Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Pacifico da S. Severino

Date rapide

Oggi: 24 settembre

Ieri: 23 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniCronacaDe Masi al CorMez: «Ravello si è involgarita tra video hot e matrimoni»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Cronaca

Per il sociologo la decadenza della città della musica

De Masi al CorMez: «Ravello si è involgarita tra video hot e matrimoni»

«L'Auditorium oggi versa nell'abbandono più totale, con il colore ingiallito, l'intonaco cadente e le erbacce. Ecco, quello mi sembra il simbolo più fedele della Ravello attuale»

Scritto da (Redazione), lunedì 15 luglio 2019 10:40:11

Ultimo aggiornamento lunedì 15 luglio 2019 18:45:56

«Ravello si è involgarita tra video hot e matrimoni». A sostenerlo è il sociologo Domenico De Masi in un'intervista rilasciata a Stefano de Stefano e pubblicata ieri dal Corriere del Mezzogiorno.

 

«La decadenza di Ravello si spiega con la perdita di un'identità fortemente legata all'importanza del suo Festival - dice l'ex presidente della Fondazione, in vacanza nella Città della musica - E purtroppo, da quando a metà anni '90 ebbi l'intuizione di sviluppare qui un grande appuntamento multidisciplinare in grado di connotare questo luogo sul piano internazionale, e fino a oggi, il declino è stato evidente, capace di far smarrire agli stessi ravellesi l'importanza di questo evento». Il noto sociologo spiega le ragioni di una mutazione progressiva al ribasso che oramai si respira a Ravello, dov'è in atto un «involgarimento dell'intero contesto». «D'altra parte - dice - se il fenomeno degli scatti osé sulla spiaggia del Castiglione o altrove è figlio dell'overdose di matrimoni di cui soffre questo luogo, allora c'è da preoccuparsi». Ma come è nata questa tendenza? «Inizialmente, e grazie al festival che faceva girare il buon nome di Ravello per il mondo, qui iniziarono a sposarsi artisti, intellettuali o semplici turisti espressione di quel mondo ravellese di qualità che avevamo iniziato a costruire un po' alla volta negli anni. Ma si trattava di episodi particolari, poi invece il fenomeno si è allargato a dismisura e oggi troviamo le file degli sposi sulle scale del Duomo, con coppie che entrano ed altre che escono in continuazione, pronte a darsi il cambio davanti all'altare».

Ovvero non il modo migliore per fare pubblicità a questo borgo incantevole. «Esatto, anche perché e ho appena scritto un saggio sul turismo del futuro saranno sempre più cinque i parametri di una vacanza di qualità. Il primo: il silenzio, sempre più raro nel mondo; il secondo: la sicurezza; il terzo: il tempo senza sprechi; il quarto: l'autonomia del visitatore libero di fare le proprie scelte: infine, il quinto: la bellezza e la sua cura. Ecco mi sembra che a Ravello oggi non ci sia nessuna di queste condizioni, né ci stiano lavorando, anzi...».

Cosa altro? «Penso all'Auditorium. Un'opera pubblicata sulle riviste di arte e architettura contemporanea, che oggi versa nell'abbandono più totale, con il colore ingiallito, l'intonaco cadente e le erbacce. Ecco, quello mi sembra il simbolo più fedele della Ravello attuale. D'altra parte il sindaco Salvatore Di Martino ha sempre osteggiato questo edificio e credo si auguri che collassi al più presto, cosa che probabilmente accadrà se non si cambia marcia».

Eppure le premesse erano tutt'altre che non confezionare un rudere moderno. «Quello dell'Auditorium era stato l'atto finale e più faticoso per portare a termine il progetto che avevo immaginato nel 2003 quando fui nominato presidente della Fondazione Ravello. Fare cioè di questa paese un luogo d'eccellenza, in cui portare il festival a tre mesi estivi pieni di eventi: dai concerti classici a quelli jazz, dalla danza alle mostre d'arte, dagli incontri letterari ai corsi di formazione per giovani, per metà italiani e per metà stranieri. E con l'obiettivo infine di una destagionalizzazione reale, possibile grazie proprio all'auditorium in cui creare manifestazioni musicali e culturali durante tutto l'anno. Con evidenti benefici sui 19 alberghi ravellesi e sulla collettività tutta».

E il festival attuale? «Ancora non riesco a capire con esattezza in che direzione voglia andare. Forse potrò dire qualcosa di preciso solo a settembre. Mi sembra però che si punti sul localismo delle orchestre e sulla giovane età dei musicisti. Un modo per far restare in Campania i soldi erogati dalla Regione. Ho visto solo due eventi compreso lo spettacolo di danza di Sergei Polunin, ieri sera. Ottime coreografie, ma non molto pubblico. D'altra parte con i biglietti a 70 euro lo posso anche capire e poi la pubblicità è davvero assente. Eppure Mauro Felicori quando fu nominato commissario della fondazione volle incontrarmi per avere notizie sui criteri delle precedenti edizioni».

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Covid: ad Amalfi nuovo positivo e 3 guariti, calano contagi a Minori

Nuovi aggiornamenti sul fronte Covid-19 in Costiera Amalfitana. Ad Amalfi, nella giornata di ieri, si registrano tre guariti ed un nuovo cittadino positivo. Il numero totale dei positivi sul territorio comunale ad oggi è di 8. A Minori, sempre nella giornata di ieri, è stato registrato un nuovo guarito....

Ravello, Soprintendenza boccia asfalto tra torri Villa Rufolo. «Materiale inadeguato, eliminare notevole e negativo impatto»

di Emiliano Amato La Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino boccia, senza appello, la pavimentazione in asfalto tra le antiche mura di Villa Rufolo, a Ravello. «Il materiale utilizzato, in cui prevale il conglomerato bituminoso, è del tutto incongruo e inadeguato per...

Nuovo incendio in Costa d'Amalfi: brucia vegetazione a Capo d'Orso

Una colonna di fumo si nota dalle 8.00 circa di alza dalla vegetazione sul crinale della montagna che degrada verso il mare a Capo d'Orso, nel comune di Maiori. Ennesimo rogo doloso, ennesimo attentato all'ambiente e al paesaggio della Costa d'Amalfi. Le fiamme si scorgono molto vicine alla Statale 163...

Spaccio di droga nel Salernitano, blitz dei Carabinieri nella notte. Tra 56 arresti anche uno a Maiori

Una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, ha portato, la scorsa notte, a sgominare un'intera organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nell'Agro Nocerino-Sarnese e, in generale, in tutto il Salernitano....

Smottamenti "nascosti" in Costiera Amalfitana: preoccupa fenomeno erosivo delle rocce

Continuano gli eventi franosi "nascosti" in Costiera Amalfitana dovuti all'erosione del territorio. Distacchi sono evidenti dagli spuntoni di roccia in località Capo d'Orso, nel comune di Maiori, al disotto della Strada Statale 163 Amalfitana. Proprio in corrispondenza dei crolli del dicembre 2019, con...