Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Lorenzo martire

Date rapide

Oggi: 10 agosto

Ieri: 9 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàRavello Festival 2022, è tutto pronto per la settantesima edizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickPasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Tu sei qui: Storia e StorieMonsignor Vincenzo Conforti, ultimo primicerio dell'Insigne Collegiata di Maiori

Ravello Festival VXX edizione, è tutto pronto per l'edizione 2022 del Festival della città della musicaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

Maiori, Costiera Amalfitana, Storia, Chiesa, Personaggi, Ricordi

Monsignor Vincenzo Conforti, ultimo primicerio dell'Insigne Collegiata di Maiori

Era nato il 19 novembre 1863 da Don Andrea Conforti e da Donna Maria Giuseppina Amatruda

Scritto da (LdA Journals), mercoledì 8 dicembre 2021 14:46:34

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 dicembre 2021 14:56:23

di Donato Sarno

Esattamente settanta anni or sono, l'8 dicembre 1951, nell'antico palazzetto gentilizio di sua proprietà ubicato nel piazzale Campo di Maiori, terminava la sua esistenza terrena, ad ottantotto anni, il Reverendo Monsignor Vincenzo Conforti. Era nato il 19 novembre 1863, penultimo di undici figli, molti dei quali morti ancora in fasce, da Don Andrea Conforti e da Donna Maria Giuseppina Amatruda.

Il padre apparteneva ad una famiglia importante di possidenti ed appaltatori di opere pubbliche, ivi trasferitasi da Calvanico nel 1779, ed altrettanto distinta era la famiglia materna, proprietaria di cartiere. Cresciuto in un ambiente profondamente religioso (il padre era ascritto all'Arciconfraternita del Carmine e proprio in segno di tale appartenenza volle chiamare Carmine l'ultimo suo figlio), si avviò alla carriera ecclesiastica, venendo ordinato sacerdote nel 1887.

Ben presto entrò a far parte del Capitolo dell'Insigne Collegiata di Santa Maria a Mare, ossia del gruppo di preti (il numero complessivo previsto era di diciassette) che ivi prestavano servizio. All'epoca il Capitolo, pur avendo sofferto danni per effetto delle leggi postunitarie che avevano ad esso sottratto molte proprietà, contava ancora molti componenti; entrarvi era considerato un privilegio, in quanto tale ambìto in primis dagli appartenenti ai certi sociali più elevati.

Non a caso, in quel tempo, ben due sacerdoti della famiglia Conforti ne facevano parte: lo zio paterno don Gaetano Conforti e il cugino paterno don Venanzio Conforti, entrambi in qualità di dignitari (il primo come Primicerio, carica più importante dopo quella di Prevosto, e il secondo come Arciprete).

Il giovane don Vincenzo entrò nel Capitolo, partendo, come di norma, dal grado più basso, quello cioè di Ebdomadario, durante la prepositura di Monsignor Gaetano Confalone, al quale egli era legato da parentela per il tramite della nonna materna Rachele Cimini, e già nel 1896 divenne Canonico.

Dal 1909 entrò a far parte dei dignitari del Capitolo, prima come Arciprete, poi come Decano dal 1914 ed infine, dal 1925 in avanti, come Primicerio. Ebbe pertanto modo di collaborare strettamente con il pio Prevosto Monsignor Nicola Giordano, che era cognato di suo fratello Carmine ed era succeduto a Gaetano Confalone nel 1903; al contempo, dal 1913 e fino al 1944, ricoprì la carica di Economo Curato di Ponteprimario.

Nel 1938 don Vincenzo Conforti fu insignito del titolo di Cameriere Segreto di Sua Santità; in virtù dell'alta onorificenza conferitagli, egli ottenne il titolo di Monsignore, con diritto alla talare e alla fascia paonazze e alle scarpe con fibbie. Di carattere autoritario, ebbe a cuore per tutta la vita il lustro della sua famiglia - pretendendo sempre dai suoi numerosi nipoti e pronipoti che studiassero con profitto e si mantenessero a rango - e il decoro dei sacri edifici, per il quale fu oltremodo generoso e munifico.

Ancora oggi sono visibili in alcune chiese pavimenti fatti realizzare a sue spese e devozione e lo stesso basamento in pietra vulcanica sulla facciata della chiesa di San Francesco venne da lui donato. Fu inoltre intransigente difensore del ruolo, dei diritti e della prerogative dell'Insigne Collegiata e del Capitolo acquisiti nei secoli e ogni volta che li vide minacciati da discutibili innovazioni levò la sua voce autorevole per evitarne ogni possibile pregiudizio, non esitando ad entrare in contrasto con i Prevosti Pasquali e Mansi e finanche con lo stesso Arcivescovo di Amalfi Monsignor Ercolano Marini, opponendosi, e con successo, all'idea, da quest'ultimo avanzata, di far trasferire ad Amalfi l'archivio capitolare. I più anziani ancora lo ricordano col suo bastone richiamare all'ordine, nel piazzale Campo, i ragazzini troppo vivaci ed indisciplinati o sedere in cotta e mozzetta nello stallo corale proprio del Primicerio (quello di fronte allo stallo del Prevosto) insieme agli altri sacerdoti a cantare il Vespro della Domenica; sono ancora viventi persone che da bambini gli hanno servito Messa.

