Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: RubrichePersonaggiScurati e il suo amore per il borgo di Torello: «Pae­sag­gio rurale da tu­te­la­re»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Personaggi

Scurati e il suo amore per il borgo di Torello: «Pae­sag­gio rurale da tu­te­la­re»

Da quat­tro de­cen­ni il Pre­mio Stre­ga 2019 tra­scor­re l’esta­te nel­la fra­zio­ne di Ra­vel­lo «Pae­sag­gio da tu­te­la­re»

Scritto da (Redazione), mercoledì 15 luglio 2020 09:42:07

Ultimo aggiornamento mercoledì 15 luglio 2020 11:35:23

Pubblichiamo l'articolo apparso sul Corriere del Mezzogiorno di lunedì 13 luglio a firma di Michelangelo Iossa.

 

«Cre­do che To­rel­lo og­gi in­car­ni il ve­ro spi­ri­to di Ra­vel­lo. Que­sto bor­go è par­te di quel­lo che l'Une­sco ha de­fi­ni­to ‘pae­sag­gio vi­ven­te' - ri­fe­ren­do­si al­la Co­stie­ra amal­fi­ta­na - che non esi­ste in na­tu­ra ma che è, in­ve­ce, na­tu­ra per­mea­ta di cul­tu­ra. È uno spo­sa­li­zio fe­li­ce tra la na­tu­ra stes­sa e il len­to e in­tel­li­gen­te la­vo­ro dell'uo­mo». Il ro­man­zie­re An­to­nio Scu­ra­ti rac­con­ta il bor­go di To­rel­lo. Nes­sun ne­go­zio, nes­su­na at­ti­vi­tà com­mer­cia­le e un cen­ti­na­io di ani­me che vi­vo­no in una fra­zio­ne del­la più no­ta Ra­vel­lo. Un bor­go che per lo scrit­to­re - che ha con­qui­sta­to, tra gli al­tri un Pre­mio Stre­ga e un Pre­mio Cam­piel­lo - è an­co­ra un «luo­go an­ti­co, me­ra­vi­glio­so e ap­par­ta­to, pro­prio co­me mi ap­par­ve quan­do lo vi­di per la pri­ma vol­ta ne­gli an­ni ‘70».

Un bor­go che per lo scrit­to­re - che ha con­qui­sta­to, tra gli al­tri un Pre­mio Stre­ga e un Pre­mio Cam­piel­lo - è an­co­ra un «luo­go an­ti­co, me­ra­vi­glio­so e ap­par­ta­to, pro­prio co­me mi ap­par­ve quan­do lo vi­di per la pri­ma vol­ta ne­gli an­ni ‘70». Po­co più di qua­rant'an­ni fa que­sta fra­zio­ne di Ra­vel­lo en­trò nel cuo­re, nei sen­si e nel­la vi­ta di Scu­ra­ti, che de­ci­se co­sì di eleg­ger­la a suo buen re­ti­ro. «La mia fa­mi­glia ac­qui­stò una ca­sa con­ta­di­na con pic­co­li ter­raz­za­men­ti di li­mo­ni e or­ti mol­to cu­ra­ti.

Quel­la ca­sa è l'epi­cen­tro del­le no­stre esta­ti da quat­tro de­cen­ni - spie­ga lo scrit­to­re - quan­do ar­ri­vam­mo qui non era sta­ta an­co­ra co­strui­ta la ro­ta­bi­le (l'at­tua­le via del­la Re­pub­bli­ca che con­giun­ge il cen­tro di Ra­vel­lo con il bor­go di To­rel­lo, ndr) e il li­mi­te del­la stra­da era la chie­sa di San Co­sma. Rag­giun­ge­va­mo la no­stra ca­sa sol­tan­to a pie­di, af­fron­tan­do lun­ghe sca­li­na­te: ar­ri­va­re a Ra­vel­lo, nel­la sua piaz­za per po­ter in­con­tra­re i no­stri ami­ci era piut­to­sto fa­ti­co­so». «La mia fa­mi­glia ac­qui­stò una ca­sa con­ta­di­na con pic­co­li ter­raz­za­men­ti di li­mo­ni e or­ti mol­to cu­ra­ti. Quel­la ca­sa è l'epi­cen­tro del­le no­stre esta­ti da quat­tro de­cen­ni - spie­ga lo scrit­to­re - quan­do ar­ri­vam­mo qui non era sta­ta an­co­ra co­strui­ta la ro­ta­bi­le (l'at­tua­le via del­la Re­pub­bli­ca che con­giun­ge il cen­tro di Ra­vel­lo con il bor­go di To­rel­lo, ndr) e il li­mi­te del­la stra­da era la chie­sa di San Co­sma. Rag­giun­ge­va­mo la no­stra ca­sa sol­tan­to a pie­di, af­fron­co­lo tan­do lun­ghe sca­li­na­te: ar­ri­va­re a Ra­vel­lo, nel­la sua piaz­za per po­ter in­con­tra­re i no­stri ami­ci era piut­to­sto fa­ti­co­so».

