Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 0 secondi fa S. Feliciano vescovo

Date rapide

Oggi: 24 gennaio

Ieri: 23 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieMio padre, paracadutista americano, che nel ’43 combatté tra il Valico di Chiunzi e Maiori

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Storia e Storie

Mio padre, paracadutista americano, che nel ’43 combatté tra il Valico di Chiunzi e Maiori

Scritto da (redazione), martedì 8 settembre 2020 11:01:41

Ultimo aggiornamento martedì 8 settembre 2020 11:11:33

Pubblichiamo, in questo giorno di ricordo dell'8 settembre 1943, la testimonianza di William Bonnamy, Jr., detective americano in quiescenza, che ci scrive da Scottsdale, in Arizona. Qualche anno fa è ritornato in Costiera Amalfitana nei luoghi in cui suo padre, un paracadutista americano, combattè nel corso dell'operazione Avalanche. Riportiamo di seguito il suo racconto corredato da inedite foto d'epoca.

 

Mio padre era un paracadutista del 319° gruppo di artiglieria da campo, batteria "A", 82a divisione aviotrasportata. Sbarcò sulle spiagge di Maiori nella tarda serata dell'11 settembre 1943. La sua unità fu posta sotto il comando del colonnello Darby dei Darby's Rangers, che da diverse settimane aveva combattuto sulle colline di Maiori. L'unità di mio padre doveva fornire supporto all'artiglieria per i Rangers. Sebbene mio padre fosse un paracadutista, la sua occupazione militare era da cannoniere su un obice da 105 mm. Invece di saltare da un aereo DC3, è atterrato con un aliante per atterrare (la sua preferenza sarebbe stata quella di saltare). Allora non c'erano elicotteri. Ma Maiori era una città costiera quindi niente dal cielo, tutti erano caricati su LST e provenivano da un approdo sulla spiaggia. Hanno invaso dalla costa del Nord Africa. Per avere un'idea migliore dei cannoni usati dalla 319a al Passo Chunzi, ho allegato una foto della batteria di mio padre.

Si vede un 105 Howitzer; questa particolare foto è stata scattata durante la Battaglia delle Ardenne nel dicembre 1944. La Batteria di mio padre è stata scavata lungo la strada a non più di un miglio dal Ristorante "La Violetta", al Valico di Chiunzi. Allora, il ristorante era conosciuto come "Fort Schuster" e anche su questo c'è una bella storia. Il 12 settembre 1943 la batteria di mio padre fu colpita da colpi di mortaio nemici e quattro uomini furono feriti. Più tardi, in quel giorno, una forza di 200 paracadutisti tedeschi della divisione Hermann Goering ha attaccato una batteria, in avvicinamento dalla città di Ravello. Nonostante dovessero combattere con le armi leggere, i cannonieri di A Battery hanno sparato un numero impressionante di colpi, ben 573 dai loro obici, sol in quel giorno.

 

Altri sete uomini sono rimasti feriti e uno arruolato è stato ucciso. Il 13 e 14 settembre i tedeschi attaccarono nuovamente con piccole incursioni e cecchini dal versante americano delle alture di Salerno. Ma i tedeschi furono respinti e alla fine spazzati via. La batteria A girò i loro obici e sparò direttamente contro i tedeschi attaccanti. Un prigioniero tedesco ha raccontato di soldati tedeschi che si erano infiltrati nelle linee americane in abiti civili e si finsero rifugiati civili. La domenica successiva, 19 settembre, soldati tedeschi che si spacciavano per rifugiati furono catturati all'interno della chiesa di San Domenico a Maiori, mentre assistevano alla messa. I paracadutisti americani con le loro armi hanno camminato lungo i corridoi della chiesa e li hanno presi. Il San Domenico è stato utilizzato anche come ospedale chirurgico da campo e gestito da medici e chirurghi britannici. La torre campanaria di quella chiesa fungeva da faro per gli uomini quando sbarcarono sulla spiaggia il 12 settembre.

"A" Battery si spostò quindi più in basso lungo la strada del Fort Schuster e più vicino a Maiori, una posizione più sicura da cui combattere. Mio padre ha subito una commozione cerebrale a causa di un'esplosione durante questo combattimento ed è rimasto incosciente per 24 ore. La sua batteria è stata colpita con mortai e colpi tedeschi 88, anche diverse pile di munizioni hanno preso fuoco a un certo punto. I tedeschi furono sconfitti e il 319 ° salì dal Valico di Chunzi il 29 settembre 1943, solo per continuare a combattere a nord di Napoli e a Cancello Arnone, lungo il fiume Volturno. Il 319 ° dell'82 ° Airborne avrebbe poi combattuto in Normandia (Francia) il giorno Dday, e poi durante l'invasione dell'Olanda, la battaglia del Bulge e nella Germania settentrionale, liberando un campo di concentramento tedesco a Ludwigslust, in Germania, il 2 maggio 1945. Mio padre era un soldato " high point " e gli è stato permesso di tornare in America. L'82 ° aviotrasportato assunse quindi i compiti di occupazione a Berlino su richiesta del generale Eisenhower.

 

Saluti, William Bonnamy

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Il mistero della stella di Betlemme e la recente congiunzione tra Giove e Saturno

di Giuseppe Gargano Dal Vangelo secondo Matteo (II, 1-11): «Nato Gesù in Betlemme di Giuda, al tempo del re Erode, ecco, i Magi arrivarono dall'oriente a Gerusalemme e domandarono: - Dov'è nato il re dei Giudei? Poichè abbiamo visto la sua stella in oriente e siamo venuti per adorarla... Allora Erode,...

I molini di Minori e la produzione della pasta: una straordinaria storia da tramandare

di Gabriele Cavaliere Tra il XVIII e la prima metà del XX secolo la produzione della pasta, insieme alla fabbricazione della carta e alla coltivazione dei limoni, rappresentava il settore produttivo più importante in vari paesi della Costiera Amalfitana. Veri e propri "distretti industriali", dove si...

“Italiani brava gente”: la storia di Johnny Torrio, capostipite della mafia americana

di Sigismondo Nastri Penso all'oriundo italiano, travestito da wichingo, protagonista dell'assalto a Capitol Hill, sede del parlamento Usa, e intanto mi torna alla mente una vecchia storia, della quale mi occupai sul mio blog tredici anni fa. La ripropongo qui. In un saggio pubblicato nel 1975 su un...

Cent’anni fa nasceva a Cava de' Tirreni Gino Palumbo, storico direttore della Gazzetta dello Sport

Oggi, 10 gennaio 2021, ricorre l'anniversario della nascita dell'indimenticato Gino Palumbo, uno dei più grandi giornalisti del panorama italiano. Soprannominato il "Coppi" del giornalismo, Palumbo inventò un nuovo modello di approcciarsi a questo mestiere, creando dal nulla una formula vincente per...

Il tragico destino di Maurizio D'Urso: il suo cadavere ritrovato a Ponza dopo 20 giorni dal naufragio dello Stabia I

di Emiliano Amato Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi, due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio...