Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Girolamo Emiliani

Date rapide

Oggi: 8 febbraio

Ieri: 7 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa dal 1830 tutta la dolcezza di Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso, capolavori di dolcezza realizzati in Costa d'Amalfi Offerta Granato Caffè a cialde con macchina Frog

Tu sei qui: AttualitàIl professor Antonio Mascolo pubblica un approfondimento sull'attuale quadro economico italiano

Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Casa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaMaurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaMacchina da caffè Baby Frog in offerta a 99,90 per tutti i clienti Granato CaffèCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaAmalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Attualità

Economia e Finanza, Approfondimenti

Il professor Antonio Mascolo pubblica un approfondimento sull'attuale quadro economico italiano

Debito pubblico, D.E.F. e NADEF, facciamo luce su termini spesso poco conosciuti. Torniamo ad interessarci di Economia grazie ad un articolo del Professor Mascolo pubblicato su www.politicainsieme.com

Inserito da (Admin), giovedì 22 dicembre 2022 07:45:48

di Antonio Mascolo

Il D.E.F.(documento di economia e finanza) "è uno strumento di programmazione finanziaria che viene studiato, elaborato e presentato ogni anno dal Presidente del Consiglio di concerto con il Ministero del Tesoro e trasmesso entro il 10 aprile al Parlamento per il suo esame e la sua approvazione." Esso comprende ogni elemento e documentazione per definire gli obiettivi di politica economica e i mezzi e le azioni di natura economica per ottenerli. Attraverso il DEF il Governo della Repubblica è messo nelle condizioni di conoscere l'andamento dell'Economia e della finanza pubblica ed è impegnato a presentare una legge di bilancio. Questo documento "definisce la cornice economica e finanziaria e gli obiettivi di finanza pubblica per il prossimo triennio" (fonte MEF 2022)

"Per stendere questo documento programmatico dello Stato italiano, il Governo deve tenere conto di molti scenari futuri come debito pubblico, PIL, deficit, andamento economico italiano ed europeo, inflazione, mercato del lavoro, investimenti, fiducia dei consumatori e molto altro. È quindi un lavoro molto delicato e complesso, che però permette di capire quale direzione il Governo intende prendere per lo sviluppo del Paese. Per tutti questi motivi, gli obiettivi del DEF abbracciano un orizzonte temporale di tre anni."(Pictet - Economia e finanza ottobre 2021).

In aprile 2022 il DEF presentava i seguenti dati percentuali sul PIL:

  • Previsione dell'andamento programmatico del tasso di crescita del PIL (prodotto interno lordo) del 3.1% (più alta della crescita tendenziale che era del 2.9%) per il 2022 e del 2,4% (rispetto a quella tendenziale del 2,8%) per il 2023;
  • L'indebitamento netto del quadro programmatico per gli anni 2022 e 2023 rispettivamente del 5,6% e del 3,9% passa al 5.1% (tendenziale) per il 2022 e al 3,7% (tendenziale) per il 2023, del 3,2% (tendenziale) nel 2024 e del 2,7% (tendenziale) nel 2025;
  • Il rapporto debito pubblico/PIL che era nel 2020 di 155,3% e del 150,8 del 2021, per il 2022 è previsto a 147,0%, 145,2% per il 2023, 143,4 per il 2024 e 141,4 per il 2025:
  • Il Tasso di inflazione: dal 3,9% di dicembre 2021 è passato al 6,2% in aprile 2022;
  • Il saldo primario passa dal -2,1% come da quadro programmatico al -1,6% come da quadro tendenziale per il 2022: Tale saldo è previsto salire allo 0,2% nel 2025 sia come quadro programmatico e sia come quadro tendenziale;
  • Interessi passivi: il quadro programmatico prevede interessi passivi del 3,5% per il 2022 (stessa percentuale era stata programmata per il 2020 e il 2021), del 3,1% per il 2023 e del 3.0% per il 2024 e 2°25.

Il DEF va aggiornato a settembre di dello stesso anno attraverso la NADEF(Nota di aggiornamento al documento di economia e finanza).

La NADEF 2022, con la quale sono state aggiornate "le previsioni macroeconomiche e di finanza pubblica, è stata approvata dal Governo Draghi il 28 settembre 2022 e successivamente aggiornata il 4 novembre dal Governo Meloni. L'obiettivo della Nota di Aggiornamento è quello di analizzare il quadro tendenziale del momento e"le previsioni per l'economia e la finanza pubblica italiana a legislazione vigente"(MEF - Approvata la NADEF 2022, lo scenario tendenziale dell'economia italiana).

