Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Agnese vergine

Date rapide

Oggi: 21 gennaio

Ieri: 20 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiVilla Maestrale, sul mare della Costa d'Amalfi a Ravello Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoDice ’o serpe: damme addó vuo’, ma nun me da’ ’n capa

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaLa bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Lettere al Vescovado

Dice ’o serpe: damme addó vuo’, ma nun me da’ ’n capa

Scritto da (Redazione), martedì 27 novembre 2018 09:32:13

Ultimo aggiornamento martedì 27 novembre 2018 11:42:25

di Salvatore Sorrentino*

Caro Direttore,

ti sarò molto grato se vorrai pubblicare questi pochi righi, riguardanti il mio ultimo articolo che ti ho inviato e che tu, gentile e disponibile come sempre, hai pubblicato. Te ne ringrazio.

«Dice 'o serpe: damme addó vuo', ma nun me da' 'n capa».

Sono stato rimproverato, e pesantemente, e soprattutto da un carissimo amico mio.

E allora dico: se ho torto, condannatemi, scrivetemi, telefonatemi a casa, e rimproveratemi. Il mio numero personale, non temo a renderlo pubblico, è il seguente: 333 1903 757. Informo che, mio malgrado, il numero non è collegato a whatsapp.

Un carissimo giovane mio amico, di buon mattino, mi ha chiamato e ... mi ha rimproverato, perché, ha detto che io sarei informato a senso unico. Io gli sono molto grato, perché mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto dubitare: ma, vuoi vedere che questo giovanotto ha ragione!

Ero impegnato in un incontro plurimo, su argomenti personali, ma molto importanti. Ho rapidamente concordato un incontro al più presto. Ho solo velocemente ribattuto che non mi pareva di aver dato delle sentenze, ma solo di aver espresso, liberamente, sì, liberamente, come sono abituato a fare, come ho sempre fatto, le mie idee, le mie impressioni.

A mente riposata e dopo approfondita riflessione, voglio innanzitutto ringraziare il mio giovane amico per avermi, comunque, aperto gli occhi e la mente; voglio, poi, confermare che non credo di essere informato a senso unico, prova ne sono i tanti messaggi e le numerose telefonate di amici e di persone che nemmeno conosco fisicamente, con cui si sono congratulate con me per aver così apertamente affrontato un problema grave (sic) che attanaglia Ravello.

Voglio, quindi, confermare che sono oltremodo convinto di aver fatto un'azione buona e conveniente per la popolazione ravellese. Sono convinto che, se non altro, il mio articolo servirà a scuotere le coscienze di chi ha la responsabilità di questo inconveniente, e a risolverlo.

Ripeto, poi, che ho espresso liberamente le mie idee sulla questione. Soprattutto quelle idee che derivano dalle sensazioni che ogni ravellese percepisce quotidianamente nella vita del suo paese, ma che non ha il coraggio o solo la possibilità o la capacità espressiva o anche semplicemente il tempo di rendere pubbliche. Specie attraverso l'unica possibilità che abbiamo di poterlo fare: Il Vescovado.

Io non faccio ricorso ad altri pur disponibili giornali della zona. Io mi rivolgo al giornale che porta il nome della Piazza più bella che io abbia mai conosciuta: Il Vescovado.

In questo modo, sono certo che il messaggio raggiunge ogni casa, ogni famiglia, ogni singola persona. E, chi non lo gradisce, chi la pensa diversamente, può inviarmi un messaggio, di non condivisione, o di protesta, o puo' pure chiamarmi: io so prendere atto, spiegare, e anche ... cospargermi il capo di cenere.

Io sono cresciuto nella Chiesa cattolica; io sono stato allevato alla scuola della "Azione Cattolica Italiana"; io, all'età di soli sedici anni ho fondato, nella mia parrocchia, quella di Santa Maria del Lacco, l'Associazione Cattolica San Luigi Gonzaga. Io, all'età di sedici anni, nemmeno lontanamente maggiorenne (allora lo si diveniva a ventun anni), ne fui il Presidente; e la nostra divenne la GIAC più importante dell'Arcidiocesi.

Io sono cresciuto alla scuola della Religione Cristiana. E ne rispetto gl'insegnamenti. In primis, specie in pubblico, l'ottavo comandamento: «Non dire falsa testimonianza».

Io sono cresciuto, altresì, alla scuola della Rivoluzione Francese, di cui mi sento figlio, e dalla quale ho appreso, e ne faccio larghissimo uso, il principio della Libertà. Io sono un uomo libero. Io dico e pubblico le cose che vedo e che percepisco nella mia città.

