Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Giuseppe sposo di M.V.

Date rapide

Oggi: 19 marzo

Ieri: 18 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaGeljada Costiera Amalfitana - Apertura stagione 2018 giovedì 8 febbraio - Il festival del gelato artigianale a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniLettere al VescovadoAnche il Sindaco mi ha telefonato...

La bellezza e la cura del vostro corpo a Ravello in Costiera Amalfitana. Modellamento Viso e Corpo, Frai Form Ravello del Dott. Franco LanzieriSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Lettere al Vescovado

Anche il Sindaco mi ha telefonato...

Scritto da (Redazione), mercoledì 28 novembre 2018 09:28:56

Ultimo aggiornamento mercoledì 28 novembre 2018 09:42:39

di Salvatore Sorrentino*

Vouloir c'est pouvoir: quand on veut, on peut.

È sempre possibile riuscire a fare qualcosa quando la si vuole veramente.

Come da me richiesto nel mio precedente articolo sulla possibilità che l'Associazione La Ribalta possa essere destinataria dell'uso di locali di Villa Rufolo per attività culturali in vari momenti dell'anno, ho ricevuto varie telefonate.

Tutti sappiamo che il Palazzo Rufolo e i giardini e terreni agricoli circostanti sono stati la residenza di una delle due famiglie, i Rufolo e i Della Marra, storicamente più ricche, importanti e soprattutto potenti di Ravello, appunto la famiglia Rufolo.

Quello che molti lettori non sanno è che essa è stata sempre di proprietà privata fino al 1951, allorché la proprietaria pro tempore la vendette, per una cifra irrisoria, 5.250.000, se non sbaglio, vado a mia memoria delle vecchissime lire: una vera stupidaggine per l'epoca.

Grazie all'intervento tempestivo dell'allora sindaco di Ravello, il cav. Lorenzo Mansi, il Ministero dei Beni Culturali (allora era una branca del Ministero della Pubblica Istruzione - un pochino di storia non fa male) esercitò il diritto di prelazione.

La proprietaria era di nazionalità francese. L'Italia, poco prima, era uscita con le ossa rotte dalla Seconda Guerra Mondiale. La Francia aveva vinto, invece, la Seconda Guerra Mondiale. Essa era una della quattro maggiori potenze al mondo.

Conseguenza: lo Stato italiano ridusse la prelazione a una piccola parte della proprietà e cioè: la facciata che dà su Piazza Vescovado; la cosiddetta Cappella, che dà sulla Piazza e sulla Via dei Rufolo laterale; il Viale d'ingresso; il Chiostro; le due Torri. Il resto rimase di proprietà privata, tanto che, ogni anno, l'EPT, per svolgere i Concerti Wagneriani, doveva chiedere la carità alla proprietaria per svolgere, e a caro prezzo, la sua annuale attività culturale.

Nel 1970, nacquero le Regioni ordinarie in Italia. Durante le amministrazioni da me presiedute, la Regione Campania, grazie all'opera del Presidente pro tempore dell'EPT, Avv. Mario Parrilli, socialdemocratico, e dell'Assessore regionale al Turismo, il compianto prof. Roberto Virtuoso, democristiano, acquistarono la rimanente parte della proprietà: Villa Rufolo entrava a far parte interamente del patrimonio pubblico. Per uso pubblico, ovviamente.

E da allora la Villa Rufolo è utilizzata ad uso pubblico. ... ... ... O no?

Alla maniera manzoniana diciamo: "Ai posteri l'ardua sentenza". E continuiamo col Manzoni: "Nui chiniam la fronte al massimo Fattor... ... ...". Etc., etc.

Eh, no! Io non sono abituato a chinar la fronte. Io, come ho detto ieri, sono figlio della Rivoluzione francese. Io non accetto diktat, da parte di nessuno. Specie di chi usa il patrimonio pubblico quasi esclusivamente ad uso personale, o familiare, o al massimo di qualche povero cristo.

E scrivo, a chiarissime lettere, che non mi riferisco assolutamente al sindaco Di Martino. Io, e sapete bene che non sono un lecchino, quando ce l'ho con lui, glielo dico direttamente e nella maniera la più civile possibile.

Per natura e per formazione, io sono un cittadino molto rispettoso dell'Autorità costituita. Sia ben chiaro questo. E, nella fattispecie, non ho avuto modo di lamentarmi di niente dell'attuale Amministrazione Comunale di Ravello.

Al massimo, negli ultimi tempi, ho, come mio solito, fatto qualche proposta, che ritengo personalmente migliorativa di qualche attività che la nostra Amministrazione sta svolgendo. E, se scrivo così, non è per lecchineria. Non ho bisogno, grazie a Dio, di ricorrere a queste forme di richiesta.

Voglio ripetere quello che ho detto ieri e l'altrieri: io dico e scrivo, e delicatamente, quello che vedo, che ascolto, che osservo, e che sento dentro di me. Io non sono portatore degli interessi di nessuno. E semmai dovessi essere portatore di interessi di qualcuno, familiare o estraneo, puo' capitarmi, lo faccio con la massima prudenza, cautela, delicatezza. E col massimo rispetto per la Pubblica Autorità costituita.

Oggi, è stata per me una giornata particolare. Mi sono alzato con una telefonata di una persona che non incontravo da tempo, che si è complimentata per i miei due ultimi interventi su Il Vescovado. Ne sono seguite altre, tutte dello stesso tenore, fino a ora di pranzo. E non solo da Ravello. A tutti ho chiesto se, a loro parere, io abbia detto il falso. Risposta: non ti avrei telefonato.

Nel pomeriggio, finalmente, una voce fuori dal coro; mi chiama il sindaco Di Martino! Il colloquio telefonico è stato abbastanza lungo e pure abbastanza, se non molto, come dire, animoso. Mi ha incolpato di non essere stato obbiettivo, di aver tacciato l'Amministrazione Comunale di Ravello di aver rifiutato l'utilizzo di pubblici locali a qualche associazione culturale.

Mi son reso conto che, forse (o senza forse), in quel momento, in attesa di un Consiglio comunale, poteva essere anche troppo teso. Ho tagliato corto, e mi son riservato di parlarne più in là. Con calma, nel reciproco massimo rispetto, come sempre; come da sempre.

Su un punto ho insistito: quello che ho scritto è causato da una personale percezione della situazione pubblica di un'associazione culturale ravellese nei confronti di chi gestisce, ad usum delphini, aggiungo adesso, un bene pubblico qual è la Villa Rufolo.

Villa Rufolo non potrebbe essere utilizzata a quel fine, per un provvedimento del competente Ministero. Almeno così ho capito dalla conversazione che ho avuta. Il provvedimento sarebbe del mese di febbraio scorso, cioè 2018.

A questo punto, potrei pure comprendere, e eventualmente giustificare, la risposta negativa per la richiesta relativa al 2018. Ma chiedo: e i dinieghi del 2016 e del 2017, cioè dell'immediato dopo ultime elezioni amministrative?

Signor Sindaco, tu sai che io ti rispetto, che ti voglio bene, che te ne ho sempre voluto, fin da quando eri un indisciplinato componente della mia squadra di pallavolo, Tennis Club Ravello, e mi costringevi a farti riappacificare con gli arbitri.

Ebbene, io non ti ho accusato di niente. Tu non puoi, però, chiedermi che io mi sostituisca a te, per chiarire la tua posizione. Hai abbastanza pepe per farlo tu.

Una cosa, però, devo dirtela; «vouloir, c'est pouvoir». Se una cosa, la si vuole, la si puo' fare. Se non la si fa, vuol dire che non la si vuole. Tu hai fatto e stai facendo, certo a modo tuo, lo dico per te e soprattutto per me, quello che, per lo stesso numero di anni, ho fatto io. E sai benissimo che «Vouloir ... c'est pouvoir».

*già Sindaco di Ravello

>Leggi anche:

Dice 'o serpe: damme addó vuo', ma nun me da' 'n capa

La Ribalta a Villa Rufolo, questioni di fedeltà e antipatie

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Lettere al Vescovado

Gran Carnevale di Maiori: per l'ingegnere Taiani è «Il risveglio dell'entusiasmo»

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ingegner Antonio Taiani che ha partecipato in maniera attiva alla buona riuscita della 46esima edizione del Gran Carnevale di Maiori e che, con la sua missiva, intende non solo ringraziare le associazioni e i gruppi di ballo per l'impegno profuso ma anche accendere...

Io, affetta da disturbi alimentari che continuo a combattere senza mollare

Sono tante le lettere che riceviamo dai nostri lettori i quali ci riconoscono come punto di riferimento irrinunciabile per il territorio. In occasione della Festa della Donna vogliamo condividere la testimonianza di una nostra assidua lettrice di cui, chiaramente, non riveliamo l'identità. E' affetta...

Tramonti: ing. Taiani racconta l'impresa del sogno divenuto realtà

Riceviamo e pubblichiamo lettera dell'ingegner Antonio Taiani, che ha collaborato allo studio del progetto del centro sportivo polifunzionale e area ricovero della popolazione in caso di calamità inaugurato sabato scorso a Tramonti. Di seguito il testo integrale. ********* Nel ringraziare il sig. Sindaco...

Da Ravello un messaggio a Felicori: «Sala Frau torni a ospitare attività sociali»

Riceviamo e pubblichiamo le lettera aperta che il professor Salvatore Sorrentino, già sindaco di Ravello, indirizzata al neo commissario straordinario della Fondazione Ravello Mauro Felicori, in cui si chiede principalmente di cedere la sala Frau di Via Wagner, attuale sede istituzionale dell'ente culturale,...

«Il mio nipotino salvato a Castiglione», lettera di ringraziamento ai medici del Costa d’Amalfi

Egregio Direttore, caro Emiliano, ti invio questa lettera, che cortesemente ti chiedo di pubblicare, per rendere una testimonianza che mi tocca molto da vicino e che è l'ennesima prova di quanto il Presidio Ospedaliero di Castiglione sia fondamentale per l'intera comunità della costiera e per i tanti...