Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 minuti fa Conv. di S. Paolo apost.

Date rapide

Oggi: 25 gennaio

Ieri: 24 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiAutenthic Amalficoast il blog sulla Costiera AmalfitanaPasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia, l'internet provider in fibra della Costiera AmalfitanaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, Vini

Tu sei qui: SezioniChiesa«Una vita semplice fatta di piccoli gesti quotidiani»: Santa Chiara 'riscoperta' da Suor Massimiliana da Ravello

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano
Genea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, Ottimizzazione

Chiesa

Santa Chiara

«Una vita semplice fatta di piccoli gesti quotidiani»: Santa Chiara 'riscoperta' da Suor Massimiliana da Ravello

«Siamo stati tutti un po' provati per la pandemia, siamo stati un po' tutti costretti a ridurre all’essenziale tutte le cose, le relazioni interpersonali, la vita sociale, il lavoro, lo spazio e il tempo»

Scritto da (redazionelda), mercoledì 11 agosto 2021 18:26:26

Ultimo aggiornamento mercoledì 11 agosto 2021 18:26:26

Proponiamo l'interessante intervista a Suor Massimiliana Panza, clarissa urbanista del Monastero di anta Chiara in Ravello, pubblicata oggi sul portale d'informazione della Santa Sede "Vatican News". L'intervista è stata realizzata dalla giornalista Tiziana Campisi in occasione della memoria liturgica della Santa di Assisi. Non una fuga dal mondo quella della giovane di Santa Chiara - spiega suor Massimiliana - che nella clausura si è spesa anche per la vita comunitaria senza dimenticare i poveri e il prossimo.

Cosa c'è alla radice della scelta di Santa Chiara?

Il progetto di Chiara era osservare il Vangelo, vivendo in obbedienza, senza nulla di proprio e in castità; questo è l'incipit della sua regola. La scelta di vita claustrale, da parte di Chiara, non era il fine ma uno strumento mediante il quale poter vivere la propria vocazione di obbedienza radicale a Cristo sull'esempio di Francesco. La sua scelta di vivere il Vangelo nella clausura era un nuovo modo di essere poveri nel mondo, condividendo la sorte degli ultimi, in modo da rendere visibile e credibile il messaggio evangelico che è la misericordia. Misericordia significa avere il cuore accanto a coloro che vivono una condizione di povertà e di miseria spirituale o materiale. Per cui, la scelta di vita claustrale, per Chiara non era una fuga dal mondo, ma era, piuttosto, un'apertura misericordiosa al mondo che la circondava, così che potesse essere un dono ai poveri, per i poveri, spirituali e materiali, come un prolungamento di quanto Dio ha fatto con noi.

Chiara non vedeva la clausura quindi come una vita confinata e chiusa al mondo, anzi vi ha scoperto la grandezza del cuore umano abitato da Dio...

È la grandezza del cuore umano abitato da Dio che lei ha scoperto e che l'ha spinta a fare questa scelta oblativa di una vita contemplativa claustrale. I contenuti essenziali sono due: la condivisione della vita con gli ultimi e la contemplazione del cuore umano abitato da Dio. Questo implica, innanzitutto, la conoscenza di tutto quello che ci circonda e, soprattutto, è la meditazione continua e assidua degli eventi della vita personale, comunitaria, sociale, ecclesiale, alla luce della parola di Dio, in modo da poter unificare e comprendere, per quanto possibile, il significato ultimo del mondo. Quella è la contemplazione: meditare e vedere quella linea di unificazione fra cielo e terra.

Dagli scritti di Chiara emerge inoltre un respiro ampio, aperto su Dio e sul mondo, insomma, la "pianticella" di Francesco era attenta alla realtà circostante: alle compagne con cui viveva, alle vicende della sua città, a quanti si rivolgevano a lei. Oggi le clarisse come si aprono al mondo?

Attraverso la testimonianza di vita fraterna e l'apostolato della preghiera, negli incontri con le persone, virtuali, in questo periodo, e fisici con chiunque voglia soffermarsi, insieme, a pregare o semplicemente a condividere la propria storia. Diciamo che la riflessione continua, alla luce della parola di Dio, è il cardine della nostra giornata che infatti, concretamente, si svolge in un'alternanza di preghiera, meditazione, lavoro e fraternità; nel tentativo, ove e quando possibile, di condividere, con chiunque ne abbia voglia, la nostra giornata, quotidianità.

Lei è una monaca del monastero di Ravello, nella Costiera amalfitana, come siete inserite nel contesto sociale?

Qui, nella costiera, è un posto piuttosto particolare e molto bello, siamo già, si può dire, in paradiso. È una zona turistica, per cui è anche influenzata da questo tipo, diciamo, di attività. Quindi, siamo inserite nel senso di poter fornire, per quanto è possibile, un ristoro spirituale a chiunque ne abbia voglia, con la condivisione di una giornata, di una preghiera, un'adorazione eucaristica. Prima della pandemia si tenevano incontri o ritiri spirituali, con ragazze, cresimandi o i bambini della Prima Comunione.

Chi volesse conoscere il vostro stile di vita e la realtà monastica clariana cosa può fare?

Semplicemente contattarci. Abbiamo il nostro sito internet o anche il numero di telefono. Si può scrivere, concordare con noi una giornata di ritiro o un incontro personale, un colloquio, o semplicemente, passando di qua, bussando al portone.

Qual è il messaggio più attuale di Chiara d'Assisi?

Il ritorno all'essenziale. Alla vita semplice fatta di piccoli gesti quotidiani, di amore verso l'uomo, il prossimo e le creature tutte. Quindi, il rispetto e la consapevolezza della sacralità di tutte le creature, di tutta la creazione, senza dimenticare che tutto questo è una espressione di un amore gratuito e totale, che anche noi, insomma, dobbiamo e possiamo imitare. Innanzitutto verso noi stessi, il nostro prossimo e anche le altre creature. In questo momento storico, poi, è ancora più visibile questo ritorno all'essenziale. Siamo stati tutti un po' provati per la pandemia, siamo stati un po' tutti costretti a ridurre all'essenziale tutte le cose, le relazioni interpersonali, la vita sociale, il lavoro, lo spazio e il tempo. È una sorta di sospensione di tutto, si potrebbe dire che abbiamo vissuto un po' tutti un po' di clausura, ciascuno ha assaggiato cosa significa clausura, e sono sicura che in questo periodo ci si è resi conto che se lo spazio e il tempo claustrale, e quindi le relazioni interpersonali, non sono abitate, riempite da una presenza importante per noi, rischiamo di alienarci. Per noi la presenza è una persona, è Gesù Cristo, che è Dio, che è l'amore. E questo lo possiamo vivere tutti.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Chiesa

L’arcivescovo di Amalfi-Cava invita i fedeli a vaccinarsi: «Un atto di amore per sé stessi e per gli altri»

«La tutela dei più deboli è da sempre considerata dalla Chiesa parte integrante della sua missione. E il vaccino è un atto di amore per sé stessi e per gli altri, in particolare a vantaggio dei più deboli». Questo il centro del messaggio di monsignor Orazio Soricelli, arcivescovo della Diocesi di Amalfi-Cava...

Vietri sul Mare: Don Alessandro Buono è il nuovo parroco di Benincasa

La parrocchia di Santa Maria delle Grazie e S. Francesco di Paola nella frazione Benincasa di Vietri sul Mare, appena 300 abitanti, ha un nuovo parroco. Infatti, Don Alessandro Buono, attuale vicerettore del seminario metropolitano Giovanni Paolo II di Salerno, ha preso il posto di padre Nzuzi Bibaki....

Minori, Daniele Civale accanto a Papa Francesco durante la Messa della Notte di Natale

Gli abitanti di Minori che hanno assistito in televisione alla Santa Messa della Viglia di Natale alla Basilica Santa Maria in Trastevere a Roma sono rimasti sorpresi e orgogliosi nel vedere Daniele Civale accanto a Papa Francesco. Ordinato diacono lo scorso 2 settembre, Daniele ha assistito il pontefice...

Betlemme, Greccio, Scala. Padre Enzo Fortunato traccia i punti della genesi del Presepe

Sono terminate il 19 dicembre scorso le riprese televisive a cura di RaiTre presso la Grotta di Sant'Alfonso Maria de Liguori. L'antica Città di Scala, insieme a Betlemme e Greccio, saranno oggetto di una produzione di RaiTre, quali Luoghi del Natale. Il programma, è condotto dalla giornalista Simona...

Il messaggio di Natale dell'arcivescovo Soricelli: «Nel divino Bambino maggiore opportunità di speranza e di salvezza»

«In questo nostro tempo segnato dalla pandemia, animati dal desiderio di uscire dalla tristezza, dalla paura e dall'inquietudine, intravediamo, nell'accoglienza del divino Bambino maggiore opportunità di speranza e di salvezza»: questo il centro del messaggio per il Natale 2021 di monsignor Orazio Soricelli,...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.