Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Paola vedova

Date rapide

Oggi: 26 gennaio

Ieri: 25 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Egea Gas & Luce. La casa delle buone energie, presto in Costiera Amalfitana. EGEA energie del territorioPasticceria Gambardella a Minori le tradizioni e i sapori della Costa d'Amalfi dal 1963Connectivia Internet da 9 euro al mese con tablet a 40,80 euro. Voucher 500 euro bonus digitaleAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiGenea Consorzio Superbonus 110%, Ristrutturazioni, Lavori edili, Partner, Risparmio energetico, OttimizzazioneMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SezioniAttualitàL’altro 2 giugno: la svendita della Repubblica

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLIRA TV e il protagonista sei tu. La TV di Salerno e ProvinciaTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiLa casa delle buone energia: EGEA energie del territorio. Presto in Costiera AmalfitanaGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoIl Limone IGP Costa d'Amalfi Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletano

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De Riso

Attualità

L’altro 2 giugno: la svendita della Repubblica

Scritto da (Redazione), mercoledì 3 giugno 2020 10:56:39

Ultimo aggiornamento mercoledì 3 giugno 2020 10:56:39

di Alfonso Minutolo*

Il 2 Giugno è veramente una giornata da ricordare, tuttavia la ricorrenza a cui vorrei fare riferimento non è relativa alla Festa della Repubblica, ma ad un anniversario ben più recente e sotto un certo punto di vista anche più oscuro della nostra storia repubblicana. Mi riferisco ad un evento che risale al 2 Giugno 1992 noto come "Crociera sul Britannia".

 

In quel particolare giorno, i massimi vertici dell'economia italiana: il Presidente della Banca d'Italia Carlo Azeglio Ciampi, insieme con l'allora Ministro dell'Economia Beniamino Andreatta, il Direttore Generale del Tesoro Mario Draghi, i vertici dell'Eni, dell'IRI, delle grandi banche pubbliche e delle varie aziende e partecipate di Stato, si incontrarono al largo di Civitavecchia su un panfilo di proprietà della Regina Elisabetta denominato "Britannia" dove, accompagnati dall'élite della grande finanza internazionale si riunirono per dare vita al saccheggio dell'economia italiana realizzato attraverso la privatizzazione e la liquidazione a prezzi stracciati, degli immensi patrimoni industriali e bancari della nostra nazione, retaggio di un sistema che aveva contribuito alla rinascita del nostro paese dal dopoguerra fino ad allora.

 

All'inizio degli anni ‘90 infatti, la quasi totalità del settore bancario e oltre un terzo delle più grandi imprese italiane era ancora in mano pubblica. Con l'avvento della modernità, questo fatto fu visto come un errore di sistema, dal momento in cui si andava via via imponendo in tutto l'Occidente un nuovo dogma: quello del liberismo selvaggio. Agli occhi dei grandi predatori della finanza mondiale, l'Italia appariva come l'eldorado, un'immensa prateria dove cavalcare e razziare quanto più possibile.

 

Nell'inverno che aveva preceduto quel fatidico 2 Giugno del 1992, mentre tangentopoli colpiva durissimo e si attendevano una serie di referendum abrogativi che tutti sapevano avrebbero spazzato via per sempre la prima Repubblica, nei corridoi di Montecitorio non si sentiva parlare che di "privatizzazioni" e "cartolarizzazioni". Era la panacea di tutti i mali, il sospirato miracolo, il colpo di scena che avrebbe per sempre cambiato le sorti della nazione. I sogni di tutte quelle oligarchie che da decenni bramavano l'accaparramento di tutti i nostri asset strategici diventava realtà e la prospettiva di spogliare la nazione delle sue proprietà era divenuto man mano sempre più reale grazie al concretizzarsi del modello "Eurocentrico" che si contrapponeva a quello "Statocentrico".

 

Pochi mesi prima della "Crociera sul Britannia" infatti era stato siglato il famigerato trattato di Maastricht, colonna portante dell'Unione Europea, che impegnava l'Italia ad una drastica politica di austerità fiscale e di abbattimento del debito pubblico. Ed è proprio facendo appello alle pressioni europee in tal senso che lo smantellamento dell'apparato industriale e di pianificazione pubblico italiano fu motivato ed approvato.

 

Vendere, o meglio svendere quel patrimonio, secondo i dettati della teoria economica neoliberista oggi più che mai imperante, avrebbe aiutato a raggiungere tre risultati: riduzione del debito pubblico che ammontava allora a 795 miliardi di euro, rendere più efficienti e competitivi i settori in via di privatizzazione ed aumento l'occupazione.

 

Al giorno d'oggi, giunti alle porte del trentesimo anniversario da quel tremendo mercato delle vacche, tutti quegli indicatori che spinsero le istituzioni a comportarsi in quel determinato modo sono tutti peggiorati. Il livello di disoccupazione è aumentato a dismisura, sotto il limite della povertà assoluta vivono circa sei milioni di italiani, il debito pubblico non è mai stato così alto e l'estrema competitività ha creato disparità sociali senza precedenti.

 

Con la svendita del patrimonio pubblico avvenuto negli anni ‘90, si decise di far calare il sipario sul "Trentennio d'oro", quel periodo storico che dagli anni ‘60 aveva caratterizzato il cosiddetto "Miracolo Italiano". A concretizzarlo era stato il modello economico "Keynesiano", basato sull'interventismo economico di Stato, ovverosia ciò che fino a quel momento aveva consentito allo Stato di perseguire politiche di sviluppo industriale, di orientamento dei consumi, di innovazione strategica, di coesione territoriale e di salvaguardia dell'occupazione. In poche parole lo Stato grazie alla spesa pubblica era in grado di sostenere la domanda e di conseguenza perseguire la cosiddetta "Piena occupazione", che in economia indica la condizione in cui tutti i cittadini hanno accesso a tutte le ore di lavoro di cui hanno bisogno con salari equi.

 

Con le liberalizzazioni e le privatizzazioni si scelse di virare sul modello "Neoclassico" in cui le competenze che furono dello Stato vennero affidate al mercato, con tutte le conseguenze che potete immaginare e che oggi si possono constatare: flessibilità occupazionale esasperata, ingiustizie sociali, salari iniqui, canoni di locazione sproporzionati, estrema competitività, basso livello di qualità della vita. Insomma, si è affermata una società in cui pochi si arricchiscono e molti si impoveriscono.

 

La parola d'ordine di questi tempi è "Liquidità". Sono pressoché certo che se lo Stato avesse conservato la disponibilità delle proprie aziende, oggi avrebbe certamente avuto più liquidità da dedicare alle fasce di popolazione colpite dall'emergenza del coronavirus; se la spesa pubblica a sostegno della domanda si fosse mantenuta alta avremmo avuto maggiore potere d'acquisto; se si fosse mantenuto l'intervento economico dello Stato a sostegno della piena occupazione, avremmo avuto maggiori possibilità di reggere l'onda d'urto dello shock economico legato alla pandemia. L'assenza di simili condizioni, aggravato dall'impossibilità di poter contare su una valuta sovrana ci hanno spezzato le gambe.

 

A distanza di quasi trent'anni da quel giorno sono in molti in Italia a discutere sulle responsabilità storiche e sociali di quella svendita e le riflessioni fatte da economisti, politologi, storici e sociologi sono oggi più che mai, grazie ad internet, in condivisione con i cittadini che possono reperire informazioni e studiare testi che illustrano la possibilità di ricreare su quella base, un modello sociale alternativo al neoliberismo. Sarebbe infatti il caso di iniziare a riflettere sull'opportunità di aprire una seria e serena discussione riguardo a quel triste capitolo della storia italiana, valutando l'eventualità di restituire alla nazione e quindi al popolo ciò che è suo, a partire dai monopoli naturali come le autostrade e le reti energetiche che negli anni sono state smantellate e svendute a "prenditori" privi di scrupoli da cui hanno ricavato enormi rendite e profitti a scapito della qualità e dei costi dei servizi, e dunque a scapito di tutta la collettività; fino ad arrivare al primo dei beni pubblici: la moneta.

*attivista politico

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Balenottera morta a Sorrento, tra un anno la muselizzazione

Ritorna a Sorrento la Balenoptera physalus, nome scientifico della Balenottera comune ritrovata morta il 14 gennaio scorso, a venti metri di profondità, nel porto di Marina Piccola. Protagonista di un'operazione di recupero senza precedenti, per trasportarlo all'interno del bacino del cantiere Cantiere...

Erchie d’inverno: il fascino e l’abbandono nelle foto di Armando Montella

Un atto di denuncia in cui l'ammirazione verso la bellezza e la potenza della natura si mescolano all'indignazione. Attraverso una carrellata di dieci scatti il fotografo per passione Armando Montella mostra le luci e le ombre di Erchie, l'incantevole borgo affacciato sul mare della Costiera amalfitana...

Meteo, weekend 16-17 gennaio con freddo e gelo. Neve anche a bassa quota

Si profila un weekend, quello del 16-17 gennaio, particolarmente freddo su tutta l'Italia. L'arrivo di gelide correnti da Nord-Est determinerà un drastico calo termico, con temperature sotto le medie stagionali soprattutto al Centro-Sud. Sabato sarà una giornata molto fredda anche per l'effetto di forti...

Da Agerola ad Erchie, l’ultima transumanza in Costa d’Amalfi al tempo del coronavirus

Dai freddi monti di Agerola alle più miti temperature del caratteristico borgo di Erchie per svernare. Non è una scelta di tipo turistico ma l'ultima transumanza ancora in vita in Costiera Amalfitana. Due volte l'anno, di notte, percorrendo la strada Statale 163 Amalfitana, Giovanni, Franchina e i loro...

Comitato “Tuteliamo la Costiera Amalfitana”: «Comune Maiori nega gli atti sul depuratore»

«Mentre il sindaco di Maiori nega gli atti, anzi, dice di non esserne in possesso, il sindaco di Minori procede con i lavori preliminari al depuratore nel Demanio». Il comitato ambientalista "Tuteliamo la Costiera Amalfitana" riaccende i riflettori sul discusso progetto di realizzazione del nuovo impianto...