Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 minuti fa S. Irene vergine

Date rapide

Oggi: 18 settembre

Ieri: 17 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieVietri sul Mare, la storia del cantiere navale dei fratelli Della Monica

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Vietri sul Mare, Costiera Amalfitana, Cava Storie, storia, cantiere

Vietri sul Mare, la storia del cantiere navale dei fratelli Della Monica

Il cantiere Della Monica di Vietri sul Mare è stato fondato nel 1901 (già tra il seicento e il settecento, il ramo vietrese dei Della Monica vantava esperienze di settore) da Gaetano e Francesco, figli di Domenico

Scritto da (redazioneip), sabato 24 ottobre 2020 11:26:23

Ultimo aggiornamento sabato 24 ottobre 2020 11:26:23

Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze di Cava de' Tirreni e dintorni, specie quelle di cui poco si parla, ha voluto raccontare la breve storia del cantiere navale dei fratelli Della Monica di Vietri sul Mare. Di seguito il racconto completo:

Il cantiere Della Monica di Vietri sul Mare è stato fondato nel 1901 (già tra il seicento e il settecento, il ramo vietrese dei Della Monica vantava esperienze di settore) da Gaetano e Francesco, figli di Domenico. A differenza di Francesco e del suo stato di celibe, il primo era padre di Olimpia, Vincenzo, Raffaella, Gaetanino, Domenico, Antonietta, Francesco. La Struttura, situata sulla spiaggia della Marina a due passi dalla riva e dall'omonimo palazzo, aveva a suo favore l'ampiezza dell'arenile, cui permetteva alle barche di prendere subito il largo. I natanti - generalmente battezzati con nomi di componenti della propria famiglia - erano dediti alla trasporto mercantile e alla pesca, ma attivi anche come compagnia di navigazione per la spedizione-importazione merci. Leggendo il "Registro Italiano per la classificazione dei bastimenti" (1902), troviamo notizie su alcune imbarcazioni di loro proprietà, come il brigantino goletta "Vincenzino D." (ex "Settimo Francesco") costruito nel 1874; venti anni dopo è la volta del brigantino goletta "Margherita" e poi il veliero "Unione" verso la chiusura del secolo ottocentesco (1899).

A partire dal 1901, i "Fratelli Della Monica" costruiscono la nave goletta "Francesco Primo"; dopo sei anni, il varo del brigantino goletta "Vincenzino" e nel ‘13 il veliero goletta "S. Matteo"(in seguito risulterà nella flotta dell'armatore Scotto d'Antuono Antonio di Monte di Procida). Tra il 1918-20 venne costruita dall'ing. A. Donnarumma di Vietri, il Veliero con motore ausiliario (nave goletta) "Margherita Madre". La cronaca del varo venne riportata sul "Il Giornale della Provincia" del 26 giugno 1920: il corrispondente descrisse l'aria festosa intorno alla nuova nave, la benedizione con discorso del parroco D. Salvatore Fusco e del professore Luigi Paolillo. "Madrina fu la Sig.na Antonetta Della Monica che, in preda a vivissima emozione infranse sulla poppa la rituale bottiglia di «Champagne» fra l'applauso prolungato degli spettatori e le note della Marcia Reale"; al "taglia", furono recisi i cavi e poi lentamente scivolò in mare tra sirene in festa e crepitio dei mortaretti. Il veliero con motore ausiliario "Antonetta" (1926), sarà una nave costruita e utilizzata per uso proprio dai fratelli Della Monica. Con la "Relazione del Direttore generale della Marina Mercantile a S. E. il Ministro delle Comunicazioni" ("La Marina Mercantile Italiana al 31 dicembre 1929-VIII"), figuravano come costruttori e riparatori di piccoli battelli con superfice occupata di 600 mq; nella pagina 2124 del celebre "Annuario generale d'Italia" (1933, volume II), erano indicati armatori di riferimento insieme a Pietro Pellegrino.

In piena Seconda guerra mondiale, per Regio Decreto 14 ottobre 1940 XVIII ("Inscrizione nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato, categoria navi da crociera, di navi mercantili requisite": Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, n. 271, del 20 novembre 1940, pag. 4403), vengono requisiti il motoveliero "Vincenzino" (a partire dalle ore 16 dell'8 giugno 1940) e il moto goletta "Margherita Madre" (a partire dalle ore 17 dell'11 giugno 1940). Distrutto parte del naviglio per cause belliche, avvenne un episodio che fu visto come la fine di un'epoca di grandi opportunità di lavoro per il cantiere. Siamo tra il 1943-44 e Basilia Amatruda (figlia di Olimpia Della Monica) ricorda: "Quando fu ultimato il motoveliero ‘Francescoʼ, per il varo fu organizzata una grande festa, ma quello che doveva essere un momento di gioia, divenne ben presto di sgomento. Davanti alla folla accorsa per l'evento, e alla presenza del ministro degli Esteri, Raffaele Guariglia (luglio 1943 - febbraio 1944) e del podestà di Amalfi, Francesco Gargano e di altre autorità civili e religiose, la bottiglia che si doveva infrangere contro lo scafo non si ruppe. Un cattivo presagio che infatti andò a segno: il Motoveliero non riusciva a prendere il mare. Si incagliò e dovettero arrivare barche da Salerno per riuscire a fargli prendere il largo." Altro particolare, rimasto nel "libro dei ricordi" della famiglia, fu il trasporto dei beni personali del re d'Italia, Umberto II di Savoia, verso il Portogallo (Stato dell'esilio) dopo il famoso Referendum del giugno '46. A seguito dell'alluvione del 1954, che distrusse il capannone e l'intera marina di Vietri sul Mare, l'attività del cantiere fu definitivamente cessata. Olimpia Della Monica ha sempre considerato l'attività di famiglia di grande sacrificio: "Non volevo che mio padre facesse questo mestiere. Glielo rimproveravo sempre, non capivo perché avesse scelto questa attività, così rischiosa e difficile, che metteva in grande ansia la famiglia. Fare l'armatore comportava grosse responsabilità. E' una professione amara. Ma lui non cambiò mai idea."

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...