Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Gennaro vescovo

Date rapide

Oggi: 19 settembre

Ieri: 18 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzateGambardella Minori, Costiera Amalfitana, Pasticceria, Gelateria, Lounge Bar, Liquorificio artigianaleContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel ForniturePansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniAttualitàScuola e sicurezza, Preside Hutter dalla Camera dei Deputati: «Tu, Stato, sei il nostro nemico. Violento, senza onore» [VIDEO]

LIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaMielePiù Eco Buonus 65%Terra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi

Attualità

Scuola e sicurezza, Preside Hutter dalla Camera dei Deputati: «Tu, Stato, sei il nostro nemico. Violento, senza onore» [VIDEO]

Scritto da (redazione), venerdì 4 settembre 2020 12:36:48

Ultimo aggiornamento venerdì 4 settembre 2020 13:31:01

Ieri mattina (3 settembre), presso la Sala stampa della Camera dei Deputati si è svolta la conferenza stampa "La Scuola Che Accoglie (SCA): Prospettive e strategie per affrontare il nuovo anno scolastico".

Analizzate le linee guida ministeriali contenute nel piano scuola 2020-21 e i danni che queste rischiano di produrre. Danni psicologici a lungo termine in bambini e ragazzi, già denunciati in una lettera di oltre 700 psicologi e psichiatri italiani.
Tra i relatori, la dirigente scolastica dell'Istituto "Marini-Gioia" di Amalfi, Solange Sabine Sonia Hutter che in un lungo discorso, d'impronta politica (che riportiamo integralmente di seguito) punta il dito contro l'apparato statale, relativamente alle linee guida del Governo per la ripresa delle lezioni in questa emergenza Covid, difendendo il benessere psicofisico degli studenti e del personale docente.

«Vorreste trasformare la vita dei nostri studenti in un incubo. Vorreste entrare nelle nostre case, nelle nostre scuole e trasformarle in lager e lazzaretti senza malati. E pur vorreste trovarne, come metodi nazisti, dove si vuol far credere che un sano sia malato e che sia un pericolo per familiari e compagni. Spargendo sospetto, paura e la zizzania, separando e dividendo. Perché solo così può governare una compagine simile, che si è venduta al miglior orribile offerente. Costringere i nostri studenti, i docenti e tutto il personale della scuola all'osservanza di simili misure restrittive non solo è inutile, e tu Stato lo sai benissimo, ma è anche criminale» afferma con forza la Hutter che, sempre riferendosi ai rappresentanti delle istituzioni, aggiunge:

«Ebbene, sia che lo ignoriate che invece ne fosse consapevoli, in entrambi i casi dovete dimettervi e rinnegare immediatamente le prescrizioni che avreste voluto imporre alle nostre scuole. Dovete andarvene! Liberare tutti dal gioco della vostra profonda inadeguatezza. Le nostre scuole devono rientrare nella normalità. Restituite ai nostri figli la serenità, la gioia, la libertà. Non è con questa violenza che potrete godere delle vostre ignobili poltrone o dei vostri soldi».

Tra i passaggi salienti dell'intervento della Hutter:

«Denuncio preventivamente i rischi connessi alle prescrizioni dettate da questo protocollo sanitario. Pericoli reali di allarme sociale, ordine pubblico all'interno degli istituti scolastici, disordini che potrebbero verificarsi molto facilmente in seguito all'applicazione delle misure in elenco. Per chi non lo sapesse il protocollo prevedrebbe che un operatore scolastico qualsiasi alla presenza di colpi di tosse o sintomatologia simili influenzabili, e io aggiungo "cioè?", abbia autorità, chi gliela concessa? Il ministro? Lucia Azzolina? Il comitato tecnico scientifico? Vale a dire i medici e tecnici Agostino Miozzo? Silvio Brusaferro? Francesco Maraglino? Giuseppe Ruocco? Franco Locatelli? Mauro Dionisio? Tiziana Coccoluto? Walter Ricciardi? Claudio D'Amario? Giuseppe Ippolito? Alberto Zoli? A chi di essi dovrà rivolgersi il dirigente scolastico quando ci sarà un colpo di tosse, uno starnuto, un normale quanto diffusissimo rialzo febbrile, un raffreddore? Parliamo di situazioni che si verificheranno certamente in tutte le scuole. Si innescherà un meccanismo infernale».

