Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Lettere alla redazione«Il mio calvario all'Ospedale di Salerno»: una testimonianza diretta di malasanità

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Lettere alla redazione

Lettera, Denuncia, Malasanità, Salerno, Ospedale, Lettera

«Il mio calvario all'Ospedale di Salerno»: una testimonianza diretta di malasanità

Dalla frattura al piede a complicazioni inattese: il racconto di Teresa Avallone tra disavventure e speranza

Inserito da (Admin), mercoledì 26 giugno 2024 17:37:05

In una lettera inviata alla nostra redazione, nonchè alla direzione sanitaria e a quella amministrativa dell'ASL Salerno, la signora Teresa Avallone racconta la sua drammatica esperienza presso l'Ospedale di Salerno "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona". Dopo un incidente domestico che ha causato una frattura trimalleolare al piede, il percorso della signora Avallone è stato segnato da complicazioni mediche, infezioni e disattenzioni da parte del personale sanitario. Nonostante l'umanità e la competenza di alcuni operatori, il suo racconto evidenzia gravi carenze nel sistema ospedaliero. Di seguito, la sua storia completa.

 

«Egregi Signori,

Perdonatemi se Vi sottraggo del tempo prezioso, ma ritagliatene un pochino per leggere quanto accadutomi presso l'Ospedale di Salerno San Giovanni di Dio e Ruggì d'Aragona. Il giorno 2 dicembre 2023, caddi nel bagno di casa e, essendomi fratturata il malleolo del piede destro, fui portata con l'ambulanza presso il Pronto Soccorso del nosocomio sopra indicato. Si trattava di una frattura trimalleolare scomposta chiusa.

Mi fu applicato un gambaletto di gesso da tenere fino al ricovero per l'intervento. Il gesso fu applicato stretto e, di conseguenza, mi furono provocate due enormi flittene ad entrambi i lati del piede. Le flittene sono delle bolle piene di acqua, come quelle causate dalle scarpe strette. L'intervento non poté essere eseguito perché dovevano guarire le flittene, altrimenti si sarebbe potuta sviluppare un'infezione.

Mi furono applicati dei ferri che fuoriuscivano dal piede, simili a delle piccole antenne per la televisione. Dopo un mese con quello strazio al piede, sempre in precario equilibrio sull'unica gamba sana, ai primi di gennaio vengo nuovamente ricoverata per fare l'intervento "riparatore", ma questa volta contraggo lo stafilococco aureo alla ferita, per cui questa ultima, invece di guarire, stava andando in necrosi.

Solo grazie al Dottore Maurizio de Cicco, che mi vide alla prima visita di controllo presso l'ambulatorio di ortopedia all'ospedale, ho evitato esiti nefasti. Egli mi pulì la ferita, mi fece fare il tampone, tramite il quale ebbe la conferma che il batterio era lo stafilococco aureo, mi furono prescritti due tipi di antibiotici mirati, ma soprattutto mi consigliò di fare delle sedute di camera iperbarica per aiutare la ferita a guarire e ricostruire del tessuto che, insieme alla pelle mancante, avevano fatto un vero e proprio cratere sul piede.

Il reparto di vulnologia, oltre alla camera iperbarica, mi ha fatto anche delle medicazioni di tipo avanzato. È la sola cosa nuova che abbia trovato al Ruggi d'Aragona; medici ed infermieri preparati, gentilissimi ma soprattutto di una umanità unica: degli angeli. A parte questa unica nota positiva, le mie disavventure però non sono finite qui.

Nel mettere insieme le ossa del piede fratturato, mi hanno messo la tibia non allineata col perone, ragione per cui all'interno del mio piede c'è una grossa sporgenza che fa apparire il piede storto mentre in effetti è la tibia che sporge; ogni volta che mi facevano le radiografie i tecnici radiologi asserivano che la frattura si stava consolidando bene mentre invece ho un piede storpio, una ferita che è un obbrobrio ma soprattutto nel camminare ho dolore al piede e alla gamba.

Le due degenze che ho fatto sono state anch'esse un incubo: gli infermieri del reparto ortotraumatologia sono del tutto insensibili ad ogni tipo di sofferenza, chiami e vengono con molto comodo, inoltre nel reparto venivano ricoverate delle signore molto anziane, per rottura del femore la maggior parte di esse, che strillavano tutta la notte ininterrottamente nella più assoluta indifferenza degli infermieri. Di questi solo uno devo ringraziare e si chiama Roberto, ma non ne conosco il cognome. Mi lamentavo dopo il secondo intervento a causa del gesso che mi avevano messo di nuovo in quanto anche stavolta lo sentivo stretto e solo Roberto, quando cominciò il suo turno, mi dette retta e mi allargò il gesso, convenendo che mi era stato messo "un poco stretto". Un infermiere era di fronte alle mie lagnanze per il gesso che proprio non riuscivo a sopportare, disse che dovevo andare alla neurologia.

Voglio esprimere un giudizio anche sul cibo. Ultima cosa per chi si trova in ospedale ma assolutamente immangiabile; mi ricordo di un hamburger che sembrava un pezzo di carbone, duro, asciutto, rinsecchito, ma anche le altre "pietanze" non erano da meno. E anche l'acqua ci veniva data con oculatezza: solo due bottigliette da mezzo litro al giorno.

Porgo i miei ossequi augurandovi buona una salute».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 106028104

Lettere alla redazione

La Festa di Santa Maria a Mare: tradizione e speranza per Maiori

di Gianluca Apicella - Presidente del Comitato Festeggiamenti Civili Santa Maria a Mare. Carissimi maioresi, ci apprestiamo a vivere anche quest'anno la festa patronale in onore di Santa Maria a Mare. Purtroppo la secolarizzazione in atto, abiura questi riti definendoli ‘cose superate', dimenticando...

Pronto Soccorso di Castiglione: «Un esempio di sanità di qualità in un momento di emergenza». La testimonianza di una nostra lettrice

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza firmata di una residente della Costiera Amalfitana, che ci racconta la sua recente esperienza con il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero di Castiglione, mettendo in luce non solo l'efficienza e la competenza del personale medico e infermieristico, ma anche...

«Maiori infestata dai piccioni, uno ha defecato sul volto di mia figlia»: lo sdegno di una lettrice /VIDEO

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una lettrice, che denuncia una situazione incresciosa che le è capitata in via Casale de Cicerali, a Maiori: un piccione ha defecato in faccia alla sua piccola bambina. La donna chiede che chi di dovere faccia qualcosa, perché i piccioni sono veicolo di diversi...

«In Costiera Amalfitana servirebbe un’area riservata ai cani»: l’idea di una lettrice stanca delle lamentele di chi non ama i pelosetti

Riceviamo e pubblichiamo la lettera giunta in redazione da una lettrice di Minori, Andrea Liotti, che vuole essere uno spunto di riflessione per una felice convivenza uomo-animale. "MA PROPRIO QUA ADDÀ PISCIÀ?". "SÌ", perché i nostri amici a quattro zampe non hanno la capacità di capire dove sia appropriato...

Benedetto Amato risponde alle accuse di Salvatore Della Pace: «La verità sull'operato dell'ENPA Costa d'Amalfi»

Benedetto Amato, presidente della sezione ENPA Costa d'Amalfi, ha risposto con una dichiarazione alle critiche ricevute dal consigliere di opposizione Salvatore Della Pace durante il Consiglio Comunale di Maiori dello scorso giovedì 30 maggio. Amato ha difeso il lavoro svolto dall'ENPA dal 2012, sottolineando...