Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Sebastiano martire

Date rapide

Oggi: 20 gennaio

Ieri: 19 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieI giorni dell'arcobaleno: Furore raccontata per immagini

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Storia e Storie

Il paese dipinto

I giorni dell'arcobaleno: Furore raccontata per immagini

Correvano i primi anni ottanta e a Furore cominciavano ad essere d’autore alcuni muri fra i tanti che costituiscono il paese verticale

Scritto da (redazione), martedì 1 dicembre 2020 11:01:04

Ultimo aggiornamento martedì 1 dicembre 2020 11:01:04

di Raffaele Ferraioli*

 

Erano i giorni dell'arcobaleno... Correvano i primi anni ottanta e a Furore cominciavano ad essere d'autore alcuni muri fra i tanti che costituiscono il paese verticale.

 

Giunse da Parma, ospite gradita, per partecipare a una delle prime edizioni dell'evento Muri in cerca d'Autore, Katia Salvini, giornalista di grande talento della Gazzetta e fu incantamento a prima vista. Il suo regalo più grande al "Paese che non c'è", da lei ribattezzato "la mia Itaca", fu il logo commerciale da lei ideato: un arcobaleno con scritta "Furore paese dipinto". Il pittore mantovano Franco Mora,presente quell'anno alla nostra rassegna lo riprodusse subito su un muro di una nostra casa dove tuttora campeggia. Ma quel che più conta questo simbolo in tutti questi anni ha caratterizzato con successo il nostro branding.

Ma torniamo ai murales. Furono i tre fratelli Mazzella, Rosario ed Elio pittori, Luigi scultore, napoletani, a realizzare le prime tre opere e a far partire, così, l'iniziativa che potè avvalersi fin dall'inizio della consulenza preziosa di Nino D'Antonio, giornalista, scrittore, cittadino onorario di Furore e suo più grande sostenitore.

 

L'idea di realizzare queste decorazioni parietali era emersa durante uno delle nostre chiacchierate davanti al camino. Partimmo dalla considerazione che Furore, a causa del suo abitato a case sparse, quasi si nascondeva al turista, non appariva, non si mostrava. L'ubicazione in un territorio come quello amalfitano, ad altissima concorrenza imponeva e tuttora impone, l'esigenza di uscire dall'anonimato, presentarsi, raccontarsi. Occorreva narrare, anche al viandante più distratto, la storia e le storie (cunti, aneddoti, leggende) della Terra Furoris.

 

Questa intuizione quanto mai felice, avviata con grande entusiasmo, nonostante la totale indisponibilità di adeguate risorse finanziarie, portò, nel giro di pochi anni questo nostro paese all'attenzione del mondo intero.

Ai fratelli Mazzella seguirono numerosi altri artisti, provenienti da tutta Italia e dall'estero: il siciliano Salvo Caramagno, il pittore poeta Antonello Leone, la scultrice comasca Carla Crosio, l'artista messicano Marc Lopez Bernal, Carla Viparelli da Napoli, il mantovano Silvano Peruzzi, il polacco Christian Wotrowa, lo scultore ischitano Raffaele Di Meglio, Pippo Borrello da Verona, Goffredo Godi, il tedesco Fritz Gilow, la brasiliana Klenia Sanches. Carlo Fayer, Silvano Peruzzi, Antonio Oliveri del Castillo e via via tutti gli altri. Oggi se ne contano circa cento, tutti di buon livello.

Venivano volontariamente, operavano a titolo gratuito e venivano ospitati presso l'Hostaria di Bacco, per tutto il periodo della loro performance che durava in media un paio di settimane.

Nel Maggio del 1994, come da accordi presi appena qualche mese prima alla BIT di Milano fra me e il dottor Ernesto Redaelli presidente dell' EPT del Varesotto viene costituita l'Associazione Italiana dei Paesi Dipinti, previa intesa tra me e il Presidente dell 'Azienda di Promozione Turistica del Varesotto, affidataria della gestione dei murales di Arcumeggia, una frazione montana del Comune di Marchirolo. Assume la presidenza per i primi cinque anni l'amico Redaelli e per il successivo quinquennio il sottoscritto.

 

Presto aderiscono alla nostra associazione una trentina di Comuni disseminati in tutta Italia fra i quali ricordiamo Etroubles in Val d'Aosta, Torre Canavese, Bagnasco,Mortiglienco in Piemonte; Riomaggiore, Valloria di Prelà in Liguria; Olona, Albaredo in Lombardia; Dozza, Argenta eAlfonsine in Romagna; Cibiana di Cadore nel Veneto; Calvi dell'Umbria; Cervara di Roma; Frasso Telesino, Lauro di Nola, in Campania: Diamante e Fuscaldo in Calabria; Orgosolo e San Sperate in Sardegna.

