Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Alfonso Maria de' Liguori

Date rapide

Oggi: 1 agosto

Ieri: 31 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Il Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniRegioneLa protesta di parrucchieri ed estetisti in Campania: «Chiediamo di riaprire: perdite di 20 milioni, 60mila lavoratori a rischio»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiRavello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Regione

Questa mattina dinanzi alla Prefettura di Napoli

La protesta di parrucchieri ed estetisti in Campania: «Chiediamo di riaprire: perdite di 20 milioni, 60mila lavoratori a rischio»

Manifestazione in piazza, il presidente Vincenzo Schiavo: «Settore in crisi, il Governo non dà ristori, 16mila attività in difficoltà, non possono pagare fitti, tasse e utenze. Un’ingiustizia tenerli chiusi quando garantiscono sicurezza»

Scritto da (redazione), lunedì 22 marzo 2021 13:12:26

Ultimo aggiornamento lunedì 22 marzo 2021 13:12:26

Si è tenuta questa mattina, dinanzi alla Prefettura di Napoli, la manifestazione organizzata da Confesercenti Campania per tutelare il settore "benessere e parrucchieri", in gravissime difficoltà a causa dell'anno di pandemia. Circa mille i manifestanti della categoria "Immagine e Benessere" di Confesercenti, con la partecipazione dell'associazione "Stamm Ca" e di altri rappresentanti delle partite Iva.

Tra i presenti c'erano Vincenzo Schiavo(Presidente Confesercenti Campania), Nicola Diomaiuta (Presidente Regionale Immagine e Benesseredi Confesercenti) e Giuseppe Esposito (Coordinatore Provinciale Immagine e Benessere e presidente dell'Associazione "Stamm cà"), ricevuti in Prefettura da Dario Annunziata, dirigente membro del Gabinetto del Prefetto Marco Valentini.
«Abbiamo chiesto - spiega Vincenzo Schiavo - di girare le nostre istanze al Governo e al Ministero dell'Economia: imporre la chiusura a queste attività è un'ingiustizia: garantiscono sicurezza per la salute dei clienti, devono riaprire quanto prima, così si alimenta solo l'abusivismo. Bisogna dare dignità e futuro ai nostri seri imprenditori, attendiamo anche ristori concreti dal Governo».
Un incontro giunto al termine di una lunga manifestazione in piazza: Confesercenti Campania - aggiunge Vincenzo Schiavo - è stata al fianco di categorie vicine al tracollo dopo una chiusura che dura da quasi 10 mesi, visto che l'apertura a singhiozzo non solo non ha ripianato le perdite ma ha illuso e procurato più danni che benefici. Diamo voce a 16mila imprese in Campania, 7mila solo a Napoli e provincia, per il settore di parrucchieri/barbieri, centri estetici, benessere e immagine. Si tratta di 35mila addetti diretti e di oltre 20mila indiretti: quasi 60mila lavoratori in gravissime difficoltà. In media le perdite di fatturato sono di oltre 20 milioni, del 40% rispetto al 2019, con punte di 70% e con molte attività che non riescono a pagare i fitti, le utenze e la tasse. Chiediamo la riapertura delle attività, la sospensione dei canoni e dei tributi, la risoluzione di problemi atavici di scarsa tutela, quali l'abusivismo e l'assenza di ammortizzatori sociali per dipendenti e donne in maternità. Da un lato per loro non c'è futuro, dall'altro il governo non fornisce risposte e ristori adeguati, visto che molti esercenti non hanno ricevuto neanche un euro. La categoria lega indissolubilmente il proprio intero reddito al negozio, senza questo introito non sopravvivono, e parliamo di 100mila euro di fatturato annui per il 90% delle imprese. Fatturato che sale anche a 2000/250mila euro in media per i centri estetici/benessere che lavoravano molto con alberghi, nelle terme e nei luoghi turistici, ovvero in settori totalmente azzerati».

 

Di rimando Nicola Diomaiuta (Presidente Regionale Immagine e Benesseredi Confesercenti), sottolinea: «Chiediamo di riaprire: i mesi di chiusura sono stati troppi, i sostegni sono ridicoli, quasi pari a zero, invochiamo anche maggiori controlli pur di tornare a lavorare. Riapriamo in sicurezza, ma riapriamo. Prima della chiusura abbiamo investito migliaia di euro in dispositivi per sanificare e per adeguare le nostre attività alle norme anti-Covid, ma non è servito a nulla. Molti di noi hanno subito il distacco della corrente perché non riescono a pagare le utenze, alcuni non hanno mai riaperto, altri non apriranno mai più. C'è poi il problema abusivismo, che tocca numeri enormi e che realizza un paradosso: gli abusivi senza controllo lavorano e sono pericolosi, per l'igiene e per la salute collettiva. Noi che rispettiamo le regole, e garantiamo nei nostri negozi l'assoluta sicurezza, invece siamo chiusi».

 

I tanti esercenti presenti hanno, simbolicamente, sistemato una poltrona da coiffeur in piazza, calpestando a turno un registratore di cassa, segno della loro impossibilità a far fronte alle spese. «Siamo partite Iva - dice la signora Giulia, titolare di un centro estetico - il che vuol dire che non abbiamo sostegni e che continuiamo a versare le tasse anche da fermi. Non ne possiamo più». «Gli abusivi sono troppi ed esistono barbieri di serie A e di serie B - dice invece Antonio, barbiere -, non capisco come sia possibile, in tempi di chiusura, che politici e calciatori abbiano le acconciature chiaramente sistemate nelle ultime ore, sono i soliti privilegiati?».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Regione

De Luca: «Senza Green pass rischiamo di richiudere tutto a fine agosto»

Nella consueta diretta Facebook del venerdì pomeriggio, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto il punto sui contagi, sulla campagna vaccinale e sulle misure per il contenimento dell'epidemia. «In Campania - spiega De Luca - abbiamo oggi 355 nuovi positivi, la grandissima parte dei...

Depuratore Cetara, De Luca: «Recuperare l'economia del mare significa creare lavoro per nuove generazioni»

«E' una giornata memorabile per il nostro territorio e per il nostro ambiente». Ha esordito così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso dell'inaugurazione del nuovo impianto di depurazione. Il progetto di Cetara, il primo realizzato in Costiera Amalfitana, prevede il ripristino degli...

De Luca atteso in Costiera Amalfitana: sarà su tre fronti fra Cetara, Amalfi e Ravello

Trascorrerà l'intera giornata di domani, giovedì 29 luglio, in Costiera Amalfitana il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Non certo a rilassarsi al mare. Alle 10.30 primo appuntamento a Cetara per prendere parte alla cerimonia di inaugurazione dell'impianto di depurazione sottomarino. Alle 19.00...

De Luca: «Senza vaccini le scuole restano chiuse e si prosegue con la Dad»

«Non c'è nessun obbligo a vaccinarsi ma neanche a tenere le scuole aperte. Se abbiamo in un istituto solo il 10% di ragazzi vaccinati è chiaro che si fa la dad, non c'è niente da fare, non è che possiamo creare focolai con le nostre mani». Queste le parole del governatore della Regione Campania, Vincenzo...

De Luca invita ad ignorare i No Vax: «Non ascoltateli». E sulle mascherine: «Pronto a fare altre dieci ordinanze»

«Abbiamo perso un mese e mezzo per responsabilità nazionali perché la comunicazione fatta da Roma è stata sconcertante e ha creato dubbi, incertezze e preoccupazioni. Le scemenze dette a Roma hanno creato un clima che ha rallentato la vaccinazione, adesso si sta riprendendo con grande impegno e i giovani...