Con la NADEF di settembre il quadro che si presenta è il seguente: dopo una crescita di circa un anno e mezzo, a settembre vengono evidenziati, pur in presenza di crescita, i primi rallentamenti dell'economia mondiale, europea ed italiana, dovuti: a) all'inflazione crescente, b) agli aumenti dei prezzi delle materie prime e alla riduzione della produttività dovuta soprattutto al ristagno della domanda dei beni di consumo; c) all'aumento del prezzo dell'energia e al rialzo dei tassi di interesse da parte delle Banche Centrali con la ricaduta sui tassi di interesse dei depositi e dei prestiti alle persone fisiche e alle imprese. La bilancia commerciale è andata in deficit, dopo anni di surplus, a causa del maggior costo delle importazioni di prodotti energetici (causa principale la guerra in Ucraina) e l'aumento del PIL nominale per il maggior gettito derivante dall'aumento dell'inflazione è stato utilizzato per aiutare le famiglie e le imprese in difficoltà.

La NADEF approvata dal Governo Draghi prevedeva a livello tendenziale quanto segue:

  • La crescita del PIL del 3,3% rispetto al 3,1%, programmato del DEF, per il 2022 e dello 0,6% per il 2023;
  • Il deficit tendenziale di bilancio per il 2022 al 5,1% rispetto al 7,2% del 2021 e al 5,6% del quadro programmatico del DEF di aprile 2022.
  • Per il 2023 l'indebitamento netto tendenziale era previsto del 3,4% rispetto al 3,9% programmatico DEF;
  • Il rapporto debito/PIL al 145,4% per l'anno 2022, del 143,2 per il 2023, del 140,9% per ilo 2024 e 139,3 per il 2025.

NADEF RIVISTA E AGGIORNATA DEL GOVERNO MELONI

A settembre i parametri economici erano positivi e indicavano una economia in crescita, che risultava rinforzata dalle riforme già fatte e/o in cantiere necessarie per ottenere le rate del PNRR. Con questa situazione il quadro economico del nostro Paese, se non fosse stato influenzato falla crisi energetica derivante soprattutto dalla guerra tra Russia e Ucraina, dall'inflazione ecc..., era predisposto ad assicurare nei prossimi anni una crescita stabile e duratura.

Il nuovo Governo della Repubblica Italiana insediatosi dopo le elezioni, e guidato da Giorgia Meloni, il 4 novembre ha rivisto e integrato la Nadef presentata da Draghi, aggiornando, in riferimento al quadro macroeconomico tendenziale e al quadro di finanza pubblica, il quadro programmatico di finanza pubblica per il triennio 2023-2025(fonte Camera dei deputati.it).

Il Governo Meloni, con la rivisitazione della NADEF approvata dal Governo Draghi ha aggiornato "non solo il quadro macroeconomico programmatico il 2022-2025 ma anche la previsione tendenziale su cui esso si basa(NADEF - Versione rivista e aggiornata e presentata dal PCM Giorgia Meloni e dal Ministro dell'Economia e delle Finanze G. Giorgetti).

Secondo le dichiarazioni del Presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni, e del Ministro di Economia e Finanza, Giancarlo Giorgetti è stato necessario rivedere e integrare la Nota di aggiornamento del Governo guidato da Mario Draghi, in quanto il quadro economico a novembre era mutato nei confronti del mese di settembre, con un miglioramento del PIL dell0 0,5% che portava la crescita del PIL per l'anno 2022 dal 3,3% al3,9%.

CONFRONTO TRA NADEF DEL GOVERNO M.DRAGHI (28/09/2022) E GOVERNO g. MELONI (04/11/2022).

La NADEF del 28/09/2022 presentata dal Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi e dal Ministro di Economia e Finanza, Daniele Franco, è stata rivista e integrata dalla Presidente del Consiglio dei ministri Giorgia meloni e dal Ministro di Economia e Finanza Giancarlo Giorgetti.

La NADEF presentata e approvata da Mario Draghi ha aggiornato quanto era stato conseguito, constatato e previsto dal DEF di aprile 2022 senza però definire "gli obiettivi di finanza pubblica" per il triennio 2023-2025 e senza redigere la bozza della legge di bilancio, ciò perché, a causa dello scioglimento del Parlamento e delle conseguenti nuove elezioni, al Governo Draghi sarebbe succeduto un nuovo Governo. Inoltre la NADEF di settembre 2022 contiene i principali risultati raggiunti e conseguiti per quanto riguarda il PNRR, nonché la risposta, in apposita sezione finale della Nota aggiornamento, a quanto chiesto dalle tre raccomandazioni specifiche del 12/07/2022 del Consiglio dell'Unione europea e della Commissione europea.

La NADEF rivista, integrata e presentata dal Presidente del Consiglio G. Meloni e il Ministro dell'Economia e Finanza G. Giorgetti, prende atto che il rapporto deficit/PIL del 5,6% del 2022, di cui alla NADEF di Mario Draghi, è migliorato dello 0,50% e che si assesta pertanto al 5,1% con un miglioramento di 9,1 miliardi di euro circa e che presenta pertanto i seguenti dati di previsione di deficit tendenziale: rapporto deficit/PIL del 5.1% per il 2022, del 3.4% per il 2023, del 3,6% per il 2024 e del 3.3% per il 2025; mentre per il Governo di M. Draghi il deficit tendenziale era il seguente: rapporto deficit/PIL del 5.6% per il 2022, del 3.9% per il 2023, del 3,3% per il 2024 e del 2.8% per il 2025. Tale quadro economico rappresenta un segno evidente che l'evoluzione dell'Economia, cosi come lasciata dal Governo di Mario Draghi era in positiva ripresa a causa dell'incremento della produttività delle imprese e scontava comunque anche il vantaggio sul PIL nominale del crescente tasso di inflazione.

Sulla base dei dati su riportati si evince il miglioramento dello 0,50% del rapporto deficit/PIL per l'anno 2022. Tale 0,50%, come già detto corrisponde all'incirca a 9,1 miliardi che il Governo Meloni nella sua relazione al Parlamento del 04 novembre 2022, sentita la Commissione Europea, ritiene di utilizzare e da "destinare al finanziamento di contrasto agli effetti negativi dell'incremento dei prezzi dei prodotti energetici su famiglie, imprese ed enti, nonché altre misure inerenti al settore energia. "Saranno inoltre rideterminati i livelli massimi del saldo netto da finanziare del bilancio dello Stato, sia in termini di competenza, sia in termini di cassa".(Relazione al Parlamento 2022 - ex legge n. 243/2022, art. 6 - presentata dal P.C.M Giorgia Meloni e del Ministro di Economia e Finanza G. Giorgetti).

Alla prima richiesta al Parlamento di cui appena detto del Governo Meloni, è seguita, rispetto al quadro programmatico del DEF 2022, una seconda richiesta che riguarda "l'autorizzazione alla revisione degli obiettivi di indebitamento netto per un importo in termini percentuali di PIL pari allo 0,6% per l'anno 2023, allo 0,4% per l'anno 2024 e 0,2% per l'anno 2025"(Relazione al Parlamento 2022 - ex legge n. 243/2022, art. 6 - presentata dal P.C.M Giorgia Meloni e del Ministro di Economia e Finanza G. Giorgetti).

In questa seconda richiesta"il livello programmatico di indebitamento netto in rapporto al PIL è del 5,6% nel 2022, del 4,5% nel 2023, 3,7% nel 2024, 3% nel 2025. "Gli obiettivi delle due richieste comportano la disponibilità di oltre 21 miliardi di euro per il 2023 e di circa 2,4 miliardi di euro per il 2024".(Relazione al Parlamento 2022.........).Tale disponibilità servirà a finanziare "misure dirette al rafforzamento del contrasto del caro energia per famiglie e imprese"(Relazione al Parlamento 2022.........).

I 21 miliardi che appariranno meglio definiti nella loro spesa nella prossima legge di bilancio attualmente in discussione in Parlamento, sarebbero utilizzati e quindi si esaurirebbero nei primi tre o quattro mesi del 2023. E dopo?

Con le misure provenienti dalle due richieste il rapporto debito/PIL sarà di 145,7% per l'anno 2022, 144,6% per l'anno 2023, 142,3% per l'anno 2024 e 141,2 per l'anno 2025.

A margine di quanto scritto su DEF e NADEF ci sono la legge di bilancio e il PNRR; essi rappresentano due momenti importanti della vita economica e finanziaria del Paese in quanto ne definiscono gli obiettivi di politica economica nonché quelli della transizione ecologica e digitale che potranno incidere sulla crescita economica e civile.

La legge di bilancio è collegata sia al quadro economico attuale, sia al PNRR e sia alla NADEF.

