Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 secondo fa S. Paola vedova

Date rapide

Oggi: 26 gennaio

Ieri: 25 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieC'era anche mia zia sul treno della morte

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Storia e Storie

C'era anche mia zia sul treno della morte

Il professore Salvatore Sorrentino, già sindaco di Ravello, racconta di sua zia Antonietta, tra le 600 vittime del treno di Balvano nella notte tra il 2 e il 3 marzo 1944

Scritto da (Redazione), giovedì 5 marzo 2020 12:12:02

Ultimo aggiornamento sabato 14 marzo 2020 11:54:47

di Salvatore Sorrentino*

Ravello, 4 marzo 1944. L'altrieri ho compiuto sei anni.

No, non sono a scuola, come giustamente si potrebbe pensare.

E nemmeno sono nell'orto a zappare, o addirittura in montagna a far legna o frascame per la mucca che, in stalla, aspetta da mangiare, per produrci il latte, che ci fa fare colazione, e ... un po' di soldi, per comprare qualche pagnotta di pane o qualcos'altro, da mettere sotto i denti.

In questo modo vivono i figli dei contadini di Sambuco, o di altre zone, agricole, di Ravello, i quali sono, in ogni modo, molto più fortunati di me, che latte non ne ho e che invidio quelli che mangiano pure qualche piatto caldo a mezzogiorno.

No, non sono a scuola, quel giorno, perché, a scuola, nel 1944, si comincia ad andare a sei anni compiuti: io devo aspettare il 16 ottobre prossimo, per cominciare la mia carriera scolastica.

La mia nipotina, il cui compleanno avviene 27 giorni dopo il mio, è andata a scuola un anno prima di me. Legittimamente.

Quel 4 marzo 1944, salii dall'Annunziata, dove abitavo, mi fermai un pochino davanti alla scalinata che porta al Palazzo dell'Episcopio. Vi erano schierati due militari, armati di fucile da guerra, che non mi facevano paura. Ero abituato a ben altro, al fragore delle bombe, e a cercar rifugio, durante la notte, sotto la "grotta di Scala".

Mi fermai, dunque, per vederli scattare sull'attenti, al passaggio di un Ufficiale degli Alleati o a quello del Principe Umberto, che scendeva dal temporaneo Palazzo Reale, cioè l'Episcopio, o vi risaliva.

Poi feci un salto in Piazza, al Vescovado, per metà occupata da camion e autoblindo militari degli Alleati, e delimitata da rotoli enormi di filo spinato, e da soldati ben armati.

A casa avevo lasciato mio fratello Umberto, quattro anni, a badare alla nostra sorellina di quasi tre, Netta (Antonietta); lui aspettava me, che gli avrei portato alcune mentine comprate nel negozietto di "Mariuccia ‘e Cascetta", che si trovava esattamente di fronte all'inizio di Via Trinità.

Per i curiosi chiarisco che le mentine erano delle caramelline alla menta, di colore rigorosamente verde, alquanto sottili, della grandezza di una attuale monetina da due centesimi: ne eravamo tutti golosi. D'altronde, erano le uniche caramelle che ci potevamo permettere!

Rientro veloce a casa, tutto normale, Umberto e Netta si erano addormentati, mi metto in attesa di papà e mamma; soprattutto di questa, la quale sarebbe tornata dal lavoro che svolgeva a Villa Fraulo. Qui erano alloggiati degli ufficiali americani, che mangiavano un bel pane bianco, in abbondanza, tanto che ne lasciavano tozzi a tavola.

Questi tozzi, a volte recuperati anche dalla cenere dei bracieri, con i quali si riscaldavano, e ripuliti, erano una manna per veramente sfamarci.

Mio padre rientrava a tutte le ore del giorno; quella sera non tornava, noi eravamo molto preoccupati; arrivò tardissimo; ci portò la ferale notizia: Zi ‘Ntunetta, zia Antonietta, era nel treno delle centinaia di vittime del tunnel di Balvano.

Zia Antonietta era la sorella (di secondo letto) pupilla di mio padre; si volevano tanto bene; stava spesso con noi, a Ravello; ormai orfana di padre, si dava da fare per procurare qualcosa per le due sorelle più piccole di lei.

In quel periodo della nostra storia, cominciavano ad arrivare al porto di Napoli navi strapiene di tessuti, soprattutto vestiario, nuovi o dismessi, che, però, erano una provvidenza per noialtri.

