Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Giovanni Maria Vianney

Date rapide

Oggi: 4 agosto

Ieri: 3 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Contract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureRavello Festival 2020Terra di Limoni, produttore Limoncello con limoni IGP Costa d'Amalfi, eccellenze a portata di clickPansa a Casa tua, le specialità dolciarie della Pasticceria Pansa di Amalfi direttamente a casa tuaVendita prodotti alimentari, Supermercati Maiori, Supermarket Amalficoast, Offerte Costiera Amalfitana, prodotti per la casa, gastronomia, ViniLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàPasticceria Liquorificio Gambardella Minori, Costiera AmalfitanaMielePiù il più grande showroom della Campania, vendita anche on lineGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniAttualitàL’altro 2 giugno: la svendita della Repubblica

Salerno e la sua Provincia, Turismo, Territorio, Tradizioni #adv #salernoemozionivicine #CCIAASA2020Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte FacebookParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Pasticceria Sal De Riso Costa d'Amalfi - Unica sede a Minori in via Roma, 80 - non esistono sedi storiche

Attualità

L’altro 2 giugno: la svendita della Repubblica

Scritto da (Redazione), mercoledì 3 giugno 2020 10:56:39

Ultimo aggiornamento mercoledì 3 giugno 2020 10:56:39

di Alfonso Minutolo*

Il 2 Giugno è veramente una giornata da ricordare, tuttavia la ricorrenza a cui vorrei fare riferimento non è relativa alla Festa della Repubblica, ma ad un anniversario ben più recente e sotto un certo punto di vista anche più oscuro della nostra storia repubblicana. Mi riferisco ad un evento che risale al 2 Giugno 1992 noto come "Crociera sul Britannia".

 

In quel particolare giorno, i massimi vertici dell'economia italiana: il Presidente della Banca d'Italia Carlo Azeglio Ciampi, insieme con l'allora Ministro dell'Economia Beniamino Andreatta, il Direttore Generale del Tesoro Mario Draghi, i vertici dell'Eni, dell'IRI, delle grandi banche pubbliche e delle varie aziende e partecipate di Stato, si incontrarono al largo di Civitavecchia su un panfilo di proprietà della Regina Elisabetta denominato "Britannia" dove, accompagnati dall'élite della grande finanza internazionale si riunirono per dare vita al saccheggio dell'economia italiana realizzato attraverso la privatizzazione e la liquidazione a prezzi stracciati, degli immensi patrimoni industriali e bancari della nostra nazione, retaggio di un sistema che aveva contribuito alla rinascita del nostro paese dal dopoguerra fino ad allora.

 

All'inizio degli anni ‘90 infatti, la quasi totalità del settore bancario e oltre un terzo delle più grandi imprese italiane era ancora in mano pubblica. Con l'avvento della modernità, questo fatto fu visto come un errore di sistema, dal momento in cui si andava via via imponendo in tutto l'Occidente un nuovo dogma: quello del liberismo selvaggio. Agli occhi dei grandi predatori della finanza mondiale, l'Italia appariva come l'eldorado, un'immensa prateria dove cavalcare e razziare quanto più possibile.

 

Nell'inverno che aveva preceduto quel fatidico 2 Giugno del 1992, mentre tangentopoli colpiva durissimo e si attendevano una serie di referendum abrogativi che tutti sapevano avrebbero spazzato via per sempre la prima Repubblica, nei corridoi di Montecitorio non si sentiva parlare che di "privatizzazioni" e "cartolarizzazioni". Era la panacea di tutti i mali, il sospirato miracolo, il colpo di scena che avrebbe per sempre cambiato le sorti della nazione. I sogni di tutte quelle oligarchie che da decenni bramavano l'accaparramento di tutti i nostri asset strategici diventava realtà e la prospettiva di spogliare la nazione delle sue proprietà era divenuto man mano sempre più reale grazie al concretizzarsi del modello "Eurocentrico" che si contrapponeva a quello "Statocentrico".

 

Pochi mesi prima della "Crociera sul Britannia" infatti era stato siglato il famigerato trattato di Maastricht, colonna portante dell'Unione Europea, che impegnava l'Italia ad una drastica politica di austerità fiscale e di abbattimento del debito pubblico. Ed è proprio facendo appello alle pressioni europee in tal senso che lo smantellamento dell'apparato industriale e di pianificazione pubblico italiano fu motivato ed approvato.

 

Vendere, o meglio svendere quel patrimonio, secondo i dettati della teoria economica neoliberista oggi più che mai imperante, avrebbe aiutato a raggiungere tre risultati: riduzione del debito pubblico che ammontava allora a 795 miliardi di euro, rendere più efficienti e competitivi i settori in via di privatizzazione ed aumento l'occupazione.

 

Al giorno d'oggi, giunti alle porte del trentesimo anniversario da quel tremendo mercato delle vacche, tutti quegli indicatori che spinsero le istituzioni a comportarsi in quel determinato modo sono tutti peggiorati. Il livello di disoccupazione è aumentato a dismisura, sotto il limite della povertà assoluta vivono circa sei milioni di italiani, il debito pubblico non è mai stato così alto e l'estrema competitività ha creato disparità sociali senza precedenti.

