Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 31 minuti fa S. Rufo martire

Date rapide

Oggi: 28 novembre

Ieri: 27 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaSalDeRisoShop è il portale della Sal De Riso Costa d'Amalfi dove è possibile acquistare i dolci delle feste e tutta la produzione del Maestro Pasticciere più amato d'Italia https://pasticceriapansa.it/catalogo.asp?cat=22Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiI dolci delle feste firmati dalla storica pasticceria Gambardella, oggi anche on line all'indirizzo www.gambardella.itGranato Caffè, l'assistenza migliore che c'è su macchine da caffè a cialda o a braccioCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: Racconti d'aMareLe donne “dei” naviganti, donne da aMare

Sal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti i nostri lettori buone feste e ricorda che i dolci di Natale possono essere acquistati sul portale e-commerce www.salderisoshop.comGranato Caffè, leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule, lancia un'offerta fino al 31 dicembre 2022Cardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoMaurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaLa storica pasticceria Pansa vi augura Buone Feste ricordando che è possibile acquistare tutta la produzione artigianale dallo shop on line www.pasticceriapansa.itHotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaAmalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Racconti d'aMare

Amalfi, Furore, costiera amalfitana, Racconti d'Amare, donne, naviganti

Le donne “dei” naviganti, donne da aMare

Mi trovo in Navigazione nell’Oceano Pacifico, a Nord Est delle Isole Hawaii, con destinazione Yokohama, Giappone. Al calare della notte, mi piace osservare le stelle, che sono le stesse anche in Italia: ne fisso una e penso a mia figlia: "Auguri di Buon Compleanno da papà, cara Vivienne"

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 5 novembre 2022 15:02:39

*Di Salvatore Barra

Non potrò mai dimenticare lo sguardo di mia madre quando, con la valigia in mano, partii per la prima volta per un imbarco in Marina Mercantile. Correva l'anno 1981, destinazione Mogadiscio, con volo Alitalia da Roma Fiumicino.

Mia madre non proferì parola, ma in quello sguardo leggevo tristezza, orgoglio, soddisfazione, inquietudine... Il suo viso si solcò di lacrime, grosse e lucenti come perle. Proseguii, senza avere il coraggio di voltarmi, ma con il dolore nel cuore. La stessa cosa mi accade oggi con mia moglie e mia figlia: situazioni ed esperienze analoghe le vivono quotidianamente migliaia di marittimi, al momento di lasciare la famiglia.

Desidero porre all'attenzione dei lettori una categoria di donne particolari, discrete, poco conosciute, instancabili lavoratrici, dal carattere forte e deciso. Eccezionali. Esse sono le donne dei marittimi: chiedo scusa in anticipo per aver utilizzato la preposizione articolata "dei", ma non riesco a trovare altra forma: Madri, Mogli e Figlie ricoprono un ruolo fondamentale e decisivo nella struttura familiare. La moglie in particolare, che, suo malgrado, in assenza del marito navigante si trova a gestire la famiglia da sola, con tutte le responsabilità del caso, le ansie e le preoccupazioni, portando avanti i figli con la sensibile dolcezza della mamma, ma, quando occorre, anche con l'autorità che può avere un papà. La moglie di un navigante cura gli interessi economici, segue eventuali lavori di manutenzione per la casa, insomma, svolge tutti i ruoli possibili, comunemente condivisi da entrambi i coniugi. Indubbiamente affronta realtà più grandi di loro, ma non lo fanno pesare, anzi ostentano calma e trasmettono serenità. A volte mistificando la realtà.

Gerardine, mia moglie, di origine Malgascia, aveva appena 22 anni quando mi raggiunse in Italia, a Furore dove abbiamo vissuto i primi 13 anni di matrimonio accolti splendidamente dalla locale comunità e dalla mia famiglia (di Amalfi). Parlava pochissimo l'italiano e conosceva quasi niente dell'Italia e delle sue tradizioni. Arrivò in Italia animata da buona volontà, decisa a vivere ed a formare una famiglia con me. Una sfida che dovevamo affrontare e superare a tutti i costi. A Furore il vicinato ci accolse con amore e ci fece sentire, fin da subito, come in una famiglia. I vicini, coadiuvati dai miei genitori, dalla mia famiglia e dagli amici di sempre, si prodigarono al massimo e così, in pochissimo tempo, mia moglie si integrò nelle realtà locali di Furore ed Amalfi, imparò a muoversi autonomamente e, soprattutto, fu subito benvoluta da tutti.

