Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 minuti fa S. Frumenzio vescovo

Date rapide

Oggi: 27 ottobre

Ieri: 26 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniDai ComuniChiusura monastero Santa Chiara, il Comune di Ravello dice no

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Rassegna Artistica: Positano tra Storia e LeggendaAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Dai Comuni

Chiusura monastero Santa Chiara, il Comune di Ravello dice no

Con deliberazione della giunta municipale numero 13 del 2 marzo l’Amministrazione comunale si fa portavoce di questa esigenza presso le autorità religiose preposte ed attuare ogni strategia necessaria per giungere ad una soluzione valida e definitiva

Scritto da (redazione), giovedì 4 marzo 2021 09:52:33

Ultimo aggiornamento giovedì 4 marzo 2021 11:51:13

Anche il Comune di Ravello interviene per scongiurare il paventato pericolo della soppressione del Monastero di Santa Chiara, da oltre sette secoli tra i simboli religiosi e spirituali della Città. Un luogo che racconta oltre sette secoli di vita claustrale, intimamente legato al tessuto cittadino, centro di spiritualità e di preghiera, ma anche scrigno di preziose testimonianze artistiche e sede di un pregevole archivio dichiarato di interesse storico nel 2014.

Mantenere viva la memoria storica e religiosa del territorio è uno degli obiettivi principali dell'Amministrazione comunale del sindaco Salvatore Di Martino, interprete del sentimento della comunità.

Con deliberazione della giunta municipale numero 13 del 2 marzo l'Amministrazione comunale si fa portavoce di questa esigenza presso le autorità religiose preposte ed attuare «ogni strategia necessaria per giungere ad una soluzione valida e definitiva».

«L'esempio della vita monastica, fatta di regole e di laboriosità, si propone anche come esempio e modello di vita per stimolare non soltanto nuove vocazioni, ma momenti di riflessione e riscoperta dei valori della fede cristiana» si legge dal deliberato.

 

UNA STORIA LUNGA OLTRE SETTE SECOLI

La ricca documentazione in pergamena e in registri cartacei conferma l'intimo legame tra Ravello e l'insediamento monastico, legato alla straordinaria esperienza di Chiara d'Assisi, sorto in favore delle donne nobili della Città e documentato a partire dalla seconda metà del secolo XIII. La particolare sensibilità del clero cittadino nei confronti dell'istituzione religiosa è testimoniata sin dal 1297, allorquando il vescovo Giovanni donava alla comunità l'attuale Chiesa di San Nicola a Ponticeto, e confermata successivamente con la richiesta alla Santa Sede del riconoscimento canonico, accordato poi da papa Benedetto XI con la bolla del 2 novembre 1303. Sono in modo particolare le sacre visite e i fascicoli, custoditi nell'Archivio Vescovile di Ravello, a riportare preziose indicazioni sulla vita del monastero, di cui vengono allegate regole e costituzioni, e gli interventi in favore della comunità cittadina, come il sostegno offerto in occasione della realizzazione dell'organo in Cattedrale. Con il passare dei secoli l'istituzione monastica costituì gradualmente un patrimonio di acquisizioni, donazioni e lasciti testamentari testimoniato da titoli di possesso in pergamena e dalle platee che, a partire dagli inizi del secolo XVII, riordinano possedimenti e censi. Nel corso di una lunga storia non sono certamente mancati i momenti difficili: negli anni immediatamente successivi alla pestilenza del 1656, che aveva determinato una forte contrazione delle famiglie nobili, da cui provenivano le monache, il vescovo di Ravello Bernardino Panicola ottenne dalla Sacra Congregazione per i Vescovi e i Regolari il permesso di accogliere in monastero 14 donne forestiere. Le difficoltà però furono foriere di una nuova vitalità, dapprima grazie all'opera del Venerabile Padre Domenico Girardelli da Muro Lucano e poi, sotto il premuroso impulso del vescovo Giuseppe Maria Perrimezzi, che aveva impegnato nella direzione spirituale delle sorelle clarisse il Padre Bonaventura da Potenza, altro figlio esemplare della provincia francescana conventuale. Non fu meno zelante l'opera degli altri vescovi che ressero la diocesi di Ravello nel corso del secolo XVIII, periodo in cui il complesso monastico fu interessato da lavori di ampliamento, nati dalla necessità di adeguare gli ambienti alle nuove esigenze dei tempi e della stessa comunità costantemente in crescita. A testimonianza dell'intimo legame clariano, nel 1736 la Municipalità, con gli organi amministrativi dell'epoca, deliberò l'elezione di Santa Chiara a patrona "meno" principale, un importante riconoscimento tra i compatroni della Città riconducibile certamente alla presenza dell'antico monastero. Per singolare destino il Monastero non andò soggetto alle leggi della soppressione napoleonica nel 1810. Fu istituita, però, una commissione governativa, che si occupò dell'amministrazione. Alla fine del secolo XIX le storie del Monastero di Santa Chiara e del Municipio di Ravello si congiungono.

