Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Apollinare

Date rapide

Oggi: 23 luglio

Ieri: 22 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Storia e StorieLa casa sparsa e il rapporto uomo-territorio in Costa d’Amalfi

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

La casa sparsa e il rapporto uomo-territorio in Costa d’Amalfi

Inserito da (redazionelda), giovedì 9 aprile 2015 09:57:08

Proponiamo ai nostri lettori una relazione a firma del sindaco di Furore Raffaele Ferraioli risalente al 1980 (era alla prima esperienza da primo cittadino), presentata al convegno di studi sul tema "La Casa sparsa" che si svolse ad Agerola. Nonostante siano trascorsi 35 anni, il pezzo d'archivio si mostra sempre più attuale oltre che interessante. Di seguito il testo.

 

di Raffaele Ferraioli

In "Terra e civiltà" Edward Hyams cataloga l'uomo in base a tre definizioni fondamentali: malattia della terra, parassita della terra, creatore di terra. Tali definizioni stanno a indicare una diversità di atteggiamento con dirette conseguenze sia per gli aspetti fisici del territorio, sia per lo sviluppo della storia del'uomo.

Alla luce di tali considerazioni, l'abitante della Costa d'Amalfi può essere senz'altro definito un "creatore di terra", essendo riuscito ad adottare un atteggiamento psicologico e culturale quanto mai positivo per la difesa del territorio, del quale ha rigenerato la fertilità naturale e sul quale ha organizzato un ambiente artificiale stabile.

Condizioni culturali e situazioni ambientali hanno indotto l'abitante di questo territorio a essere un instancabile quanto appassionato creatore di terra, sul modello - fatte le debite proporzioni - delle popolazioni andine, che restano, per le loro mirabili opere, l'esempio più luminoso di positività nel rapporto fra uomo e ambiente.

La costruzione dei terrazzamenti degradanti sui fianchi della montagna verso il mare ha rappresentato la soluzione di due problemi basilari: la disponibilità di aree coltivabili, con possibilità di coltura di specie differenti in base al variare dell'altitudine (uliveto e agrumeto nelle zone più basse, vigneto e frutteto in quelle medie, castagneto sui crinali); il consolidamento del suolo e la regimazione delle acque meteoriche lungo i ripidi pendii collinari. Risultati, questi, non ottenibili in via definitiva, ma legati al presidio costante dell'uomo.

Lo sviluppo degli insediamenti su un territorio così accidentato è avvenuto soprattutto nei fondivalle, dando origine ad agglomerati urbani tipicamente mediterranei oppure lungo le pendici collinari, con il sistema dello sparso abitato.

Va detto che la disposizione sparsa dei casolari sulle balze dirupanti verso il mare è solo apparentemente irrazionale e disorganica. Essa, al contrario, ha motivazioni oggettive, di ordine climatico, geologico, sociale ed economico. Sono state sempre evitate, infatti, le zone franose e dissestate, quelle climaticamente sfavorevoli per eccessiva ventilazione o per cattiva esposizione. La casa sparsa non è mai nata per caso, bensì per assolvere a una precisa funzione di servizio per l'attività agricola, di presidio della campagna, di governo del territorio.

Si è venuto così via via formando quel paesaggio fortemente umanizzato, che oggi tutto il mondo ama e apprezza, dichiarando di volerlo tutelare, difendere, preservare da ogni contaminazione. Ci troviamo senz'altro di fronte a un patrimonio ambientale e culturale di eccezionale pregio, meritevole di essere salvaguardato ad ogni costo e con ogni mezzo.

Ma quale migliore salvaguardia se non la riaffermazione. Tutelare riproducendo, conservare ricostruendo. Un modello culturalmente valido, storicamente collaudato, non può che essere riproposto.

Jean Paul Sartre definisce gli effetti di ritorno negativi, imprevisti, con il termine "controfinalità". Queste possono verificarsi in termini di reazione ad azioni tese al perseguimento di fini positivi. Riferendoci al nostro discorso, è ciò che è accaduto quando l'eccezionale magistero di trasformazione territoriale operato dall'uomo è stato abbandonato.

Le opere realizzate attraverso secoli di lavoro e rispondenti a finalità positive di consolidamento e fertilizzazione, sono state dismesse e rischiano di trasformarsi in pericolose occasioni di dissesto idrogeologico, trasformandosi, così, in controfinalità negative. Il territorio disboscato e terrazzato per fini positivi, allo scopo di renderlo coltivabile e fertile, è stato abbandonato a sé stesso ed esposto a seri pericoli di erosione, dilavamento e smottamento, con conseguenze disastrose, sia per la difesa del suolo, che per quella, altrettanto nobile, del paesaggio.

