Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa SS. Simone e Giuda

Date rapide

Oggi: 28 ottobre

Ieri: 27 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl lavoro eseguito “a regola d’arte”

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Mastro Antonio Amato

Il lavoro eseguito “a regola d’arte”

Ieri a Ravello si è sepolto un uomo al quale tutti dobbiamo gratitudine

Scritto da Antonio Scurati (redazione), lunedì 21 dicembre 2020 12:14:27

Ultimo aggiornamento lunedì 21 dicembre 2020 12:14:54

di Antonio Scurati*

A "Eehhh... ma questo l'ha fatto mastro Antonio!".

Così mi rispondono i miei genitori ogni volta che, durante il giro di ricognizione nella nostra casa di Ravello per scovare crepe, infiltrazioni d'acqua, piccoli cedimenti, io indico un'intercapedine perfettamente asciutta dopo decenni o una volta a botte perfettamente integra.

"L'ha fatto mastro Antonio!". Bastano queste parole a fornire una spiegazione, un certificato di garanzia del lavoro ben fatto. E questa frase dei miei vecchi, ora che lui non c'è più, mi sembra definire ciò che è stato Antonio Amato, per tutti mastro Antonio: l'uomo del lavoro ben fatto.

Non è poco, non è affatto poco. Anche perché, nel caso di mastro Antonio, il lavoro ben fatto coincideva con il lavoro "eseguito a regola d'arte": Antonio Amato - che la terra gli sia lieve - ogni cosa che faceva la faceva a regola d'arte. Nel suo caso, e di pochi altri, il lavoro accurato, preciso, sapiente incontrava l'arte. Nel suo caso, l'arte dei suoi lavori in pietra (camini, portali, scalinate) prolungava il lavoro ben fatto, eseguito a regola d'arte, delle opere edili ordinarie: costruzioni, ristrutturazioni, restauri. Per uomini come mastro Antonio l'arte non significava affatto l'estro capriccioso e lunatico dell'artista consegnatoci dal cliché romantico. Al contrario, l'arte per uomini come lui significava una sapienza antica, solida, certa, trasmessa di mano in mano di generazione in generazione, di padre in figlio. Non a caso, per individuare uomini come lui era d'obbligo usare il patronimico: mastro Antonio di mastro Ciccio.

L'arte che mastro Antonio aveva nelle mani, nell'occhio, nella testa (e nel cuore) era la stessa che, secoli or sono, scolpì il portale del Duomo, stuccò i fregi di villa Rufolo, costruì la terrazza dell'infinito a villa Cimbrone (e la Rondinaia, ovviamente). Ogni volta che, nel corso degli anni, ho alzato gli occhi ammirato verso una di queste opere d'arte e mi sono chiesto che aspetto avessero gli uomini che le realizzarono, ho sempre pensato a mastro Antonio. Uomini come lui hanno disseminato di bellezza sapiente, solida, durevole, luoghi come Ravello. Per questo e altri motivi possiamo dire senza nessun timore di cadere nella retorica che ieri a Ravello si è sepolto un uomo al quale tutti dobbiamo gratitudine.

Perché il compianto funebre non sia vano, dovremmo, però, prendere a modello un uomo del genere. Lo stiamo facendo? Temo di no. La storia di mastro Antonio ci insegna che non è affatto vero che il talento non si insegna. S'insegna, eccome! Si insegna e si apprende. Si trasmette da padre in figlio, da maestro ad allievo. La regola di quell'arte è, per definizione, ereditabile, nelle sue opere ma anche nelle sue pratiche. E, allora, chiediamoci: quanto sta ereditando da uomini come mastro Antonio la Ravello odierna? Molto nelle opere, molto poco nelle pratiche. A Ravello oggi, purtroppo, gli artisti-artigiani come mastro Antonio si contano sulla punta delle dita di due mani, le botteghe artigiane su quelle di una mano sola. Troppo poco. Un vero peccato, un enorme spreco. Una resa alla morte di un uomo come estinzione di un'intera tradizione.

Mi sia, consentito, dunque, in chiusura, un ricordo personale.

Negli ultimi anni, ogni volta che incontravo mastro Antonio, lui, che non era certo uomo da ipocriti complimenti, s'intratteneva con me congratulandosi per la mia carriera di scrittore e si compiaceva di ricordare ai presenti che mi conosceva fin da ragazzino. Io, di rimando, in tutta sincerità, gli manifestavo la mia ammirazione dicendogli che i miei libri non valevano certo più dei suoi lavori in pietra, degli archi che aveva costruito sospesi nel vuoto, delle volte che aveva edificato sotto il cielo della Costa d'Amalfi.

Lo pensavo e lo penso ancora. Per questo motivo, esprimo l'auspicio che un'iniziativa in suo nome, e in sua memoria, possa favorire e tutelare ciò che resta del lavoro artigiano a Ravello. Il lavoro ben fatto, a regola d'arte.

L'opera della bellezza non può essere solo l'opera del passato. Al presente non possiamo riservare soltanto brutture, approssimazioni, abusi. Non possiamo arrenderci all'idea che la morte di una manciata di uomini come mastro Antonio significhi l'estinzione di una tradizione millenaria.

*scrittore, Premio Strega 2019, editorialista del Corriere della Sera, cittadino onorario di Ravello

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Quando Mons. Angelo Roncalli (futuro Papa Giovanni XXIII) inciampò sulla scalinata del Duomo di Amalfi

di Sigismondo Nastri Oggi ricorre in calendario San Giovanni XXIII, l'indimenticato pontefice che, unendo calore umano, buon umore e gentilezza al magistero dottrinale, conquistò l'affetto di tutto il mondo cattolico e l'ammirazione dei non cattolici. Pochi sanno di una presenza ad Amalfi, sia pure fugace,...

Alfredo, “il doge di Amalfi” partito per la Repubblica celeste

di Giuseppe Gargano Alfredo, "il doge di Amalfi", è partito per la Repubblica celeste, dove continuerà a reggere, col suo sorriso smagliante e le sue mani aperte al mondo mediterraneo, la pace e l'equilibrio tra gli Amalfitani d'ogni tempo. In quell'Eden dal cielo perennemente "azzurro Amalfi" è stato...

I nostri nonni: gli ultimi testimoni di un mondo antico che non c’è più

diDonato Sarno A tutti noi capita di avere contatti o di incontrare persone ultraottantenni, in salute più o meno buona: a seconda dei casi, può trattarsi di genitori, di parenti, di affini, di vicini, di amici e di semplici conoscenti. Non sempre però riflettiamo sul fatto che queste persone hanno un...

21 luglio 1895: quell'esposizione speciale del Crocifisso di Scala

di Salvatore Amato Nell'estate nel 1895, la principale coltura agricola della Costa d'Amalfi era duramente compromessa da un terribile flagello. I vigneti che disegnavano l'ambiente naturale e antropico erano stati colpiti dalla peronospora, una malattia giudicata più dannosa della filossera, la cui...

Santa Chiara compatrona di Ravello

di Salvatore Amato Il 17 agosto 1637, Severino Puccitelli, predicatore barnabita che nella religione aveva assunto il nome di Celestino, veniva promosso alla diocesi di Ravello-Scala, guidata fino alla morte sopraggiunta nel 1642. Nel corso del suo breve ministero pastorale riuscì a celebrare anche un...