Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Nicola di Bari

Date rapide

Oggi: 6 dicembre

Ieri: 5 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeConnectivia Back To School, l'offerta dedicata alle famiglie e agli studentiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaIl Panettone artigianale della Pasticceria Gambardella, da oggi a portata di click. Gambardella, Minori, Costiera AmalfitanaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàRestiamo a casa, ce lo impone la matematica

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di Click

Attualità

Restiamo a casa, ce lo impone la matematica

Quanto è importante la matematica ai tempi del Coronavirus

Scritto da (Redazione), sabato 14 marzo 2020 16:01:53

Ultimo aggiornamento sabato 14 marzo 2020 22:25:15

di Massimiliano De Iuliis

Il lettore non può capire quante volte mi è stata rivolta questa domanda dai miei studenti, e soprattutto quanto difficile sia poter dare loro una risposta convincente. Eppure in tempo di quarantena e di Coronavirus, l'utilizzo di modelli matematici e le semplici idee matematiche che sono dietro una epidemia, sono l'unico strumento decisionale che uno Stato può utilizzare per compiere delle scelte cruciali.

Come descrivere in maniera semplice quello che sta succedendo? Immaginate il seguente giochino: ad una persona viene dato un cappellino rosso (oppure scegliete voi il colore che più vi piace) ogni persona con questo cappellino ha il potere, per un certo periodo di tempo, toccando altre persone di far comparire sulla loro testa il medesimo cappellino. Come procede questo gioco? Beh, se la prima persona nel tempo a disposizione non tocca nessuno, tutto finisce lì, se però riesce a toccare un certo numero di persone, queste a loro volta avranno altro tempo per toccare altre persone e far comparire altri cappellini rossi e così via.

Quello che ci aspettiamo è di trovare dopo un po' di tempo un sacco di cappelli rossi in giro per strada. Ma quanti?

Tutto dipende da quante persone mediamente riesce a toccare ogni "cappellino rosso" e da quanto tempo mediamente passa tra un tocco e l'altro. Immaginiamo per esempio che ognuno di essi riesca a toccare nel tempo utile di un giorno altre 3 persone, dopodiché il suo potere svanisce. Ci chiediamo, per esempio, dopo 10 giorni quanta gente con il cappello rosso ci sarà in giro.

Non molti penserete voi... del resto 3 persone ogni giorno non sembrano un granché: ebbene vi sbagliate di grosso. Dopo 10 giorni ci saranno in giro, 29524 persone col loro bel cappello rosso in mostra. Questo perché l'ingannevole fenomeno ha quello che si chiama un andamento esponenziale, ovvero ogni giorno il numero di "rossi" (chiamiamoli così per semplicità) aumenterà di 3 volte rispetto al giorno precedente. Il primo giorno sarà 1, il secondo se ne aggiungeranno 3, poi se ne aggiungeranno 9, poi 27..., fino ad arrivare al decimo giorno in cui i "nuovi rossi" saranno 19683.

In epidemiologia il numero di "nuovi rossi" viene indicato con il simbolo, R 0. Se tale numero è minore di uno, non c'è problema, l'infezione non si espande. Tanto più questo numero è maggiore di uno, tanto più rapidamente c'è l'espansione.

Il Coronavirus pare avere un R 0 stimato intorno a 2,5, quindi molto vicino all'esempio semplificato che ho portato.

In realtà le cose sono leggermente più complicate, nel senso che ci possono essere delle regole che cambiano il gioco dei cappelli. In particolare se per una epidemia si ha a disposizione un vaccino, le persone vaccinate anche se toccate non diventano "rossi", il che permette di mantenere R 0 sotto controllo. Inoltre un "rosso" dopo un po' di tempo smette di esserlo e diventa immune ad un eventuale secondo tocco.

Il problema del Coronavirus sta nel fatto che non ci sono vaccini disponibili, e all'attualità non sappiamo ancora se siano possibili o meno recidive (ovvero se chi ha portato il cappello rosso lo possa portare nuovamente o meno). Insomma questo virus ha tutte le caratteristiche per diffondersi in maniera rapida ed esponenziale, lasciandolo libero di operare probabilmente in meno di un mese avrebbe esaurito il suo compito perché i "rossi" sarebbero divenuti talmente tanti che anche a cercarli non si troverebbero più soggetti propensi ad essere infettati.