Arrivò il momento della partenza. Per lei non fu facile rimanere da sola, straniera, con un figlio di 10 mesi, nato nel frattempo, con tante incognite e preoccupazioni per il futuro. Gerardine dovette soffrire tanto. Una situazione del genere avrebbe messo in crisi qualsiasi persona. Affrontò disagi, fece tanti sacrifici, ma alla fine se la cavò molto bene. Ritornai dopo dieci mesi. A quei tempi non esistevano gli smartphone e le comunicazioni non erano facili come adesso. Riunire nuovamente la famiglia fu una festa di gioia incontenibile, difficile da descrivere. Solo che occorsero tre giorni per (ri)conquistare la fiducia di mio figlio, ormai di venti mesi di età, che, a causa della prolungata assenza, non mi accettava come papà e quindi, quando mi vedeva, scappava o piangeva. Da allora, anno 1995, mediamente rimanevo lontano otto mesi l'anno. Una vita, una bella storia ma con tantissimi sacrifici, fatti soprattutto da mia moglie.

A queste donne, spesso ignorate o non sufficientemente valutate, secondo me andrebbe fatto un monumento.

Un noto psichiatra, originario di Torre del Greco, città di marittimi, conosciuto e stimato anche in Costiera Amalfitana, attento alle problematiche inerenti le condizioni in cui si trovavano a vivere le mogli dei marittimi del posto, "orfane" dei propri mariti, studiò approfonditamente il fenomeno, sotto tutti gli aspetti e le criticità psicologiche. Quindi, pubblicò una tesi di laurea dal titolo emblematico, "Vedove Bianche", riferendosi allo status delle mogli, in assenza dei mariti imbarcati, di fatto "vedove" temporanee. Da considerare che, a quei tempi, i contratti di imbarco duravano fino a 24 mesi.

Un Nostromo di Maiori, tale Vincenzo Zichinolfi, mi confidò che conobbe la sua primogenita la prima volta quando aveva già due anni e mezzo, avendo lasciato la moglie incinta prima di imbarcarsi.

Chi non è madre o moglie di un navigante difficilmente potrebbe capire. Le madri, in particolare, fanno di tutto per assicurarsi la protezione del loro congiunto. Ricordo mia madre, quando stavo per imbarcarmi per la prima volta: le telefonai per salutarla dall'Aeroporto di Roma Fiumicino, da una cabina telefonica, prima di partire per Mogadiscio. Mi disse: "Sei solo?" - risposi: "No, sto con il Cuoco" (tale Filippo Sardella di Monopoli) - "Me lo puoi passare?", rispose mia madre. Quando cedetti la cornetta del telefono al cuoco, mia madre gli chiese di proteggermi ("Stai accort o' figlio mio!"); al momento me ne risentii, poi capii che mia madre aveva paura e desiderava proteggermi con ogni mezzo, spinta dall'istinto materno e dal suo "cuore di mamma". Il nostro affetto non è mai venuto meno, nonostante le mie continue e prolungate assenze. Abbiamo vissuto momenti di grande gioia ad ogni mio ritorno a casa e momenti di tristezza in prossimità di ogni partenza, in particolare durante la preparazione delle valigie, un rituale che a volte si svolgeva senza proferire parola, a causa della tensione che ci assaliva prima di ogni partenza, che ben si leggeva sui nostri volti. Momenti che hanno consolidato ulteriormente e indelebilmente la nostra unione.

Mia madre attualmente vive in una casa di riposo, non è più lucida come un tempo, ma quando riceve visite chiede sempre di me. C'è chi dice: "Tanto ormai siete abituati alla lontananza", niente di più falso, a meno che non vi sia insensibilità.

Nel campo marittimo, le donne sono tenute in grandissima considerazione, basti pensare ai nomi che si danno alle navi. Le navi flotta MSC da carico, a parte qualche rara eccezione, hanno tutte nomi femminili. Negli ambienti marittimi la devozione alla Madonna è grande: Madonna di Porto Salvo, Santa Maria a Mare, Stella Maris...

