Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 minuti fa S. Filippo Neri sacerdote

Date rapide

Oggi: 26 maggio

Ieri: 25 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoIo, ristoratore itinerante in Costiera: burocrazia e indisponibilità dei Comuni mi fanno chiudere

D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiFrai Forma augura a tutti i lettori de Il Vescovado una serena e Santa Pasqua con il sistema di epilazione laser permanente e indoloreGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Lettere al Vescovado

Alfonso Ferrara di Beechic

Io, ristoratore itinerante in Costiera: burocrazia e indisponibilità dei Comuni mi fanno chiudere

"Agli amministratori della costiera ho chiesto di essere lungimiranti, di darmi possibilità, permettendomi di svolgere ciò che so fare, nel pieno rispetto delle regole"

Scritto da (Redazione), lunedì 10 dicembre 2018 13:55:58

Ultimo aggiornamento lunedì 10 dicembre 2018 14:05:05

Ci scrive Alfonso Ferrara, titolare di Beechic, realtà di ristorazione itinerante della Costiera Amalfitana tanto apprezzata sul territorio, comunicandoci la volontà di cessare l'attività. La fine di quel sogno condiviso col suo socio. Nella lettera trasmessa alla nostra redazione per la pubblica diffusione, le ragioni collegate alle difficoltà che lo hanno indotto a gettare la spugna.

Gentilissimo Direttore,

Le chiedo ospitalità sul suo giornale per portare a conoscenza i suoi numerosi lettori di una decisione che mio malgrado sarò costretto prendere. La chiusura della mia attività denominata Beechic... Chiedo spazio alla suo giornale perché è una decisione che mi rattrista e la sto vivendo come una sconfitta personale pur avendo lottato con tutte le mie forze, prova ne è questa lettera che ho inviato a vari comuni ma che purtroppo non ha trovato risposta:

Mi chiamo Alfonso Ferrara, da due anni insieme ad un mio collega inglese abbiamo lasciato i rispettivi posti di lavoro come dipendenti di albergo per dare inizio al nostro sogno, un progetto molto particolare e difficile di ristorazione ambulante.

La nostra decisione è scaturita da un forte desiderio di mettersi in discussione ma anche dalla precarietà del lavoro stagionale in costiera e non ultimo l'ennesimo danneggiamento, legga dimezzamento del sussidio di disoccupazione con la NASPI.

Ci siamo resi conto che era arrivato il momento di farsi coraggio e mettersi in proprio.

Come tutte le attività che aprono in Italia abbiamo avuto non poche difficoltà nel poterci esprimere purtroppo come Lei ben sa la burocrazia non aiuta, ancora di più nel nostro caso che rientriamo nella categoria degli ambulanti.

Fortunatamente sin da subito il Sindaco di Praiano, entusiasta di questa iniziativa, conoscendo la nostra professionalità ci ha dato la possibilità di poter operare inquadrandoci come una vera e propria attrazione turistica vista la caratteristica del mezzo, un Ape vintage con il quale svolgiamo la nostra professione.

Da quest'anno qualcosa è cambiato, infatti anche a Maiori, mio paese di origine hanno adeguato il regolamento e ci hanno concesso due giorni a settimana, Sabato e Domenica, diventando finalmente ambulanti, non ad ore ma a giorni, che era quello che chiedevamo e chiediamo agli altri amministratori.

Il nostro intento infatti è essere ambulanti, ma purtroppo visto le nostre caratteristiche non riusciamo ad esserlo ad ore, considerando che per aprire e chiudere impieghiamo quasi 1 ora. Il nostro intento è poterci spostare nei vari paesi della costiera con un vero e proprio calendario programmato.

