Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 0 secondi fa S. Stefano re d'Ungheria

Date rapide

Oggi: 16 agosto

Ieri: 15 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneA Scala "Luci della Costiera": Storytelling, illuminazione artistica, videomappingCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàRavello Festival 2022, è tutto pronto per la settantesima edizioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: AttualitàI soldi ci sono, i progetti mancano. Serve un piano, ma c’è già!

Luci della Costiera 2022 a Scala il comune più antico della Costiera AmalfitanaRavello Festival VXX edizione, è tutto pronto per l'edizione 2022 del Festival della città della musicaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto
Maurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni

Attualità

I soldi ci sono, i progetti mancano. Serve un piano, ma c’è già!

Scritto da (redazionelda), sabato 11 settembre 2021 11:53:18

Ultimo aggiornamento sabato 11 settembre 2021 11:53:18

di Raffaele Ferraioli*

"La guerra col Covid è finita! I resti d i quello che fu una delle più terribili pandemie al mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza."

Vorrei tanto che questa parafrasi del famoso bollettino di Armando Diaz, annunciante la fine della grande guerra,possa applicarsi alla pandemia Covid19. Ma mi rendo conto che fra wax e no wax, mascherine di varie forme, green pass spontanei e obbligati, colori variabili dal bianco al rosso, la famosa spada di Damocle continua a ergersi minacciosa sulla nostra testa.

Eppure la vita continua, fra Recovery Plan, PNRR e altre forme di assistenza allo sviluppo. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, varato dal Governo Draghi il 24 Aprile u.s. persegue i seguenti obiettivi: Modernizzare la pubblica amministrazione; Rafforzare il sistema produttivo; Combattere la povertà, l'esclusionesociale e le disuguaglianze.

Fissato secondo parametri europei, questo Piano prevede che le risorse "territorializzabili" in Italia siano riservate per il 40% al Sud.

Gli obiettivi perseguiti sono:

Digitalizzazione, finalizzata a promuovere l'innovazione e la trasformazione digitale in tutto il Paese - dotazione 49,5 miliardi);

Infrastrutture e mobilità sostenibile, destinata a realizzare un sistema di mobilità moderno, esteso all'intero paese - dotazione 31,3 miliardi;

Transizione ecologica e ambientale per migliorare la sostenibilità e la resilienza nel sistema economico - dotazione : 68,6 miliardi I

Istruzione e Ricerca per far si che l'attività di ricerca sia estesa sempre più alla scuola - dotazione 31,9 miliardi;

Inclusione e Coesione, finalizzata a contenere il fenomeno della povertà e della disuguaglianza sociale - dotazione 22,5 miliardi;

Salute, destinata a rafforzare il sistema di assistenza medica, specialmente quello della medicina del territorio - dotazione 18,9 miliardi.

Le maggiori difficoltà nell'attuazione di questi interventi vengono proprio dalla difficile, farraginosa e complessa governance che rischia di causare i soliti ritardi burocratici. Sono già state adottate con immediatezza misure di snellimento delle procedure e di contenimento del rischio di lungaggini esasperanti. Ma ciò è avvenuto ai livello centrale e non vale per le periferie. Qui il "sistema dei poteri impotenti", fatto di tanti enti impegnati a confliggere più che a collaborare, continua a complicare anzichè a semplificare le procedure per la soluzione dei problemi.

Nessuno può negare che una simile quantità di risorse finanziarie non può essere allocata in aassenza di specifici Piani, dai quali partire per arrivare ai programmi e da questi ai progetti. I tempi per avviare questa prassi, che possiamo definire "normale", ormai non ci sono più e, comunque, non risultano compatibili con quelli che ci detta Bruxelles. E allora dobbiamo rassegnarci ad assistere, ancora una volta alle corse pazze per l'accaparramento dei finanziamenti sia sul fronte pubblico che su quello privato. Ancora una volta rischiano di prevalere le scelte politiche, le lobbies economiche e finanziarie, i patti leonini.

In Costa d'Amalfi, dove più che altrove la dimensione dei problemi è essenzialmente territoriale, serve un piano basato su corrette analisi sociali, economiche e territoriali, che individuino azioni, progetti e modalità gestionali compatibili con la salvaguardia paesaggistica e ambientale, il rilancio dell'agricoltura e l'ulteriore affermazione del turismo diffuso.

Serve un piano zonale, condiviso dalle popolazioni, che indichi l'ordine di priorità dettato dall'effettiva urgenza degli interventi da farsi per una concreta politica di sviluppo sostenibile, integrato della nostra area.

