Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Vincenzo de' Paoli

Date rapide

Oggi: 27 settembre

Ieri: 26 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieRavello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Il rito propiziatorio alla ricerca del tesoro nascosto

Ravello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

La sentenza della Gran Corte Criminale di Salerno dell'11 settembre 1844 condannò tre persone alla pena di morte

Scritto da (redazione), martedì 6 aprile 2021 16:22:14

Ultimo aggiornamento martedì 6 aprile 2021 16:22:54

Nell'aprile 1841 un tremendo crimine venne commesso a Ravello. Un bambino di tre anni venne rapito e sacrificato a Palazzo Rufolo. Una storia raccontata negli atti processuali ma anche in un manoscritto di sir Francis Nevile Reid che dopo nove anni acquistò la villa.

La leggenda narrava di un "tesoro nascosto" nel centro storico di quella che fu l'opulenta Ravello, tra palazzi diroccati dei Rufolo e dei Confalone. E solo con un rito propiziatorio si poteva entrare in possesso del tesoro. Intorno al 1821 abitava in una parte del palazzo D'Afflitto (oggi sede dell'hotel Caruso) un siciliano, Don Paolo "il campanellista" che, secondo la vulgata, con una sua verga di ottone in cui era racchiuso uno spirito guida aveva scoperto a Torello due anfore piene di monete. A Ravello la fama di quest'uomo arrivò al punto da formarsi uno stuolo di seguaci, assistenti nelle esplorazioni degli ambienti interrati del palazzo Rufolo, alla ricerca di tesori. Secondo il racconto popolare, in una sala inesplorata Don Paolo si trovò una notte di fronte quattro grandi statue d'oro massiccio e una figura barbuta, riccamente vestita, che in ebraico sentenziò: se non gli avessero portato l'anima di un bambino di tre anni nessuno avrebbe potuto godere di quelle ricchezze; al prodigio assisterono anche i proseliti e tra questi apprendisti-stregoni era un ragazzo di nome Tommaso Manzo. Vent'anni dopo questi fatti Tommaso Manzo, detto Tommasone, fu reputato in patria "mastro di stregoneria", ma, erede o no delle arti di Don Paolo, era già noto alla Corte Criminale come pregiudicato per reati di furto e violenza privata. Al suo rientro in paese dal carcere di Ponza, insieme al suo "cerchio magico" composto dal fratello Matteo, Pantaleone Imparato, Giovanni d'Agostino, Giovanni e Bonaventura, muniti di un "libro di segreti" tentano di scavare un "tesoro" nella chiesa sconsacrata di Sant' Andrea del Pendolo, senza riuscirvi. Si fa strada in quelle povere menti guaste che per riuscire nell'impresa occorreva versare il contributo di sangue innocente, come richiesto dallo spirito custode degli ori sepolti.

Tentano di comprare un infante di tre anni da un poverissimo padre di molti figlioli offrendogli tre ducati ma questi, intuendo il destino della sua creatura, si rifiuta. Non desistono però gli invasati. Nel pomeriggio del 6 aprile 1841, martedì prima di Pasqua, scompare da Ravello il piccolo Onofrio Somma, di circa tre anni: mentre giocava nel Largo Santa Maria del Lacco era stato afferrato da Manzo e nascosto rapidamente in un cestone per gli erbaggi. Il piccolo Onofrio viene prima portato in casa del Manzo e poi segregato in una casa fuori del paese.

Il padre del bambino, disperato, si rivolge per consiglio alla clarissa Suor Rosa, nota nel circondario come "la monaca santa", la quale gli dice che solo Tommasone poteva fargli riavere suo figlio; allora il 10 aprile si reca a casa di costui, che però nega ogni possibilità d'intervento. Manzo e gli altri cinque aspettano ancora sei giorni prima di eseguire il sacrificio rituale, e, cessate le infruttuose ricerche da parte del padre e della forza pubblica, la notte del 16 aprile, tenendo per mano il bambino, vanno al Palazzo Rufolo.

Si riportano le testimonianze rese da alcuni "pentiti" tra i complici nel corso dell'istruttoria: "..Si accende una lanterna, si sparge a terra un fiaschetto d'olio, d'Agostino continua a tener per mano il fanciullo, ed Imparato lo tiene per le spalle. Tommaso Manzo apre un libro grande tutto affumicato: e comincia a leggere, facendo degli scongiuri. Era scorsa quasi un'ora e mezza che si facevano quelle operazioni magiche, e vedendo che nulla si ricavava d'Agostino si sdegna, ed esclamando: Mannaggia l'anima del diavolo, qui non ne ricaviamo nulla, risolsero tutti di compiere le operazioni nell'altro diruto palagio Confalone, si fermano in un vano di quell'edifizio, dove riaccesa la lucerna, Tommaso Manzo fa col coltello un cerchio sul suolo, e situato nel mezzo in piedi il suddetto fanciullo, tenuto per le spalle da ambedue le mani da Imparato, apre il libro, e comincia a leggere. In questo frattempo d'Agostino situandosi avanti il ragazzo, impugna colla destra un temperino a due lame, e colla sinistra otturandogli la bocca lo uccide, recidendogli la canna della gola, ed indi lambisce il sangue di cui la lama era intrisa".

Il corpo del bambino viene rinvenuto all'alba del 21 aprile nei pressi del camposanto. A leggere lo stato del piccolo cadavere nella descrizione della perizia medico-legale c'è da inorridire. Dopo la confessione di alcuni dei sospettati e all'arresto dell'intero gruppo seguirà un lungo processo, riassunto da Stefano Pucci, avvocato della difesa, nel volume "Discorsi in materia criminale", stampato a Salerno presso Migliaccio nel 1857. La sentenza della Gran Corte Criminale di Salerno viene emessa l'11 settembre 1844 e condanna Tommaso Manzo, Giovanni D'Agostino e Pantaleone Imparato alla pena di morte, Giovanni e Bonaventura Amato rispettivamente a trenta e a dieci anni di carcere; l'esecuzione capitale dei primi tre si ebbe a Salerno la sera dell'11 giugno 1845. Sono risultati utili alla ricostruzione della vicenda il testo di Reid e la sua seconda edizione (Londra, 1909 a cura di E.Allen e C.C. Lacaita), parzialmente ripubblicata da Paolo Emilio Bilotti ("Palazzo Rufolo" in "Archivio Storico della Provincia di Salerno", A.II,fasc.1-2, Salerno, 1922, pag. 75-83), ed infine il volume citato dell'avvocato Pucci, che riporta l'intera istruttoria, il testo dei ricorsi e le motivazione della sentenza.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...