Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 14 minuti fa S. Pietro Eymard sac.

Date rapide

Oggi: 26 febbraio

Ieri: 25 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Connectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Sal De Riso Costa d'Amalfi, il sito ufficiale del Maestro Pasticciere membro e presidente dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani (AMPI) Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaPasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniHotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Storia e StorieLa casa sparsa e il rapporto uomo-territorio in Costa d’Amalfi

Casa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Storia e Storie

La casa sparsa e il rapporto uomo-territorio in Costa d’Amalfi

Inserito da (redazionelda), giovedì 9 aprile 2015 09:57:08

Proponiamo ai nostri lettori una relazione a firma del sindaco di Furore Raffaele Ferraioli risalente al 1980 (era alla prima esperienza da primo cittadino), presentata al convegno di studi sul tema "La Casa sparsa" che si svolse ad Agerola. Nonostante siano trascorsi 35 anni, il pezzo d'archivio si mostra sempre più attuale oltre che interessante. Di seguito il testo.

 

di Raffaele Ferraioli

In "Terra e civiltà" Edward Hyams cataloga l'uomo in base a tre definizioni fondamentali: malattia della terra, parassita della terra, creatore di terra. Tali definizioni stanno a indicare una diversità di atteggiamento con dirette conseguenze sia per gli aspetti fisici del territorio, sia per lo sviluppo della storia del'uomo.

Alla luce di tali considerazioni, l'abitante della Costa d'Amalfi può essere senz'altro definito un "creatore di terra", essendo riuscito ad adottare un atteggiamento psicologico e culturale quanto mai positivo per la difesa del territorio, del quale ha rigenerato la fertilità naturale e sul quale ha organizzato un ambiente artificiale stabile.

Condizioni culturali e situazioni ambientali hanno indotto l'abitante di questo territorio a essere un instancabile quanto appassionato creatore di terra, sul modello - fatte le debite proporzioni - delle popolazioni andine, che restano, per le loro mirabili opere, l'esempio più luminoso di positività nel rapporto fra uomo e ambiente.

La costruzione dei terrazzamenti degradanti sui fianchi della montagna verso il mare ha rappresentato la soluzione di due problemi basilari: la disponibilità di aree coltivabili, con possibilità di coltura di specie differenti in base al variare dell'altitudine (uliveto e agrumeto nelle zone più basse, vigneto e frutteto in quelle medie, castagneto sui crinali); il consolidamento del suolo e la regimazione delle acque meteoriche lungo i ripidi pendii collinari. Risultati, questi, non ottenibili in via definitiva, ma legati al presidio costante dell'uomo.

Lo sviluppo degli insediamenti su un territorio così accidentato è avvenuto soprattutto nei fondivalle, dando origine ad agglomerati urbani tipicamente mediterranei oppure lungo le pendici collinari, con il sistema dello sparso abitato.

Va detto che la disposizione sparsa dei casolari sulle balze dirupanti verso il mare è solo apparentemente irrazionale e disorganica. Essa, al contrario, ha motivazioni oggettive, di ordine climatico, geologico, sociale ed economico. Sono state sempre evitate, infatti, le zone franose e dissestate, quelle climaticamente sfavorevoli per eccessiva ventilazione o per cattiva esposizione. La casa sparsa non è mai nata per caso, bensì per assolvere a una precisa funzione di servizio per l'attività agricola, di presidio della campagna, di governo del territorio.

Si è venuto così via via formando quel paesaggio fortemente umanizzato, che oggi tutto il mondo ama e apprezza, dichiarando di volerlo tutelare, difendere, preservare da ogni contaminazione. Ci troviamo senz'altro di fronte a un patrimonio ambientale e culturale di eccezionale pregio, meritevole di essere salvaguardato ad ogni costo e con ogni mezzo.

Ma quale migliore salvaguardia se non la riaffermazione. Tutelare riproducendo, conservare ricostruendo. Un modello culturalmente valido, storicamente collaudato, non può che essere riproposto.

Jean Paul Sartre definisce gli effetti di ritorno negativi, imprevisti, con il termine "controfinalità". Queste possono verificarsi in termini di reazione ad azioni tese al perseguimento di fini positivi. Riferendoci al nostro discorso, è ciò che è accaduto quando l'eccezionale magistero di trasformazione territoriale operato dall'uomo è stato abbandonato.

Le opere realizzate attraverso secoli di lavoro e rispondenti a finalità positive di consolidamento e fertilizzazione, sono state dismesse e rischiano di trasformarsi in pericolose occasioni di dissesto idrogeologico, trasformandosi, così, in controfinalità negative. Il territorio disboscato e terrazzato per fini positivi, allo scopo di renderlo coltivabile e fertile, è stato abbandonato a sé stesso ed esposto a seri pericoli di erosione, dilavamento e smottamento, con conseguenze disastrose, sia per la difesa del suolo, che per quella, altrettanto nobile, del paesaggio.

