Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 minuto fa S. Gabriele dell'Addolorata

Date rapide

Oggi: 27 febbraio

Ieri: 26 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeLacrime di coccodrillo (sull’Auditorium di Ravello)

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

L'Editoriale

Lacrime di coccodrillo (sull’Auditorium di Ravello)

Scritto da (Redazione), mercoledì 29 gennaio 2020 08:44:20

Ultimo aggiornamento mercoledì 29 gennaio 2020 09:16:44

di Antonio Schiavo

Potevamo stupirvi con effetti speciali.

Potevamo ricordarvi dei viaggi intercontinentali (a spese del contribuente?) per omaggiare un capo di Stato poi incarcerato per corruzione, per ringraziare un'archistar stalinista (a proposito di giornate della memoria) che ci aveva mollato un progetto che sembrava la fotocopia di altre sue realizzazioni in patria e fuori.

Potevamo rammentare a quelli che oggi considerano l'Auditorium Niemeyer un gioiello di famiglia, quali posizioni avverse avevano assunto dieci anni fa, potevamo maramaldeggiare considerando lo stato di degrado del manufatto e degli affidamenti della sua gestione per quattro soldi, dei milioni di euro impegnati per la sua realizzazione (ma è stato mai collaudato?) e altre amenità simili.

Lasciamo ad altri più esperti e sgamati di noi tali questioni compreso quella su quanta parte della skyline panoramica di via Boccaccio abbia ostruito il munifico dono .

Ci limitiamo solo a qualche ragionamento più terra terra.

Tra le motivazioni che spinsero i fautori della costruzione di un auditorium proprio lì e con quella mastodontica spesa ce n'era una che aveva una sua ragion d'essere.

Fu pronunciata la parolina magica: destagionalizzazione, buona per tutti gli usi come un rotolone Regina (un po' l'opera gli somiglia) e per tutte le campagne elettorali.

Si diceva, in altri termini, Ravello non può vivere solo di turismo estivo e festivaliero, un auditorium può servire per attrarre altre forme di presenze: quelle del turismo congressuale, ad esempio, o manifestazioni che non troverebbero giusta location nel periodo invernale, attività accademiche in collegamento con le Università campane e non solo, seminari di studi e così via.

Ineccepibile!

Le grandi località turistiche, i paesi ad alta vocazione culturale in Italia e all'estero adottano questo tipo di politica che espande in maniera regolamentata ma costante i flussi di fruitori e, conseguenzialmente, il benessere economico della popolazione locale a partire dagli operatori turistici.

Orbene (vogliamo usare anche noi questa congiunzione così apprezzata e abusata in articoli, comunicati e manifesti che sembrano scritti sotto dettatura o partoriti dalla stessa mente) quanto di tutto questo si è realizzato in un decennio?

Il nulla più assoluto!

Si sono succedute amministrazioni, Presidenti di Fondazione, Consigli, Commissari, ma non si è visto uno straccio di programmazione che superasse i canonici mesi giugno- settembre.

I pochi tentativi di dare un respiro più ampio ad una idea progettuale che collimasse con l'obiettivo iniziale si sono ridotti a miseri espedienti di organizzare manifestazioni pseudo cultural-folcloristiche (talvolta pure annullate o coincidenti con altre iniziative analoghe) , qualche conferenza estemporanea buttata lì come fumo negli occhi, esperimento completamente andato a vuoto di trasformare l'auditorium in sala cinematografica, ricovero per programmazioni natalizie altrimenti irrealizzabili.

E qui si innesta l'altro discorso, una sorta di gatto che si morde la coda.

Nonostante i tentativi di far sedere gli operatori turistici, i commercianti ravellesi intorno ad un tavolo per garantire aperture regolari e cadenzate nei periodi di bassa stagione, il risultato è stato un ennesimo buco nell'acqua.

"Il deserto dei tartari", lo chiama il nostro Direttore fotografando una situazione incontestabile dove anche qualche visitatore sparuto, attratto esclusivamente dalle bellezze naturali ed artistiche di Ravello, non ha quasi alcuna possibilità di rifocillarsi o pernottare.

D'altronde - è la giustificazione invero abbastanza strumentale degli operatori- perché tenere aperto un esercizio, un bar, un ristorante, un hotel- in assenza pressoché assoluta di avventori?

E gli avventori perché dovrebbero venire da noi se non si è capaci di pianificare quelle iniziative attrattive di cui abbiamo parlato nei periodi dell'anno meno appetibili?

Ecco: tutti, nessuno escluso, avrebbero soprasseduto sulle questioni estetiche, sulla dislocazione della balena bianca (ormai ingrigita di tristezza e disuso), una volta che l'Auditorium avesse risposto alle esigenze per cui era stato costruito a dispetto dei più.

Si sarebbero dovuto, sì, regolarizzare tutti gli aspetti urbanistici, amministrativi e gestionali rendendoli trasparenti e inoppugnabili ma il risultato poteva e doveva essere assolutamente in linea con le promesse e le aspettative.

Ma di bolle di sapone, di proclami al vento, di bizzarre ipotesi (come quella di usare la struttura o parte di essa come palestra) ne sono piene le cronache non solo sui media locali non irreggimentati.

Il primo decennale dell'Auditorium di Ravello appare ora solo come una gara insulsa e improduttiva di reciproche accuse e recriminazioni che, in fin dei conti, assomiglia tanto ad un incessante ed ipocrito piangere sul latte "milionario" versato. Che inoltre, passati dieci anni, si è completamente inacidito.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Fondazione Ravello: cronaca di un finale annunciato

di Antonio Schiavo I pifferai di montagna andarono per suonare e tornarono suonati. E' incredibile! Tutte le strategie ideate e confezionate tra i tavolini dei bar e i viottoli verso la Villa hanno prodotto un risultato esaltante: Ravello e i ravellesi praticamente estromessi dalla Fondazione che porta...

SIAMO TUTTI COLPEVOLI!

di Antonio Schiavo Qualcuno ha detto che noi non abbiamo ricevuto la nostra terra in eredità dai genitori ma solo in prestito dai nostri figli. La domanda è: "Se, tutti i prestiti vanno restituiti (e con gli interessi), cosa renderemo alle nuove generazioni se continuiamo a dilapidare il patrimonio che...

Tutelare la Costiera Amalfitana è tutelare l’Italia

di Andrea Pellegrino* Dicembre 2019, a pochi giorni dal 2020. Siamo in Costiera Amalfitana, uno dei luoghi più noti del mondo e nel pieno delle vacanze di Natale. Lo scenario è assurdo: ancora una volta uno smottamento piega il territorio dell’Unesco, spezzando in due l’unica arteria di collegamento...

Ravello sotto un diluvio

di Umberto Belpedio Il cielo e il panorama della costiera amalfitana sono avvolti in una cappa di tristezza per la scomparsa di due elette signore, entrambe appartenenti a note e apprezzate famiglie che, tra Conca dei Marini e Positano, sono il vanto dell'industria del sole, dell'accoglienza e del turismo....

Un eroe moderno

di Antonio Schiavo Non importa il colore della pelle, non importa il Paese di provenienza, non importa che qualche avvoltoio si è fiondato sul caso per le proprie speculazioni politiche, non importa che il solito buonista in servizio permanente effettivo ci abbia inondato con la consueta litania roussoiana...