Grande fu l'entusiasmo, soprattutto in fase iniziale e l'ASSIPAD divenne una delle reti più apprezzate suscitando l'interesse di tutte le istituzioni. Riuscimmo a realizzare varie iniziative di promozione e di marketing turistico: pubblicazione di materiale pubblicitario, conferenze stampa, partecipazione a borse, mostre ed esposizioni, sia in Italia che all'estero.

Nonostante tutti gli sforzi fatti e gli importanti obbiettivi colti, dovemmo prendere atto che l'interesse dei Comuni andava affievolendosi di anno in anno, fino a spegnersi. La scarsezza dei fondi non incoraggiò la pur apprezzata iniziativa che, comunque, meriterebbe di essere riproposta per continuare a produrre quei benefici già sperimentati nel periodo di piena operatività ed efficienza.

Il problema più assillante per i Paesi Dipinti già in possesso di muraleas è quello della manutenzione. Bisogna, fra l'altro sciogliere in primis un interrogativo che riguarda tutti: restaurare o rifare queste opere? Restaurare correttamente è più complicato soprattutto per la progressiva scomparsa degli autori. Cancellare e rifare significa, invece, riconoscere il carattere effimero di queste decorazioni. Non sempre ci troviamo di fronte a vere e proprie opere d'arte, D'altronde esse sono nate fin dall'inizio con scarase pretese artistiche, una funzione ben precisa. Siqueiros, Rivera e Orozco, i primi profeti del muralismo, hanno conferito alle loro opere il carattere di strumento di denuncia sociale. E questa funzione dovrebbero continuare a svolgere.

I murales di Furore hanno contribuito in modo determinante a ricostruire e far conoscere la storia del paese, entrando nella coscienza della gente. Ne hanno promosso l'identità, fino a pochi decenni fa pressoché inespressa.

Questa grande galleria d'arte a cielo aperto, con le sue diverse espressioni è, ormai diventata parte integrante della vita dei Furoresi e queste opere hanno dato forma e immagine ai cunti, alle leggende, alle storie e alla storia della Terra Furoris. Alcune di esse sono intrise di fantasia, altre di ironia, di emozione, di commozione. Ma il confine fra il vero e l'immaginario resta labile. C'è chi dice che il vero annoia e il verosimile affascina. Un fatto è certo: chi osserva queste pitture e queste sculture viene, comunque, conquistato, coinvolto, spinto in un mondo onirico dove la distinzione tra il reale e l'irreale resta impossibile quanto inutile.

Un panorama che reca in primo piano una scultura svettante; una casa con la facciata affrescata; colori che sfumano nell'azzurro del cielo e del mare. Furore, paese dipinto, conquista e affascina, seduce ed emoziona.

 

*già sindaco di Furore

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

I molini di Minori e la produzione della pasta: una straordinaria storia da tramandare

di Gabriele Cavaliere Tra il XVIII e la prima metà del XX secolo la produzione della pasta, insieme alla fabbricazione della carta e alla coltivazione dei limoni, rappresentava il settore produttivo più importante in vari paesi della Costiera Amalfitana. Veri e propri "distretti industriali", dove si...

“Italiani brava gente”: la storia di Johnny Torrio, capostipite della mafia americana

di Sigismondo Nastri Penso all'oriundo italiano, travestito da wichingo, protagonista dell'assalto a Capitol Hill, sede del parlamento Usa, e intanto mi torna alla mente una vecchia storia, della quale mi occupai sul mio blog tredici anni fa. La ripropongo qui. In un saggio pubblicato nel 1975 su un...

Cent’anni fa nasceva a Cava de' Tirreni Gino Palumbo, storico direttore della Gazzetta dello Sport

Oggi, 10 gennaio 2021, ricorre l'anniversario della nascita dell'indimenticato Gino Palumbo, uno dei più grandi giornalisti del panorama italiano. Soprannominato il "Coppi" del giornalismo, Palumbo inventò un nuovo modello di approcciarsi a questo mestiere, creando dal nulla una formula vincente per...

Il tragico destino di Maurizio D'Urso: il suo cadavere ritrovato a Ponza dopo 20 giorni dal naufragio dello Stabia I

di Emiliano Amato Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi, due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio...

Salerno: quarantadue anni fa la tragedia dello “Stabia Primo”, nella bara sommersa anche due marinai della Costiera Amalfitana

Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio D'Urso di Maiori....