Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Marino martire

Date rapide

Oggi: 3 marzo

Ieri: 2 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAntica Pasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830, la tradizione a casa vostra con i dolci pasquali di Pansa, oggi anche on line

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa dura contesa politica ad Amalfi di inizio Novecento: quei colpi di revolver esplosi in Piazza Duomo

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Sal De Riso augura a tutti i lettori de Il Vescovado una Buona Pasqua e invita a visitare il suo nuovo portale dedicato ai suoi capolavori di dolcezza: La Colomba pasquale

Storia e Storie

La dura contesa politica ad Amalfi di inizio Novecento: quei colpi di revolver esplosi in Piazza Duomo

Scritto da (redazione), giovedì 27 agosto 2020 11:43:18

Ultimo aggiornamento domenica 20 settembre 2020 09:29:28

di Sigismondo Nastri

Il 5 dicembre 1909: seconda domenica di avvento. Già di primo mattino la piazza di Amalfi era attraversata da intere famiglie - uomini, donne, bambini, col vestito buono della festa -, dirette in cattedrale per la messa. Il tempo era coperto, minacciava pioggia. All'improvviso ci fu un trambusto, causato da due colpi di revolver. Chi scappava, di cercava di salire velocemente la scalinata del duomo per trovare riparo nella cattedrale. I pochi temerari che accorsero sul luogo degli spari, per capire cosa fosse successo, si trovarono dinanzi questa scena: Giovanni Anastasio, che ancora ancora col revolver stretto nella mano, e Francesco Ruoppolo, steso al suolo sanguinante. I soccorsi al ferito furono immediati, così pure l'arresto dell'autore del delitto.

Giovanni Anastasio, apprezzato pittore e abile caricaturista (si firmavaAnà), dopo la laurea in giurisprudenza faceva le sue prime esperienze professionali nello studio notarile del padre, Nicola, esponente di rilievo del partito delle "sciamberghe" (delle marsine: cioè di una classe sociale elevata), noto anche come partito Camera-Pansa, dato che faceva riferimento a due notabili locali: Luigi Camera e il canonico Giuseppe Pansa.

Francesco Ruoppolo era il potente assessore della giunta capeggiata dal sindaco Nicola Casanova, leader del partito delle "giacchette" (così denominato per evidenziarne il carattere popolare).

La situazione politica, a quell'epoca, è così descritta da Enrico Altavilla:«Al governo del Comune di Amalfi vi sono state sempre a dominare, più o meno dispoticamente, intere caste o intere famiglie, e durante l'imperio di una, vessazioni e ripicchi si usavano sempre in danno dell'altra avversa».Significativo è lo sfogo contenuto in una lettera indirizzata da Clemente Mauro, sostenitore del professore Marghieri, a Roberto Talamo. Reca la data del 25 febbraio 1909: «Quello che più mi addolora è la lotta di Amalfi. Dovremo forse far ritirare il Marghieri. E' un'intera sollevazione del Collegio contro di lui. Io non ho più che cosa fare: ho scritto lettere a centinaia, ho chiamato un mondo di persone qui; ma il lavoro è ingrato. Non so come si sieno potuti accumulare in pochi anni tanti odi contro un uomo di tanto valore».

Alberto Marghieri, napoletano, avvocato e giurista famoso, docente universitario di diritto commerciale, era stato eletto il 6 novembre 1904, nel collegio della Costiera, battendo il marchese Guido Mezzacapo di Maiori. Il seggio fu poi conquistato dal medico Biagio De Cesare di Minori il 7 marzo 1909 e da Pietro Pellegrino, di Vietri sul Mare, il 27 ottobre 1913. Una cosa c'è da sottolineare: nei primi sessant'anni del regno, non vi fu mai un cittadino amalfitano in competizione per il parlamento. Fino a quando, nelle votazioni per la XXV legislatura, il 26 novembre 1919, non si ebbe l'elezione dell'avvocato Salvatore Camera.

La spiegazione va trovata, forse, in quel che scriveva, già nel 1892, Umberto Moretti: e cioè che gli amalfitani, «pacifici cittadini, ossequientissimi alle leggi, rivolsero costantemente le loro cure alla prosperità delle industrie locali e specialmente pensarono ad allargare sempre più il campo del loro commercio, dal quale ritraggono in gran parte la propria sussistenza».Al punto che la città«non à a rimpiangere alcuna vittima della persecuzione borbonica. Perfino il cambiamento di governo nel 1860, avvenne colà colla più perfetta calma, sottentrando alla vecchia amministrazione, quella stabilita dal governo provvisorio nelle persone del Sig. Torre Andrea, Sindaco, che sostituì il Sig. Matteo Camera, mentre il Pretore (allora Giudice Regio) Sig. Giovanni Giaccheri, rimase in carica».