 

RIPOSTIAMO DI SEGUITO DISCORO INTEGRALE DELLA DIRIGENTE HUTTER, CHE SI PUO' ASCOLTARE ATTRAVERSO IL VIDEO IN BASSO

 

«Parliamoci chiaro, soltanto un ingenuo, uso volutamente un eufemismo, potrebbe chiedere che queste linee guida, le misure concepite dai cosiddetti esperti, i cosiddetti ministri, dai cosiddetti presidenti, e dalla miriade di figure ormai mitologiche per quanto sono nascoste dietro le quinte siano preposte a tutelare la salute di chi che sia, meno che mai dei nostri bambini e dei nostri giovani. Si, perché parliamo del nostro futuro, dei nostri figli. Perché tu, Stato, adesso sei un nostro nemico. Un nemico violento, senza onore, che sta giocando al massacro in un clima sociale dove la coscienza collettiva è sospesa, o quanto meno disfunzionale, guastata. Perché questo non è un momento qualsiasi, questo è uno di quei momenti in cui si scrive la storia. Ma non si tratta di gesta nobili, di patrimoni per l'umanità. Sappi che sarai interpellato un domani per rendere conto di misfatti gravissimi che avrebbero minato fin nelle radici i presupposti stessi della vita e della natura dell'uomo. Tu credi di poterti nascondere dietro le membra ingombranti di un leviatano e invece ci saranno dei nomi e dei cognomi che risuoneranno, scanditi ad altra voce, quando l'umanità dormiente si sveglierà di colpo e guarderà in faccia chi si è permesso di minacciare, violare, attentare la nostra vita. Non abbiamo creduto neanche per un istante che tutto ciò riguardasse la difesa della salute, il contenimento di un contagio che tu, Stato, che voi, ministri, tecnici, commissari, portaborse, davvero fosse interessati ai nostri figli. Ciò che è stato concepito, infatti, se applicato, porterà solo malessere, malattia e morte. Anzi, informo, ha già cominciato da tempo a mietere vittime. E'da tempo che si prova a distruggere la scuola, a minare le fondamenta in tutti i modi legalizzati. Attraverso le cosiddette riforme che sono riuscite sono a svilirne la funzione centrale di istruzione e di formazione e renderne oltremodo complicate le ulteriori funzioni democratiche che inclusive. Eppure la scuola italiana si è difesa dagli attacchi vergognosi che ha subito. Come dico sempre sono le persone a fare la differenza. E pur se vessati da migliaia di adempimenti burocratici inutili e vessatori, circolari che dalla sera alla mattina pretendono inutili monitoraggi delegati a dirigenti scolastici e a docenti operati da ulteriori compiti che a nulla avrebbero a che vedere con l'insegnamento e la cura dei nostri figli, pare che tu, Stato, in base al tuo comportamento, di figli non è abbia. Eppure sono certa che molti di voi, celati dietro la colta di fumo di un apparato statale multiforme sempre più lontano dal popolo, di figli li abbiamo. Forse ciò che vi manca è la coscienza, i valori, la dignità, la cultura. Si perché la cultura, vera, quella che rende le azioni dell'uomo nobili e cruciali, non avrebbe consentito a sviluppi tanto ignobili. Informo che chi ha concepito simili abomini, perché è di questo che si tratta, che nessuna persona da 0 a 18 anni dall'inizio dell'epidemia è stata colpita dal virus in misure tale da chiedere cure intensive e soltanto 4 individui sono deceduti perché gravemente ammalati di pregresse patologie. Rivolgiamo un pensiero commosso a questi bambini. Adesso, dopo mesi di aperture e contatti ravvicinati tra ragazzi, è chiaro a tutti che la curva epidemiologica riferita ai giovani non è accresciuta, nonostante i bombardamenti da parte di organi di stampa vergognosi, manipolati da soggetti senza scrupoli che diffondono notizie false, tendenziose e manipolate. Ricordo anche a questi che hanno nomi e cognomi, così come sopra, che abbiano anche dei figli. Se questo mondo sarà rovinato lo sarà anche per i loro figli. Non solo per i nostri.

Vorreste trasformare la vita dei nostri studenti in un incubo. Vorreste entrare nelle nostre case, nelle nostre scuole e trasformarle in lager e lazzaretti senza malati. E pur vorreste trovarne, come metodi nazisti, dove si vuol far credere che un sano sia malato e che sia un pericolo per familiari e compagni. Spargendo sospetto, paura e la zizzania, separando e dividendo. Perché solo così può governare una compagine simile, che si è venduta al miglior orribile offerente. Costringere i nostri studenti, i docenti e tutto il personale della scuola all'osservanza di simili misure restrittive non solo è inutile, e tu Stato lo sai benissimo, ma è anche criminale. Bambini della scuola dell'infanzia costretti a non poter vivere in modo spontaneo e salutare, impediti nello sviluppo armonico della personalità, condannati con un'altissima probabilità a contrarre nevrosi e psicosi. Costretti a vivere tra persone orribilmente mascherate. Perché? Quali sono i tuoi piani? Possibile che questa frotta di pseudo esperti, inseriti in questi comitati, ignorino le implicazioni e le conseguenze di simili manipolazioni? Davvero ignorate che ciò potrà portare a malattia, autolesionismo e anche suicidi? Ebbene, sia che lo ignoriate che invece ne fosse consapevoli, in entrambi i casi dovete dimettervi e rinnegare immediatamente le prescrizioni che avreste voluto imporre alle nostre scuole. Dovete andarvene! Liberare tutti dal gioco della vostra profonda inadeguatezza. Le nostre scuole devono rientrare nella normalità. Restituite ai nostri figli la serenità, la gioia, la libertà. Non è con questa violenza che potrete godere delle vostre ignobili poltrone o dei vostri soldi. Le barche sulle quali ci troviamo noi e voi saranno di certe diverse. Non siamo sulla stessa barca. No, davvero. Ma il mare è lo stesso, sappiatelo.

Sono chiamata a parlare di responsabilità, è vero, ma ci sono tipi differenti di responsabilità. Fin troppo facile e meschino concepire linee guida illogiche, illecite oltreché anticostituzionali fin del midollo. Per sbatterne poi le responsabilità in capo ad altri, in capo dai dirigenti scolastici. Cari colleghi dirigenti scolastici vi consiglierei di fare attenzione. E' vero che anche noi siamo responsabili della salute dei nostri studenti e dei nostri dipendenti. E io aggiungo, appunto! Noi dirigenti scolastici abbiamo tra i compiti specifici quelli di rendere l'ambiente di lavoro e di studio salubre e idoneo a studenti e personale scolastico. Ed è ciò che tendiamo di realizzare in ogni modo, anche quando si tratta di scuole che cadono a pezzi e che vengono totalmente ignorate dagli stessi funzionali che oggi sbandierano ai quattro venti la preoccupazione per il contagio nelle scuole. Che ipocrisia immensa. Vorrei sapere per mia curiosità personale dove fossero queste entità prima della pandemia. Ogni santo e sacro giorno nelle nostre scuole regna una grande e profonda solitudine pur nell'allegria chiassosa dei nostri giovani. Allegria che si vorrebbe tacitare con bavagli, museruole e paura. Di cosa siamo responsabili noi presidi? Di cos'altro visto che siamo di tutto, di più da tempo immemore? Egregio Stato, ti stupirai perché io ti chiedo un'altra responsabilità, ulteriore, ed è quella del benessere psicofisico, emotivo, affettivo dei miei studenti, del mio personale. Concedimi l'uso dell'aggettivo possessivo, prassi che mi è stata contestata dagli uffici superiori dai quali sono stata convocata giorni addietro, all'indomani del mio sciopero della fame, per rendere conto delle mie dichiarazioni verso ad una bozza, non ministeriale, bensì a firma dell'associazione nazionale presidi che pare volesse prevedere il voto di condotta che pare non rispettassero l'osservanza delle misure restrittive anticovid, vale a dire il distanziamento sociale. In quell'occasione mi fu ribattuto che le scuole alle quali siamo assegnati noi dirigenti non sono le nostre e non possiamo trattarle come casa nostre. Eppure il nostro lavoro si fonda sul sentimento, intenso come sentire, per poi agire di conseguenza, in direzione del benessere e a vantaggio dei ragazzi. Dunque tu, Stato, non puoi assegnarmi responsabilità che non afferiscano al mio profilo professionale di dirigente scolastico. Perché ti informo che nessuno di noi è un medico e la scuola non è un nosocomio o un carcere sanitario dove i genitori devono temere per i propri figli e per la propria podestà genitoriale. La scuola che io dirigo la sento mia perché la cura come se fosse mia. Apportando tutte le modifiche, tutti gli accorgimenti che possano innalzare i livelli di attrattività come è scritto tra gli obbiettivi di svariati programmi operativi nazionali, finanziati a livello ministeriale e anche europeo. Ma sembra che tu, Stato, non sappia di cosa io stia parlando. Dove sono i sindacati che qualche anno fa inviano vertenze ai quei presidi che articolavano un orario ritenuto ingiusto da qualche docente puntiglioso? Anche essi ignorano i diritti e i doveri le mansioni di un docente? E quando la bomba metaforica scoppierà, dove si rifugeranno tutti quei ministri, esperti, tecnici e portaborse di cui sopra? Pensano di nascondersi? Io credo di no.

Io ho vinto un concorso come dirigente scolastico. Nel decreto 165 del 2001, articolo 25 sulla dirigenza scolastica, non c'è traccia di mansioni medico legali, tanto meno di direttore sanitario, vale a dire, mi spiego, perché mi rendo conto dell'ignoranza abissale, oltre che, probabilmente, della malafede. Io non avrei l'autorità di nominare nessun referente Covid per esempio, tanto meno consentire al personale scolastico di azzardare valutazioni di tipo diagnostico.

Quanto descritto nel protocollo sanitario allegato al piano scuola 2020/21 non è compatibile con i profili professionali a cui si riferisce oltre che assolutamente fuori contesto e fuori luogo. Denuncio preventivamente i rischi connessi alle prescrizioni dettate da questo protocollo sanitario. Pericoli reali di allarme sociale, ordine pubblico all'interno degli istituti scolastici, disordini che potrebbero verificarsi molto facilmente in seguito all'applicazione delle misure in elenco. Per chi non lo sapesse il protocollo prevederebbe che un operatore scolastico qualsiasi alla presenza di colpi di tosse o sintomatologia simili influenzabili, e io aggiungo "cioè?", abbia autorità, chi gliela concessa? Il ministro? Lucia Azzolina? Il comitato tecnico scientifico? Vale a dire i medici e tecnici Agostino Miozzo? Silvio Brusaferro? Francesco Maraglino? Giuseppe Ruocco? Franco Locatelli? Mauro Dionisio? Tiziana Coccoluto? Walter Ricciardi? Claudio D'Amario? Giuseppe Ippolito? Alberto Zoli? A chi di essi dovrà rivolgersi il dirigente scolastico quando ci sarà un colpo di tosse, uno starnuto, un normale quanto diffusissimo rialzo febbrile, un raffreddore? Parliamo di situazioni che si verificheranno certamente in tutte le scuole. Si innescherà un meccanismo infernale. Tutto ciò porterà disordini, ferimenti e anche potenziali ferimenti, fughe da scuola. Minori, bambini, studenti, personale docente e non docente presi dal panico potrebbero avere reazioni inconsulte. Quando si è in pericolo per la propria vita si può reagire in modo imprevedibile e inconsulto perché ha un solo obbiettivo: sopravvivere. Non ha l'opportunità di pensare che la sua azione potrebbe essere pericolosa ed arrecare danno a sé e ad altri. Sappiamo tutti come gli organi governativi e di stampa connessi stanno bombardando da mesi tutta la popolazione con la strategia del terrore. La massa è terrorizzata, e di questa massa fanno parte anche i bambini e i ragazzi che si ritroveranno nelle scuole travestite da lager.

Pregherei, se ancora esiste, l'Ordine dei Giornalisti a ritirarsi in un consesso di riflessione generale e profonda, durante il quale ripensare alle proprie modalità operative nei confronti dei lettori, dei fruitori televisivi tra cui minori che, ad ogni ora del giorno, subiscono messaggi di una violenza inaudita. Pregherei anche l'Ordine dei Medici che si preoccupa delle dichiarazioni logiche e pertinenti di professionisti al servizio della popolazione, convocandoli al fine di pretendere da essi spiegazioni immediate, circa valutazioni non allineate al pensiero unico governativo quanto meno di fare lo stesso nei confronti di altri "medici" che si permettono di veicolare messaggi ed offese via social del seguente tenore, rappresentato addirittura dal titolo di un libro "La congiura dei somari.Perché la scienza non può essere democratica". E' arrivato un altro Dio tra i tanti che già credono di esserlo. Fermo restando il mio amore e rispetto per tutti gli animali e gli asini in particolare, creature belle ed intelligenti, diametralmente opposte all'autore del volume in oggetto. I soldi fanno comodo a tutti, ma devo esistere e sussistere dei limiti. Chiedo con forza che venga ripristinata la verità perché anche la massa acritica possa rientrare nella propria vita e nella dolce normale vita ordinaria. Lo sappiamo tutti, noi non dormienti, lo sapete tutti voi al Governo, lo sai tu Stato che l'emergenza non è più tra noi. A muoverti non è l'amore per i cittadini e per gli studenti. Perché se così fosse non avresti mai agito come hai agito e ti saresti veramente impegnato e premurato di rasserenare gli animi, diffondere ottimismo e tranquillità. Se proprio vuoi insistere sui giovani ti informo, Stato, che ci sono milioni di giovani che soffrono di anoressia, depressione, sostanze stupefacenti, alcolismo, di autolesionismo. Abbiamo giovani che si suicidano sempre prima. A Salerno due casi dopo il lockdown. Se la scuola dovesse partire potrebbero esserci, ci saranno, rischi molto seri da tutti i punti di vista dei quali io chiederò conto alle persone che ne saranno responsabili. Non potranno nascondersi dietro nessuna sigla. I nomi sono noti e saranno fatti. Non sarò intimidita da nessun avvio di procedimento disciplinare perché la difesa dei nostri ragazzi è propedeutica per il futuro di tutti. Vado avanti insieme a quelle persone che ogni giorno celebrano l'amore e vogliono stare lontane da logiche di potere nelle quali non vogliamo essere più vittime.

