Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 minuti fa S. Angela Merici

Date rapide

Oggi: 27 gennaio

Ieri: 26 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàL'estate di ieri, l'estate di domani

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Attualità

L'estate di ieri, l'estate di domani

Scritto da (Redazione), lunedì 20 aprile 2020 17:03:26

Ultimo aggiornamento lunedì 20 aprile 2020 17:52:05

di Lucia Serino*

Immaginiamo la spiaggia di Rimini. E quella di Erchie. Pensiamo alla marina di Conca e al litorale di Follonica. Intuibile il primo pensiero: la costiera amalfitana è un'altra cosa, è diversa, esclusiva, destinazione luxury. E' vero, e non è un peccato. Sarebbe però un peccato precluderla a priori a chi cerca qui anche solo la possibilità di allargare lo sguardo e il cuore.

C'è una preoccupazione difficile da ammettere, che mi turba nella discussione di questi giorni su come riattrezzarsi per l'estate che è a un soffio dalla possibile sperata liberazione dalla nostra reclusione. E spero turbi tutti coloro che hanno a cuore il bene comune.

Non è soltanto - e comunque urge già che la discussione parta da questo - l'idea di come diminuire e contingentare l'ingresso alle spiagge garantendo distanziamento sociale. Il meccanismo sul litorale romagnolo (mi viene in mente questo ma ci sono molti altri esempi in Italia) è più facile da immaginare e forse non pregiudicherà il diritto di ciascuno di noi, dei cittadini innanzitutto di quella regione, a godere di aria e di mare e desiderio di infinito dopo che lo sguardo che abbiamo avuto finora è stato quello che andava dalla camera da letto alla cucina delle nostre case. E' in gioco un valore molto più sostanziale e a mio avviso irrinunciabile, che ha a che fare con l'idea di come riusciamo a passare dalla crisi alla fiducia, dalla paura al sogno possibile, senza lo strascico di una paralizzante frustrazione. Perché proprio questa è in agguato, in un momento in cui si intersecano tragicamente le coordinate degli effetti della crisi pandemica, tra lo smarrimento congiunto di chi magari è senza lavoro e di chi ha difficoltà a fare impresa come nel mondo di prima. Garantire sicurezza ha un costo, soprattutto in spazi ristretti come quelli della Costiera che amiamo proprio perché ristretti, ma questo costo non può diventare una sanzione sociale in una comunità che rischia di trasformare le differenze in esclusione, il divario in colpa.

 

Abbiamo il dovere di costruire una società migliore riprogettando i nostri luoghi e la fruizione di essi, che è cosa ulteriore da un'app, un misuratore di temperatura, un numerino per entrare ai bagni come si fa al supermercato. E' una cosa che ha a che fare con le nostre stesse esistenze del vivere sociale.

Come siamo capaci di immaginare il nostro futuro? Non solo in estate in verità e non solo per i lidi che a prezzi già proibitivi ti consentivano un bagno ad agosto mentre dai moli si allontanavano gozzi e yacht ingolfando anche le riserve marine. C'è da immaginare un futuro per i nostri piccoli paesi della fascia costiera che non sono solo litorale ma anche strepitosi borghi affacciati al mare (la regina è Ravello ma penso a Conca, solo per fare un esempio) e un futuro anche per i paesoni a valle, dove la prepotenza dei rapporti e l'ingorgo delle nostre libertà prima ancora che delle nostre auto ci rendeva insofferenti e infastiditi. Davvero vogliamo ritornare a quel modello? Quale sforzo di riorganizzazione che non sia soltanto l' applicazione di una somma di divieti siamo disposti a produrre per scampare all'ossimoro di una "livella" antidemocratica degli effetti del virus?