Ma è for­se que­sto l'ele­men­to-chia­ve che fa di To­rel­lo il luo­go che me­glio in­ter­pre­ta lo spi­ri­to dell'area ra­vel­le­se e, per esten­sio­ne, dell'in­te­ra co­stie­ra: «Il bor­go è ai mar­gi­ni del­la frenesia tu­ri­sti­ca ma, al­lo stes­so tem­po, non è di­stan­te da Ra­vel­lo, uno dei luo­ghi più ama­ti e ce­le­bra­ti dai vi­si­ta­to­ri di tut­to il mon­do». Na­to a Na­po­li nel 1969, ma cre­sciu­to a Ve­ne­zia ne­gli an­ni del­la for­ma­zio­ne sco­la­sti­ca, Scu­ra­ti vi­ve e la­vo­ra a Mi­la­no, cit­tà che re­cen­te­men­te gli ha con­fe­ri­to l'Am­bro­gi­no d'Oro: al­cu­ni dei suoi ti­to­li - da Il So­prav­vis­su­to a Il tem­po mi­glio­re del­la no­stra vi­ta e, so­prat­tut­to, M. Il fi­glio del se­co­lo - so­no og­get­to di gran­de at­ten­zio­ne da par­te del pub­bli­co e del­la cri­ti­ca spe­cia­liz­za­ta in­ter­na­zio­na­le. È no­ti­zia de­gli ul­ti­mi gior­ni che M. L'uo­mo del­la prov­vi­den­za, se­con­do at­te­sis­si­mo ca­pi­to­lo del­la tri­lo­gia scu­ra­tia­na di cui Be­ni­to Mus­so­li­ni è pro­ta­go­ni­sta, sa­rà nel­le li­bre­rie a set­tem­bre e che la ca­sa di pro­du­zio­ne Wild­si­de ha ac­qui­si­to il di­rit­ti del pre­ce­den­te M. Il fi­glio del se­co­lo per tra­sfor­ma­re il li­bro «che rac­con­ta il fa­sci­smo co­me un ro­man­zo, dall'in­ter­no, sen­za fil­tro po­li­ti­co e ideo­lo­gi­co» in una se­rie te­le­vi­si­va de­di­ca­ta a quel­la «sto­ria del­la Sto­ria che ci ha re­si quel­lo che sia­mo og­gi». Co­me tut­ti i li­bri di An­to­nio Scu­ra­ti, an­che que­sto ul­ti­mo tas­sel­lo del­la sua car­rie­ra de­ve qual­co­sa a To­rel­lo: «Tut­ti i miei ro­man­zi - ri­ve­la Scu­ra­ti - so­no sta­ti scrit­ti, in­te­gral­men­te o par­zial­men­te, in que­sta ca­sa. Per scri­ve­re il li­bro Il bam­bi­no che so­gna­va la fi­ne del mon­do fe­ci an­co­ra di più: pre­si in af­fit­to un piccolo ap­par­ta­men­to nel cuo­re an­ti­co di To­rel­lo, po­co di­stan­te dal­la no­stra abi­ta­zio­ne.

Uno spa­zio pic­co­lo, de­sti­na­to uni­ca­men­te al­la ste­su­ra del mio ro­man­zo!» La ca­sa del­la fa­mi­glia Scu­ra­ti si tro­va a San Pie­tro al­la Co­sta, seg­men­to ra­vel­le­se che so­vra­sta il bor­go e la chie­sa di San Mi­che­le Ar­can­ge­lo a To­rel­lo, e si è pro­gres­si­va­men­te tra­sfor­ma­ta in luo­go d'ele­zio­ne per i ge­ni­to­ri Ro­sa­ria e Lui­gi e luo­go di ispi­ra­zio­ne per i due fra­tel­li del­lo scrit­to­re. Mar­co, il più gran­de dei tre Scu­ra­ti, è un im­pren­di­to­re e vi­ve a Ve­ne­zia; nel 2019 è sta­to lo­cal coor­di­na­tor di due pa­di­glio­ni del­la Bien­na­le d'Ar­te, uno dei qua­li - quel­lo del­la Li­tua­nia - ha con­qui­sta­to il Leo­ne d'Oro. Il più gio­va­ne dei tre è Lo­ren­zo, fo­to­gra­fo, vi­deo­ma­ker e re­gi­sta, og­gi fir­ma di pun­ta di mol­ti spe­cial e do­cu­men­ta­ri di Atlan­ti­de, pro­gram­ma del gior­na­li­sta An­drea Pur­ga­to­ri in on­da su La7.

