Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: PoliticaLa verità è più facile a dirla che a conoscerla

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Politica

La verità è più facile a dirla che a conoscerla

Scritto da (redazionelda), venerdì 11 settembre 2020 16:43:50

Ultimo aggiornamento sabato 12 settembre 2020 09:49:36

di Antonio Schiavo

"La verità" diceva Ennio Flaiano "è più facile a dirla che a conoscerla".

Proprio per cercare di comprendere questo aforisma, nella speranza di una smentita, ho seguito, rigorosamente dopo i pasti, le 21 pillole che il dottor Secondo Amalfitano, ci ha prescritto nei giorni scorsi al fin di curare la nostra ignoranza (per carità, nel senso etimologico del termine) su quanto successo negli ultimi anni della Fondazione Ravello.

I lettori mi scuseranno se, contrariamente al solito, queste mie considerazioni saranno un po' lunghe ma, capirete, un intero blister di pillole richiede qualche momento di riflessione più approfondito.

Innanzitutto la cura poteva essere intitolata "Alla ricercadella Fondazione perduta" non necessariamente riferendosi ad un possibile retropensiero di un dipendente a suo dire illegittimamente licenziato, ma perché, secondo quest'ultimo, la Fondazione Ravello non ha più nulla delle meravigliose caratteristiche primigenie.

Proprio per essere coerente con quanto ho appena scritto vi dico subito che mi reputo, come diceva Celentano, "il re degli ignoranti" perché da esterno ho potuto farmi solo un'idea (probabilmente errata) di tutto quanto è accaduto in quell'Ente (di diritto privato) ma, per le strane - manco tanto - congiunzioni astrali italiane, assoggettata a quello pubblico.

Cominciamo col dire che le cose affermate durante il ciclo terapeutico appaiono di estrema, inaudita gravità e che fanno il paio con quanto riportato dall'Avvocato Della Pietra nel suo libro nero. Con una piccola, insignificante differenza: l'ex Consigliere di Indirizzo faceva una disamina a 360 gradi del "verminaio" (mi si consenta l'iperbole) interno alla Fondazione, quella dell'ex Segretario Generale, ex Direttore di Villa Rufolo, ex Sindaco, ex tutto, può sembrare più argomentata "Cicero pro domo sua" ma tant'è: le affermazioni fatte meritano attenzione e valutazione. Prima (e qui per una volta sono d'accordo con Amalfitano) da parte dei ravellesi e poi degli organi competenti richiamati e sollecitati fino allo sfinimento.

  1. Certo l'incipit non era stato dei migliori, l'esordio puntava l'indice non su fatti concreti piuttosto su persone che, probabilmente individuate da un osservatorio privilegiato, andavano in chiesa a battersi il petto ma che, nella vita, commettevano il peccato più grave: quello di lesa maestà.
  2. L'errore che molti stanno commettendo è quello di pensare che le affermazioni del Nostro siano un vaniloquio frutto solo di ira, spirito rivendicativo, derubricandole quasi a folli congetture. No signori miei, tutto si può dire di lui ma non che non sia lucido. E' lucidissimo e strategicamente presente a sé e alle cose che dice.
  3. Si può, semmai diagnosticargli una forma evidente di egolatria. Ad esempio: se riuscite (auguri!) a contare il numero di volte che nelle pillole ha pronunciato la parola "io", scoprirete che è appena inferiore alle invettive e alle chiamate in causa lanciate al Governatore De Luca, alla Commissaria Bove, più velatamente a Di Martino per non parlare del colpevole principale: Mauro Felicori).
  4. Altro termine iper-utilizzato: "gli atti". E qui chiaramente non si può che convenire con Lui (ma cosa mi sta succedendo?): ad atti si risponde con atti, o almeno chi di dovere controdeduca in maniera altrettanto ferma e, se in grado, smentisca in tutte le sedi opportune. Chiamandolo a fare altrettanto e rispondere per i rilievi, se non le accuse, eventualmente mossegli per le gestioni precedenti.
  5. Ulteriore argomento toccato: quando c'era Lui, la politica non è mai entrata in Fondazione: è evidente a tutti che Renato Brunetta di mestiere faceva l'idraulico!
  6. Oltre a delinquenti, macellai, imbroglioni, incompetenti che dall'anno di grazia 2016 hanno posato le loro ignobili terga sulle poltrone firmate di viale Wagner ha dichiarato che, a sedersi con costoro, c'erano tanti "Gennarini Esposito" con sommo disprezzo per le professionalità di ognuno di questi, colpevoli di aver sostituito le massime eccellenze scelte in precedenza. Ci piacerebbe sapere quante volte hanno partecipato in presenza o da remoto ai Consigli i vari Aureli, Renzi, Mimmi, Filippi, Enrichi etc e quale competenza avessero in materia di "gestione " dei beni culturali.
  7. Ci è stato ripetuto che, oltre a fare gli attacchini, i portinai e i portasedie, qualche ravellese (che culo!) è stato anche valorizzato. Nessuno ha mai negato che l'eccezione conferma la regola, peccato che qualche valorizzazione sia finita mentre volavano gli stracci e non solo (ma questa è una verità che non si dice nemmeno).
  8. Centralità del Comune e Ravellesità: vuoi vedere che, se non si rispetta il pensiero unico, tutte le affermazioni del suo vecchio, nuovo e ora forse non più amico sulla rinnovata concordia tra Comune e Fondazione, sul realizzato progetto di spoil system o addirittura sul maggior peso di Ravello, sono solo un bluff da giocatore della tre carte per portare acqua al mulino del Pontefice Massimo di Palazzo Santa Lucia?
  9. "Svegliatevi! Ravvedetevi! Cacciate l'invasore! è il richiamo fatto durante le dirette. Ci si aspetta, se non repliche, almeno che, come disse il buon Troisi a Savonarola qualcuno risponda "Sì, mo' me lo segno!"
  10. A questo proposito è apparso inelegante (da che pulpito!) il riferimento al Sindaco di Tramonti che, dice, da uomo di destra si candida con De Luca. Di cambi di casacca sono lastricate le strade locali e, su questi argomenti, forse sarebbe stato meglio tacere.
  11. In tale contesto ci è stata mostrata una interrogazione (o interpellanza?) parlamentare di due deputati di Forza Italia (uno da me conosciuto in una gloriosa Federazione MSI di via Diaz a Salerno...vedi punto precedente). Una delle migliaia di interrogazioni che si presentano in una legislatura, che lamenta tra le altre cose l'inopinata estromissione del Ministero dei Beni Culturali dalla Fondazione (colpevole il solito Felicori). Ora dico: se è vero come è vero quanto gli Onorevoli declinano, ma il Ministro Franceschini non appartiene alla stessa congrega del nemico pubblico numero uno di Ravello? E perché non gli ha fatto, visto il tempo trascorso, una telefonata dicendogli con molta discrezione e delicatezza "Vincenzì, ma che cavolo fanno i tuoi uomini a Ravello: escludono i miei da quello che è un esempio da implementare nel mondo?".
  12. A proposito di "mondo" (altro termine ripetuto all'infinito): amico ravellese, come ti permetti di parlare; tu che a stento sei conosciuto nel vicolo (quello Corto? Quello Stretto del Monopoli?) e ribattere alle affermazioni di chi è famoso in tutto l'orbe terracqueo?
  13. Villa Rufolo, nessuna remora a riconoscere quanto di buono è stato fatto, col fiume di danaro pubblico (quindi di tutti) arrivato, ma ci vuole capacità anche ad attivare i canali giusti per ottenerlo. Siamo sicuri che la gloriosa famiglia ravellese, se avesse saputo quale era il prezzo da pagare in termini di beghe, fatti e misfatti (ipse dixit) addirittura (cosa detta velatamente) forse contiguità con fornitori, siamo sicuri, dicevo, che i Rufolo se avessero avuto sentore di tutto questo non si sarebbero accontentati di un monolocale?