La casa sparsa impone la presenza continua e diffusa dell'uomo sul territorio, quale fattore di equilibrio indispensabile e insostituibile. Le aree non presidiate sono indifese ed esposte al grave processo di degrado e di disgregazione già presente in molte zone in maniera a dir poco preoccupante.

La vera tutela è quella attiva, tesa a "governare" il territorio. L'allontanamento dell'uomo dalle zone collinari, dai fondi agricoli, dai terrazzamenti costieri si traduce in un lento quanto inesorabile degrado. Le opere di regimazione man mano scompaiono, le forti pendenze provocano velocità e accrescono la capacità erosiva delle piogge. Si innescano in tal modo fenomeni di colata lavica, specie nelle zone più acclivi e in quelle desertificate dai ricorrenti incendi boschivi. L'abbandono da parte dell'uomo si traduce fatalmente nel mancato ridisegno dei canali di scolo lungo i terrazzamenti agricoli, con conseguente, irregolare ed incontrollato deflusso delle acque. Le "macerine", chiamate a sopportare spinte anomale, vanno in crisi e franano a valle, innescando paurosi processi di smottamento.

Questo disastro annunciato deve essere assolutamente evitato. Bisogna salvare l'agricoltura per salvare il territorio, incoraggiare e invogliare l'uomo a restare negli insediamenti originari, rinunciare a spingerlo nei centri urbani, dissuaderlo dall'andare a inscatolarsi nei palazzi condominiali.

Certe moderne teorie urbanistiche, basate sul principio dell'agglomerazione, pur rispondendo a giuste esigenze di risparmio finanziario negli interventi di urbanizzazione e di infrastrutturazione risultano poco plausibili nella nostra realtà e, oltretutto, contrastano con le tradizioni storiche e culturali delle nostre popolazioni. I "trapianti" forzati e innaturali, indotti dall'espansione dell'attività turistica, qui da noi comportano fatalmente crisi di rigetto molto pericolose.

Bisogna prendere atto di questa verità e capire che la Costa d'Amalfi, con i suoi connotati storicamente consolidati, deve essere rispettata per quella che è sempre stata e deve continuare ad essere. Questa consapevolezza deve radicarsi nella coscienza di noi tutti, se vogliamo veramente salvare questo splendido territorio, "patrimonio mondiale dell'umanità", che tutti ci invidiano.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

La casa sparsa e il rapporto uomo-territorio in Costa d’Amalfi

rank: 108737106

Storia e Storie

A Positano il mare restituisce due monete risalenti all'epoca borbonica e post-rivoluzione francese

Il 13 febbraio scorso a Positano sono state ritrovate due monete del passato: Una risalente all'epoca borbonica e l'altra ad appena qualche anno dopo la Rivoluzione Francese. A fare la preziosa scoperta, sulla spiaggia di Fornillo, Daniele Esposito dell'Associazione Macchia Mediterranea, che ha condiviso...

Il maiorese Filippo Civale torna a scuola a 88 anni: memoria storica e ponte tra generazioni /FOTO

Un viaggio nel tempo, una lezione di storia viva, un ponte tra generazioni. All'interno degli eventi organizzati dall'Istituto Giovanni Pascoli di Tramonti, Filippo Civale, il vivace nonnino di Maiori oggi 88enne, ha condiviso la sua preziosa esperienza di vita con gli studenti delle terze e quarte elementari....

Maiori, Jack e Barone in visita dopo la chiusura del parcheggio alla Grotta /foto

Una visita di poche ore, una bella passeggiata dal lussureggiante giardino in cui risiedono adesso fino allo studio veterinario di Maiori per una visita di controllo, quella che ha consentito a Jack e Barone di passare davanti alla loro grotta questo pomeriggio. In molti, dopo la chiusura del parcheggio...

Maiori, il ricordo del prof. Carmine Conforti nel 18° anniversario della sua morte

Raffaela Amato, docente in pensione e appassionata di poesia, ha dedicato alcuni versi alla memoria del compianto prof. Carmine Conforti, scomparso 18 anni fa, il 25/01/2006. Uomo colto e appassionato di storia, molto si è impegnato per la difesa del patrimonio culturale e ambientale del nostro territorio....

La Costiera Amalfitana negli anni cinquanta negli scatti realizzati da una fotografa tedesca

L'archivio della Biblioteca Hertziana - Istituto Max Planck di Roma è ricco di materiale riguardante luoghi d'interesse storico e artistico, tra cui una vasta collezione di immagini. Queste includono donazioni di fotografi e viaggiatori, come Ursula Wachtel, che ha realizzato migliaia di diapositive...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.