Un documento del 1909 dichiara esplicitamente che in costiera le scelte elettorale vengono determinate dai grandi elettori che«oggi votano pel candidato di opposizione costituzionale, più tardi potranno sostenere il candidato più sovversivo con la stessa incoscienza o venalità per la quale sono spinti alla lotta ore dall'uno or dall'altro dei due partiti locali».

Il prefetto aveva già manifestato le sue preoccupazioni al governo:«Elementi torbidi Collegio Amalfi, e non sono pochi, vanno cercando una persona possibilmente ricca, da contrapporre all'on. Marghieri, al preciso scopo di creare una lotta per spillare danaro come già fecero. Sino a questo momento non è ben sicuro che loro candidato possa essere De Cesare il quale ancora non ha fatto ritorno dall'America, dove trovasi da due anni e che sarebbe certamente avversario temibilissimo... converrà usare mezzi energici specialmente per Amalfi onde tenere a freno quell'amministrazione comunale».

Ad Amalfi si combatteva una vera e propria guerra per il potere, senza esclusione di colpi. Riferiamo due episodi che ci sembrano particolarmente illuminanti.

Il 16 ottobre 1903, il sindaco Casanova denunciò al Procuratore del Re di Salerno il notaio Anastasio (che aveva autenticato la firma di un cittadino, risultata falsa) in calce alla domanda di iscrizione nella lista elettorale. L'Anastasio era sotto tiro per il suo passaggio all'opposizione, dopo essere stato eletto consigliere comunale nelle file del partito Casanova. In quella che veniva ipotizzata come "frode elettorale" era coinvolto persino il canonico Pansa, accusato di non essere "modello di virtù", di spendere tutta la sua energia "accaparrando il maggior numero di elettori" e, in un certificato rilasciato dal sindaco, di serbare "una provocatrice condotta".

In un rapporto del brigadiere comandante della stazione Carabinieri, Paolo Romeo, in data 29 febbraio 1904, si legge:«Tanto il notaio Anastasio Nicola quanto il Branda Pietro e il Galoppi Nicola (questi ultimi firmarono l'atto in qualità di testimoni) sottoscrissero la domanda (di tal Lucibello Andrea) bonariamente, senza sapere di commettere una falsità, tanto più che il Branda, che essendo allora giovane di studio del notaio Anastasio, ha dovuto per giocoforza cedere alle richieste di questo. Sono responsabili invece il Proto Francesco fu Giuseppe che presentò la domanda al notaio Anastasio, ed il signor Pansa Giuseppe sacerdote che l'ha provocata. Tutti i pervenuti, nonché il Camera Luigi fu Andrea, sono contrari al partito Casanova, anzi l'Anastasio fino a poco tempo fa era associato agli attuali amministratori, anzi era stato il capo dirigente di quel partito Casanova, ma poi per questioni d'interessi con Casanova e per altri privati si divise dal partito».Il giudizio si risolse con una dichiarazione di«non luogo a penale procedimento per difetto di indizi».

I due colpi di revolver esplosi in piazza, quasi ai piedi della scalinata del duomo, la mattina del 9 dicembre 1909 vanno riferiti a un quadro generale che vedeva Amalfi divisa in due blocchi: le "sciamberghe" e le "giacchette". L'assessore ferito, Francesco Ruoppolo, morì dieci giorni dopo a Napoli, nella clinica dove era stato ricoverato, per sopraggiunta setticemia. Il processo che ne seguì si concluse il 27 marzo 1914 con una sentenza di assoluzione piena. Davanti ai giudici sfilò un'intera città - notabili e popolani, religiosi e laici - il più delle volte a dichiarare il falso, a seconda del gruppo di appartenenza. La suddivisione in "buoni" e "cattivi" poteva anche avere il sigillo dell'ufficialità. Ne è prova un documento del 21 gennaio 1911 col quale il sindaco Casanova attesta«che i signori Guido e Ferdinando Francese, Girolamo Gambardella, Francesco di Pino, Camera Andrea ed Alfonso, Amodio Salvatore, Scoppetta Vincenzo, Nastri Antonio ed Alfonso, Luigi di Lieto, Pansa Gabriele e Giuseppe, de Stefano Pasquale e Saverio, Amatruda Giovanni, Amatruda Salvatore, d'Amato Gennaro erano notoriamente nemici accaniti di Ruoppolo Francesco e, per ragione di parte, sono capaci di mentire alla Giustizia per favorire i loro Alleati ed amici Giovanni Anastasio ed Andrea Pace».

