Ultimo aggiornamento 20 minuti fa S. Enrico imperatore 'Il pio'

Date rapide

Oggi: 13 luglio

Ieri: 12 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: ChiesaUn presepe con due Madonne, la provocazione di Don Vitaliano della Sala

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Chiesa

Avellino, Mercogliano, Chiesa, Presbiteri, No global

Un presepe con due Madonne, la provocazione di Don Vitaliano della Sala

Sensibilità e inclusione: il messaggio di don Vitaliano della Sala per il Natale 2023

Inserito da (Admin), domenica 24 dicembre 2023 11:09:13

Con l'avvicinarsi del Santo Natale, don Vitaliano della Sala ha condiviso un messaggio potente e inclusivo, sottolineando l'importanza dell'accettazione e dell'amore in tutte le sue forme. La sua riflessione, radicata nei principi evangelici, si pone in netto contrasto con le critiche e le condanne che alcune parti della Chiesa cattolica rivolgono verso le "famiglie arcobaleno".

Don Vitaliano cita Rabindranath Tagore, evidenziando come il disprezzo verso queste famiglie contribuisca alla "notte del nostro tempo". In un gesto simbolico, il presepe di quest'anno include due madri, riflettendo la luce del Natale su queste famiglie spesso soggette a giudizi severi.

Il parroco riconosce che il Natale è un tempo per ricordare l'intenzione di Dio di partire dai margini, dai confini sociali e geografici, dove diverse culture e religioni si incontrano. Prendendo spunto dal viaggio della Sacra Famiglia, che si ritira in Galilea dopo la fuga in Egitto, Don Vitaliano metaforicamente confronta la Galilea con un luogo di inclusione, dove le differenze razziali e culturali si fondono.

Nel suo messaggio, Don Vitaliano critica la pratica dell'esclusione, sia nella società civile che all'interno della Chiesa stessa. Egli sostiene che l'esclusione va contro il messaggio di Gesù Cristo, che ha sempre cercato di includere e di accogliere chi era emarginato.

La visione del parroco si estende alla necessità di una Chiesa inclusiva, una "Chiesa degli esclusi e non dell'esclusione", come citato da mons. J. Gaillot. Questa Chiesa dovrebbe essere accogliente e tollerante, rappresentando un rifugio per tutti. Il messaggio di liberazione di Gesù, secondo Don Vitaliano, inizia proprio dalla Galilea, simbolo di esclusione sociale e religiosa, e si contrappone all'idolatria del potere centralizzato.

Il suo messaggio natalizio è un invito a unirsi al Regno di Dio, un regno di inclusione e amore, dove le frontiere si incrociano e la diversità è celebrata. "Benvenuti in Galilea", conclude il parroco, augurando un Buon Natale a tutti, in uno spirito di accoglienza e comprensione.

 

Ecco il suo post integrale:

"NATALE 2023
Una famiglia?
Tanti modi di essere famiglia: "nulla è impossibile a Dio"!"Qualcuno rovesciò il calamaio sulla tela; ora si vanta: ho dipinto la notte!" scriveva Tagore. Il disprezzo, anche da parte di settori della Chiesa cattolica contro le "famiglie arcobaleno" e la loro condanna a prescindere, senza una discussione e un confronto serio e onesto, è la pennellata di tenebra che contribuisce a dipingere la notte del nostro tempo. Perciò ci sono due mamme nel presepe: la luce del Natale quest'anno la vedo risplendere anche su queste famiglie colpite da critiche e condanne disumane e antievangeliche.Ogni anno Natale ci ricorda che è intenzione di Dio ripartire dai margini, dai confini non solo geografici, dove persone, lingue, religioni e culture si confondono in una nuova e colorata babele. Dopo Betlemme e ritornati dall'Egitto, dove erano fuggiti per salvarsi dal sanguinario Erode, Giuseppe con la sua famiglia "si ritirò in Galilea" (Matteo 2, 22). La Galilea quasi non è considerata Israele, ma non è ancora un paese straniero: è un territorio dove le razze si mescolano e la contaminazione tra cultura e religione si fa realtà; è il luogo non del bianco, né del nero, ma delle sfumature, dove la purezza del Popolo di Dio si diluisce nella diversità dei popoli pagani circostanti. Da ogni pio israelita la Galilea è ritenuta terra di eretici. La Galilea è la terra degli esclusi.L'esclusione ha tracciato lungo la storia una scia rossa di sangue e di dolore. Anche oggi intorno all'esclusione si gioca moltissimo della sopravvivenza dignitosa di miliardi di esseri umani. Con il primato dell'economia abbiamo costruito un tipo di società che per sopravvivere ha bisogno di escludere, di respingere ai margini o in mare. Ma l'esclusione non è praticata solo nell'ambito della società civile, anche la Chiesa non di rado pratica l'esclusione, relegando ai margini autentici testimoni di Gesù Cristo che urtano il potere, che battono vie nuove, quelle strade su cui subito prendono a camminare gli ultimi, i poveri di Dio, e sulle quali invece inciampano, scandalizzati, i benpensanti. Invece proprio la logica dell'inclusività è l'avvenire della Chiesa: una Chiesa che non emargina, non usa la pesante scure del giudizio contro nessuno, una «Chiesa degli esclusi e non dell'esclusione» (mons. J. Gaillot), capace di accogliere, di portare tutti in seno.La liberazione operata da Gesù inizia proprio dalla Galilea, metafora di ogni esclusione sociale e religiosa. Al "centro", idolatrato come simbolo di ogni potere, Dio preferisce la periferia, simbolo di ogni emarginazione. Gesù alle situazioni e ai luoghi ben definiti, prediligerà l'indefinitezza dei confini; alla staticità del tempio contrapporrà la dinamicità della riva del lago di Galilea.Agli uomini che cercano sempre di descriverlo come l'onnipotente, Dio racconta la sua storia di salvezza per dimostrarci il contrario: lui predilige il piccolo, l'insignificante, il debole. Allora, per comprenderlo non servono vuoti e indiscutibili dogmi, né presuntuose e ingessate teologie, ma l'impalpabilità, l'irrequietezza e l'imprevedibilità dell'amore.La Galilea "è una terra e un popolo aperto alle nazioni dei dintorni. Le frontiere si incrociano dando luogo all'inclusione del diverso in molteplici miscugli" (Omelia di mons. Romero, 4 marzo 1979).Questo è il Regno che Dio sogna per noi, che vuole regalarci, che in Gesù si è fatto vicino, a portata di mano. Questo è il Regno che Gesù è venuto ad inaugurare, dal quale nessuno è escluso e dove ciascuno ha diritto di cittadinanza. Un Regno che non coincide per nulla con quelli terreni, che anzi capovolge la nostra concezione del potere. Un Regno senza confini certi e precostituiti dove la croce si trasforma in resurrezione, la morte ridiventa vita; dove i poveri sono beati. Regno dove il primo è l'ultimo, dove il padrone serve, dove l'Onnipotente si fa Onnidebole. Buon Natale e... benvenuti in Galilea!"

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103038107

Chiesa

Patti e Minori unite nel nome di Santa Febronia, Trofimena /FOTO

Le celebrazioni per Santa Trofimena, patrona di Minori, vedono anche quest'anno la partecipazione di una delegazione della città siciliana di Patti, rinnovando un gemellaggio che affonda le sue radici nella devozione comune per Santa Febronia, Trofimena. La delegazione, riconoscibile dalle magliette...

Grande commozione ad Amalfi: Don Pasquale Avitabile è stato ordinato presbitero

Grande commozione ieri sera nella Cattedrale di Sant'Andrea ad Amalfi per l'ordinazione sacerdotale di Don Pasquale Avitabile. A pregare e festeggiare insieme al giovane tantissimi fedeli della Costiera Amalfitana, che l'hanno visto crescere nella fede. L'Arcivescovo Orazio Soricelli ha celebrato il...

Maiori si prepara a celebrare Santa Maria a Mare il 15 agosto: il messaggio del parroco

Maiori si prepara a festeggiare la sua amata patrona, Santa Maria a Mare, il 15 agosto. Questa celebrazione è radicata profondamente nella cultura e nella storia di Maiori e rappresenta un momento significativo per la comunità, unendo fede e tradizione in un periodo di intensa spiritualità. La preparazione...

Scala, dal 23 al 25 agosto un ritiro spirituale con le Monache Redentoriste rivolto a giovani ragazze: come iscriversi

Dal 23 al 25 agosto, le Monache Redentoriste di Scala organizzano un ritiro spirituale rivolto a giovani ragazze di età compresa tra i 20 e i 35 anni. Questo evento rappresenta un'occasione preziosa per le partecipanti di fermarsi e riflettere, immergendosi in un'atmosfera di preghiera e contemplazione....

La festa della Madonna del Carmelo a Nocelle: nella frazione di Positano un'antica tradizione di fede e comunità

Ogni anno, il 16 luglio, la frazione di Nocelle, nel comune di Positano, festeggia Santa Maria del Carmelo, un evento che non solo celebra la devozione religiosa, ma rafforza anche i legami comunitari. Il 7 luglio con l'apertura del Novenario (ogni sera alle 18 si terrà il Rosario cantato fino al 15...