Il ca­rat­te­re ru­ra­le e mo­nu­men­ta­le di To­rel­lo è al cen­tro dell'at­ten­zio­ne di An­to­nio Scu­ra­ti, un ca­rat­te­re che va tu­te­la­to: «Si in­tra­ve­do­no al­cu­ni se­gni di de­gra­do in­tor­no a que­sto bor­go. Ter­raz­za­men­ti ab­ban­do­na­ti, in­cu­ria, ster­pi e ser­pi. Vie­ne in men­te il ti­to­lo di un li­bro di Car­lo Le­vi, Il fu­tu­ro ha un cuo­re an­ti­co: l'in­con­tro tra la gran­dio­si­tà del­la Sto­ria e l'in­can­to del­la na­tu­ra rag­giun­ge in que­sto luo­go una sin­te­si per­fet­ta. Que­sta straor­di­na­rie­tà si tra­du­ce an­che in una re­spon­sa­bi­li­tà: non pos­sia­mo per­met­ter­ci di cre­de­re che esi­sta una so­la ‘ere­di­tà pas­si­va' dei luo­ghi, non sia­mo ere­di te­sta­men­ta­ri che cer­ti­fi­ca­no sol­tan­to l'esi­sten­za di un pa­tri­mo­nio. Il fu­tu­ro del bor­go di To­rel­lo ri­sie­de nel pre­ser­va­re ciò che è un va­lo­re som­mo. In un'ot­ti­ca di mo­der­ni­tà, è do­ve­ro­so tu­te­la­re il suo pae­sag­gio ru­ra­le».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Personaggi

Samuel L. Jackson ritorna in Costa d'Amalfi: per la star hollywoodiana relax in yacht al largo di Amalfi

Samuel L. Jackson è ormai un habitué della Costiera Amalfitana. L'amatissimo attore americano ha pubblicato alcune ore fa dei video sulla sua pagina Instagram che confermano la sua presenza a bordo di un lussuoso yacht nelle acque della Divina, più precisamente al largo di Amalfi. Alcuni giorni fa, Jackson...

Emily Ratajkowski torna in Costiera Amalfitana. Vacanza tra Praiano e Positano con passeggino e biberon [FOTO]

Emily Ratajkowski è tornata in Costa d'Amalfi. La supermodella e attrice statunitense, sempre legata alla "Divina", alcune ore fa ha pubblicato una foto su Instagram che la ritrae con alle spalle l'iconico abitato di Positano. Poi, in compagnia del marito, l'attore statunitense Sebastian Bear-McClard,...

Ravello, Sally Quinn alla Rondinaia ricorda Gore Vidal. E sull'America: «Paese diviso, Biden prova a ricucire» [FOTO]

Sally Quinn è una storica giornalista americana. È stata una firma del Washington Post, editorialista, commentatrice televisiva e soprattutto una insider di Washington, considerata una delle leggendarie protagoniste della vita mondana della capitale. Ha fondato il sito web "On Faith" del Washington Post,...

Lino Banfi si racconta a Minori: «Ad Amalfi ricevetti tesserino di allenatore. Il mio motto ha portato bene agli Azzurri»

«Non mi chiamare Maestro perché è sinonimo di vecchiaia. Chiamami "raghezzo"». Esordisce così, scherzosamente, ai microfoni de "Il Vescovado", l'attore Pasquale Zagaria, per tutti Lino Banfi, uno degli attori più rappresentativi della commedia all'italiana. Ospite ieri sera a Minori, alla Basilica di...

Amalfi, in piazza c'è Sting

Tutti vogliono la Costa d'Amalfi. Sono giorni in cui nel mare della Divina si registra una presenza eccezionale di panfili, sotto la striscia di costa tra Minori e Amalfi. A bordo vip in incognito, o quasi. Fino a quando non svelano la propria presenza a mezzo social o, addirittura, decidono di scendere...