Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa SS. Michele Gabriele e Raffaele

Date rapide

Oggi: 29 settembre

Ieri: 28 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeConnectivia Internet in fibra fino a 200MBit a 22,90 al mese Antica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniCultura & TerritorioDe Masi su Repubblica: «Scurati ideale per la Fondazione Ravello»

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Autenthic Amalficoast il blog sulla Costiera Amalfitana

Cultura & Territorio

L'endorsement

De Masi su Repubblica: «Scurati ideale per la Fondazione Ravello»

Il sociologo: «Si tratta di un docente universitario e scrittore di fama internazionale che risiede periodicamente nel paese fin dall' infanzia, ne è cittadino onorario, ne conosce l'antropologia, il valore e gli aspetti critici»

Scritto da (redazione), mercoledì 5 maggio 2021 19:30:43

Ultimo aggiornamento mercoledì 5 maggio 2021 19:42:43

"Scurati ideale per la Fondazione Ravello". Parola di Domenico De Masi, padre della Fondazione Ravello e primo presidente, che spiega le ragioni della scelta vincente in un articolo di fondo delle pagine culturali di Repubblica oggi in edicola (che si pubblica integralmente di seguio).

Un endorsement, quello allo scrittore e intellettuale cittadino onorario di Ravello, che benedice il nuovo corso dell'ente che negli ultimi diciassette anni ha organizzato lo storico festival estivo.

De Masi conosce bene Scurati: lo nominò direttore della sezione letteraria del Festival tra il 2004 e il 2005 ed è convinto che sia la persona giusta al posto giusto. Come ne è convinto il governatore Vincenzo De Luca e ora anche il sindaco Di Martino. Ci voleva Scurati per mettere d'accordo tutti.

Intanto a Ravello c'è attesa per la nomina ufficiale che dovrebbe arrivare a breve: stavolta le aspettative sono alte.

Segue riflessione di De Masi.

 

La Fondazione Ravello ha sempre goduto di ottima salute, con i conti in ordine, una gestione impeccabile dei beni culturali a lei affidati e un festival estivo di altissima qualità, puntualmente realizzato. Ciò nonostante, per reconditi motivi, è rimasta commissariata per un paio di anni, in cui medici maldestri si sono avvicendati al capezzale di un malato immaginario e sanissimo, rischiando di ammazzarlo. Non ci sono riusciti e ora, finalmente, la Fondazione potrebbe ripartire alla grande. Manca però il presidente e la sua nomina si è trasformata in una ennesima occasione regionale per esibire il meglio del pressappochismo e della confusione mentale. Intanto si avvicina la scadenza del festival, che richiede mesi di progettazione ma che è ancora in altro mare. Dopo un primo conato di insediamento, subito finito in kermesse tragicomica, ora, miracolosamente, il toto-nomine pare essersi orientato su una personalità di massimo rispetto, con tutte le carte in regola. Antonio Scurati, infatti, è un intellettuale di fama internazionale; conosce benissimo il paese e la Costiera; è amato dai ravellesi; conosce altrettanto bene la Fondazione per avervi lavorato con ottimi risultati, dirigendo per due anni la sezione letteraria del Festival. Praticamente è la prima volta che una grande istituzione ravellese sarebbe presieduta da un ravellese. Anche la congiuntura è favorevole: ora la Fondazione ha un nuovo statuto regolarmente approvato; le cariche apicali sono coperte; ha un corposo finanziamento annuale dalla Regione; gestisce numeroso e prestigiose strutture, compreso l'Auditorium di Niemeyer, per realizzare spettacoli sia al chiuso che all' aperto; buona parte del personale è ormai collaudato. Il contesto in cui opera è unico al mondo: un paese universalmente ammirato, di 2.500 abitanti, con diciannove alberghi (di cui molti a 5 stelle) e più di cento bed e breakfast, ville favolose e una popolazione intelligente, professionalmente capace di fornire servizi turistici di altissima qualità. Ora, dunque ci sono tutte le condizioni per fare di Ravello ciò che, insieme a Antonio Bassolino, enfaticamente chiamavo "la Salisburgo del Mediterraneo", cioè un sistema completo di uomini e cose in cui bellezze naturali e beni culturali, strutture turistiche e locations rare per eventi rari concorrono a creare un punto di riferimento intellettuale, artistico, storico, ecologico, unico al mondo, collocato al centro del più mitico mare. Antonio Scurati ha l' intelligenza e la capacità per riprendere la marcia impressa alla Fondazione nel primo periodo, apportando a sua volta ulteriori idee geniali e nuove spinte creative. Quella marcia era improntata a una serie di criteri poi dismessi ma che Scurati, se li riterrà tuttora validi, potrebbe riprendere. Nella sua prima fase la Fondazione adottò come priorità assoluta la crescita culturale degli abitanti di Ravello e della Costiera. Perciò il Festival uscì dal chiuso elitario di Villa Rufolo per coinvolgere l'intero territorio, con fertili puntate anche nei paesi vicini e persino a Salerno. Tutta la popolazione fruiva di una tessera con cui assistere agli spettacoli a metà prezzo, e gratuitamente a tutte le prove generali. Molti incontri letterari, scientifici, musicali e teatrali erano a ingresso gratuito per gli abitanti e i turisti. Altrettando prioritaria era considerata la formazione professionale dei giovani locali attraverso una Scuola estiva di management della cultura. D'inverno, agli allievi delle scuole elementari e medie era riservata la formazione musicale con appositi corsi realizzati in collaborazione con il distretto didattico. L' ambizione della Fondazione era fare di Ravello la prima località di turismo destagionalizzato di tutto il Sud, con quattro festival, uno per stazione, rispettivamente dedicati alla natura (primavera), all' interdisciplinarietà (estate), alle avanguardie (autunno) e alla spiritualità (inverno). L' altra ambizione era quella di svezzare man mano il Festival dai finanziamenti pubblici (da convogliare invece sulla manutenzione dei monumenti e sull' arredo urbano) per avvalersi sempre più di sponsorizzazioni drenate da aziende private, nazionale e multinazionali. Nei primi otto anni di vita della Fondazione. Il budget complessivo era di circa due milioni di euro l'anno e il contributo della Regione era di soli 300.000 euro. Questo rapporto andrebbe rapidamente ristabilito anche per evitare illegittime incursioni della politica nelle scelte culturali. Il programma di ogni edizione del Festival, pur mantenendo Wagner come nume tutelare, era articolato in oltre cento eventi distribuiti in otto sezioni dedicate ad altrettanto campi del sapere per soddisfare i vari gusti culturali degli abitanti e dei turisti. La quantità delle sponsorizzazioni e la qualità delle strategie che la Fondazione potrà mettere in forma non dipende solo dal prestigio del presidente ma anche dall' eccellenza dei programmi, la cui approvazione dipende a sua volta dalla qualità dei membri del Consiglio di Indirizzo. È perciò necessario che il Consiglio torni ai fasti del primo periodo, con personalità di altissimo livello, apprezzate in ambito nazionale e internazionale, competenti in tutte le materie implicate nell' attività interdisciplinari della Fondazione. Insomma, l'occasione che si presenta a Ravello con la presidenza di Scurati è tanto unica quanto attesa: si tratta, infatti, di un docente universitario e scrittore di fama internazionale che risiede periodicamente nel paese fin dall' infanzia, ne è cittadino onorario, ne conosce l'antropologia, il valore e gli aspetti critici. Ora spetta al presidente della Regione e al sindaco di Ravello accelerare i tempi di questa nomina annunciata. E spetta ai ravellesi di corrispondere a questa fortunata congiunta assicurando al neo-presidente, quando finalmente si sarà insediato, una collaborazione generosa ed entusiasta.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Cultura & Territorio

Giornate Europee del Patrimonio, per Villa Romana di Minori apertura serale

Anche la meravigliosa Villa Marittima Romana del I secolo a.C. tra i siti culturali che domenica 25 e 26 settembre potranno essere visitati in notturna nell'ambito delle Giornate Europee del Patrimonio. L'iniziativa prevede ingresso simbolico al costo simbolico di 1 euro (escluse le gratuità previste...

Sorrento e Dubrovnik verso un gemellaggio nel segno di musica e cultura

Una rappresentanza del Comune di Sorrento, costituita dall'assessore al Turismo e alla Cultura, Alfonso Iaccarino, e dal consigliere comunale Paolo Pane, delegati dal sindaco, Massimo Coppola, è stata ospite a Dubrovnik, in Croaziaper prendere parte al concerto di chiusura del Festival di Dubrovnik,...

Maiori incontra... Infinito Leopardi 3

Oggi, sabato 18 settembre, alle 19.30, nel Salone degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo di Maiori sarà presentato il volume Infinito Leopardi3 (Casa Editrice Media Leader). Si tratta di un libro, curato da Agostino Ingenito, nel quale sono racchiusi i contributi di ben dieci studiosi sulla vita, sul pensiero...

L’Italia e l’Europa alla prova dell’emergenza, un nuovo paradigma per la cultura. Le raccomandazioni di Ravello Lab

Giovedì 16 settembre saranno presentate al Ministero della Cultura le Raccomandazioni di Ravello Lab, il forum europeo su Cultura e Sviluppo, promosso dal Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali e da Federculture, che nel 2020 è giunto alla 15esima edizione e, come ogni anno, rivolge agli interlocutori...

Amalfi: 110 reperti archeologici restituiti dal mare restaurati e in mostra negli Arsenali [FOTO]

Saranno presto esposti all'interno del museo degli antichi arsenali della Repubblica i centodieci reperti archeologici rinvenuti dai fondali marini della Costiera Amalfitana. Per lo più anfore, anche di epoca romana, restituite dal mare tra le baie di Marmorata a Conca dei Marini. Lo ha annunciato il...