Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Vincenzo de' Paoli

Date rapide

Oggi: 27 settembre

Ieri: 26 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl tragico destino di Maurizio D'Urso: il suo cadavere ritrovato a Ponza dopo 20 giorni dal naufragio dello Stabia I

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Il tragico destino di Maurizio D'Urso: il suo cadavere ritrovato a Ponza dopo 20 giorni dal naufragio dello Stabia I

Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi il 17enne Maurizio D'Urso di Maiori

Scritto da Emiliano Amato (redazione), lunedì 4 gennaio 2021 21:29:14

Ultimo aggiornamento martedì 5 gennaio 2021 10:24:22

di Emiliano Amato

Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini.

Tra questi, due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio D'Urso di Maiori.

Solo dopo 19 giorni fu ritrovato il corpo quello del comandante della nave, trasportato dalle correnti fino all'Isola di Ischia.

Il cadavere del 17enne marinaio maiorese, invece, fu rinvenuto il 24 gennaio sull'Isola di Ponza.

Proprio quando le speranze di ritrovarlo erano oramai del tutto svanite, suo fratello maggiore Lucio, insieme al cugino Tonino Della Pietra, si recò a Roma per richiedere il recupero della nave inabissatasi. Richiesta mai accolta. Dopo 42 anni, infatti, il relitto giace ancora sul fondale del porto di Salerno.

 

La mattina del 24 gennaio, un anziano signore che viveva in una casupola sulla scogliera dell'arcipelago laziale, mentre era intento a farsi la barba notò, dalla finestra del bagno, un cadavere galleggiante in mare. Fu immediatamente allertata la Capitaneria di Porto che riuscì a recuperare quel corpo, privo del capo, trascinato dalla corrente in una piccola baia.

 

Si pensò immediatamente potesse essere quello di uno dei marinai dello Stabia I. Tra le persone convocate a Ponza anche il padre e il fratello di Maurizio D'Urso per il riconoscimento. Giunsero all'obitorio del nosocomio isolano anche i parenti degli altri due ragazzi dispersi: Enrico Guadagno di Amalfi e un ragazzo di Ercolano.

 

Per lo straziante riconoscimento di un corpo senza testa furono molto importanti alcuni particolari.

Quello sulla nave della morte era stato il suo primo imbarco dopo aver conseguito il diploma da capitano di lungo corso all'Istituto Nautico "Nino Bixio" di Maiori. Salì per la prima volta a bordo l'8 dicembre del 1978 per il suo primo viaggio (che fu anche l'ultimo) per il trasporto di cereali in Algeria.

Il giorno precedente la tragedia, Maurizio aveva avuto qualche giorno di permesso e da Napoli, dove faceva base lo Stabia I, era tornato a Maiori per salutare la famiglia.

Aveva approfittato per consegnare a sua madre gli indumenti da lavare, promettendo di ritornare dopo qualche giorno.

Per il primo imbarco, suo padre, Salvatore, gli aveva donato 25mila lire e voleva assicurarsi che non fosse rimasto senza soldi in tasca.

 

Maurizio lo tranquillizzò, dicendogli di averne ancora 15.500 avvolti in un fazzoletto nella tasca dei jeans. Con il resto aveva comprato una rosa del deserto, come ricordo del suo primo viaggio in Algeria.

 

Fu proprio quel fazzoletto con quei soldi ritrovati nella tasca dei jeans, un pigiama con pois rossi indossati sotto i pantaloni (a bordo faceva molto freddo) e i calzini identici a quelli che portava suo padre, a confermare l'identità della salma.

 

Una storia drammatica che ha cambiato il corso dell'esistenza della numerosa famiglia D'Urso, degli altri nove fratelli e sorelle e di una madre e un padre che non hanno mai dimenticato Maurizio. Un dolore immenso da cui nessuno di loro è mai uscito.

 

Per molti anni la madre del marinaio di Ercolano, anch'egli perito in quella note fatale, si è spesso recata al cimitero di Maiori: la tomba di Maurizio era diventato il luogo deputato anche al suo pianto.

>Leggi anche:

Salerno: quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", nella bara sommersa anche due marinai della Costiera Amalfitana

Nave Stabia I affondata nel Porto di Salerno, Celano: «Recuperare il relitto»

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...

Ravello, trent’anni fa l’inaugurazione della galleria nuova. Opera che ha cambiato la storia della città [VIDEO]

Ravello, 10 agosto 1991. Trent'anni fa si inaugurava l'opera pubblica che ha cambiato la storia e la vita della Città della Musica. Il tunnel nuovo sotto Piazza Fontana che collega Via Della Marra a Via Boccaccio, liberato piazza Vescovado dal traffico veicolare, trasformandola in un vero e proprio salotto....

La festa patronale a Scala nel 1897

di Salvatore Amato «La protezione patronale, le ragioni che ne determinano la scelta, la fisionomia che essa assume nella sensibilità e nel pensiero della comunità, la festa patronale, la rappresentanza patronale della comunità sia dal punto di vista religioso sia da quello civile e tutto ciò che, nell'insieme,...

Totò e Ravello: settant’anni fa il dono di una pergamena del 1512 [FOTO]

Il 2 agosto del 1951, settant'anni fa, il Principe Imperiale Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis di Bisanzio, universalmente conosciuto come Totò, raggiunse la sede dell'Archivio di Stato di Salerno in Piazza Abate Conforti. Ad attendere il Principe della risata, il direttore dell'Istituto, Leopoldo...