In campo opposto, Antonio Camera, Girolamo Gambardella e Guglielmo Francese, persone appartenenti ad una condizione economica e sociale elevata, subirono una condanna per avere dichiarato di aver visto Ruoppolo che percuoteva con un ombrello l'Anastasio. La circostanza non fu ritenuta veritiera. Ciò nonostante, tra le due tesi, complotto politico o legittima difesa, la Corte di Assise optò per quest'ultima. Vale la pena di ricordare [a mi viene da ridere, pensando a quello che si verifica oggi] il movente del delitto: un'ordinanza del sindaco, emanata due giorni prima, subito notificata, imponeva alla famiglia Anastasio di abbattere una casa in via "fuori Vagliendola", costruita - così risulta dagli atti - su suolo pubblico. Si trattava di un abuso commesso per lo meno da vent'anni. Era stato contestato il 15 dicembre 1895. Il 17 settembre 1898 il consiglio comunale aveva deciso di chiudere la questione con una sanatoria, senza prevedere alcuna sanzione pecuniaria. Di conseguenza, l'atto deliberativo non fu approvato dalla Giunta provinciale amministrativa. Dopo oltre dieci anni, era stato proprio il Ruoppolo a tirare fuori la pratica dall'archivio. In sede dibattimentale, la difesa di Giovanni Anastasio sostenne che«quest'ordinanda di abbattimento era il monito solenne - al partito avversario in minoranza - che il partito dirigente, composto da uomini energici, non perdonava e non indugiava».

 

Tratto da: Amalfi: gli eventi e la società sul finire del XIX secolo.

In: Pietro Scoppetta: un pittore sulla scena della Belle époque, a cura di Massimo Bignardi, Salerno, Edizioni De Luca, 1998.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Don Lorenzo Mansi, cinquant'anni fa moriva il sindaco di Ravello

di Silvano Polvani* Correva l'anno 1971, il 16 di febbraio, quando Lorenzo Mansi si spense nella sua casa di Ravello. Veniva chiamato Don Lorenzo ed ancora oggi è ricordato così: è stato sindaco di Ravello dal 1948 al 1971, commissario prefettizio negli anni 1942/1943. È nella coscienza di tutti il "sindaco...

Amalfi, la facciata del Duomo torna a splendere dopo i restauri: i significati dei mosaici

di Andrea Galileo* Dopo poco più di un anno dall'inizio degli interventi di restauro conservativo, il mosaico della facciata del Duomo di Amalfi è ritornato alla sua bellezza originale. La facciata attuale è stata conclusa agli inizi del XIX secolo per sostituire quella precedente crollata a causa di...

Don Lorenzo Mansi: 50 anni fa moriva il Sindaco di Ravello. Attesa per intitolazione strada

Era il 16 febbraio del 1971 quando Lorenzo Mansi, don Lorenzo, il sindaco di Ravello, morì nella sua abitazione di fronte la chiesa della Madonna dell'Ospedale. "La salute di Don Lorenzo - come è descritto nella cronaca del volume 'Don Lorenzo Sindaco di Ravello' di Silvano Polvani - da tempo dava segnali...

“Chi va ‘a funtana e nun beve, è fesso chi ‘o crede”: la saggezza di un Popolo (48)

di Antonio Schiavo "Se proprio si sente solo, gli forwardiamo tutte le nostre mail". Così, ieri si esprimeva con un inutile inglesismo una conduttrice di Radio due, quando avrebbe più semplicemente e opportunamente usare un italianissimo e sicuramente più appropriato "inviare, inoltrare". Non c'è più...

Elena Milano: una figura di appassionata docente

di Francesco Criscuolo Uno degli effetti più sconvolgenti della pandemia in corso, che, come è ormai risaputo, ha inciso in maniera rilevante sulle consuetudini di vita individuale e collettiva, è la sospensione di radicate usanze sociali e di spontanee manifestazioni di volontà e di sentimenti anche...