Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Lorenzo martire

Date rapide

Oggi: 10 agosto

Ieri: 9 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàRavello Festival 2022, è tutto pronto per la settantesima edizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: Storia e StorieI nostri nonni: gli ultimi testimoni di un mondo antico che non c’è più

Ravello Festival VXX edizione, è tutto pronto per l'edizione 2022 del Festival della città della musicaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

I nostri nonni: gli ultimi testimoni di un mondo antico che non c’è più

Scritto da (redazionelda), lunedì 27 settembre 2021 08:01:31

Ultimo aggiornamento lunedì 27 settembre 2021 08:04:37

diDonato Sarno

 

A tutti noi capita di avere contatti o di incontrare persone ultraottantenni, in salute più o meno buona: a seconda dei casi, può trattarsi di genitori, di parenti, di affini, di vicini, di amici e di semplici conoscenti. Non sempre però riflettiamo sul fatto che queste persone hanno un valore aggiunto, il quale le rende preziose ed uniche. Esse infatti sono le ultime persone tuttora in vita ad aver conosciuto un mondo antico, che era durato per secoli e secoli, con i suoi ritmi di vita, le sue credenze, le sue abitudini, e che ora è scomparso per sempre. In quel mondo non esistevano computers, telefoni cellulari, DVD e neppure frigoriferi e televisioni. Nei paesi della Costiera Amalfitana le abitazioni erano prive di acqua corrente, in alcune mancava pure la corrente elettrica, si cucinava non col gas, ma con la legna e coi carboni, e i panni si lavavano a mano senza detersivi, con la cenere e la liscivia.

Neanche la carta igienica era conosciuta. I bambini nascevano tutti in casa e ne nascevano tanti, perché tutte le famiglie erano numerose e i figli erano visti non come un peso o un fastidio, ma come un dono di Dio. Solo pochi bambini continuavano gli studi dopo la licenza elementare, ché anzi parecchi di loro si fermavano anche prima o non frequentavano affatto, essendo fin da piccoli avviati ai lavori manuali o alle cure domestiche; la scuola però era una cosa seria, si studiava per davvero, si rimandava e si bocciava già dalle elementari pure per lievi mancanze e gli insegnanti erano temuti e tenuti in altissima considerazione, veri punti di riferimento in ogni paese al pari del parroco, del medico, del farmacista e dei pochi altri notabili. Ai genitori - e specialmente al padre - si dovevano rispetto ed obbedienza cieca; alla minima ribellione, a casa o a scuola, seguivano castighi e punizioni anche corporali. L'educazione era severa e severa era anche la morale: le ragazze, in particolare, erano tenute sotto controllo e per preservarne l'illibatezza prima del matrimonio i fidanzati potevano incontrarsi solo per breve tempo, in presenza dei rispettivi familiari e mai da soli. D'estate pochi facevano il bagno a mare e le donne dovevano mettere il costume intero e col gonnellino per non dare scandalo. I preti erano numerosi, vestivano da preti, e altrettanto facevano i monaci e le suore. La domenica tutti andavano a messa, la messa si diceva in latino e nelle chiese si percepiva un senso di sacro e di mistero che oggi invece si stenta ad avvertire; la sera nelle case si recitava il Rosario davanti al focolare. Le automobili erano una rarità, si vedevano ancora carretti e carrozze e si camminava molto a piedi. Non si vedevano ancora le orrende costruzioni che hanno deturpato i nostri territori. Mancava l'abbondanza di oggi, i vestiti erano pochi, si passavano da un fratello all'altro e durante la guerra mancavano pure i generi alimentari di prima necessità, ma il mangiare era ancora sano e genuino. La morte aveva i suoi rituali sentiti e solenni, al primo pericolo si chiamava al capezzale dell'infermo il prete per il Viatico e l'Estrema Unzione; il simbolo della morte era il nero, nei paramenti in chiesa, nei catafalchi, nelle esequie e negli abiti che i familiari portavano, perché il lutto si osservava a lungo, anche esteriormente.

Ovviamente non mancavano ingiustizie, sfruttamenti e sofferenze, non c'erano le odierne comodità, ma in genere si credeva nei valori e non si conoscevano l'individualismo sfrenato, il vuoto di ideali, lo stress e l'insoddisfazione dei nostri giorni.

Quel mondo, così diverso dal nostro, venne definitivamente meno negli anni Sessanta del XX secolo, distrutto da una serie di cambiamenti radicali e repentini registratisi, nel giro di appena qualche decennio, in campo politico (dalla monarchia e dal fascismo alla repubblica e al Sessantotto), economico, tecnologico, ideologico e persino religioso. A tali cambiamenti i nostri anziani, crescendo, hanno assistito, chi promuovendoli o salutandoli con favore, chi osteggiandoli e disapprovandoli, chi recependoli più o meno passivamente. Quel mondo perciò sopravvive oggi solo nel ricordo dei nostri anziani, i quali in esso sono nati e si sono formati.

Amiamo quindi i nostri anziani, che da piccoli ci hanno tenuto per mano e che sono stati per noi guide e maestri di vita, e, riconoscenti per quanto hanno fatto per noi, ritagliamoci del tempo per parlare con loro e per ascoltare i loro ricordi. Non solo faremo loro gradita compagnia, ma dal conversare ne usciremo arricchiti. La storia familiare e la storia di un paese si fanno anche e soprattutto coi ricordi e ognuno di questi anziani, proprio perché vissuto a cavallo di due mondi, porta con sé ricordi preziosissimi, che nessun documento scritto può contenere, perché fatti di emozioni, di percezioni e di vissuti personali che non devono andare dispersi, ma che devono essere raccolti e opportunamente valorizzati anche a beneficio di quanti dopo di loro e dopo di noi stessi verranno.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 106151100

Storia e Storie

Nuove scoperte a Pompei, riaffiorano le stanze della Domus del Larario con arredi e oggetti

Piccoli ambienti arredati rinvenuti attorno al sontuoso larario con raffigurato un "giardino incantato", già scavato nel 2018 nel corso di interventi di manutenzione dei fronti di scavo. La vita immobile di Pompei che riaffiora alla luce: ultimi istanti di vita fotografati negli arredi sconquassati dall'eruzione...

Il Paese dei balocchi

di Antonio Schiavo Se Carlo Collodi avesse conosciuto l'emporio di Mario Conte, ci avrebbe ambientato il paese dei balocchi. I tanti Lucignolo e Pinocchio (e non solo) almeno degli ultimi sessant'anni ci hanno trovato di tutto: bastava chiedere e, come d'incanto, tutto appariva. Mi sono sempre domandato...

Gore Vidal, simbolo di un epoca che ha reso Ravello famosa nel mondo

"Ravello celebra oggi il decennale della scomparsa di Gore Vidal, intellettuale di statura internazionale, che amò profondamente questa città, ampiamente ricambiato da tutta la nostra comunità. Villa Rondinaia, bianca e maestosa, abbarbicata sulle rocce, fu meta di scrittori, artisti, musicisti, politici...

Tramonti: stasera al via il Corteo Storico, ne parla l’ideatore Domenico Taiani

Dopo due anni di silenzio, torna a Polvica, frazione di Tramonti, la rievocazione del Corteo Storico. Alla sua undicesima edizione, la manifestazione ideata e creata dal professore Domenico Taiani, segretario dell'Associazione Gete, riporta in vita i fatti accaduti nel 1460, quando la popolazione aiutò...

“Ravello Rendez-Vous”: il cortometraggio su Gore Vidal e La Rondinaia, la villa a strapiombo sul mare della Costiera Amalfitana /TRAILER

Sono passati 10 anni dalla scomparsa di Gore Vidal: era il 31 luglio del 2012 quando lo scrittore, drammaturgo, saggista e sceneggiatore si spense nella sua casa di Los Angeles, all'età di 86 anni. Com'è noto, Vidal ha trascorso molti anni della sua vita in Italia: prima a Roma, e poi, presso "La Rondinaia"...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.