Incredibile ma vero, questo piano c'è e si chiama PUT dell'Area Sorrentino- Amalfitana, redatto mezzo secolo fa e approvato con la Legge Regionale n. 35 del 1987. Ritenuto una sorta di condanna a morte della nostra area, per le schizofreniche restrizioni introdotte in campo urbanistico, dopo ben trentacinque anni si rivela l'unico strumento di pianificazione accettabile, valido, obbligato. Ci troviamo di fronte non a un semplice strumento di programmazione, bensì a una legge: violarne le disposizioni, ometterne l'attuazione dovrebbe significare commettere un reato penale.

La parte più interessante e meritevole di condivisione è quella contenuta nell'allegata Parte V -Assetto del Sistema delle Comunicazioni . Essa contiene l'unica proposta ragionevole per l'assetto del sistema di mobilità:

  • Affrancare la statale borbonicacostiera dalla funzione di asse portante unico di tutto il traffico su gomma del nostro territorio;
  • Creare una viabilità alternativa che non obblighi ad attraversare i centri abitati;
  • Recuperare la rete stradale minore a servizio delle aree agricole e rurali;
  • Privilegiare il trasporto pubblico per i collegamenti collina-mare;
  • Pedonalizzare i centri storici;
  • Restituire le strade costiere alla funzione di collegamento turistico a breve raggio;
  • Connettere l'area in maniera agevole ai principali itinerari turistici;
  • Migliorare la percorribilità delle due "trasversali" (Agerola e Chiunzi)
  • Realizzare le circumvallazioni dei centri abitati: Vettica Maggiore, Via Mola a Furore, Amalfi-Atrani, Minori, Maiori, Cetara , Pimonte, Agerola) ;
  • Rafforzare e ammodernare le strutture di approdo per il trasporto marittimo;
  • Installare alcuni impianti a fune su tratte ben studiate.

I cospicui finanziamenti europei in arrivo devono essere allocati con la massima correttezza possibile. Bisogna condurre un'analisi approfondita dello stato di fatto. Operazione questa che è stata fatta con il Piano Sintagma della Comunità Montana Amalfitana, integrato dai PTCP delle province di Napoli e di Salerno. Ma i Comuni della Divina non l' hanno mai approvata.

Eppure, serve un Piano! Ma per fortuna c'è già! Ed è addirittura legge! Si tratta del vituperato PUT ex L.R.n. 35/87, ed è addirittura una legge. Come tale, non eludibile. Violarla configurerebbe un reato penale! Mancano, piuttosto, i progetti attuativi.

*già sindaco di Furore

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103524109

Attualità

«Non ci sono medici. Basta numero chiuso a Medicina»: l’appello dell’assessore regionale romano D’Amato

«Basta numero chiuso alle facoltà di Medicina: se non si trovano medici significa che il sistema formativo non funziona e mortifica centinaia di giovani che non riescono ad accedere». A dichiararlo è oggi l'assessore regionale alla sanità del Lazio Alessio D'Amato ma da tempo molti governatori - Toti,...

Piero Angela se n’è andato, la sua lettera d’addio: «Io ho fatto la mia parte, adesso tocca a voi»

È morto a 93 anni Piero Angela, il patriarca della divulgazione italiana. A spegnere il suo sorriso una malattia chiamata discopatia degenerativa. "Buon viaggio papà", ha scritto il figlio Alberto sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre. Nato a Torino nel 1928, Piero Angela aveva iniziato...

Anche il Comune di Maiori ottiene fondi PNRR per la transizione digitale: quasi 70mila euro per la misura PagoPA

PA digitale 2026 è l'iniziativa promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le Pubbliche amministrazioni che possono richiedere i fondi del PNRR dedicati alla digitalizzazione, rendicontare l'avanzamento dei progetti e ricevere assistenza....

Atrani: buona la prima per la briglia risistemata, nonostante nubifragio ha trattenuto il fango

Il nubifragio di ieri ha messo alla prova la Costa d'Amalfi: fiumi d'acqua tra vicoli e gradini cittadini, crollo di pietre sulla Statale e tanta paura, specialmente ad Atrani. Nella piccola cittadina, però, la briglia del torrente Dragone ha retto bene con la nuova modifica fatta alcuni mesi fa. Il...

Salerno, Questura intensifica controlli contro i Reati predatori: i consigli della Polizia di Stato

Durante la settimana di ferragosto, le città si svuotano e questa condizione spesso diventa un'occasione per i malviventi, soprattutto con riferimento ai reati contro il patrimonio e, più nello specifico, ai furti in abitazione. Il Questore della provincia di Salerno ha dunque disposto un'intensificazione...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.