Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa SS. Simone e Giuda

Date rapide

Oggi: 28 ottobre

Ieri: 27 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniPoliticaInsieme per Ravello: «Fondazione come feudo personale: basta centri di potere»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Politica

Insieme per Ravello: «Fondazione come feudo personale: basta centri di potere»

Vuilleumier e Mansi: «Porta acqua al mulino di chi da un trentennio sfrutta il nome di Ravello a proprio esclusivo vantaggio»

Scritto da (Redazione), mercoledì 30 ottobre 2019 11:14:08

Ultimo aggiornamento mercoledì 30 ottobre 2019 11:31:56

Il gruppo consiliare di minoranza, "Insieme per Ravello", interviene sulle vicende che negli ultimi giorni stanno investendo la Fondazione Ravello e che hanno visto il coinvolgimento, in prima persona, del sindaco Salvatore Di Martino. L'ex sindaco Paolo Vuilleumier il consigliere Gianluca Mansi di IpR sottolineano come questa situazione balzata agli onori della cronaca non faccia bene all'immagine di Ravello e che alla luce degli ultimi accadimenti bisognerà necessariamente «rivedere i meccanismi di funzionamento della Fondazione e la sua mission». Perché il principale ente culturale della Costiera Amalfitana, destinatario di oltre due milioni di euro l'anno da parte della Regione Campania, «non può permettersi di mantenere al suo interno centri di potere che considerano la Fondazione un feudo personale o uno strumento che possa essere asservito agli interessi di una parte politica».

Il riferimento è a Secondo Amalfitano - tra l'altro fondatore di Insieme per Ravello, disconosciuto dalla maggior parte del gruppo prima delle elezioni del 2016 - , il 18 ottobre scorso sospeso dalle mansioni di direttore di Villa Rufolo, con il provvedimento di Felicori si è rivelato un vero e proprio detonatore. Di conseguenza il gruppo si mostrerebbe favorevole a una possibile destituzione dell'ex sindaco dal suo attuale incarico lavorativo.

Secondo Insieme per Ravello, questa situazione rischia di «trasmettere all'esterno un'immagine distorta di Ravello».

Si pubblica testo integrale della nota prodotta da Insieme per Ravello a beneficio della completezza d'informazione.

------------------------------------------

CUI PRODEST?

A chi giova il gran polverone sollevato in questi giorni contro la Fondazione Ravello? A chi giova l'ostracismo verso il commissario Felicori ed il Segretario Generale Ermanno Guerra? Di certo non alla nostra prestigiosa cittadina e ai ravellesi, ancora una volta porta acqua al mulino di chi da un trentennio sfrutta il nome di Ravello a proprio esclusivo vantaggio.

Tutto ciò che si sta ponendo in essere in questi giorni deve far riflettere seriamente sulla necessità, oramai ineludibile, di dover rivedere i meccanismi di funzionamento della Fondazione e la sua mission.

Prima ancora del buon nome e dell'immagine a Ravello è messa in pericolo la democrazia stessa: un organismo così importante e prezioso per lo sviluppo turistico di Ravello e dell'intero territorio, non può permettersi di mantenere al suo interno centri di potere che considerano la Fondazione un feudo personale o uno strumento che possa essere asservito agli interessi di una parte politica.

Gli atti assunti dalla giunta comunale "Rinascita Ravellese", la firma su di un documento richiesta agli operatori economici di Ravello - "fatta girare" da persone molto vicine all'amministrazione comunale - la lettera di solidarietà di alcuni dipendenti della Fondazione Ravello sottoscritta anche da una parte di fornitori di servizi, (provenienti apparentemente tutte da una unica "mano"), sono fatti gravi che non possono essere sottaciuti.

Tutto quanto posto in essere negli ultimi giorni rischia di trasmettere all'esterno un'immagine distorta di Ravello che è da sempre riconosciuta come una città aperta al "mondo", ospitale e riconoscente verso tutti coloro che hanno contribuito alla sua crescita e al suo sviluppo.

Le azioni contraddittorie poste in essere in questi giorni nei confronti della Fondazione Ravello che si inseriscono in un quadro fallimentare dell'azione di governo appaiono quasi isteriche, provengono - é bene ricordarlo - da un'Amministrazione che non rappresenta la maggioranza del paese e che bene avrebbe fatto in questi anni a coinvolgere i gruppi di opposizione presenti in consiglio comunale anziché esautorarli, ignorando così la maggioranza del paese (esito del voto popolare del 2016) presente in consiglio comunale con il gruppo Insieme per Ravello e Ravello nel Cuore.