Se sbaglio, me lo si dica, me lo si dimostri. Io sono pronto a scusarmi pubblicamente e con lo stesso mezzo, con chi ho eventualmente offeso. Io sono pronto a pagare, come le leggi prevedono, i miei eventuali errori.

Tutto quello che ho detto nel mio articolo, pubblicato su Il Vescovado, dal titolo "La Ribalta a Villa Rufolo, questione di fedeltà e antipatie" (solo per informazione voglio ricordare che i titoli degli articoli sono confezionati dalla Direzione del giornale), l'ho scritto perché così lo percepisco, perché così lo percepiscono la massima parte dei ravellesi, forse la totalità di essi, eccetto i più vicini ai detentori assoluti di altre verità.

Tutto quello che ho detto, a questo proposito, lo confermo. E sfido a dimostrarmene il contrario. Con qualsiasi mezzo.

Mi dispiace, e non poco, per quel che soffrono coloro che son costretti, sempre eventualmente (intelligenti pauca), a esternare le comunicazioni di altri.

Il lettore mi perdoni!

*già sindaco di Ravello

La Ribalta a Villa Rufolo, questioni di fedeltà e antipatie

IL DIRETTORE

Carissimo Professore,

innanzitutto permettetemi di ringraziarVi per questo Vostro gradito ritorno sulle colonne del Vescovado affrontando argomenti spinosi d'interesse pubblico. Sono oramai undici anni che da questa tribuna si cerca di raccontare la vita ravellese, denunciando, senza paura, ingiustizie e soprusi. Puntuali sono le azioni denigratorie verso il nostro lavoro da parte dei soliti noti che, lo ricordo, non rappresentano la maggioranza del paese e proprio in questo momento stanno dimostrando grosse difficoltà nella gestione della cosa pubblica.

È senza dubbio questo un momento cruciale per Ravello, per il suo futuro, in cui una classe dirigente antiquata (non soltanto per un fatto anagrafico) cerca in tutti i modi di negare strutture pubbliche a favore dell'aggregazione sociale, vista come una seria minaccia alla conservazione del potere.

In questa azione di verità e dignità siamo tutti coinvolti, perché in ballo c'è il futuro dei nostri figli. Noi andremo avanti fino alla fine, come sempre, senza paura, sapendo di contare sul Vostro autorevole contributo, sempre dalla parte del popolo, e delle tantissime persone che nel silenzio ci supportano chiedendoci di continuare nel nostro modo di fare informazione.

e.a.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

«Il mio nipotino salvato a Castiglione», lettera di ringraziamento ai medici del Costa d’Amalfi

Egregio Direttore, caro Emiliano, ti invio questa lettera, che cortesemente ti chiedo di pubblicare, per rendere una testimonianza che mi tocca molto da vicino e che è l'ennesima prova di quanto il Presidio Ospedaliero di Castiglione sia fondamentale per l'intera comunità della costiera e per i tanti...

Io, ristoratore itinerante in Costiera: burocrazia e indisponibilità dei Comuni mi fanno chiudere

Ci scrive Alfonso Ferrara, titolare di Beechic, realtà di ristorazione itinerante della Costiera Amalfitana tanto apprezzata sul territorio, comunicandoci la volontà di cessare l'attività. La fine di quel sogno condiviso col suo socio. Nella lettera trasmessa alla nostra redazione per la pubblica diffusione,...

Ravello, attacco alla libertà di stampa: solidarietà al direttore Emiliano Amato

Caro Direttore, mio caro Emiliano, come collega molto più anziano, come età ed esercizio professionale, ti esprimo tutta la mia solidarietà per l'irruenza verbale del Sindaco di Ravello, che in seduta pubblica del consiglio comunale della città ha addirittura cercato di farti espellere dall'aula, criticando...

Anche il Sindaco mi ha telefonato...

di Salvatore Sorrentino* Vouloir c'est pouvoir: quand on veut, on peut. È sempre possibile riuscire a fare qualcosa quando la si vuole veramente. Come da me richiesto nel mio precedente articolo sulla possibilità che l'Associazione La Ribalta possa essere destinataria dell'uso di locali di Villa Rufolo...

L'Arte Povera di Amalfi: fu professore Liuccio a realizzare l'intuizione di Marcello Rumma

In una lettera di precisazione trasmessa al sindaco di Amalfi Daniele Milano e alla nostra redazione, il professore Giuseppe Liuccio, già presidente dell'Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Amalfi, nel plaudire l'iniziativa di celebrare i cinquant'anni dalla mostra sull'Arte Povera, sbarcata anche...