Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Giusto martire in Roma

Date rapide

Oggi: 28 febbraio

Ieri: 27 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLauro & Company, Amalfi, Ravello, pitture e porte per interni, Idropittura, Porte blindate, ferramenta, casseforti, prodotti per alberghi, solventi, Boero, Vernici, OIKOS, BOEROLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoTerra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a Minori

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoLa meglio gioventù di Ravello 25 anni fa: quando nel 1994 si pensò agli “Incontri con i Conservatori”

Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiFrai Form Ravello ed il dott. Lanzieri augurano a tutti i lettori de Il Vescovado un sereno NataleSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Lettere al Vescovado

La rassegna "Incontri con i conservatori" del 1994 fu organizzata con lo sforzo della meglio gioventù locale

La meglio gioventù di Ravello 25 anni fa: quando nel 1994 si pensò agli “Incontri con i Conservatori”

Le risorse impiegate furono quelle di sempre: l’entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco

Scritto da (Redazione), martedì 23 aprile 2019 15:59:12

Ultimo aggiornamento martedì 23 aprile 2019 16:40:42

Riceviamo lettera a firma di Antonio Fraulo, già direttore di Produzione del Ravello Festival. E pubblichiamo

 

Gentile Direttore,

la scorsa settimana leggevo la presentazione della proposta artistica della Fondazione Ravello per questo 2019 che farà da corollario al Festival vero e proprio, cui è stato dato il titolo "La meglio gioventù". Di fatto si tratta di una rassegna di concerti di allievi dei conservatori per lo più campani, ad eccezione di due o forse tre altre partecipazioni di conservatori esterni alla nostra regione.

L'iniziativa, nell'articolo che riprende il comunicato stampa della Fondazione, viene presentata così: "Un grande sforzo organizzativo della Fondazione Ravello che allo stesso tempo asseconda la destagionalizzazione turistica e offre una concreta opportunità ai nuovi talenti musicali affidati alla bacchetta di direttori esperti, incoraggiando l'incontro tra formazione e professione."

Terminata la lettura dell'articolo non ho potuto fare a meno di telefonare all'amico Pasquale Palumbo, direttore della Società dei Concerti di Ravello, per chiedergli se conservava il file della programmazione di parte della stagione concertistica del 1994, anno in cui la sua organizzazione "Ravello Concert Society" ed Antares, società di servizi nata proprio per supportare le attività della società dei Concerti (due sodalizi partecipati da un gruppo di giovani tutti ravellesi), proposero alla fine della programmazione tradizionale del periodo estivo, una rassegna di concerti fuori stagione per il mese di ottobre che fu intitolata "Incontri con i Conservatori".

Conoscendo Pasquale ero sicuro che quel file, che ti invio e che vorrai pubblicare per una migliore comprensione di questa mia lettera, sarebbe stato ben conservato e disponibile. Nonostante si trattasse di un file creato con un programma risalente ad un quarto di secolo fa, il giorno successivo alla mia telefonata con la puntualità che lo contraddistingue, Pasquale mi ha inviato il programma di quel mese di ottobre del 1994. Rileggendolo ho avuto la certezza che, la ragione che aveva mosso la mia curiosità di rivedere quella proposta, andasse condivisa e fosse lo spunto per un momento di riflessione minima.

La rassegna "Incontri con i conservatori" del 1994 fu organizzata con lo sforzo della meglio gioventù locale in un momento storico dove l'abusato termine destagionalizzazione credo non fosse mai stato ancora pronunciato da nessuno. Storicamente quella stagione precedeva addirittura la prima presenza di Domenico De Masi a Ravello, come assessore al Turismo nel 1995, che fu il primo a parlare di destagionalizzazione. Ricordo che tra noi si discuteva di concerti fuori stagione. Le risorse impiegate furono quelle di sempre: l'entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco.

Questo stesso gruppo di persone, capitanato dall'estro di Pasquale Palumbo, diede vita poi anche al primo concerto all'alba, oggi diventato un must della programmazione del Festival a matrice Fondazione, che nel programma del Ravello Festival 2019, lo propone in due date, snaturandolo dalla sua unicità ed esclusività. Circa un mese fa, incuriosito dall'arrivo del neo Commissario della Fondazione Ravello il Dott. Mauro Felicori, partecipai ad un incontro pubblico tenutosi in Villa Rufolo. Tra le tante cose ascoltate apprezzai la dichiarazione con la quale raccontava l'intento di essere, in questa prima fase del suo mandato, attento all'ascolto di tutte le realtà socio-economiche del territorio per meglio calibrare le azioni della Fondazione. In quello stesso incontro ricordo anche un elogio minimo alla Società dei Concerti, realtà considerata virtuosa nell'ambito della proposta culturale locale.

