Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 25 minuti fa S. Severo vescovo

Date rapide

Oggi: 1 febbraio

Ieri: 31 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa dal 1830 tutta la dolcezza di Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso, capolavori di dolcezza realizzati in Costa d'Amalfi Offerta Granato Caffè a cialde con macchina Frog

Tu sei qui: Racconti d'aMareMentre Amalfi festeggia il patrono Sant’Andrea il capitano Barra salpa verso il porto di Xiamen /FOTO

Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Casa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaMaurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaMacchina da caffè Baby Frog in offerta a 99,90 per tutti i clienti Granato CaffèCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaAmalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Racconti d'aMare

Amalfi, Sant'Andrea, capitano, navigazione, Cina

Mentre Amalfi festeggia il patrono Sant’Andrea il capitano Barra salpa verso il porto di Xiamen /FOTO

Oggi, 30 novembre, sulla nostra dritta vi è l’isola di Kyushu, l’ultima grande Isola Giapponese, dalla quale ci allontaniamo, siamo in rotta per il porto di Xiamen (Cina). È un giorno particolare soprattutto per tutti gli amalfitani che, come me, vivono lontano da Amalfi

Inserito da (PNo Editorial Board), mercoledì 30 novembre 2022 18:04:51

Alba del 27 novembre 2022. Come da programma, all'alba i radar cominciano a "battere" la costa giapponese.

Chiudo per il momento gli occhi; vado indietro nel tempo: nella marina velica del XVII secolo. Provo a Immaginare l'emozione, la gioia ed il sollievo che avevano il Comandante e l'equipaggio di una Nave a Vela, quando dalla "Coffa" (una sorta di cesta, posta su una piccola piattaforma, montata sugli alberi delle navi a vela, in prossimità del punto più alto) dell'Albero di Trinchetto si levava potente il Grido della vedetta: "Terra", ripetuto più volte.

La navigazione a quei tempi era incerta, si basava sulla stima* e si effettuavano calcoli approssimativi o quantomeno non precisi; i naviganti di allora erano attenti agli indizi che forniva Madre Natura: avvistamento di uccelli, alghe sul mare, nuvole, persino gli odori portati dal vento risultavano determinanti per individuare la terraferma, o un'isola.

*La Navigazione stimata si effettua quando non si ha la possibilità di verificare la posizione con il classico "punto nave" e quindi con rotte e velocità non propriamente attendibili.

La stessa velocità "In Nodi" non era precisa. Lo strumento che si usava, e si usa, per determinare la velocità, si chiama "Solcometro". Nella Marina Velica, il Solcometro era costituito da una cima con una tavoletta triangolare in legno all'estremità (barchetta). La tavoletta serviva a mantenere la posizione di entrata in acqua della sagola, una sorta di ancora galleggiante. La Sagola veniva "marcata" con dei nodi a intervalli regolari di 15,43 metri, un centoventesimo di miglio marino (1851,75 metri).

Quando tutto era pronto, si capovolgeva una clessidra dalla durata di 30 secondi, ossia un centoventesimo di ora, quindi si contavano i NODI della sagola che scorrevano in trenta secondi, stabilendone la velocità. Ancora oggi la velocità delle navi si misura in "NODI", ma con Solcometri elettronici o per mezzo di GPS (Global Position System).

A differenza di tanti anni fa, con la moderna strumentazione elettronica, possiamo seguire i movimenti ed i dati della nave in navigazione in tempo reale come distanza percorsa dal punto di partenza, distanza dal punto di arrivo, ora di arrivo calcolata al minuto, velocità effettiva, direzione e velocità delle correnti marine, velocità e direzione del vento, angolo di rollio in gradi, velocità del rollio in secondi, e ancora i dati del motore, come potenza impiegata, consumo del carburante, numero dei giri, sforzo dell'asse portaelica, potenza elettrica erogata dai generatori, e tanto, tanto altro.

Mi sono dilungato, ritorno al presente. Complice una mattinata meteorologicamente splendida e dalla visibilità eccezionale, notiamo poco a sinistra della nostra prua la sommità innevata del Vulcano Fuji, con i suoi 3800 metri di altezza, ad una distanza lineare di circa 150 Chilometri, verificata sulla carta nautica. Verso le ore tredici entriamo nella grande baia di Tokyo, ove è situato il porto di Yokohama. Come d'incanto, il mare si calma ed il rollio finisce di tormentarci dopo trenta giorni di incessanti movimenti, dovuti agli effetti delle onde lunghe e montagnose dell'Oceano Pacifico. Nel corso della navigazione, da Long Beach (28 Ottobre) fino a Yokohama (27 Novembre), abbiamo percorso 6029 miglia nautiche (11154 Chilometri), cambiato otto ore indietro di fuso orario, spostato la data di un giorno avanti al passaggio dell'antimeridiano di Greenwich, e ricevuto il solito avviso di pericolo per il lancio di un missile Nord coreano nel Mare del Giappone e di uno Statunitense in prossimità delle Isole Hawaii (per quest'ultimo ci siamo dovuti fermare per alcune ore "per sicurezza"). Tutti abbiamo subito un enorme stress derivante da tutte queste situazioni, a dir poco anormali, che ci siamo trovati a vivere.

Nonostante tutto, durante la navigazione ci siamo preparati a ben figurare in occasione della prima visita della Nave in un porto Giapponese. Allo stesso modo di una ragazza che si prepara per il suo primo appuntamento con un ragazzo. Ed al grido di "Pennello e pittura, carriera sicura", abbiamo pitturato e curato il restyling di gran parte della nave, abbiamo effettuato una pulizia accurata del Ponte di Comando e di saloni, mense, cucina, corridoi interni e Uffici vari.

Prima dell'arrivo in un porto, come consueto bisogna controllare la funzionalità di tutte le luci e proiettori in coperta, verificare il funzionamento dei verricelli salpa ancore e dei cavi di ormeggio, controllare che non vi siano residui oleosi sui ponti, controllare il funzionamento delle scale di accesso e della biscaglina per l'imbarco del Pilota del porto. Peccato che la sosta sia stata brevissima e ricca di ispezioni, che sinceramente non mi aspettavo, considerato che alle ore cinque del mattino, dopo appena 10 ore dall'arrivo saremmo ripartiti. Le Autorità locali hanno controllato passaporti e documenti vari, ispezionato le cabine equipaggio, cucina e saloni della nave. Fino alle ore 22. Poi ci hanno ringraziato e sono andati a casa. Mentre la Dogana conduceva l'ispezione, pensavo agli Albatros che ci hanno accompagnato per buona parte del viaggio: i volatili non hanno bisogno di passaporto o di essere identificati ad una frontiera. Il loro mondo è senza barriere, senza confini, senza nazionalità. "L'unica vera legge è quella che conduce alla libertà" (da Il Gabbiano Jonathan Livingstone - Richard Bach). Mi verrebbe da dire "Beati loro".

Oggi, 30 novembre, sulla nostra dritta vi è l'isola di Kyushu, l'ultima grande Isola Giapponese, dalla quale ci allontaniamo, siamo in rotta per il porto di Xiamen (Cina): occorrono ancora 1100 miglia marine per l'arrivo. Questo giorno, per me e per tutti gli amalfitani, è un giorno speciale. Amalfi si festeggia il suo Santo Patrono, Sant'Andrea Apostolo. È un giorno particolare soprattutto per tutti gli amalfitani che, come me, vivono lontano da Amalfi. Nelle nostre menti affiorano i ricordi delle tante esperienze fatte in gioventù con amici e familiari, di essi molti non ci sono più: la nostalgia è tanta.

Il mare è in burrasca, non è una novità da queste parti. Ma oggi la mia preghiera non può non essere rivolta al nostro Amato Santo, con le parole del suo Inno: "Vieni e siedi sulla prora dei navigli amalfitani / e dai lidi assai lontani giunga salvo ogni nocchier / Calma il mare procelloso, fuga i morbi, il nembo e il tuono / del tuo nome al dolce suono nostro insigne protettor".

La navigazione continua...

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 104351103

Racconti d'aMare

“Man Overboard”, perdere un compagno in mare: la tragica esperienza del Capitano Barra

Di Salvatore Barra* Lunedì 5 dicembre sembrava una giornata tranquilla: eravamo in navigazione da Yokohama a Xiamen (Cina): orario previsto di arrivo (ETA) a Xiamen alle ore tredici locali. Verso le nove del mattino, però, il grido disperato di un marinaio ci raggiunse sul ponte di comando, per mezzo...

La storia e l'importanza della Bandiere della Marina raccontate dal capitano Salvatore Barra

*Di Salvatore Barra Lo scorso 16 aprile ho letto sul Vescovado l'articolo/testimonianza "All'Accademia Navale di Livorno con la Bandiera della Marina Mercantile", a firma del Professore Sigismondo Nastri, decano dei giornalisti locali, fonte inesauribile e memoria storica della Costa d'Amalfi. Era da...

La navigazione prima e dopo i social nel racconto del capitano Barra: «Anni fa leggevo “La Voce del Pastore” per avere notizie su Amalfi»

*Di Salvatore Barra Oceano Pacifico. Navighiamo all'alba verso Ponente, destinazione Yokohama, Giappone. E' il sedicesimo giorno di navigazione e ne mancano ancora dodici all'arrivo. Alla nostra sinistra, 350 miglia a Sud, l'arcipelago delle Isole Hawaii, otto Isole principali in tutto. Da quando siamo...

Le donne “dei” naviganti, donne da aMare

*Di Salvatore Barra Non potrò mai dimenticare lo sguardo di mia madre quando, con la valigia in mano, partii per la prima volta per un imbarco in Marina Mercantile. Correva l'anno 1981, destinazione Mogadiscio, con volo Alitalia da Roma Fiumicino. Mia madre non proferì parola, ma in quello sguardo leggevo...

“Sette squilli brevi di sirena, poi uno lungo”: ecco come si esercitano per le emergenze i marinai di una grande nave portacontainer

*Di Salvatore Barra Sette squilli brevi di sirena, seguiti da uno lungo, risuonano nel pomeriggio, mentre la nave è in navigazione per Los Angeles. È il segnale di Emergenza Generale. Tutti gli uomini, udito il segnale, lasciano immediatamente le attività lavorative o di riposo e si precipitano verso...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.