Le preoccupazioni e problematiche delle amministrazioni che abbiamo riscontrato sono l'eventualità di una concorrenza con le attività in loco, tengo a precisare che noi serviamo prodotti preparati in modo molto particolare, diversi dalla classica cucina mediterranea definendoci "Confucion Food" e ad un anno dalla nostra apertura non siamo mai andati in conflitto con le altre attività, anzi in molti casi siamo stati un valore aggiunto:

  • Per le caratteristiche estetiche del veicolo molte persone incuriosite si fermano, magari destinati ad altri luoghi.
  • Il veicolo estremamente piccolo non consente di soddisfare tutte le esigenze dei clienti che di conseguenza devono riversarsi nelle attività limitrofe.
  • In un anno abbiamo ricevuto diversi articoli su quotidiani, siamo stati inseriti in una trasmissione televisiva estera che ci sta dando visibilità in tutto il mondo, siamo stati selezionati su due guide una estera dedicata a clienti di target medio alti e negli ultimi giorni anche sulla guida di Repubblica del 2018.

Tutto ciò ci ha dato grande visibilità ma paradossalmente abbiamo difficoltà ad esprimerci se i comuni non ci accolgono.

Dopo tutto questo preambolo, vengo al dunque: il mio socio non ha retto alle tante difficoltà ed ha abbandonato il progetto, ed io prima di vedere infranto un sogno ho lottato per un ultimo tentativo, ma mio malgrado sarò costretto ad interrompere questa attività.

Quello che ho chiesto agli amministratori è stato atto di coraggio nei confronti di un giovane che ha lasciato un lavoro stagionale, sì, ma sicuro, investendo una cifra considerevole per realizzare il proprio sogno e fare impresa.

Mi ero illuso perché spesso i politici parlano della creazione di nuovi posti di lavoro, che si devono spronare i giovani ad investire in nuove attività con nuove idee, ma poi quando uno si mette in gioco trova davanti a sé un muro invalicabile, la burocrazia e la difesa di qualche interesse personale, a volte puramente elettorale.

Agli amministratori della costiera ho chiesto di essere lungimiranti, di darmi possibilità, permettendomi di svolgere ciò che so fare, nel pieno rispetto delle regole.

Vi ringrazio per l'attenzione e Vi porgo distinti saluti.

Colgo l'occasione per ringraziare chi mi ha sostenuto in questo viaggio, mia moglie la mia famiglia ed i numerosi ospiti che hanno condiviso la mia follia.

Alfonso Ferrara

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Maiori: bilancio positivo per la Festa dello Studente, la nota degli organizzatori

Riceviamo e pubblichiamo la nota prodotta dagli organizzatori della Festa dello Studente, che lo scorso week-end ha radunato a Maiori centinaia di ragazzi di tutta la Costiera Amalfitana. Non solo divertimento e aggregazione, ma momenti culturali e di orientamento verso il futuro universitario, con grande...

Ravello senza spazi per il sociale: è il momento di pensare anche a noi stessi, a cominciare dai ragazzi

di Salvatore Sorrentino* Caro Direttore, permettimi un brevissimo intervento sul problema: "NOI BAMBINI DI RAVELLO DOVE DOBBIAMO GIOCARE?!?" Anch'io, come Gino Schiavo, ho dei nipotini, in vero solo due. Anch'io sento e vedo e soffro lo stesso problema. Qualcuno potrebbe rimproverarmi, dicendo che sono...

Ravello, spazi sociali mancanti: colpa degli adulti che a ragazzi di oggi pesa tanto

In merito allo striscione comparso al campo da tennis, proprio di fronte al Municipio di Ravello con la scritta "Noi bambini di Ravello dove dobbiamo giocare?!?" interviene l'albergatore Gino Schiavo ma in qualità di nonno di quei bambini che oggi hanno fatto sentire forte la loro voce a chi governa...

La meglio gioventù di Ravello 25 anni fa: quando nel 1994 si pensò agli “Incontri con i Conservatori”

Riceviamo lettera a firma di Antonio Fraulo, già direttore di Produzione del Ravello Festival. E pubblichiamo Gentile Direttore, la scorsa settimana leggevo la presentazione della proposta artistica della Fondazione Ravello per questo 2019 che farà da corollario al Festival vero e proprio, cui è stato...

È Pasqua, facciamo tutti Pace

di Salvatore Sorrentino* L'intervento di Umberto Belpedio, in vero, il secondo, suo, sulla quæstio, mi ha ancora una volta punto; un po' nell'orgoglio, un po' nel mio essere ravellese. E non solo, ma mi ha portato alla mente soprattutto il mio passato di Sindaco di questa bella città, la cui storia è...