Sorprendentemente, disattendendo questo principio pregevole e meritorio, il programma della rassegna "La meglio gioventù" della Fondazione Ravello, si sovrappone in molte date alla programmazione della Società dei Concerti che presenta, promoziona e pianifica i suoi concerti con un anno di anticipo. Non so se si tratta di distrazione, di incapacità di relazionarsi al territorio o di pressappochismo, sicuramente so che la premessa di ascolto del territorio e di coordinamento delle attività sullo stesso, in questo caso è stata assolutamente tralasciata.

Il nuovo corso della Fondazione è stato capace, attraverso le intelligenze di due personalità della cultura come il laureato in Filosofia Dott. Mauro Felicori e il Maestro in tromba e trombone Antonio Marzullo di partorire e proporre una rassegna che, quando nel 1994 (cito dai rispettivi curricula) erano rispettivamente già membro dello staff del Sindaco di Bologna per la Presidenza di Eurocities il primo e Direttore Artistico dell' Orchestra Filarmonica Salernitana "G. Verdi" il secondo, una parte della meglio gioventù ravellese, offrì già come proposta culturale, senza l'ausilio dei potenti mezzi di una Fondazione, probabilmente in modo addirittura più virtuoso atteso che la presenza dei conservatori a quella rassegna era a carattere nazionale e non solo regionale.

Quella meglio gioventù per fortuna esiste e resiste ancora nonostante il continuo passaggio sul territorio di intelligenze considerate da qualcuno strategiche per il bene di una comunità come la nostra, ma che fortunatamente sempre più spesso risultano essere meteore.

>Leggi anche:

Ravello 2019: dal 17 aprile al 12 ottobre suona "La meglio gioventù"

Antonio Fraulo, da Ravello alla notte degli Oscar [FOTO]

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

File Allegati

La meglio gioventù di Ravello 25 anni fa: quando nel 1994 si pensò agli “Incontri con i Conservatori”
Incontri-con-i-Conservatori-1994.pdf

rank:

Lettere al Vescovado

Peppe Lucibello, il ricordo dell’amico musicista dallo stile composto e discreto

Di Enzo Del Pizzo I postumi di una normale (fastidiosa) febbre influenzale mi hanno impedito, purtroppo, di accompagnare alla estrema dimora il carissimo PeppeLucibello, deceduto prematuramente un mese fa. Sarebbe stato mio dovere essere presente almeno al rito esequiale, che ha visto una massiccia partecipazione...

Col Vescovado in giro per il mondo

Da circa tredici anni Il Vescovado racconta la vita della Costiera Amalfitana. Ad apprezzare maggiormente il nostro lavoro sono le tantissime persone che seguono i fatti di casa nostra da lontano, a ogni latitudine del globo. L'avvocato Salvatore Sammarco di Ravello, orami un giramondo, non riesce a...

La Fondazione Ravello come il cubo di Rubik

di Nicola Amato* Fondazione Ravello, negli ultimi tre lustri, è paragonabile al cubo di Rubik, un gioco, un vero e proprio rompicapo per tanti, i soliti, che ha interessato tutte le ultime legislature, facendo passare in second'ordine i problemi reali del paese, impegnati come si era a trovare le soluzioni...

«Il movimento ha perso la sua originaria identità», anche Marco Conte lascia Ravello nel Cuore

Riceviamo lettera a firma di Marco Conte, candidato, alle scorse elezioni amministrative, nelle fila di Ravello nel Cuore. Anche Conte, come Luigi Mansi e altri reduci di quella esperienza, hanno manifestato la volontà di lasciare il gruppo capeggiato da Nicola Amato, precisando di non essere confluito...

La Costiera Amalfitana che crolla: quando il vero nemico è la burocrazia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo lettera a firma dell’ingegnere amalfitano Bonaventura Fraulo, che risponde all’appello unitario del sociologo Domenico De Masi, dello scrittore Antonio Scurati e di Padre Enzo Fortunato lanciato il 28 dicembre scorso dalle pagine dal Corriere della Sera circa l’impegno...