'altra questione relativa alla censura di una RAI bifronte, che da un lato paga profumatamente questi evangelisti d'accatto e dall'altro ha un'inveterata abitudine di voler salvare capra (audience) e cavoli (lottizzazione), mi sia consentita una sommessa considerazione.

Sul ddl ZAN si può essere a favore o contro.

Io ne scorgo anche forti penalizzazioni alla libertà di opinione e una ridondanza per pene già ampiamente previste dal codice per delitti cruenti e obbrobriosi.

Ne è evidente esempio la condanna esemplare al picchiatore accanitosi contro due ragazzi che per amore (o esibizionismo?) si baciavano in metropolitana.

Anche in questo caso trovo difficile pensare che a sostenere le tesi del disegno di legge sia uno che (secondo quanto ha dichiarato Vittorio Sgarbi) nei versi di sue vecchie canzoni incitava alla violenza (sic!) contro Barbara D'Urso, allo stupro ai danni di Letizia Moratti da concludere con un rapporto orale durante il quale tagliarle la gola con un taglierino e evidenziava come non avessero nulla da lamentarsi quelle "ragazze immagine "( ma guarda!) che vengono violentate per i loro abiti succinti.

Perciò io non posso stare - ma, cari lettori, prendetela come opinione personalissima - con chi ha poco da spartire con donne e uomini che si spaccano la schiena o lavorano tanto e dignitosamente per stipendi e salari minimi.

O con chi avrebbe cantato quelle porcherie a meno che non si sia poi convertito sulla via di Damasco o, meglio, di Formentera mentre si faceva l'ennesimo selfie con consorte, prole... e cane.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Abbiamo bisogno di una nuova stagione culturale a casa nostra

di Antonio Schiavo Confesso, per quanto possa valere la mia opinione, che non amo particolarmente Saviano. Non per le cose che dice o scrive, si intende, ma per il baraccone mediatico che si è creato, o gli hanno creato intorno. Sotto la furbesca regia del plurimilionario (coi soldi del canone e quindi...

Benvenuto Presidente

di Antonio Schiavo Certo, è strano dare il benvenuto ad Antonio Scurati nel momento in cui assume un importante incarico praticamente a casa sua, però ci sembra giusto farlo perché, negli anni lo abbiamo conosciuto come amico, come compaesano, come autore di chiara fama e pluripremiato, come concittadino....

Con Scurati una grande rivoluzione culturale per Ravello

di Emiliano Amato A Ravello la musica, stavolta, sembra essere cambiata davvero. La nomina di Antonio Scurati a presidente della Fondazione Ravello, ente culturale tra i più prestigiosi della Campania, rappresenta una palingenesi. Uno spartiacque, una rottura netta col passato, un segnale forte con cui...

Pacta sunt Servanda (perciò lo Stato libera Brusca)

di Antonio Schiavo "Pacta sunt servanda", dicevano i Padri latini "I patti vanno rispettati". Sempre, comunque. Per sempre! E lo Stato ha rispettato l'accordo, liberando Giovanni Brusca, quell'individuo che i suoi stessi compari chiamavano "Il Macellaio". 150 (diconsi centocinquanta) omicidi da lui stesso...

Se questi sono uomini

di Antonio Schiavo Adesso c'è un bel tramonto sul Lago Maggiore: l'ultimo raggio di sole sfiora, pietoso, i resti informi e squassati di un cabina della funivia del Mottarone, meta agognata, dopo mesi di clausura, per una gita di fine settimana. C'era nebbia invece e pioveva tanto a Genova quando un...