Dunque è solo questione di un mese... perché non lo lasciamo libero di agire e tra un mese torniamo alla vita normale?

La risposta è semplice e molto cruda. Perché questo significherebbe che si ammalerebbero in maniera grave un numero elevatissimo di persone in un tempo breve.

Facciamo un calcolo a grosse linee, diciamo che in Italia togliendo la popolazione sotto i 50 anni di età, ci sono qualcosa tipo 20 milioni di persone potenzialmente a rischio di essere "rossi". I dati a disposizione ci dicono che il 5% va in terapia intensiva. Il 5% di 20 milioni sono... 1 milione di persone. Ecco... il problema è che noi in Italia abbiamo 5000 posti in terapia intensiva, avendo 1 milione di casi in un mese l'urto sarebbe insostenibile, e porterebbe ad un numero di decessi inaccettabile per una società civile.

Dunque bisogna fare qualcosa, e l'unica cosa che si può fare è quello che si chiama "distanziamento sociale", ovvero le persone che hanno il cappellino rosso (e che a differenza che nel giochino usato come esempio, molto spesso non sanno di averlo) non devono poter toccare nessuno nel tempo che hanno a disposizione. Quindi se sanno di essere "rossi" e sono in casa in isolamento devono tenersi lontano dagli altri, se non lo sanno ed escono per strada non devono trovare nessuno.

Ciò allungherà i tempi di questa pandemia, ma risparmierà alla società migliaia e migliaia di decessi. Lo state sentendo da tutte le voci e da tutte le parti, non è un capriccio: restate a casa e se proprio dovete uscire mantenete le distanze di sicurezza, non è solo una accortezza da tenere, è un obbligo morale e sociale. Le misure messe in pratica dal Governo non sono affatto esagerate, anzi probabilmente andavano applicate prima e anche eventuali altre restrizioni sono ampiamente giustificate.

Qui non si tratta di credere al politico di turno, al sottoscritto o a all'esperto della materia, si tratta di credere alla fredda razionalità dei numeri e della matematica e non è un caso che la saggezza popolare affermi che "la matematica non è un'opinione".

*Dottore di ricerca in Ingegneria delle strutture, docente di matematica e fisica

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Strada Avvocatella: Comuni di Vietri e Cava de' Tirreni lavorano alla riapertura

Si lavora per la riapertura della strada dell'Avvocatella. Lunedì scorso un incontro in Provincia per fare il punto della situazione e predisporre nuovi e rapidi interventi per il ripristino della viabilità sulla Sp75. «Lunedì - spiega il vicesindaco di Vietri sul Mare, Angela Infante, - con il sindaco...

I numeri incompresi della pandemia e il Natale. Cosa si nasconde dietro le fredde cifre

di Francesco Romanelli* I numeri di questa pandemia hanno di gran lunga scombussolato il mondo intero. E' una sorta di bollettino di guerra quello che quotidianamente ascoltiamo alla radio, alla tv, o leggiamo sui giornali. Morti, infettati, ricoverati nelle terapie intensive e chi ha più ne metta. Numeri...

Emergenza Covid, a Maiori montate le tende dell'Esercito al Porto turistico [VIDEO]

Sono quasi ultimate le operazioni di montaggio delle tre tende militari allestite al porto turistico di Maiori dove da domani, martedì 24 novembre, si insedierà l'Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA) dell'Esercito Italiano. «Da domani sarà attiva l'USCA dell'Esercito Italiano con tre medici...

Emergenza Covid: il realismo e la speranza

di Antonio Schiavo Ho letto con attenzione l'articolo di Antonio Scurati su Il Corriere della Sera. Come al solito il suo scrivere è netto, puntuale, accattivante e sa cogliere l'essenza delle questioni incardinandole in descrizioni di paesaggio e contesto che lasciano il lettore senza parole. Non sono...

Antonio Scurati su CorSera: «Restiamo lucidi nel nostro inverno più difficile»

Riprendiamo la riflessione dello scrittore Antonio Scurati, cittadino onorario di Ravello, pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, venerdì 20 novembre. «Ci attende un secondo inverno di resistenza. Affrontiamolo con fermezza, serietà, senza malanimo. Proprio ora che i vaccini ci offrono una ragionevole...