IL PASSAGGIO AL COMUNE DI RAVELLO

Con la legge del 7 luglio 1866, l'immobile passò prima al Demanio dello Stato, poi al Fondo per il Culto, e infine nel 1892 al Comune di Ravello. Nel 1920, con l'impegno dell'Arcivescovo Ercolano Marini, le sorelle clarisse ottennero dal Municipio il fitto del fabbricato con il giardino e, successivamente, grazie all'autorevole opera di Padre Giuseppe Palatucci, guardiano del vicino Convento di San Francesco, con il favore delle autorità locali, riscattarono la proprietà dando in permuta l'edificio denominato «Casa Tolla», destinato a sede comunale. Il Monastero, ritornato in pieno possesso delle Clarisse, senza però essere mai stato abbandonato, ottenne il riconoscimento giuridico di Ente Morale con R.D. del 2 settembre 1932. La comunità di Santa Chiara rifiorì di vocazioni arrivando ad attestarsi ad un ragguardevole numero di religiose. Non si tralascia di ricordare che dal febbraio al luglio del 1944, presso il monastero di Santa Chiara, si recarono più volte il re Vittorio Emanuele III e la regina Elena, insieme al principe Umberto, che sostennero le attività educativa e lavorativa della comunità.

L'ASILO INFANTILE

Un contributo indispensabile la Comunità claustrale lo ha offerto anche nella crescita educativa di tante giovani generazioni di Ravellesi, amorevolmente accolte e formate presso l'Asilo infantile, di cui è stata per decenni uno straordinario modello pedagogico Suor Maria Cristina Fiore, decana delle religiose tuttora presenti a Ravello. La graduale e costante decrescita delle vocazioni oggi mette purtroppo in serio pericolo la vita di questa straordinaria esperienza religiosa, con grave perdita per la nostra Collettività. Occorre, pertanto, elevare un forte appello alle autorità religiose preposte, teso a scongiurare tale deprecabile soppressione, inconciliabile con la ricchezza spirituale e culturale di una tradizione religiosa plurisecolare. Anche in ragione dell'intimo legame spirituale con il vicino Convento dei Frati Minori Conventuali, che annovera testimoni di santità e di servizio come i fratelli Antonio e Bonaventura Mansi, il primo cofondatore della «Milizia dell'Immacolata» con San Massimiliano Kolbe, il secondo benemerito difensore della città di Assisi nel secondo conflitto mondiale e artefice della Federazione delle Clarisse, la paventata chiusura appare come una ferita ancor più lacerante che può pregiudicare la stessa sopravvivenza della Comunità francescana. Alla luce di quanto sopra indicato, della specifica vocazione di Ravello, vera e propria finestra sul mondo non dimentica delle proprie radici, appare necessario assicurare la presenza di un congruo numero di suore e privilegiare nuove prospettive di carattere spirituale, come la creazione un Noviziario nazionale o internazionale, certamente favorito dalla bellezza e dalla unicità di questi luoghi patrimonio dell'Umanità. Ancora una volta, come già accaduto in passato, i momenti di difficoltà possono diventare l'occasione per favorire nuovi slanci e per brillare di una nuova luce serafica. Siamo certi che, se ciascuno farà la propria parte, ancora una volta sarà così.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Dai Comuni

"Un albero per il futuro", a Scala alunni adottano venti alberi

Questa mattina a Scala, al centro sportivo comunale "Antonio Mansi", gli studenti delle tre classi secondarie di primo grado dell'Istituto Scolastico "Beato Gerardo Sasso" hanno partecipato al progetto "Un albero per il futuro" promosso dal Comune di Scala in collaborazione con il Raggruppamento Carabinieri...

Ravello, via i ponteggi a Villa Episcopio: conclusi restauri esterni [FOTO]

A Ravello via i ponteggi dalle facciate di Villa Episcopio, residenza di Re Vittorio Emanuele III nel 1944 e di Jacqueline Kennedy nell'estate del 1962. L'antico palazzo, sede vescovile dal 1086, di proprietà della Regione Campania, è interessato da importanti lavori di consolidamento e restauro per...

Omicidio stradale Positano, eseguito esame esterno su salma Fernanda. Udienza di convalida per conducente

E' in corso di svolgimento, al Tribunale di Salerno, l'udienza di convalida degli arresti dell'autista che giovedì scorso, sulla Statale 163 Amalfitana, ha investito la giovane Fernanda Marino, che viaggiava sul suo scooter in direzione opposta, provocandone la morte. Il 28enne di Pompei, incensurato,...

Tramonti, 80mila euro per famiglie indigenti: da Comune buoni spesa e sostegni affitti

Il Comune di Tramonti destina 80mila euro alle famiglie indigenti attraverso l'erogazione di buoni spesa per l'acquisto di generi alimentari e di prima necessità o per il pagamento dei canoni di locazione ad uso abitativo o pagamento delle utenze domestiche. Le tre misure sono alternative: ciascun nucleo...

Amalfi, sabato 23 ottobre giornata dono sangue

Sabato 23 ottobre ad Amalfi giornata del dono del sangue promossa dal Comune di Amalfi in collaborazione con l'Avis di Salerno nel pieno rispetto delle norme anti-covid. Dalle 8.00 alle 10.30 l'unità mobile dell'Avis torna in piazza Municipio dopo gli ottimi riscontri avuti durante e dopo il lockdown,...