Non entriamo nella vicenda personale di un dipendente della Fondazione, che sta tanto assorbendo il Sindaco di Ravello nella sua strenua difesa (forse perché proprio quel dipendente ha partecipato attivamente nel 2016, alla campagna elettorale per la lista Rinascita Ravellese?), in quanto abbiamo massima fiducia nel sistema democratico di cui facciamo parte che prevede regole e tutele per i lavoratori che appaiano pienamente rispettati dai massimi vertici attuali della Fondazione Ravello.
Ci meraviglia, invece, che il Sindaco (per giunta valente avvocato) si sia spinto a tanto in nome, almeno così vogliono farci sembrare, della difesa di un ravellese. Non abbiamo visto altrettanta energia quando ad altre realtà associative ravellesi non è stata data la possibilità di svolgere le proprie attività di carattere sociale e culturale.

La vicenda agli onori della stampa in questi giorni, si sta consumando secondo un canovaccio già visto in precedenti occasioni. E così si procede come già in passato, alla conta dei nemici e degli amici, dei favorevoli e dei contrari (poco conta se indotti con telefonate e pressioni) a pratiche che appartenevano ad un passato che fino a qualche anno fa speravamo archiviato.

Siamo certi che i cittadini e gli operatori economici (inconsapevoli attori) avrebbero senz'altro apprezzato, in luogo della richiesta (velatamente imposta) di sottoscrizione di documenti di solidarietà e di deliberazioni di giunta con la richiesta di revoca del commissario, iniziative volte a sollecitare la definizione dei programmi artistici-culturali per la stagione 2020 affinché il calendario degli eventi fosse strumento di "vendita" per gli operatori turistici del territorio e potesse essere presentato almeno alle più importanti fiere di settore.

Gruppo Consiliare "Insieme per Ravello"

Paolo Vuilleumier
Gianluca Mansi

>Leggi anche:

Da Ravello guerra a De Luca, sindaco Di Martino: via Felicori dalla Fondazione

Fondazione Ravello, Amalfitano convocato domattina in sede. Sarà ascoltato da Felicori

Lo "schiaffo" di Ravello

Ravello merita rispetto": sindaco Di Martino si scaglia contro Felicori in difesa di Amalfitano

Fondazione Ravello, Amalfitano presenta le controdeduzioni e accusa il duo Felicori-Guerra

Ravello, sindaco Di Martino dice no a sospensione Amalfitano e attacca Felicori

Fondazione Ravello: Amalfitano sospeso perché agiva autonomamente. Tre le azioni contestate

Ravello, Felicori sospende Secondo Amalfitano da Villa Rufolo

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Politica

La politica e le istituzioni ricordano Donato Cufari: 21 ottobre il ricordo ad Amalfi

A sette mesi dalla morte, la Costiera Amalfitana ricorda Donato Cufari, storico sindaco di Vietri sul Mare, per circa un ventennio presidente della Comunità Montana "Penisola Amalfitana", assessore dei Comuni di Minori e Furore. Giovedì 21 ottobre, alle 18,00, negli antichi Arsenali della Repubblica,...

Stasera si riunisce la Conferenza dei Sindaci della Costa d'Amalfi

Si riunisce questa sera alle 18.00, al Palazzo Mezzacapo di Maiori, la Conferenza dei Sindaci della Costa d'Amalfi. Sarà la prima seduta dopo le elezioni in cinque comuni del comprensorio. La convocazione è avvenuta informalmente, attraverso il gruppo Whats App della Conferenza a cui sono stati aggiunti...

Maiori, bocciata commissione per “alternative” a depuratore. L’ira del Comitato “NoDep”

In una nota trasmessa alla nostra redazione, i componenti il comitato "Tuteliamo la Costiera Amalfitana", rappresentato da Gaetano Cantalupo, relazionano sul Consiglio comunale di Maiori svoltosi ieri, 12 ottobre, in cui, su iniziativa delle minoranze, si è tornatati a discutere dello spinoso argomento...

Rinascita Ravellese, gruppo Di Palma responsabile sconfitta Di Martino. «Complicità sottobanco con neo-eletta Maggioranza»

«Il sospetto di una chiara complicità sottobanco con la neo-eletta Maggioranza». E' quanto ipotizza il gruppo Rinascita Ravellese all'esito del responso delle urne, puntando l'indice contro la lista "Ravello va oltre" di Ulisse Di Palma, indicata quale responsabile della débâcle dell'uscente Salvatore...

G20, ministro Luigi Di Maio: «Grazie Sorrento, modello di ospitalità»

«Uno speciale ringraziamento a questa magnifica città e al sindaco Massimo Coppola, per la disponibilità e la collaborazione dimostrate nell'accogliere il G20». Così il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, giunto a Sorrento per l'apertura della quattro giorni...