Mi trovo in Navigazione nell'Oceano Pacifico, a Nord Est delle Isole Hawaii, con destinazione Yokohama, Giappone. Siamo un puntino, circondati dal mare, il cui moto ondoso sembra non finire, provocando un incessante rollio che non ci dà pace. Ho scritto di mia madre e di mia moglie, ma lo spunto di questa breve riflessione, che condivido con piacere con i lettori de "Il Vescovado", l'ho avuto pensando a mia figlia Vivienne, la quale lunedì 7 novembre festeggerà i suoi primi 20 anni: io sarò ancora una volta assente, così come in tanti altri momenti importanti della sua vita. Spesso queste situazioni determinano in me sensi di colpa, con lei e con i suoi fratelli, mi chiedo se sono stato un buon papà. Poi penso che se avessi fatto un lavoro diverso non avrei incontrato Gerardine e loro, probabilmente, non sarebbero mai nati. Meglio così!

I momenti più belli li viviamo quando siamo tutti in famiglia, ma anche quando siamo lontani, o lontanissimi come in questo caso, abbiamo sempre la sensazione che un invisibile filo di amore ci unisce e ci fa stare bene.

Al calare della notte, mi piace osservare le stelle, costellazioni e pianeti, puntini colorati e brillanti che riempiono l'infinita oscurità della volta celeste. Le stesse stelle saranno visibili anche nella notte italiana, a migliaia di chilometri lontananza. Ne fisso una, la rinomino con il nome di una persona a me cara. In questo caso la stella prescelta è per mia figlia, penso: Auguri di Buon Compleanno da papà, cara Vivienne.

Questo testo lo dedico a tutte le Madri, Mogli e Figlie del personale Navigante, imbarcato su Navi Militari e Mercantili.

*Capitano Superiore di Lungo Corso

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103035103

Racconti d'aMare

La storia e l'importanza della Bandiere della Marina raccontate dal capitano Salvatore Barra

*Di Salvatore Barra Lo scorso 16 aprile ho letto sul Vescovado l'articolo/testimonianza "All'Accademia Navale di Livorno con la Bandiera della Marina Mercantile", a firma del Professore Sigismondo Nastri, decano dei giornalisti locali, fonte inesauribile e memoria storica della Costa d'Amalfi. Era da...

La navigazione prima e dopo i social nel racconto del capitano Barra: «Anni fa leggevo “La Voce del Pastore” per avere notizie su Amalfi»

*Di Salvatore Barra Oceano Pacifico. Navighiamo all'alba verso Ponente, destinazione Yokohama, Giappone. E' il sedicesimo giorno di navigazione e ne mancano ancora dodici all'arrivo. Alla nostra sinistra, 350 miglia a Sud, l'arcipelago delle Isole Hawaii, otto Isole principali in tutto. Da quando siamo...

“Sette squilli brevi di sirena, poi uno lungo”: ecco come si esercitano per le emergenze i marinai di una grande nave portacontainer

*Di Salvatore Barra Sette squilli brevi di sirena, seguiti da uno lungo, risuonano nel pomeriggio, mentre la nave è in navigazione per Los Angeles. È il segnale di Emergenza Generale. Tutti gli uomini, udito il segnale, lasciano immediatamente le attività lavorative o di riposo e si precipitano verso...

Shanghai-Los Angeles: la traversata dell’Oceano Pacifico tra mare aperto e cambio di 9 fusi orari

Di Salvatore Barra* "I tovaglioli di carta sono finiti". "Come, finiti?", rispondo. Il mio interlocutore mi fa spallucce ed io: "Domani arriveremo a Shanghai, vediamo cosa posso fare". Non c'era tempo da perdere, bisognava agire: l'agente, ossia l'uomo di riferimento che abbiamo in ogni porto, dopo averlo...

Navigare nello Stretto di Taiwan, area di grandi tensioni internazionali

Di Salvatore Barra* Ieri mattina, all'alba, siamo partiti dal Porto Cinese di Xiamen. Porto di destinazione: Shanghai. Shanghai è una megalopoli sul Delta del grande Fiume Azzurro - Chang Jiang, lungo 6380 chilometri, che dalle Montagne del Tibet arriva fino al Mare Cinese Orientale. Con i suoi circa...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.