Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Ignazio d'Antiochia

Date rapide

Oggi: 17 ottobre

Ieri: 16 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e Storie23 novembre 1980, il terremoto in Campania: paesi rasi al suolo e quasi tremila morti

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

23 novembre 1980, il terremoto in Campania: paesi rasi al suolo e quasi tremila morti

Scritto da (redazione), venerdì 23 novembre 2018 08:39:53

Ultimo aggiornamento lunedì 23 novembre 2020 07:35:06

di Emiliano Amato

Erano le 19 e 34 del 23 di novembre 1980, di domenica, quando la terra tremò. Una forte scossa di magnitudo 6,9 sulla scala Richter, della durata di circa 60 secondi, colpì le provincie di Avellino, Potenza e Salerno. L'entità drammatica del sisma non venne valutata subito; i primi telegiornali parlarono di una "scossa di terremoto in Campania" dato che l'interruzione totale delle telecomunicazioni aveva impedito di lanciare l'allarme.

Soltanto a notte inoltrata si cominciò ad evidenziarne la più vasta entità. Uno dopo l'altro si aggiungevano i nomi dei settanta comuni disastrati e dei 200 nuclei urbani duramente danneggiati. In 2735 persero la vita e 8848 furono i feriti. Anche Ravello fu interessata dalla scossa che, fortunatamente, provocò lievi danni, e tanta paura tra i suoi abitanti. Prima che la terra cominciasse a tremare numerosi Ravellesi si trovavano presso le proprie abitazioni per seguire il programma calcistico in tv "Novantesimo minuto" seguito dalla differita della seconda metà della gara tra Juve-Inter (finì con un 2 a 1 per i bianconeri).

E quando il cronometro segnò 35 minuti, improvvisamente cominciarono ad ondulare lampadari, vibrarono i vetri degli infissi, le suppellettili si frantumarono cadendo sul pavimento. Mancò la luce. Tutte le famiglie evacuarono dalle proprie abitazioni per ritrovarsi in piazza Vescovado dove si pensò bene di trascorrervi la notte in auto per ragioni di sicurezza. C'era la luna piena quella sera, a seguito di una domenica che registrò temperature molto più alte della media stagionale. Durante la notte, quella tra il 23 ed il 24 di novembre, la piazza principale del Paese era gremita di vetture. Verso la mezzanotte un'altra scossa fece tornare il terrore.

Ma il tono minore rispetto alla precedente fece immaginare ad un assestamento. Nei giorni seguenti furono una quarantina le famiglie che evacuarono definitivamente le abitazioni danneggiate e considerate inagibili. Gli sfollati trovarono asilo presso i propri familiari e gli alberghi fino alla Pasqua successiva. E mentre Ravello e la Costa d'Amalfi vennero fortunatamente risparmiate dal sisma, dall'altra parte della provincia, in un solo giro di lancetta, la furia tellurica aveva sepolto ed inghiottito migliaia di persone. Al levarsi del sole una prospezione a mezzo elicottero fornì le reali dimensioni del disastro e da Ravello non vennero meno celeri manifestazioni di solidarietà; in poche ore nacque un gruppo spontaneo di volontari che vollero prestare i primi soccorsi laddove ve ne fosse stata la necessità.

Per razionalizzare gli interventi di volontariato bisognava convogliare gli aiuti verso un'unica località. In quel periodo la concittadina Teresa Mansi, sorella di Cecilia, era impiegata come segretaria al comune di Santomenna, uno dei centri rasi totalmente al suolo. Attraverso il suo appello all'allora sindaco di Ravello, il professor Salvatore Sorrentino, la Land Rover del Comune di Ravello giunse a Santomenna carica viveri, coperte, medicinali, acqua potabile. A bordo c'erano Vincenzo Sorrentino, Franco Giordano, Tommaso Amato, Nicola Amato, Giuseppe Amato, Salvatore Pagano, Carmine Antonio Mansi e Salvatore Ferrara che faticarono non poco nonostante le scene agghiaccianti alle quali furono costretti ad assistere anche nei comuni limitrofi di Calabritto, Valva, Pescopagano e Torella de' Lombardi.

Intanto da Ravello venne organizzata una raccolta fondi per l'acquisto di una roulotte nella quale vennero ubicati gli uffici del comune di Santomenna. Anche il gruppo teatrale "La Ribalta" partì alla volta di Santomenna."Mettemmo su uno spettacolo teatrale- ricorda Armando Malafronte -La gente felice e divertita, in un momento cosi tragico, ci preparò il pranzo e al nostro ritorno la loro generosità nei nostri confronti fu davvero incredibile. Ricordo indelebile di un popolo fiero e generoso".

E i Ravellesi aprirono finanche le proprie case, le scuole, gli alberghi, ai poveri sfollati trovatisi senza una casa, senza futuro, talvolta senza famiglia.

Anche le suore di Santa Chiara misero a disposizione la foresteria del Monastero; giunsero a Ravello anche alcuni bambini che proseguirono l'anno scolastico assieme ai pari età locali ed una donna gravida in procinto di partorire.

Proprio all'interno del Monastero, il 13 di dicembre di quell'anno, nacque la bambina: fu chiamata Anna Chiara Lucia che, per ferma volontà dei genitori, come segno di gratitudine verso la Città di Ravello, fu tenuta a battesimo dalla moglie del Sindaco Sorrentino. Oggi Anna Chiara Lucia è sposata, vive in Svizzera e torna spesso a Ravello per trascorrervi qualche giorno con il resto della famiglia.

>Leggi anche:

Ravello e Santomenna

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Storia e Storie

Quando Mons. Angelo Roncalli (futuro Papa Giovanni XXIII) inciampò sulla scalinata del Duomo di Amalfi

di Sigismondo Nastri Oggi ricorre in calendario San Giovanni XXIII, l'indimenticato pontefice che, unendo calore umano, buon umore e gentilezza al magistero dottrinale, conquistò l'affetto di tutto il mondo cattolico e l'ammirazione dei non cattolici. Pochi sanno di una presenza ad Amalfi, sia pure fugace,...

Alfredo, “il doge di Amalfi” partito per la Repubblica celeste

di Giuseppe Gargano Alfredo, "il doge di Amalfi", è partito per la Repubblica celeste, dove continuerà a reggere, col suo sorriso smagliante e le sue mani aperte al mondo mediterraneo, la pace e l'equilibrio tra gli Amalfitani d'ogni tempo. In quell'Eden dal cielo perennemente "azzurro Amalfi" è stato...

I nostri nonni: gli ultimi testimoni di un mondo antico che non c’è più

diDonato Sarno A tutti noi capita di avere contatti o di incontrare persone ultraottantenni, in salute più o meno buona: a seconda dei casi, può trattarsi di genitori, di parenti, di affini, di vicini, di amici e di semplici conoscenti. Non sempre però riflettiamo sul fatto che queste persone hanno un...

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...