Circa il quadro economico la legge di bilancio dovrà tenere presente le conseguenze e i riflessi dell'inflazione in atto, che pure se ha fatto registrare nei giorni scorsi una leggera flessione, pur tuttavia rimane stabilmente a livello mondiale, in media, al 10% circa e in Italia a novembre 2022 all'11.8% (dato ISTAT). Inflazione, che con un incremento dello 0,5%, in ottobre, incute preoccupazione per i possibili riflessi sulla produttività, l'occupazione e sulla crescita economica. La legge di bilancio dovrà tenere conto di questa situazione e creare le condizioni per evitare la stagnazione e/o il possibile sbocco in recessione economica. Per evitare il continuo aumento del debito pubblico, bisognerà controllare la crescita dei prezzi all'ingrosso dei prodotti energetici (in primis quello del gas) e così contenerne i costi. Sugli aiuti in programma al fine di coprire i maggiori costi dei prodotti energetici che saranno a carico delle grandi, medie/piccole imprese nonché dei consumatori finali, sono in programma due interventi fondamentali nella legge di bilancio (attualmente in discussione in Parlamento): il primo di 9,1 miliardi da impiegare nel 2022 e il secondo di 21 miliardi che andranno spesi nei primi tre mesi del 2023.

Ultima considerazione la crescita economica prima descritta dello 0,5% del PIL (riduzione del rapporto deficit/PIL dal 5,6% al 5,1%) comunque non elimina il deficit sopra descritto che rimane alto e va ad incrementare il debito pubblico. Quello 0,5% (di crescita economica), pari a 9,1 miliardi di euro, comunque sarà utilizzato nella spesa sopra descritta con la conseguenza di riportare il rapporto deficit/PIL al 5,6%.

Sorge in tal modo il problema del debito pubblico e come sterilizzarne il suo continuo aumento! Un modo è possibile sia con un intervento della BCE per la gestione della parte di debito pubblico esistente e sia, per il successivo debito in formazione, rendendolo produttivo attraverso gli investimenti, le riforme del PNRR, la riforma del fisco e la lotta all'evasione fiscale.

 

Leggi l'articolo originale su politicainsieme.com

L'AGGIORNAMENTO DEL QUADRO MACROECONOMICO E IL PROBLEMA DEL DEBITO PUBBLICO - DI ANTONIO MASCOLO

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 101712104

Attualità

Scuola, 10 febbraio sciopero nazionale e presidio a Roma contro il precariato

L'USB P.I. Scuola ha proclamato lo sciopero "di tutto il personale del comparto scuola docente, ATA, educativo e dirigente a tempo determinato e indeterminato delle scuole in Italia e all'estero", per l'intera giornata di venerdì 10 febbraio 2023, a partire dalle 10. Chi ha deciso di aderire scenderà...

"Bulli di sapone", la Regione Campania lancia una challenge per le scuole e una campagna di sensibilizzazione

La Regione Campania dice "no" al bullismo e lancia una social challenge per le scuole, un ciclo di incontri informativi che coinvolgerà 10.000 studenti e una campagna di sensibilizzazione a cui hanno aderito personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo ‒ Clementino, Sergio Assisi, Flo e Luigi...

In tantissimi per l'ultimo saluto ad Erminio Della Corte, il cordoglio del Comune di Tramonti

La scomparsa prematura dell'ing. Erminio Della Corte, assessore di Mercato San Severino, ha scosso particolarmente la comunità di Tramonti, dove egli ricopriva il ruolo di consulente nell'Ufficio Tecnico Comunale. Di seguito il cordoglio del sindaco Domenico Amatruda e degli amministratori comunali,...

Dimensionamento scolastico, Regione Campania impugna decisione del Governo davanti alla Corte Costituzionale

«La Regione Campania informa che la giunta ha deliberato di procedere per impugnare dinanzi alla Corte costituzionale le disposizioni relative al dimensionamento scolastico». Con questa nota Palazzo Santa Lucia ha annunciato il ricorso alla Consulta, come anticipato nel corso della manifestazione per...

Terremoto in Turchia, revocata l'allerta maremoto sulle coste italiane

Tramite i propri canali social la Protezione civile italiana ha revocato ufficialmente l'allerta maremoto sulle coste italiane, emessa in seguito al terremoto che ha colpito la Turchia nella notte. "I dati mareografici e le valutazioni indicano che l'allerta è conclusa. Non si attendono ulteriori onde...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.