Avevo preso altri appunti, ma il rischio di tediare i lettori è grande per cui mi fermo qui in attesa della siringa che, con messaggio trasversale, è stata promessa.

Certo ai ravellesi sta mancando l'appuntamento quotidiano delle 15 ma li posso tranquillizzare: su RAI 1 è ricominciato, più o meno alla stessa ora "Il Paradiso delle Signore".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 101724107

Politica

Ospedale Costa d'Amalfi, consigliere Di Palma chiede rifacimento strisce pedonali sbiadite e istituzione parcheggio rosa

Il 15 settembre scorso, in sede di Consiglio comunale, il consigliere di minoranza di Ravello Ulisse Di Palma ha «evidenziato il pericolo che i pazienti afferenti al Pronto Soccorso corrono all'uscita o all'entrata del nosocomio attraversando le strisce pedonali oramai sbiadite e non molto visibili specie...

De Luca contro tutti: «La Meloni è pericolosa sui vaccini, Conte regala stipendi a chi non vuole lavorare»

«Ciò che ha detto la Meloni a Caserta sulla sanità campana è vergognoso. Lei è pericolosa per la sua posizione sulla vaccinazione secondo cui ognuno può fare ciò che vuole. Ma questo in Campania è pericolosissimo». A dirlo è stato il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nella diretta Facebook...

Elezioni, a Maiori Della Pace dice che voterà PD e si firma “Idea Comune”. E l’ex candidato: «Mai stati un'identità politica!»

«Chi non va a votare domenica indebolisce la democrazia, la rende più fragile, più vulnerabile e facilmente attaccabile. Chi mi conosce sa che considero la politica una cosa bella e pulita: la libertà di scegliere da che parte stare spetta perciò a ciascun candidato della mia lista. Ma sento il bisogno,...

«Se voto andrà “male” agiremo»: bufera in Italia dopo parole di Ursula von der Leyen. I chiarimenti della Commissione Europea

«Ci sono preoccupazioni a proposito delle imminenti elezioni italiane, considerando che molti politici hanno avuto rapporti con Putin?». La risposta a questa domanda ha scatenato una querelle in Italia, a pochi giorni dal voto. È stata posta da uno studente alla presidente della Commissione europea,...

PNRR, Cetara ottiene oltre 160mila euro per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Anche il Comune di Cetara, nei mesi scorsi, ha partecipato a numerosi bandi previsti nel PNRR, finanziati dall'Unione Europea nel contesto dell'iniziativa Next Generation EU per quanto riguarda la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. In particolare, è stata presentata domanda per l'investimento...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.