Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Eleuterio vescovo

Date rapide

Oggi: 18 aprile

Ieri: 17 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaGambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneConnectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa morte non è la fine di tutto... chi si ferma è perduto! L'opera di Don Pantaleone

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazione

Storia e Storie

La morte non è la fine di tutto... chi si ferma è perduto! L'opera di Don Pantaleone

Scritto da (redazione), lunedì 22 marzo 2021 16:39:42

Ultimo aggiornamento lunedì 22 marzo 2021 17:10:25

di Nicola Amato

 

Ricorrono oggi sedici anni dalla scomparsa di Mons. Pantaleone Amato avvenuta il 22 marzo del 2005, martedì santo.

Per l'occasione, quale nipote ed esecutore di alcune sue volontà testamentarie, mi piace ricordare alcuni aspetti della vita di Don Pantaleone per rappresentare il ns impegno sulla strada tracciata da Don Pantaleone.

Pochi giorni prima della risurrezione di Cristo, Don Pantaleone, illuminato da Dio, già presagendo l'avvicinarsi al Padre celeste, aveva scritto il suo testamento spirituale nel messaggio pasquale che di lì a qualche giorno sarebbe stato distribuito ai suoi parrocchiani.

"La vita di tutti noi dovrebbe essere una corsa verso l'Assoluto... Sulla strada che ci porta a Dio è necessario correre, così potremo scoprire quanto sia vuota la vita senza Dio...... Chi si ferma è perduto; chi dispera di trovare Dio nella propria vita, oggi, domani o sempre, forse non lo troverà mai".

Aveva anche scritto che " ...la morte non è la fine di tutto" perché chi crede in Gesù è meritevole della vita eterna.

La missione affidata a tutti noi è quella di cercare Dio non nelle cose materiali di questa terra, che non fanno altro che allontanarci dal messaggio evangelico, ma correre sulla via del bene ed essere testimoni, perché Gesù è veramente risorto ed è il primo di una immensa folla di figli di Dio, per cui la morte non è la fine di tutto.

Ecco gli insegnamenti indelebili che ci ha lasciato: correre sulla via del bene e alla ricerca di Dio, senza tener conto se si è giovani o vecchi, se è giorno o notte, se è mattino o sera, se da soli o in compagnia.

Ho voluto riportare questi passaggi e insegnamenti significativi della vita terrena di Don Pantaleone in cui egli parla della vita di ognuno di noi: una vita che si regge sul movimento, sul correre continuo e guai a fermarsi, perché chi si ferma è perduto! Quindi si sprona a correre sulla via del bene e alla ricerca di Dio, senza tener conto se si è giovani o vecchi, se è giorno o notte, se è mattino o sera, se da soli o in compagnia.

"L'importante è che tutti ci sforziamo a rendere questo mondo sempre più bello e accogliente con la nostra fede, col nostro amore e con la nostra umiltà".

SEMPRE PRESENTE

Ma la corsa di Don Pantaleone non era solo spirituale. Se ripercorriamo col pensiero "La strada di Don Pantaleone" , ci accorgiamo che tutto ciò che circonda quanti vivono nella periferia di Ravello, dagli abitanti di San Cosma a quelli di Torello, alla comunità di San Pietro alla Costa, agli abitanti di Sambuco, parla di Don Pantaleone: le sue intraprendenti iniziative sono diventati dei monumenti pieni di vita, come la Chiesa e la Casa Diocesana di Sambuco, la Casa del Pellegrino di San Cosma, le case per i cittadini sempre a San Cosma, la ristrutturazione delle chiese di Torello e San Pietro, e, su tutti, il Santuario, un monumento ricco di vita e di fede, nonchè la strada, quella rotabile, per alleviare il pellegrino che, ammalato, chiedeva il conforto dei Santi medici.

Don Pantaleone sia in vita che dopo la morte ha avuto sempre a cuore la sua Parrocchia di San Pietro alla Costa e San Michele Arcangelo di Torello, ma soprattutto il Santuario dei Santi medici Cosma e Damiano, suoi compagni in vita.

