Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Cataldo

Date rapide

Oggi: 8 marzo

Ieri: 7 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963, la Colomba Pasquale a portata di click Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAntica Pasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830, la tradizione a casa vostra con i dolci pasquali di Pansa, oggi anche on line

Tu sei qui: SezioniSalerno e ProvinciaSalerno: arrestato per corruzione Direttore Agenzia delle Entrate

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiMielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Sal De Riso augura a tutti i lettori de Il Vescovado una Buona Pasqua e invita a visitare il suo nuovo portale dedicato ai suoi capolavori di dolcezza: La Colomba pasquale

Salerno e Provincia

Salerno: arrestato per corruzione Direttore Agenzia delle Entrate

Scritto da (Redazione), venerdì 15 febbraio 2019 17:32:07

Ultimo aggiornamento venerdì 15 febbraio 2019 17:32:24

Il direttore provinciale dell'Agenzia delle entrate di Salerno, Emilio Vastarella, è stato arrestato nell'ambito di un'indagine per corruzione condotta da Guardia di Finanza e Carabinieri di Salerno e coordinata dalla Dda.

Oltre a Vastarella - al quale sono stati concessi i domiciliari - sono coinvolti e destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere un noto imprenditore del settore caseario Gianluca La Marca ed un ex collaboratore di giustizia già affiliato alla camorra, il pluripregiudicato Giovanni Maiale.

Al centro delle indagini le ipotesi di reato di corruzione e istigazione aggravata alla corruzione, detenzione e porto illegale di armi da sparo clandestine, ricettazione e turbata libertà degli incanti aggravata dal metodo mafioso. L'operazione, illustrata stamattina, nella sede della Procura della Repubblica di Salerno, è stata condotta dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Salerno.

IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA PROCURA. Nella serata di ieri, militari della Guardia di Finanza e dell'Arma dei Carabinieri di Salerno, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Salerno, nei confronti dell'imprenditore Gianluca La Marca, amministratore di fatto del noto Caseificio Tre Stelle di Eboli, e del pregiudicato Giovanni Maiale, capo dell'omonimo clan camorristico operante nella Piana del Sele, almeno sino al momento in cui, nel 1994, decise di collaborare con la giustizia successivamente alla condanna in primo grado per il reato associativo ed il concorso in diverse estorsioni.

Con la medesima ordinanza cautelare è stata disposta la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Emilio Vastarella, direttore provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Salerno, al quale viene contestato il delitto di corruzione in concorso con La Marca.

Le indagini hanno riguardato principalmente proprio la figura di Gianluca La Marca, il quale, negli ultimi anni, ha attuato una politica economica espansionistica:

- sfruttando risorse provenienti da una massiccia evasione fiscale attuata dall'azienda di famiglia, il Caseificio Tre Stelle, da lui di fatto amministrata, progettando di acquisire direttamente, o tramite familiari, aziende zootecniche e allevamenti bufalini della zona di Capaccio Paestum ed Eboli in stato di crisi e sottoposte a procedure esecutive;

- avvalendosi della capacità intimidatoria di Giovanni Maiale per minacciare imprenditori e scoraggiarli all'acquisto, alle aste giudiziarie, s'impossessava di un'azienda di allevamento e produzione di latte di bufala di suo interesse, ed annesso terreno.
In particolare, Giovanni Maiale detto ‘Giovanniello', ex collaboratore di giustizia capitalizzato, come documentato dalle indagini dei carabinieri, mediante minacce dissuadeva un imprenditore rivale alla partecipazione all'asta giudiziaria relativa ad una procedura esecutiva immobiliare avente oggetto l'aggiudicazione di un'azienda agricola, alla quale era interessato il La Marca.

In occasione dell'incanto in questione, nessun altro imprenditore partecipava ed i beni oggetto di esecuzione sono stati formalmente aggiudicati al prezzo complessivo di 944mila euro, a fronte di un valore stimato di circa 3 milioni, alla madre di Gianluca La Marca. Quest'ultimo, a sua volta, aveva anche cercato di corrompere il custode giudiziario ed incaricato della vendita all'asta, promettendogli del denaro (che non ha accettato) allo scopo di ritardare l'aggiudicazione dei beni.

La pericolosità sociale del La Marca è stata ulteriormente confermata allorché, nel corso di perquisizioni disposte dalla DDA, lo scorso mese di giugno, le Fiamme Gialle traevano in arresto il cugino, trovato in possesso, presso la sua abitazione, di un fucile a pompa e di una pistola con matricola abrasa. Tali armi, come emerso dalle intercettazioni, erano di proprietà del La Marca, il quale, temendo controlli delle forze dell'ordine, le aveva date in custodia al cugino, nonché dipendente del Caseificio Tre Stelle, affinché le nascondesse. Quest'ultimo, dopo una prima dichiarazione, si autoaccusava falsamente di essere il proprietario delle armi pur di non fare il nome di Gianluca La Marca.

Nel corso delle indagini, si accertava altresì che Gianluca La Marca, al fine di risolvere le pendenze tributarie del Caseificio Tre Stelle ed i debiti che aveva accumulato con il Fisco, si era rivolto direttamente al Direttore provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Salerno, Vastarella Emilio, corrompendolo con la dazione di un bracciale da donna in oro e brillanti (che veniva effettivamente rinvenuto e sequestrato nella abitazione del Direttore dell'Agenzia) ed un orologio di valore (che il La Marca intercettato confermava di avere poco prima consegnato), ottenendo, in cambio, uno sconto di oltre 60mila euro in realtà non spettante sulle sanzioni che erano state comminate al caseificio dalla Commissione Tributaria.

Tale trattamento di favore veniva formalmente giustificato, nel provvedimento a firma del Direttore, sulla scorta di un'eccezionale situazione di difficoltà finanziaria del caseificio, miratamente fatta emergere nella istruttoria della pratica, quando nella realtà i conti dell'azienda evidenziavano una situazione particolarmente florida e l'attività commerciale era in piena espansione.

In questo modo, il caseificio, oltre a beneficiare di uno sconto di più di 60 mila euro sulle sanzioni, otteneva dall'Amministrazione finanziaria lo sblocco di un ingente rimborso IVA, che l'Agenzia delle Entrate aveva, come per prassi, congelato in presenza delle controversie tributarie. Per tale vantaggio economico, conseguito illecitamente, il Gip aveva già accolto la richiesta di sequestro preventivo avanzata da questa DDA e la Guardia di Finanza aveva sottoposto a sequestro più di un milione di euro sui conti correnti del Caseificio Tre Stelle.

COMUNICATO UFFICIALE PROCURA

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Salerno e Provincia

Vietri-Salerno, strada riaperta a senso unico alternato [FOTO-VIDEO]

Come annunciato, riaperta stasera intorno alle 22.00 l'ex Statale 18 tra Vietri sul Mare e Salerno. Come testimoniano le nostre foto, il traffico veicolare è regolato a senso unico alternato mediante impianto semaforico. I lavori di bonifica del costone roccioso franati il 10 febbraio scorso garantiscono...

Frana Vietri-Salerno, si lavora senza sosta anche di notte [FOTO]

Si lavora senza sosta, anche nel fine settimana e nelle ore notturne, al costone roccioso tra Vietri sul Mare e Salerno franato lo scorso 10 febbraio sulla ex Statale 18 chiusa da diciotto giorni. Con l'ausilio della luce artificiale, potenti fari puntati sull'area d'intervento, i rocciatori dell'impresa...

Covid: festa di laurea in pizzeria, Finanza chiude locale a Pagani

Malgrado le restrizioni imposte dall’emergenza epidemiologica, c’è chi non rinuncia a celebrare le occasioni importanti con parenti ed amici. E’ accaduto nei giorni scorsi a Pagani, dove i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno sono intervenuti a chiudere una pizzeria, perché era in corso una...

Vaccini over 80: si parte oggi al Ruggi di Salerno e negli altri 4 centri della provincia

La campagna di somministrazione dei vaccini agli over 80 parte ufficialmente questa mattina, sabato 13 febbraio, sia al Ruggi di Salerno che negli altri quattro centri individuati in provincia: si tratta di Nocera, Battipaglia, Vallo della Lucania e Polla. Si sta cercando poi di risolvere la problematica...

Strada Vietri-Salerno resterà chiusa per almeno 10 giorni. Tutti gli aggiornamenti [FOTO]

di Emiliano Amato Resterà chiusa almeno per i prossimi dieci giorni Via Benedetto Croce, la strada di accesso a Salerno da Vietri sul Mare, Costiera Amalfitana e Cava de' Tirreni. Il tempo necessario per consentire i lavori di messa in sicurezza della parete rocciosa dalle quale ieri pomeriggio si è...