Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 52 minuti fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Santarosa Pastry Cup 2019

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il giornale della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il giornale della Costa d'Amalfi
Direttore responsabile: Emiliano Amato

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaRistorante Giardiniello Cucina mediterranea gourmet in Costiera Amalfitana a MinoriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelSupermercati Netto Maiori - METTI “MI PIACE” E SFOGLIA IL VOLANTINO ONLINE - le offerte della settimana - i migliori supermercati della Costa d'Amalfi - La convenienza da noi è di casaPalazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: RubricheCostume & SocietàIl paesaggio rurale della Costa d’Amalfi e il rischio dell’abbandono dei limoneti

Frai Form è il centro benessere per la cura della bellezza del tuo corpo, a Ravello epilazione laser permanente e indoloreParcheggio San Lorenzo Ravello, Scala, Costiera Amalfitana, Servizio Navetta gratuito per Ravello, Parcheggio Custodito e videosorvegliatoD'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiIl Limone IGP Costa d'Amalfi Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazionePorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoMetti “MI PIACE” ai Supermercati NETTO e resta aggiornato sulle OFFERTE FACEBOOKAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Costume & Società

Il paesaggio rurale della Costa d’Amalfi e il rischio dell’abbandono dei limoneti

Scritto da (Redazione), martedì 13 novembre 2018 15:43:22

Ultimo aggiornamento mercoledì 14 novembre 2018 09:14:07

Di Giuseppe Liuccio

La riflessione che segue la pubblicai all'incirca due anni o giù di lì, dopo una lunga chiacchierata sul tema con il sindaco di Minori Andrrea Reale. Ritengo il tema di scottante attualità e dopo una rivisitazione necessaria ed opportuna la ripropongo qui di seguito al collega Emiliano Amato, direttore de Il Vescovado, con il quale spesso facciamo incursione nei temi affrontati nel passato più o meno recente.

Molti hanno detto e scritto nel corso dei decenni che la Costa d'Amalfi vanta uno dei paesaggi rurali più belli del mondo. E con maggiore autorevolezza lo sottolineò l'UNESCO, quando, nel 1997, ne motivò così la inclusione nel Patrimonio dell'Umanità: «La Costiera Amalfitana è un'importante area culturale in cui lo stile di vita si tramanda di generazione in generazione contribuendo a mantenere intatte le tradizioni. La ricchezza paesaggistica, frutto sia dell'intervento dell'uomo, sia della mano benevola della natura, la rende inoltre un luogo ricco di fascino e suggestione dove il mare e la montagna, passando attraverso gli ampi spazi aperti delle coltivazioni, si fondono in perfetta armonia».

All'epoca solo Maiori dovette subire l'onta dell'esclusione da tale riconoscimento di tutta la fascia urbanizzata del Lungomare. Per fortuna si salvò e si salva per i panorami di straordinaria bellezza e di calda umanità delle sue campagne, dove, accanto a rari vigneti e frutteti di sussistenza, la fanno da sovrani i limoneti. E, scalando a passi lenti le colline a corona del centro abitato, case ed orti si rincorrono tra salite a perdita d'occhio e discese ad abbracci di mare con soste a virgola di incroci e pause da svenimento estatico a slarghi precipiti. Lungo la costa, che si snoda zigzagante fino a Cetara, il miracolo dei coltivi, fioriti, a volte, fin sulla battigia o strappati con caparbia maestria alla montagna, espone ed esalta il frutto del lavoro paziente e duro di generazioni di contadini che nel corso dei secoli hanno sarchiato e piantato, potato e protetto alberi e ortaggi, hanno regimentato acque in fossati e canali, hanno consolidato macere che sembrano ricami ed ideato pergolati che sono baldacchini ad ombreggiare gradini per scalare il cielo.

È, questa, una Maiori segreta e pudica, lontana dalla ressa e dal frastuono del centro, testimone di una comunità, che, al di là del noto, consumato e, in parte, scontato fotogramma da dépliant turistico, poggia i piedi nell'acqua e presta gli occhi al cielo e la cui vita è un atto d'amore e di generosa fedeltà alla campagna, che ride di limoni e di vigne nell'aria iodata del mare e canta epopea di lavoro alla brezza che rotola dalle montagne, pettina gli orti delle colline fino a gorgogliare giù nel cuore delle grotte in un melange d'intesa con la risacca dell'onda.

Non è da meno lo spettacolo che offre Minori sulle colline che cercano cielo e rifrangono luce verso Torre, da un lato, e Ravello, dall'altro, come anche quello di Atrani che s'imbuta nella Valle del Dragone e cerca sole di "libertà" sulle "chiazze" sotto la casa di Masaniello. E che dire dei limoneti di Amalfi che espongono ciondoli d'oro nel verde del fogliame a Madonna del Rosario, nei giardini di Capo di Croce a corona di case, palazzi gentilizi, chiese e conventi, per non parlare dell'Amalfi contadina di Lone, Vettica, Pogerola e Tovere che trasmigra verso Conca, Furore e Agerola, che, a loro volta, gareggiano di verde di foglie e giallo di frutti con Praiano e Positano.

Senza questo paesaggio rurale, che hanno narrato poeti e scrittori e dipinto i pittori, la Costa d'Amalfi vedrebbe ridotte di molto le sue fortune turistiche. Di qui la necessità di una forte sinergia tra turismo ed agricoltura. D'altronde la costa è da sempre terra di "limonari". La tradizione del commercio, però, vide e vede ancora soprattutto in Maiori, Minori e Amalfi, i paesi protagonisti. I frutti iridescenti nel giallo oro alla gloria del sole venivano, una volta, raccolti con pazienza e, con delicatezza, sistemati nelle "sporte" intrecciate con stecche di castagno e a spalle trasportate giù dalle colline al centro abitato. Erano per lo più le donne a percorrere la via crucis della fatica nel saliscendi dei gradini. A mare all'ancora, al largo, sostavano i "vapori mercantili" per il carico del prodotto, trasportato a bordo con le barche.

Oggi si muove qualcosa: la monorotaia, che si arrampica, nel rispetto dell'ambiente, su per i limoneti di Minori ne è il primo straordinario esempio per indicare una delle possibili strade per il futuro. Oggi, infatti, la limonicoltura vive un periodo di affanno e, anno dopo anno, aumentano i "giardini" abbandonati ad invasione di macchie e rovi. E dal mondo delle campagne si fa sempre più insistente il grido d'allarme. La Politica a tutti i livelli lo deve far suo e correre ai ripari con interventi radicali, prima che sia troppo tardi.

La crisi è dovuta a due fattori fondamentali e legati tra di loro:

1) un processo di senilizzazione delle campagne che le priva dell'apporto di sapienza e di esperienza di chi per generazioni ha fatto questo mestiere;

2) l'indifferenza delle nuove generazioni a perpetuare la tradizione dei padri perché l'agricoltura è poco remunerativa e, soprattutto, perché il mondo dei campi non sempre è dotato di servizi di infrastrutturazione che lo rendano vivibile ad un livello di standard medio di civiltà.

Di qui la necessità di invertire la tendenza con una politica di interventi radicali e un sostegno concreto a quanti siano disponibili ad investire nel settore e che abbia come obiettivo la riattivazione delle case sparse, un reticolo di strade interpoderali, che, nel rispetto dell'ambiente, facilitino lo smercio dei prodotti, il consolidamento delle macere a sostegno dei terrazzamenti, il ricambio della palificazione dei caratteristici pergolati, l'assegnazione dei terrazzamenti dismessi a giovani, che singolarmente o in forma cooperativistica vogliano correre l'avventura stimolante della limonicoltura, una rete diffusa e ramificata di monorotaie leggere, sull'esempio di quella realizzata e sperimentata con esiti positivi a Minori.

Come farlo e, soprattutto, chi lo deve fare? Occorre chiamare in causa, con voce forte e ferma:

1) Gli organismi comunitari;

2) Il governo nazionale attraverso la responsabilizzazione dei ministeri dell'agricoltura, dell'ambiente e delle attività produttive;

3) analoga pressione incalzante va fatta alla Regione Campania attraverso i competenti assessorati: Agricoltura, Ambiente, Attività Produttive.

Il tempo incalza e stringe perché:

a) l'abbandono dei limoneti reca un danno incalcolabile non solo all'agricoltura, ma anche e soprattutto al turismo, dal momento che, se va alla malora questo paesaggio rurale, ne risente in maniera irreparabile l'immagine della Costa, le cui fortune turistiche nei secoli si sono basate soprattutto sull'offerta di quel paesaggio;

b) trascurare i terrazzamenti dei limoneti significa anche esporre l'intero territorio a frane e alluvioni con conseguenti seri pericoli per la incolumità dei centri abitati.

Ne deriva che le Amministrazioni dell'intera Costiera si allertino e gridino al mondo intero allarme e conseguente pericolo. Uno dei tanti modi per calamitare l'attenzione nazionale ed internazionale sul tema potrebbe essere un appello alle autorità competenti firmato da amministratori di ogni orientamento politico, da intellettuali ed uomini di cultura, da artisti di ogni genere (poeti, narratori, pittori, musicisti, cineasti) per accendere i riflettori dell'interesse dell'opinione pubblica nazionale ed internazionale su un problema, che, anno dopo anno, assume proporzioni drammatiche.

Ma c'è una iniziativa che si può fare e, secondo me, si deve fare da subito: UN PARCO DIDATTICO DEDICATO ALLA LIMONICOLTURA, tema questo sul quale ritornerò a breve con una proposta articolata, motivata e convincente.

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android
Per dispositivi
Windows

Galleria Fotografica

rank:

Costume & Società

A Maiori la grande festa di luci e colori

di Miriam Bella Che si abbia Fede o meno, per chi nasce a Maiori il 15 agosto non è un giorno qualunque, né tantomeno un Ferragosto banale. Il 15 agosto si festeggia, infatti, Santa Maria a Mare, la Madonna Assunta, protettrice della cittadina costiera. Come consuetudine, allestimenti luminosi fanno...

"Tenet": per Christopher Nolan set in Estonia, poi in Costiera Amalfitana. Ecco prime immagini del film

In attesa di girare a Ravello, Christopher Nolan ha cominciato le riprese del suo prossimo film, "Tenet". La misteriosa pellicola del regista britannico sta infatti prendendo forma a Tallin, in Estonia, dove il regista britannico è stato avvistato in compagnia della troupe e di alcuni membri del cast,...

Cristiano Ronaldo indossa scarpe "Amalfi": il nuovo modello di CR7 Footwear, il suo brand di calzature glamour

di Giovanni Bovino (ANTEPRIMA) «Ogni volta che indosso le mie scarpe "Amalfi" mi sento leggendario». Lo scriveva 12 ore fa su Facebook Cristiano Ronaldo, fuoriclasse della Juventus, ad accompagnare una foto in cui posa con una chitarra elettrica, per promuovere l'ultima creazione della sua linea, la...

“Ma che vuò”: l'emoji pensata da Adriano Farano, startupper di Cava de’ Tirreni

Si chiama emoji "Ma che vuò" ed è l'ultima idea di Adriano Farano, noto startupper che da Cava de'Tirreni si è spostato in Silicon Valley. Il fondatore di Pactio, piattaforma di crowdfunding per progetti giornalistici, ha lanciato questa nuova emoji dopo aver studiato attentamente la gestualità napoletana....

Giornata mondiale del pizzaiolo: da Tramonti "sfornate" generazioni di maestri

A Tramonti c'è sempre un buon pretesto per mangiare la pizza. Tanto più oggi, 17 gennaio, che oltre ad essere la Giornata mondiale del pizzaiolo è anche il giorno in cui i cristiani festeggiano Sant'Antonio Abate, protettore di chi lavora con il fuoco. La pizza di Tramonti, l'unica a vantare la De.Co....