Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Marciano

Date rapide

Oggi: 6 marzo

Ieri: 5 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAntica Pasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830, la tradizione a casa vostra con i dolci pasquali di Pansa, oggi anche on line

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieLa Commemorazione dei Defunti in Costa d'Amalfi è attesa, salata, calda e nera

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Sal De Riso augura a tutti i lettori de Il Vescovado una Buona Pasqua e invita a visitare il suo nuovo portale dedicato ai suoi capolavori di dolcezza: La Colomba pasquale

Storia e Storie

La Commemorazione dei Defunti in Costa d'Amalfi è attesa, salata, calda e nera

Scritto da (redazione), domenica 1 novembre 2020 21:51:06

Ultimo aggiornamento domenica 1 novembre 2020 21:51:06

di Gabriele Cavaliere

Anche in questo periodo a dir poco "complicato" non possiamo esimerci dal commemorare coloro che non sono più tra noi.

La "festa dei Morti" in Costiera è Attesa, che dura tutta una notte, per le anime che faranno ritorno alle antiche case.

Ė salata, come le lacrime versate sulla tomba dei cari estinti.

Ma è anche calda e luminosa, come il sole della "Staggione de' Muorte", ed è nera, infine, come la farina di grano che si usa per preparare la Pizza dei Morti.

 

Ė attesa, la sera del primo novembre resiste nei paesi della Costa l'usanza di lasciare sul davanzale delle finestre una candela accesa, oppure un lumino, poichè si crede, il chiarore agevoli l'anima del congiunto a ritrovare la strada di casa.

Durante questa notte è permesso alle anime di camminare sulla terra, per visitare i luoghi in cui vissero la loro vita terrena e far visita ai propri cari.

Pare che l'anima possa svelarsi ai suoi cari, anche solo attraverso dei segni, dei rumori, spostamenti di oggetti, etc... ma, stando ai più, l'anima rimane discreta, accontentandosi di rivedere i luoghi cari e di sincerarsi che i familiari stiano bene. Senza mostrarsi, allora, si allontana. Per accogliere il celeste visitatore nei paesi dell'entroterra - Tramonti, Corbara, Sant'Egidio del Monte Albino e nei territori dell'Agro-sarnese - resiste l'usanza di andare a letto presto quella sera, ma solo dopo aver apparecchiato il tavolo da pranzo con cibo e vino, e posto accanto ad esso una bacinella d'acqua, del sapone, un asciugamani, e l'immancabile cero, affinché l'anima, prima di rifocillarsi, possa rinfrescarsi...

L'evolversi della società in buona parte ha cancellato o per lo meno fatto dimenticare queste usanze che, però, non sono affatto sparite ma bensì si sono trasformate, addobbandosi di esotico, e assimilando mode d'oltremare con più o meno compiacimento di tutti. Ė alla luce di questa antichissima tradizione che va letto il successo della festa di Halloween...


La ricorrenza dei defunti è salata,
come le lacrime versate sulla tomba dei propri cari ma, aggiungerei, come il sudore stillato lungo le interminabili scalette che nei paesi costieri conducono all'estrema dimora. Quasi che la posizione esasperata voglia rappresentare l'ultimo viaggio...

Ė calda e luminosa come "A' Staggione de'Muorte", dove il termine "staggione" stà a significare estate, e che è conosciuta fuori dalla Costa come "Estate di San Martino": «...che dura tre giorni e un pochino...», recita un adagio popolare. Si tratta di un periodo abbastanza breve, il più delle volte dura qualche giorno appena nella prima metà di novembre in cui, dopo il primo freddo autunnale, si verificano condizioni di bel tempo e improvviso tepore. Pare che il nome di questa vera e propria "tregua metereologica" sia da attribuire alla leggenda del soldato romano Martino (poi divenuto san Martino di Tours) che nel rigido inverno del 335 durante una tormenta s'imbatté in un viandante stremato dal freddo. Secondo altri l'incontro avvenne di notte, mentre il militare era intento nell'ispezione dei corpi di guardia. Resta il fatto che Martino, non cristiano ma puro di cuore, non esitò a sfoderare la spada per dividere il suo mantello a metà con lo sfortunato. Immediatamente il cielo si schiarì e la temperatura si fece più mite, come se all'improvviso fosse tornata l'estate.

...e infine è nera la "Festa dei Morti" ma, a differenza dei paesi limitrofi, dove la mesta ricorrenza viene celebrata consumando torrone, chiamato, appunto, "ossa dei morti", in Costa d'Amalfi è la pizza la protagonista indiscussa delle tavole del due novembre.
Ė una pizza fatta con il grano saraceno e condita con la salsa di pomodoro, con olio, aglio, origano e magari acciughe, rigorosamente senza condimento di carne o salumi. Per penitenza, per rispetto di chi non c'è più.

Un'usanza talmente radicata che neppure ci si chiede il motivo perché sia nata.
Alcuni dicono perché le donne di casa potevano preparare l'impasto e poi recarsi al cimitero. Stendendo l'impasto al rientro e cuocendola rapidamente nel forno di casa.

Secondo altri, invece, il grano, che costituisce la base della pizza, assurge a simbolo della vita che continua.
Come il grano che per essere raccolto necessita il taglio della pianta, e quindi la sua uccisione, ma che ripiantato da origine ad una nuova vita. Vita che nasce dalla morte, in un ciclo eterno ed indissolubile.

Questa "Pizza Nera" nasce nei paesi rurali della Costa, a Tramonti in particolare, dove la pizza è tradizione secolare e identità. Ma parleremo della Pizza di Tramonti De.Co in un'altra sede ...
Per il momento Vi lascio ai vostri affetti ricordando una massima di Sant'Agostino: "Coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dov'erano ma ovunque noi siamo". Nel nostro cuore...

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Don Lorenzo Mansi, cinquant'anni fa moriva il sindaco di Ravello

di Silvano Polvani* Correva l'anno 1971, il 16 di febbraio, quando Lorenzo Mansi si spense nella sua casa di Ravello. Veniva chiamato Don Lorenzo ed ancora oggi è ricordato così: è stato sindaco di Ravello dal 1948 al 1971, commissario prefettizio negli anni 1942/1943. È nella coscienza di tutti il "sindaco...

Amalfi, la facciata del Duomo torna a splendere dopo i restauri: i significati dei mosaici

di Andrea Galileo* Dopo poco più di un anno dall'inizio degli interventi di restauro conservativo, il mosaico della facciata del Duomo di Amalfi è ritornato alla sua bellezza originale. La facciata attuale è stata conclusa agli inizi del XIX secolo per sostituire quella precedente crollata a causa di...

Don Lorenzo Mansi: 50 anni fa moriva il Sindaco di Ravello. Attesa per intitolazione strada

Era il 16 febbraio del 1971 quando Lorenzo Mansi, don Lorenzo, il sindaco di Ravello, morì nella sua abitazione di fronte la chiesa della Madonna dell'Ospedale. "La salute di Don Lorenzo - come è descritto nella cronaca del volume 'Don Lorenzo Sindaco di Ravello' di Silvano Polvani - da tempo dava segnali...

“Chi va ‘a funtana e nun beve, è fesso chi ‘o crede”: la saggezza di un Popolo (48)

di Antonio Schiavo "Se proprio si sente solo, gli forwardiamo tutte le nostre mail". Così, ieri si esprimeva con un inutile inglesismo una conduttrice di Radio due, quando avrebbe più semplicemente e opportunamente usare un italianissimo e sicuramente più appropriato "inviare, inoltrare". Non c'è più...

Elena Milano: una figura di appassionata docente

di Francesco Criscuolo Uno degli effetti più sconvolgenti della pandemia in corso, che, come è ormai risaputo, ha inciso in maniera rilevante sulle consuetudini di vita individuale e collettiva, è la sospensione di radicate usanze sociali e di spontanee manifestazioni di volontà e di sentimenti anche...