Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaGeljada augura a tutti i lettori de Il VescovadoSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera AmalfitanaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera AmalfitanaiLa Pasticceria Pansa augura a tutti i lettori de il Vescovado la Pasqua più dolce e feliceLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniL'EditorialeNoi siamo forti di qualcosa che non è in vendita: la dignità

Frai Forma augura a tutti i lettori de Il Vescovado una serena e Santa Pasqua con il sistema di epilazione laser permanente e indoloreGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiMarilù Moda Positano, acquista on line i capi esclusivi made in CostadAmalfiHotel Marina Riviera Amalfi - Charming Luxury Hotel in Costiera AmalfitanaVilla Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoRistorante Il Giardiniello Costa d'Amalfi a Minori dal 1955Pasticceria di eccellenza in Costa d'Amalfi, Pansa pasticceri dal 1830 in Costiera Amalfitana, Dolci tipici della Costa Amalfitana, Specialità Gastronomiche Amalfitane in Piazza Duomo ad AmalfiMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaI Nuovi profili a banda ultra larga per le attività turistiche powered by ConnectiviaIl Limone IGP Costa d'Amalfi

Sal De Riso augura a tutti i lettori del Vescovado e del Portico una Santa e Dolce Pasqua con le sue colombe

L'Editoriale

Noi siamo forti di qualcosa che non è in vendita: la dignità

Scritto da (Redazione), domenica 2 dicembre 2018 13:13:29

Ultimo aggiornamento lunedì 3 dicembre 2018 09:36:10

di Antonio Schiavo

Sì, lo confesso, sono un disadattato come qualcuno dalla sua torre d'avorio ha voluto tacciare tutti quelli che non si "adattano" a relazioni umane e politiche (che poi è la stessa cosa ) improntate a livore, minacce, ricatti, alterigia.

Sì, lo confesso, sono un disagiato come sempre lo stesso ha definito forse quelli che provano disagio a riconoscersi in questa nostra Ravello ormai ridotta ad un campo di battaglia dove non c'è più onore ma disprezzo per chi non la pensa come i dominanti di sempre, quelli che un minuto prima della fine del conflitto sanno saltare sul carro del vincitore di turno.

E il campo di battaglia è solo pieno di morti e feriti, non c'è più il sacro dovere di concedere l'onore delle armi a chi, ahilui, non ha avuto la sagacia e la furbizia di cavalcare, sempre, il cavallo vincente anche a costo di apparire traditore non solo dei precedenti alleati, ma anche dell'impronta più sana che ci fa essere degni di essere uomini: il coraggio e la coerenza.

Si, lo confesso, sono affetto da turbe. Dovute a notti insonni ricordando quante battaglie abbiamo condotto insieme agli attuali amministratori, in primis con il Sindaco. E pure a quante volte siamo stati fortemente in disaccordo, senza mai trascendere, mantenendoci fermi sulle nostre posizioni antitetiche ma convinti che si sarebbe sempre potuto trovare un punto di incontro per il bene, non solo sventolato ai quattro venti, del nostro paese.

Ricordo Salvatore Di Martino seduto ad un tavolino del San Domingo con papà e il maestro Vlad per realizzare l'idea di Ravello Città della Musica. Lo ricordo preoccupato perché non sapeva come trovare i finanziamenti per la galleria sotto piazza Fontana per un'idea che avevo lanciato (senza strombazzamento vanaglorioso) su un mio libro e la telefonata, emozionata ed entusiasta, che mi fece per dirmi, per primo, che l'opera si sarebbe realizzata.

O quando, Sindaco, mi riempisti di improperi, perché tra i vincitori di un premio giornalistico, figurava un redattore del Messaggero che, nel suo articolo, non era stato proprio benevolo con Ravello. Minacciasti fuoco e fiamme ma, poi, (quanta acqua è passata sotto i ponti) presenziasti con puntualità e signorilità alla cerimonia finale.

E non ti offendesti o andasti fuori di matto quando un giorno con un altro compagno di partito conversavate davanti all'edicola con l'allora maresciallo dei carabinieri e io ironizzai: "per la prima volta si vede un carabiniere in mezzo a due socialisti e non il contrario".

Rammento, infine, la solidarietà chiesta ed ottenuta in un momento triste e difficile della tua esistenza umana e politica (perché, caro Salvatore, non fu solo una faccenda personale, ma coinvolse tante famiglie e altrettante coscienze, pulite come il tuo certificato penale) quando ....

Volete che tutto questo non crei turbamento in chi, invecchiando ricorda fisiologicamente più il passato che il presente che, poi, sarebbe meglio dimenticare?

Si, lo confesso, è vero: viviamo in un tunnel buio perché stentiamo a vedere luce nei formalismi di oggi che, pur coerenti alle leggi, rischiano di minare alle radici la trasparenza, la libertà di espressione, il civile consesso e che inducono a tacciare di ignoranza, falsità, cattiva fede, giornalisti, opinionisti, amministratori di altre comunità costiere.

In due cose non riesco proprio a riconoscermi. Me lo consentiranno quelli che pontificano su social e giornali on line (altrettanto degni come il Vescovado ormai condannato da una conventio ad excludendum immotivata e becera imposta chissà dove o chissà da chi).

In molti compaesani (tanti costretti ad andarsene) non credono di essere ingrati, perché non si sentono beneficiati da alcuno, ne ora né mai, e da sempre tornano a Ravello con la schiena dritta di chi può affermare ciò a fronte alta (una volta io fui addirittura destinatario di un commento che mi dipingeva come uno a cui nessuno rivolgeva più il saluto o la parola).

Chi, magari avendo letto solo la seconda di copertina di un libro della psicoterapeuta Maria Rita Parsi, dichiara di poter rinfrescare la memoria a quanti ritiene aver avuto sotto la sua ala protettrice, dovrebbe fare anche nomi e cognomi per poter giocare così a carte scoperte.

Un'ultima cosa che dico, grido forte: non siamo soli. Noi de Il Vescovado andiamo fieri di quel piccolo contributo che riusciamo a dare alla crescita politica e civile della nostra Ravello. Commettiamo errori, sappiamo riconoscerli, anche noi ogni tanto, se provocati, andiamo fuori dalle righe ma la gente ci segue, ci sostiene, ci critica anche, dichiarando comunque di essere con noi. E sono in tanti!

Perché noi siamo forti di qualcosa che non è in vendita (qualcuno se ne faccia una ragione): la dignità.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

L'Editoriale

Una sinfonia stonata dalla Città della musica

di Umberto Belpedio* In queste ore Ravello è tutta sprofondata nella dolce atmosfera pasquale ed appare quasi incredula, pur essendo "la città della musica" alla intelligente iniziativa di quel genio che si rivela ancora una volta, Mauro Felicori. Stavolta in qualità di Commissario della Fondazione "firma"...

Mentre il medico studia, il malato muore

di Raffaele Ferraioli* L'estate è ormai vicina e la Divina si accinge a vivere un'altra stagione di fuoco. Il male più grande di questo territorio, benedetto da Dio e troppo spesso maltrattato dall'uomo, è stato diagnosticato da anni: l'inadeguatezza del sistema di mobilità che continua a essere costituito...

Ravello: date a Cesare quel che è di Cesare

di Antonio Schiavo Quando ho visto domenica scorsa i filmati della lunga fila all'ingresso di Villa Rufolo mi sono venute immediatamente in mente due considerazioni: la prima di gioia e fierezza per una partecipazione così massiccia che denota quanto possa essere importante, per una località come la...

Lì dove nasce la pace laica

di Padre Enzo Fortunato* Stiamo per atterrare. Dall'oblò dell'aereo il bianco la fa da padrone, è la neve che da giorni sta coprendo tutta Oslo. Ci troviamo nella capitale norvegese con la redazione della rivista per incontrare Olav Njølstad, Segretario Generale dei Nobel per la Pace e direttore dell'Istituto...

Il “Tuttomio” di Ravello

di Antonio Schiavo Tutto cambia a questo mondo: cambia il clima, cambia la moda, cambiano le stagioni, i governi si autodefiniscono di cambiamento, cambia pure... il Padre Nostro. Solo a Ravello sembra che tutto sia sempre uguale, immutabile. O meglio, gattopardescamente si dichiara che, da ora in poi,...