Balle di iuta, contenenti queste provvidenze, erano poi vendute (al prezzo delle spese di discarica e successivo trasporto) a Resina, oggi Ercolano, lungo il corso tra l'uscita dall'autostrada, a monte, e la statale 18, a valle.

Dai comuni campani circostanti, uomini e donne, viaggianti in vagoni merci o al massimo di terza classe, o spesso su carrette trainate da asini, oppure su autobus di linea, che trasportavano, sul tetto, bagagli d'ogni genere, e d'ogni peso, si portavano al mercato di Resina, acquistavano una balla di pezze, così si chiamavano, e la portavano a casa.

Qui l'aprivano e vi trovavano indumenti d'ogni genere, nuovi e usati, ma in ottimo stato. Mettevano il tutto in ordine, spesso provvedevano al lavaggio, con la soda, di quelli chiaramente usati, ne formavano nuove balle, più piccole, a forma di zaino, le inspallavano e andavano in giro a vendere.

Anche zia Antonietta si diede da fare, per cercare di aiutare la famiglia. Lei aveva scelto Potenza e dintorni per le sue operazioni, talvolta non di vendita, bensì di semplice baratto, delle pezze, con prodotti della terra o di artigianato, che portava a casa.

Quella maledetta notte del treno di Balvano, anche quella giovanissima vita si spense, e in che modo, assieme ad altre seicento, su quel treno 8017: non dimenticherò mai quel 17.

Mio padre, la sera di quel 4 marzo, giunse a casa scuro in volto, lo ricordo ancora, lacrime agli occhi, e ci comunicò che zia Antonietta stava su quel treno. Ma esprimeva la speranza che si trovasse fra le vite salvate.

Purtroppo la speranza andò delusa; zia Antonietta non tornò. Non solo, non abbiamo mai avuto il suo corpo, cui dare una pur minima sepoltura.

E così, anche Ravello fu colpita da quella sciagura, pur se solo indirettamente. Stamani, ad Agerola, un segno c'è stato, un ricordo, per le vittime agerolesi di quella disgrazia.

Evidentemente, a mia zia

"... prescrisse il fato, illacrimata sepoltura".

*già sindaco di Ravello

>Leggi anche:

Balvano, la strage della disperazione: sul treno 8017 perirono in 600 [VIDEO]

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Storia e Storie

Il mistero della stella di Betlemme e la recente congiunzione tra Giove e Saturno

di Giuseppe Gargano Dal Vangelo secondo Matteo (II, 1-11): «Nato Gesù in Betlemme di Giuda, al tempo del re Erode, ecco, i Magi arrivarono dall'oriente a Gerusalemme e domandarono: - Dov'è nato il re dei Giudei? Poichè abbiamo visto la sua stella in oriente e siamo venuti per adorarla... Allora Erode,...

I molini di Minori e la produzione della pasta: una straordinaria storia da tramandare

di Gabriele Cavaliere Tra il XVIII e la prima metà del XX secolo la produzione della pasta, insieme alla fabbricazione della carta e alla coltivazione dei limoni, rappresentava il settore produttivo più importante in vari paesi della Costiera Amalfitana. Veri e propri "distretti industriali", dove si...

“Italiani brava gente”: la storia di Johnny Torrio, capostipite della mafia americana

di Sigismondo Nastri Penso all'oriundo italiano, travestito da wichingo, protagonista dell'assalto a Capitol Hill, sede del parlamento Usa, e intanto mi torna alla mente una vecchia storia, della quale mi occupai sul mio blog tredici anni fa. La ripropongo qui. In un saggio pubblicato nel 1975 su un...

Cent’anni fa nasceva a Cava de' Tirreni Gino Palumbo, storico direttore della Gazzetta dello Sport

Oggi, 10 gennaio 2021, ricorre l'anniversario della nascita dell'indimenticato Gino Palumbo, uno dei più grandi giornalisti del panorama italiano. Soprannominato il "Coppi" del giornalismo, Palumbo inventò un nuovo modello di approcciarsi a questo mestiere, creando dal nulla una formula vincente per...

Il tragico destino di Maurizio D'Urso: il suo cadavere ritrovato a Ponza dopo 20 giorni dal naufragio dello Stabia I

di Emiliano Amato Quarantadue anni fa la tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi, due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio...