Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Torquato martire

Date rapide

Oggi: 15 maggio

Ieri: 14 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

La Salernitana torna in Serie A - BENTORNATA

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureGambardella Pasticceria e Liquorificio artigianale, a Minori in Costiera Amalfitana i dolci della tradizioneVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Tu sei qui: SezioniDai Comuni“Martedì grasso” in cucina, l’ultimo giorno di Carnevale con le sue tradizioni in Costa d'Amalfi

Edil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air Bee

Dai Comuni

“Martedì grasso” in cucina, l’ultimo giorno di Carnevale con le sue tradizioni in Costa d'Amalfi

Scritto da (redazione), martedì 16 febbraio 2021 17:49:51

Ultimo aggiornamento martedì 16 febbraio 2021 17:49:51

di Gabriele Cavaliere

Oggi è "Martedì grasso" l'ultimo giorno di Carnevale, che precede il "Mercoledì delle Ceneri", primo giorno di Quaresima.

Pare che il termine "Carnevale" derivi da "Carnem Levare", ovvero eliminare, finire tutta la carne, in modo che non ne resti per le quattro settimane successive, che dovranno essere "di magro", in modo da potersi degnamente preparare alla Santa Pasqua/rinascita del Signore...

A tale scopo il martedì è il giorno di massimo scialo, quello in cui si dà sfogo a tutte le gioie "carnali". Tra quelle lecite, quindi, ci occuperemo di quelle gastronomiche e, più nello specifico, della "festa del porco", un rito che però va sempre più scomparendo qui in Costiera e che, nel sacrificio dell'animale domestico per antonomasia, celebra il benessere (anticamente la stessa sopravvivenza) di tutta la famiglia!

Nei tempi passati le famiglie che allevavano il maiale ad Amalfi equivalevano pressappoco a certe grandi famiglie della nobiltà napoletane che possedevano una propria scuderia. Al posto dei purosangue i maiali. Un lusso che non tutti si potevano permettere.

In linea di massima le famiglie possidenti vantavano oltre al maiale anche una piccola tenuta in campagna, gestita da fattori o da mezzadri che, oltre a coltivare la terra, allevavano anche polli, conigli, piccioni e maiali. Di solito questi lavoratori allevavano due animali, uno per il padrone e l'altro, che veniva "cresciuto" con il permesso di quest'ultimo, per sopperire alle esigenze della propria famiglia. Il maiale, infatti, è stato per secoli la dispensa delle popolazioni rurali. Una riserva di grasso e proteine che, insieme all'orto, garantiva la sussistenza, e perfino un certa agiatezza.

I maiali venivano acquistati piccoli, alla fiera rurale che si teneva a giugno in occasione dei festeggiamenti di Sant'Andrea, in modo che la macellazione si potesse fare nei mesi freddi, solitamente tra la metà di gennaio e la fine di febbraio, in pieno periodo carnevalesco.

L'uccisione del maiale seguiva un vero e proprio rituale, a tratti decisamente scabroso.
All'alba del giorno prescelto all'animale veniva fornito un ultimo pasto delizioso, un po' come si usava dare l'ultima sigaretta al condannato a morte. Contestualmente si accendeva il fuoco sul quale veniva messa la "caurara", ovvero un fusto di ferro pieno d'acqua.

L'acqua che iniziava a bollire era il segnale per l'esecuzione. Il maiale veniva legato e trascinato a forza fuori dal porcile. Tenendolo fermo su di un vecchio tino o su di una panca, il maiale veniva sgozzato con un fendente alla carotide. Il sangue che usciva a fiotti dalla ferita veniva prontamente raccolto con un secchio e, una parte veniva messa subito a bollire, destinata a fare da condimento alla pasta, ed un'altra parte lasciata cruda, per la preparazione del sanguinaccio dolce, oggi sostituito dal Cioccolaccio!

Una volta che l'animale era morto, servendosi di grossi coltelli e di acqua bollente, si procedeva alla raschiatura delle setole. Con l'aiuto di una carrucola la carcassa veniva issata e, con mano esperta "spaccata" in due parti. Le interiora, man mano che venivano estirpate dal corpo, venivano raccolte in un grande cesta e subito messe a bagno per fare spurgare il sangue. Fegato, "tredici morsi" (pancreas), la "pariata", che si trova subito dopo lo stomaco, la "figliarola" ovvero la vulva, se il maiale è di sesso femminile, insieme ai brandelli di carne che restavano attaccati agli organi, venivano invece affidati alle donne di casa che, fattasi ormai l'ora di pranzo si apprestavano a preparare il grande pranzo che avrebbe concluso la giornata. Come prima portata si preparavano gli spaghetti con il sangue, i pinoli, l'uvetta e le foglie di alloro. Il secondo era la "tiella", ovvero una grande padellata di cane mista a frattaglie, che veniva fritta nel grasso dell'animale e profumato di foglie di alloro. Altra preparazione tradizionale era il "zuffritto", una minestra fatta anch'essa con le interiora di maiale (milza, polmone, trachea, cuore, reni) cotte lentamente nello strutto con peperoncino, alloro e altre erbe aromatiche ma questa, solitamente, sera riservata per la cena, consumata insieme ad un buon vino rosso!

Dopo il banchetto, orami raffreddatosi, la carcassa dell'animale veniva trasportato all'interno di un capanno, e qui lasciato appeso a sgocciolare per una notte intera. Il mattino seguente, sempre all'alba, aveva inizio la "sfasciatura", ovvero la sezionatura della carcassa, quasi una lezione di anatomia, che veniva divisa in base ai vari tagli di carne...

 

Grande maestria nella lavorazione del maiale, e vera "arte norcina" la si esprimevano gli "accirapuorchi" e i "conciatori" che abitavano nei paesi dell'Alta Costa. Ad Agerola, in particolare, l'arte di lavorare la carne suina risale addirittura al medioevo. La "salata Agerolese", così veniva definita la conciatura delle carni fatta dai maestri norcini, era talmente antica e rinomata che, tramandano le cronache, dal 1284 Carlo D'Angiò, re di Napoli, prese a rifornirsi annualmente di deliziosi "Salsiggiotti e Progiotti" nonchè di "Pangette" e lardo affumicati.

I salumi di Agerola, ma anche quelli confezionati negli altri paesi dell'Alta Costa, si distinguono da altre produzioni per la qualità delle carni ma, soprattutto, per la lavorazione, che prevede l'aggiunta di lardello alla parte "magra", lavorati entrambi "a punta di coltello", ed insaporiti con sale, pepe nero (sia macinato che in grani), vino bianco e, nel caso delle salsiccia, con i semi di finocchietto selvatico.

Una volta insaccata, esclusivamente in budello di suino, legato a mano con spago naturale, il prodotto veniva messo ad asciugare in luoghi asciutti ed areati, quindi affumicato, bruciando rami di mirto e di rosmarino.

Di varia forma e pezzatura, assolutamente da assaggiare: le "soppressate" i salami, la salsiccia, sia fresca che stagionata, i "capocolli" le coppe, le "ventresche" le pancette, sia aperte che arrotolate, le "pezzente" salsiccia piccante e la "nnoglia", queste ultime due preparate le con parti meno nobili del maiale miste alla "scannatura", ovvero la carne vicino alla testa, che costituivano la componente principale della Menesta mmaritata! L'appuntamento, quindi, è per Pasqua!

 

Tratto da Q.B. Storie d'amore e di sapore dalla Costa d'Amalfi di Gabriele Cavaliere, Officine Zephiro Editore

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Dai Comuni

Vietri sul Mare, operativo il centro vaccinale

È operativo il centro vaccinale a Vietri sul Mare. Allestito presso il centro sociale "Don Luigi Magliano" il centro ha avviato con forza la sua campagna vaccinale anti Covid alla popolazione vietrese. Allestito grazie alla volontà dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni De Simone,...

Cetara, domenica si inaugura il nuovo parco giochi in memoria della piccola Anna D’Avino

Dalle 10 di domani, domenica 16 maggio, a Cetara, si celebra la cerimonia di inaugurazione della risistemazione dei Giardini Pubblici e dell'ampliamento del parco giochi per bambini, in memoria di Anna D'Avino, la piccola di Nocera Inferiore venuta a mancare alla Vigilia di Capodanno di due anni fa,...

Covid, contagi in calo in Costa d'Amalfi: si attendono guarigioni a Vietri e Maiori. Il bollettino

Cala a 75 il numero totale dei contagi da Covid-19 in Costa d'Amalfi riferito alla giornata di ieri, 13 maggio. Più della metà soltanto a Vietri sul Mare, il comune costiero col maggior numero di casi all'attivo (40). Segue Maiori con 19 (di cui un ospedalizzato). Negli ultimi sei giorni si registrano...

Rifiuti, a Ravello Tari senza sgravi Covid per gli alberghi: 8 imprenditori ricorrono al TAR

di Emiliano Amato Gli alberghi, come molti altri esercizi commerciali, costretti a pagare la tassa sui rifiuti anche se non produttivi a causa dell'emergenza sanitaria. Il Dl 18 del 2020, noto come Cura Italia), consentiva un più disteso periodo di recepimento dei piani finanziari del servizio rifiuti,...

Sorrento, esposto a Villa Fiorentino il dolio di epoca romana rinvenuto durante i lavori di costruzione della rete del gas

Da oggi il dolio in terracotta rinvenuto nel 2017 dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'Area Metropolitana di Napoli durante i lavori Italgas di costruzione della rete cittadina di distribuzione del gas, darà mostra di sé all'ingresso di Villa Fiorentino. L'importante ritrovamento,...