La casa sparsa impone la presenza continua e diffusa dell'uomo sul territorio, quale fattore di equilibrio indispensabile e insostituibile. Le aree non presidiate sono indifese ed esposte al grave processo di degrado e di disgregazione già presente in molte zone in maniera a dir poco preoccupante.

La vera tutela è quella attiva, tesa a "governare" il territorio. L'allontanamento dell'uomo dalle zone collinari, dai fondi agricoli, dai terrazzamenti costieri si traduce in un lento quanto inesorabile degrado. Le opere di regimazione man mano scompaiono, le forti pendenze provocano velocità e accrescono la capacità erosiva delle piogge. Si innescano in tal modo fenomeni di colata lavica, specie nelle zone più acclivi e in quelle desertificate dai ricorrenti incendi boschivi. L'abbandono da parte dell'uomo si traduce fatalmente nel mancato ridisegno dei canali di scolo lungo i terrazzamenti agricoli, con conseguente, irregolare ed incontrollato deflusso delle acque. Le "macerine", chiamate a sopportare spinte anomale, vanno in crisi e franano a valle, innescando paurosi processi di smottamento.

Questo disastro annunciato deve essere assolutamente evitato. Bisogna salvare l'agricoltura per salvare il territorio, incoraggiare e invogliare l'uomo a restare negli insediamenti originari, rinunciare a spingerlo nei centri urbani, dissuaderlo dall'andare a inscatolarsi nei palazzi condominiali.

Certe moderne teorie urbanistiche, basate sul principio dell'agglomerazione, pur rispondendo a giuste esigenze di risparmio finanziario negli interventi di urbanizzazione e di infrastrutturazione risultano poco plausibili nella nostra realtà e, oltretutto, contrastano con le tradizioni storiche e culturali delle nostre popolazioni. I "trapianti" forzati e innaturali, indotti dall'espansione dell'attività turistica, qui da noi comportano fatalmente crisi di rigetto molto pericolose.

Bisogna prendere atto di questa verità e capire che la Costa d'Amalfi, con i suoi connotati storicamente consolidati, deve essere rispettata per quella che è sempre stata e deve continuare ad essere. Questa consapevolezza deve radicarsi nella coscienza di noi tutti, se vogliamo veramente salvare questo splendido territorio, "patrimonio mondiale dell'umanità", che tutti ci invidiano.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 103638107

Storia e Storie

La festa della Maddalena ad Atrani e il rito del sarchiapone

di Sigismondo Nastri - Gli atranesi erano fieri, e lo sono ancora, della festa che organizzano il 22 luglio, nella ricorrenza della protettrice, Santa Maria Maddalena. L'indimenticabile Michele Buonocore, vigile urbano, ma anche poeta e cultore della storia e delle tradizioni locali, mi recuperò i versi...

Taylor Swift: la famiglia della popstar americana era originaria di Cava de’ Tirreni

È instancabile il lavoro del Gruppo Cava Storie, che in vista dell'ultimo concerto italiano di Taylor Swift ha avviato delle minuziose ricerche sulle sue origini. In un articolo a firma di Aniello Ragone, edito su La Città di Salerno, si rivela come la famiglia della popstar internazionale fosse originaria...

Oggi è il Nelson Mandela Day: si celebra l'eredità di un'icona globale per la Pace

Oggi, 18 luglio, si celebra il Nelson Mandela day, una giornata internazionale dedicata a onorare la vita e l'eredità di Nelson Mandela, uno dei leader più iconici e influenti del XX secolo. La data non è casuale: il 18 luglio è il giorno del compleanno di Mandela, nato nel 1918 in un piccolo villaggio...

Pompei, scoperta inattesa getta luce sulla storia della Spagna

Una brillante carriera militare, poi il buen retiro a Pompei, nella cittadina campana, famosa per la bellezza del paesaggio e le vedute sul golfo di Napoli, che attirava anche personaggi come Cicerone e Agrippa. È quanto emerge dall'iscrizione su una tomba trovata durante i lavori per la realizzazione...

Arma dei Carabinieri: 210 anni di fedeltà e servizio

Quest'anno ricorre il 210° anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri, un'occasione per riflettere su oltre due secoli di servizio e fedeltà allo Stato e ai cittadini. La storia dell'Arma inizia in un periodo di grandi cambiamenti e incertezze, segnato dalla caduta di Napoleone Bonaparte...