 

Con la svendita del patrimonio pubblico avvenuto negli anni ‘90, si decise di far calare il sipario sul "Trentennio d'oro", quel periodo storico che dagli anni ‘60 aveva caratterizzato il cosiddetto "Miracolo Italiano". A concretizzarlo era stato il modello economico "Keynesiano", basato sull'interventismo economico di Stato, ovverosia ciò che fino a quel momento aveva consentito allo Stato di perseguire politiche di sviluppo industriale, di orientamento dei consumi, di innovazione strategica, di coesione territoriale e di salvaguardia dell'occupazione. In poche parole lo Stato grazie alla spesa pubblica era in grado di sostenere la domanda e di conseguenza perseguire la cosiddetta "Piena occupazione", che in economia indica la condizione in cui tutti i cittadini hanno accesso a tutte le ore di lavoro di cui hanno bisogno con salari equi.

 

Con le liberalizzazioni e le privatizzazioni si scelse di virare sul modello "Neoclassico" in cui le competenze che furono dello Stato vennero affidate al mercato, con tutte le conseguenze che potete immaginare e che oggi si possono constatare: flessibilità occupazionale esasperata, ingiustizie sociali, salari iniqui, canoni di locazione sproporzionati, estrema competitività, basso livello di qualità della vita. Insomma, si è affermata una società in cui pochi si arricchiscono e molti si impoveriscono.

 

La parola d'ordine di questi tempi è "Liquidità". Sono pressoché certo che se lo Stato avesse conservato la disponibilità delle proprie aziende, oggi avrebbe certamente avuto più liquidità da dedicare alle fasce di popolazione colpite dall'emergenza del coronavirus; se la spesa pubblica a sostegno della domanda si fosse mantenuta alta avremmo avuto maggiore potere d'acquisto; se si fosse mantenuto l'intervento economico dello Stato a sostegno della piena occupazione, avremmo avuto maggiori possibilità di reggere l'onda d'urto dello shock economico legato alla pandemia. L'assenza di simili condizioni, aggravato dall'impossibilità di poter contare su una valuta sovrana ci hanno spezzato le gambe.

 

A distanza di quasi trent'anni da quel giorno sono in molti in Italia a discutere sulle responsabilità storiche e sociali di quella svendita e le riflessioni fatte da economisti, politologi, storici e sociologi sono oggi più che mai, grazie ad internet, in condivisione con i cittadini che possono reperire informazioni e studiare testi che illustrano la possibilità di ricreare su quella base, un modello sociale alternativo al neoliberismo. Sarebbe infatti il caso di iniziare a riflettere sull'opportunità di aprire una seria e serena discussione riguardo a quel triste capitolo della storia italiana, valutando l'eventualità di restituire alla nazione e quindi al popolo ciò che è suo, a partire dai monopoli naturali come le autostrade e le reti energetiche che negli anni sono state smantellate e svendute a "prenditori" privi di scrupoli da cui hanno ricavato enormi rendite e profitti a scapito della qualità e dei costi dei servizi, e dunque a scapito di tutta la collettività; fino ad arrivare al primo dei beni pubblici: la moneta.

*attivista politico

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Costa d’Amalfi, assalto ai bus del trasporto pubblico: ressa e tensioni per un posto a bordo [FOTO]

Agosto di caldo, caos e disagi per il trasporto pubblico in Costa d'Amalfi. Non ce la fa Sita Sud, con tutta la buona volontà e le numerose corse aggiuntive previste, a sopperire alla domanda e ad accomodare tutti i passeggeri che si presentano oramai tutti ai capolinea. Ad Amalfi ressa, spintoni e qualche...

Amalfi, la preside indice sciopero della fame contro «assurde» misure anti-Covid del Governo. Ministero Istruzione «bacchetta» la Hutter

Aveva destato stupore misto a clamore la notizia lanciata dal sito web "La scuola che accoglie" (clicca qui) e rilanciata da numerose testate giornalistiche dello sciopero della fame annunciato dalla dirigente scolastica dell’Istituto superiore d’istruzione "Marini Gioia" di Amalfi Solange Sabina Sonia...

2020 annata positiva per il limone Costa d’Amalfi IGP

Ci sono tutti i presupposti affinchè l'annata 2020 sia particolarmente redditizia per l'oro giallo della Costa d'Amalfi. Già in pieno lockdown le arance e i limoni Costa d'Amalfi IGP hanno fatto registrare un notevole incremento dei consumi. «I consumatori hanno valorizzato i nostri limoni come elementi...

All'Hotel Santa Caterina di Amalfi spicca la Sunbeam Alpine, l'auto di Grace Kelly del film “Caccia al Ladro”

Chi si intende di cinema e di auto non può non collegare la Sunbeam Alpine 1954 con l'attrice Grace Kelly. La star hollywoodiana, vincitrice dell'Oscar alla miglior attrice per la pellicola "La ragazza di campagna" e principessa consorte dopo il matrimonio del principe Ranieri III di Monaco, guidò il...

Dal Comune di Ravello una pergamena per i 40 anni di sacerdozio di Don Angelo Mansi

Ieri sera, nel Duomo di Ravello, al termine della celebrazione per i suoi quarant'anni di sacerdozio, Don Angelo Mansi ha ricevuto l'abbraccio (simbolico) del comunità di Ravello, e delle rappresentanze di Amalfi e Minori dove ha lasciato traccia indelebile del suo ministero. Visibilmente emozionato,...