A voi rappresentati del Governo faccio questo appello. Cogliete questa occasione per ripristinare la verità, restituendo spontaneamente i diritti costituzionali e la libertà al popolo italiano che non vi ha manco eletti. Eppure in parte vi ubbidisce, credendo alla narrazione falsa che vi state raccontando. Chi cerca trova e voi state cercando per trovare ciò vi serve al proseguo della vostra occupazione indebita dei parlamento. I malati, che non si trovano perché non ci sono. Ditelo, riabilitatevi, rientrate nei vostri ruoli di politici, ma anche nel vostro rango di uomini. Mi permetto di aggiungere un invito a Di Maio. Invece di sedere in poltrona dopo l'inguardabile saluto a gomito con politici cinesi che provi a ricordare da dove viene e cose deve fare un ministro degli esteri. E basta astenersi dallo stringersi la mano, è una sceneggiata. Le mani si usano per toccare tutto. Mi chiedo perché dobbiamo sentirci colpevoli nel toccare altre mani. Visto che poi le mani si lavano, anche se in certi casi, pur lavandole, resteranno sporche, ma questa è un'altra storia. E concludo. Egregio Sergio Mattarella. Lei che con il suo stesso cognome rievoca con onori e glorie chi si è immolato sull'altare della giustizia non è il mio presidente finché non entrerà nella sua funzione di garante della costituzione. Avvocato Giuseppe Conte non è il mio presidente del Consiglio e non solo perché non è stato eletto da nessuno, ma anche perché non eletto avrebbe dovuto operare nel modo migliore per il Paese e per il popolo italiano e poi gentilmente congedarsi, e invece non solo non opera a favore degli italiani ma addirittura proroga lo stato di emergenza senza motivo. Ricordo a tutti, unico Stato in Europa ancora in emergenza. Fittizia, con conseguenze inquantificabili da tutti i punti di vista. Chiedo alle opposizioni di pretendere il dibattito parlamentare e il ripristino della legalità, quella vera. Se non lo farete sarete complici di un governo illegittimo e di stampo dittatoriale, sebbene per poco in embrione. Diffido la classe politica tutta, in particolare i governatori di regione ad agire nei nostri confronti. Avete consegnato l'Italia in mano alla peggiore ignoranza. Vi ricordo che le nostre radici affondano nella cultura greco-romana, che poggia le sue fondamenta nel divino. Lasciate il passo. Invito tutti a trattare questa crisi come una grande occasione, la grande bellezza per rinascere per riappropriarci alla gioia del sapere e del fare per tornare agli antichi splendori».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Attualità

Vacanze di lusso tra Positano e Capri per gli assassini di Willy che percepivano il reddito di cittadinanza

Percepivano il redditto di cittadinanza, ma vivevano anche nel lusso più sfrenato. Stiamo parlando di Gabriele e Marco Bianchi, i due fratelli di 26 e 24 anni che, insieme a Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, sono accusati dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte. I loro profili social, infatti, documentano...

L'eccellenza e il grande cuore della Costa d'Amalfi nei limoni di Carlo De Riso, il "Boss in Incognito" [VIDEO]

di Mariarosaria Pisacane Un viaggio tra le emozioni, uno spaccato di vita in una delle realtà aziendali più conosciute del nostro territorio, la Costieragrumi, leader nella commercializzazione del pregiato limone Costa d'Amalfi IGP: 70 dipendenti, 1.200.000 metri quadrati di limoneti, 1.400 tonnellate...

Scopre un tumore al seno ma porta avanti la gravidanza grazie alle cure del Pascale: dopo la chemio è nata Aurora

Oggi è nata Aurora, come l’aurora di un nuovo giorno. Il nuovo giorno di Consiglia Varriale, 42 anni, di Quarto. La sua vita si era fermata a marzo, quando al terzo mese di gravidanza scopre di avere un tumore al seno. La sua bimba non può più nascere, deve abortire, le dicono tutti i medici che consulta....

Test sierologici per gli insegnanti della Costa d'Amalfi: prenotazioni mal gestite, disagi al porto di Maiori [FOTO]

(NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO) Disagi questa mattina per i docenti e lavoratori della Scuola della Costa d'Amalfi chiamati a sottoporsi ai test sierologico come previsto dall'ordinanza regionale prima dell'inizio dell'anno scolastico, il prossimo 24 settembre. Presso i locali del Porto Turistico di Maiori,...

In Costiera Amalfitana il trasporto pubblico che diventa privato: pullman SITA "dedicato" a gruppo di escursionisti

In Costiera Amalfitana i bus del trasporto pubblico che diventano... privati. Non è passato inosservato, ieri mattina (domenica 13 settembre), agli occhi di tanti, il pullman di Sita Sud che circolava sulla tratta Maiori-Ravello con il display recante il messaggio "Fuori Servizio". E poi non vi sono...