 

Non è utopia, è immaginazione. Come riusciremo a mettere insieme equità e benessere, quale modello economico stiamo studiando per garantire la tracciabilità del futuro oltre che degli accessi? E' su questo che il dibattito pubblico deve cominciare, e pubblico significa davvero di tutti, perché o una comunità cambia in meglio da una crisi o ce ne sarà un'altra in agguato fatta di conflitti e scontri sociali. Sono sicura che questa non può essere la preoccupazione soltanto di chi cerca un posto al sole, ma anche di chi dei posti al sole ha fatto un legittimo business. Eravamo alla saturazione già prima, ricordate? Eravamo al caos risolto con un piano traffico che già aveva scontentato gli operatori economici. Certo Dior non continuerà per sempre a produrre disinfettanti e quindi la discussione non è proporre il Caruso o il San Pietro per tutti a prezzi di saldo. Lo sforzo è di cominciare ad essere mentalmente non convenzionali, di liberare il perimetro delle proposte impossibili, di mettere in ballo idee che potrebbero sembrarci assurde ma che proprio nell'apparente impossibilità possono radicare un sogno visionario di fattibilità.

"Innovare non significa solo avere belle idee chiuse in un cassetto. Significa esporle, mettersi in gioco e farle circolare. L'idea si deve scontrare con le idee e le abilità degli altri e diventare azione". La costiera amalfitana è ricca anche di una comunità internazionale. La fantasia, la creatività, il desiderio di immaginare soluzioni nuove possono essere messi in un circuito di discussione anche con quanti da qui sono passati. Possiamo passare dall'idea di un turismo come godimento passivo di un territorio a un progetto pilota di sostenibilità ed equità che avrà tanta più forza se partirà da un luogo riconoscibile e famoso in tutto il mondo come quello della nostra amatissima Costa?

Vi suggerisco, se avete voglia, questa lettura, piena di spunti interessanti.

https://www.linkedin.com/pulse/unidea-di-futuro-cui-ci-si-possa-innamorare-francesca-folda/?fbclid=IwAR2fO4tNSHxv4U4QfzMSScbVmd8usCokgyDQrU5Cp3w7TxmqIf536i8M2po

*giornalista, capo ufficio stampa della Fondazione Ravello

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Concluso il recupero della balena di Sorrento: è la più grande mai registrata nel Mediterraneo

Nella mattinata di ieri si è svolta l'ultima fase del recupero della balena di Sorrento, il cui scheletro è stato interrato in attesa di poter procedere, nei tempi dovuti, alla futura esposizione. Il grandissimo lavoro è stato possibile grazie al coordinamento dei tanti soggetti coinvolti: Capitaneria...

Balenottera morta a Sorrento, tra un anno la muselizzazione

Ritorna a Sorrento la Balenoptera physalus, nome scientifico della Balenottera comune ritrovata morta il 14 gennaio scorso, a venti metri di profondità, nel porto di Marina Piccola. Protagonista di un'operazione di recupero senza precedenti, per trasportarlo all'interno del bacino del cantiere Cantiere...

Erchie d’inverno: il fascino e l’abbandono nelle foto di Armando Montella

Un atto di denuncia in cui l'ammirazione verso la bellezza e la potenza della natura si mescolano all'indignazione. Attraverso una carrellata di dieci scatti il fotografo per passione Armando Montella mostra le luci e le ombre di Erchie, l'incantevole borgo affacciato sul mare della Costiera amalfitana...

Meteo, weekend 16-17 gennaio con freddo e gelo. Neve anche a bassa quota

Si profila un weekend, quello del 16-17 gennaio, particolarmente freddo su tutta l'Italia. L'arrivo di gelide correnti da Nord-Est determinerà un drastico calo termico, con temperature sotto le medie stagionali soprattutto al Centro-Sud. Sabato sarà una giornata molto fredda anche per l'effetto di forti...

Da Agerola ad Erchie, l’ultima transumanza in Costa d’Amalfi al tempo del coronavirus

Dai freddi monti di Agerola alle più miti temperature del caratteristico borgo di Erchie per svernare. Non è una scelta di tipo turistico ma l'ultima transumanza ancora in vita in Costiera Amalfitana. Due volte l'anno, di notte, percorrendo la strada Statale 163 Amalfitana, Giovanni, Franchina e i loro...