Era insomma una persona ragguardevole ed energica, che chiedeva rispetto e si faceva rispettare, come mi ricordavano sin da piccolo mia madre e miei zii, i quali di lui erano pronipoti, tutte le volte che parlavano dello "zio prete". Nel corso degli anni Monsignor Conforti vide progressivamente ridursi i sacerdoti facenti parte del Capitolo, man mano deceduti e non tutti più rimpiazzati per mancanza di sostituti: il fenomeno, che riguardò anche i Capitoli dei paesi vicini (Minori, Ravello, Scala, Atrani), era espressione di un calo di vocazioni registratosi, che preoccupò non poco l'Arcivescovo Marini, allarmato anche per il diffondersi delle prime "mode invereconde", e che si sarebbe poi notevolmente accresciuto nel periodo del postconcilio.

Amorevolmente assistito dalla nipote Donna Agatina Conforti (figlia di suo fratello Alfonso), Monsignor Vincenzo Conforti, dopo essere stato spettatore e protagonista di tanti eventi nazionali e locali (dall'inizio del Regno d'Italia sino alla Repubblica, passando per tre guerre coloniali, il Fascismo e due guerre mondiali) e dopo aver prestato il suo servizio sacerdotale per tanti decenni in un tempio mariano, venne, per singolare coincidenza, a mancare proprio in un giorno mariano per eccellenza, l'8 dicembre, quando cioè si celebra il dogma dell'Immacolato Concepimento della Vergine.

Dopo la sua morte nessun altro sacerdote ha più ricoperto in Collegiata il ruolo di Primicerio.

I suoi stemmi gentilizi, che tuttora si vedono in Collegiata e nella chiesa di San Francesco, sono testimonianza del l'azione di un sacerdote che, pur tra umane debolezze, ha svolto, nel corso della sua lunga esistenza, nella storia religiosa, civile ed artistica di Maiori un ruolo importante, degno, in quanto tale, di memoria e di ulteriori apprendimenti.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 108639108

Storia e Storie

Nuove scoperte a Pompei, riaffiorano le stanze della Domus del Larario con arredi e oggetti

Piccoli ambienti arredati rinvenuti attorno al sontuoso larario con raffigurato un "giardino incantato", già scavato nel 2018 nel corso di interventi di manutenzione dei fronti di scavo. La vita immobile di Pompei che riaffiora alla luce: ultimi istanti di vita fotografati negli arredi sconquassati dall'eruzione...

Il Paese dei balocchi

di Antonio Schiavo Se Carlo Collodi avesse conosciuto l'emporio di Mario Conte, ci avrebbe ambientato il paese dei balocchi. I tanti Lucignolo e Pinocchio (e non solo) almeno degli ultimi sessant'anni ci hanno trovato di tutto: bastava chiedere e, come d'incanto, tutto appariva. Mi sono sempre domandato...

Gore Vidal, simbolo di un epoca che ha reso Ravello famosa nel mondo

"Ravello celebra oggi il decennale della scomparsa di Gore Vidal, intellettuale di statura internazionale, che amò profondamente questa città, ampiamente ricambiato da tutta la nostra comunità. Villa Rondinaia, bianca e maestosa, abbarbicata sulle rocce, fu meta di scrittori, artisti, musicisti, politici...

Tramonti: stasera al via il Corteo Storico, ne parla l’ideatore Domenico Taiani

Dopo due anni di silenzio, torna a Polvica, frazione di Tramonti, la rievocazione del Corteo Storico. Alla sua undicesima edizione, la manifestazione ideata e creata dal professore Domenico Taiani, segretario dell'Associazione Gete, riporta in vita i fatti accaduti nel 1460, quando la popolazione aiutò...

“Ravello Rendez-Vous”: il cortometraggio su Gore Vidal e La Rondinaia, la villa a strapiombo sul mare della Costiera Amalfitana /TRAILER

Sono passati 10 anni dalla scomparsa di Gore Vidal: era il 31 luglio del 2012 quando lo scrittore, drammaturgo, saggista e sceneggiatore si spense nella sua casa di Los Angeles, all'età di 86 anni. Com'è noto, Vidal ha trascorso molti anni della sua vita in Italia: prima a Roma, e poi, presso "La Rondinaia"...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.