Nel testamento olografo, ha lasciato ogni suo avere alla Parrocchia, ai sacerdoti bisognosi e ai poveri, preoccupandosi di assicurare una dote per le necessità e il fabbisogno della Chiesa-Santuario di San Cosma e Damiano, lasciando allo stesso ogni suo avere, al fine di assicurare un sostegno economico ai suoi successori per continuare la sua opera.

Ne la "Voce del Santuario" del 1972, don Pantaleone scriveva: Un proverbio dice: chi si ferma è perduto. La vita è nel movimento. Quanti lavori sono stati intrapresi, eppure il traguardo non è ancora raggiunto. Per tutto quanto c'è la Provvidenza che tutto vede e a tutto provvede.

IL NUOVO CORSO

In questi anni abbiamo cercato di emulare il ns compianto parroco continuando la sua opera.

E così ci siamo improvvisati costruttori di opere che tanto hanno giovato alle ragioni della Chiesa Santuario (Ascensore, Casa di accoglienza, Piazzetta, adeguamento Santuario) e della Parrocchia (Cripta San Pietro, Chiesa Torello e da ultimo il restauro della Chiesa di San Pietro).

Oggi stiamo ristrutturando le case sottostanti il Santuario per concederle in locazione alle giovani coppie e/o a chi si trova in difficoltà.

Noi ci siamo impegnati a continuare l'opera di Don Pantaleone, lo facciamo volontariamente perché ci crediamo, con spirito di servizio e di fede, non senza sacrificio, senza mai fermarci, nella certezza che le future generazioni sapranno cogliere quest'impegno e saranno motivati dal continuare l'opera di Don Pantaleone, per il bene della Chiesa e degli uomini.

Ad oggi vorremmo che Don Pantaleone ci sorridesse da lassù per trasmetterci la certezza che la morte non sia la fine di tutto!

>Leggi anche:

Ravello, lavori al complesso residenziale di San Cosma: 8 nuovi appartamenti per le famiglie

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Ravello, la storia del bambino rapito e ucciso a Villa Rufolo nel 1841

Nell'aprile 1841 un tremendo crimine venne commesso a Ravello. Un bambino di tre anni venne rapito e sacrificato a Palazzo Rufolo. Una storia raccontata negli atti processuali ma anche in un manoscritto di sir Francis Nevile Reid che dopo nove anni acquistò la villa. La leggenda narrava di un "tesoro...

Un piatto da Dio

di Antonio Schiavo Cosa muove il meraviglioso meccanismo neurologico dei ricordi? Un'immagine, un suono, una sensazione, un profumo? In questo caso...un sapore. Sì, un sapore: quello di uno stupefacente piatto di spaghetti a vongole; una sapiente miscela di pasta al dente, aglio e prezzemolo, olio quanto...

Il ricordo di Angela Della Pietra

di Rita Di Lieto Piccola, graziosa, ti accoglieva con un dolce sorriso, gli occhi vivaci e la gentilezza signorile d'altri tempi, un mondo tutto casa e chiesa. La scuola, asilo dalle Suore Domenicane ed elementari pubbliche, ha avuto su di lei un'influenza durata l'intera sua vita ultracentenaria. Amava...

La troccola del Venerdì Santo: ricordi di Ravello

Nel giorno del Venerdì Santo, in cui si fa memoria della passione e morte di Cristo sulla croce, anche le campane interrompono la loro attività. Il silenzio che un tempo avvolgeva le nostre comunità, nella fede e nella pietà popolare, veniva rotto soltanto dal suono di un particolare strumento. In sostituzione...

Il Venerdì Santo dei nostri nonni: la pia pratica delle tre ore di agonia

di Donato Sarno Un tempo la Quaresima era un periodo di penitenza e mortificazione particolarmente sentito, in cui venivano generalmente e scrupolosamente osservate le norme della Chiesa che imponevano il digiuno e l'astinenza dalle carni in preparazione alla Pasqua. Il Venerdì Santo, giorno di commemorazione...