Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 5 minuti fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

EGEA l'energia che ti fa sentire a casa, da oggi in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialePasticceria Artigianale Gambardella, a Minori in Costiera Amalfitana, tutto il gusto e la dolcezza della tradizioneHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoCaseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàLa storica Pasticceria Pansa di Amalfi presenta: Il Pan di Amalfi, un dolce lievitato straordinario da acquistare anche on lineConnectivia, Internet Service Provider in fibraSupermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di click

Tu sei qui: PoliticaChiusura monastero Santa Chiara, il Comune di Ravello dice no

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiLa prima cotta, la nuova mozzarella dal gusto antico realizzata dai maestri caseari de La TramontinaGranato Caffè! Vendita e manutenzione macchine per il caffè, cialde, caffè in chicchi e macinato Hotel Villa Romana con SPA - Hotel di Charme in Costiera AmalfitanaDal 1830 la Pasticceria Pansa addolcisce la storia di Amalfi Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessTerra di Limoni - il limoncello della Costa d'AmalfiEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiGenea Consorzio, Super Bonus 110 percento, lavori di ristrutturazione, efficientamento energetico, Credito d'impostaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Politica

Chiusura monastero Santa Chiara, il Comune di Ravello dice no

Con deliberazione della giunta municipale numero 13 del 2 marzo l’Amministrazione comunale si fa portavoce di questa esigenza presso le autorità religiose preposte ed attuare ogni strategia necessaria per giungere ad una soluzione valida e definitiva

Scritto da (redazionelda), giovedì 4 marzo 2021 09:52:33

Ultimo aggiornamento giovedì 4 marzo 2021 11:51:13

Anche il Comune di Ravello interviene per scongiurare il paventato pericolo della soppressione del Monastero di Santa Chiara, da oltre sette secoli tra i simboli religiosi e spirituali della Città. Un luogo che racconta oltre sette secoli di vita claustrale, intimamente legato al tessuto cittadino, centro di spiritualità e di preghiera, ma anche scrigno di preziose testimonianze artistiche e sede di un pregevole archivio dichiarato di interesse storico nel 2014.

Mantenere viva la memoria storica e religiosa del territorio è uno degli obiettivi principali dell'Amministrazione comunale del sindaco Salvatore Di Martino, interprete del sentimento della comunità.

Con deliberazione della giunta municipale numero 13 del 2 marzo l'Amministrazione comunale si fa portavoce di questa esigenza presso le autorità religiose preposte ed attuare «ogni strategia necessaria per giungere ad una soluzione valida e definitiva».

«L'esempio della vita monastica, fatta di regole e di laboriosità, si propone anche come esempio e modello di vita per stimolare non soltanto nuove vocazioni, ma momenti di riflessione e riscoperta dei valori della fede cristiana» si legge dal deliberato.

 

UNA STORIA LUNGA OLTRE SETTE SECOLI

La ricca documentazione in pergamena e in registri cartacei conferma l'intimo legame tra Ravello e l'insediamento monastico, legato alla straordinaria esperienza di Chiara d'Assisi, sorto in favore delle donne nobili della Città e documentato a partire dalla seconda metà del secolo XIII. La particolare sensibilità del clero cittadino nei confronti dell'istituzione religiosa è testimoniata sin dal 1297, allorquando il vescovo Giovanni donava alla comunità l'attuale Chiesa di San Nicola a Ponticeto, e confermata successivamente con la richiesta alla Santa Sede del riconoscimento canonico, accordato poi da papa Benedetto XI con la bolla del 2 novembre 1303. Sono in modo particolare le sacre visite e i fascicoli, custoditi nell'Archivio Vescovile di Ravello, a riportare preziose indicazioni sulla vita del monastero, di cui vengono allegate regole e costituzioni, e gli interventi in favore della comunità cittadina, come il sostegno offerto in occasione della realizzazione dell'organo in Cattedrale. Con il passare dei secoli l'istituzione monastica costituì gradualmente un patrimonio di acquisizioni, donazioni e lasciti testamentari testimoniato da titoli di possesso in pergamena e dalle platee che, a partire dagli inizi del secolo XVII, riordinano possedimenti e censi. Nel corso di una lunga storia non sono certamente mancati i momenti difficili: negli anni immediatamente successivi alla pestilenza del 1656, che aveva determinato una forte contrazione delle famiglie nobili, da cui provenivano le monache, il vescovo di Ravello Bernardino Panicola ottenne dalla Sacra Congregazione per i Vescovi e i Regolari il permesso di accogliere in monastero 14 donne forestiere. Le difficoltà però furono foriere di una nuova vitalità, dapprima grazie all'opera del Venerabile Padre Domenico Girardelli da Muro Lucano e poi, sotto il premuroso impulso del vescovo Giuseppe Maria Perrimezzi, che aveva impegnato nella direzione spirituale delle sorelle clarisse il Padre Bonaventura da Potenza, altro figlio esemplare della provincia francescana conventuale. Non fu meno zelante l'opera degli altri vescovi che ressero la diocesi di Ravello nel corso del secolo XVIII, periodo in cui il complesso monastico fu interessato da lavori di ampliamento, nati dalla necessità di adeguare gli ambienti alle nuove esigenze dei tempi e della stessa comunità costantemente in crescita. A testimonianza dell'intimo legame clariano, nel 1736 la Municipalità, con gli organi amministrativi dell'epoca, deliberò l'elezione di Santa Chiara a patrona "meno" principale, un importante riconoscimento tra i compatroni della Città riconducibile certamente alla presenza dell'antico monastero. Per singolare destino il Monastero non andò soggetto alle leggi della soppressione napoleonica nel 1810. Fu istituita, però, una commissione governativa, che si occupò dell'amministrazione. Alla fine del secolo XIX le storie del Monastero di Santa Chiara e del Municipio di Ravello si congiungono.

IL PASSAGGIO AL COMUNE DI RAVELLO

Con la legge del 7 luglio 1866, l'immobile passò prima al Demanio dello Stato, poi al Fondo per il Culto, e infine nel 1892 al Comune di Ravello. Nel 1920, con l'impegno dell'Arcivescovo Ercolano Marini, le sorelle clarisse ottennero dal Municipio il fitto del fabbricato con il giardino e, successivamente, grazie all'autorevole opera di Padre Giuseppe Palatucci, guardiano del vicino Convento di San Francesco, con il favore delle autorità locali, riscattarono la proprietà dando in permuta l'edificio denominato «Casa Tolla», destinato a sede comunale. Il Monastero, ritornato in pieno possesso delle Clarisse, senza però essere mai stato abbandonato, ottenne il riconoscimento giuridico di Ente Morale con R.D. del 2 settembre 1932. La comunità di Santa Chiara rifiorì di vocazioni arrivando ad attestarsi ad un ragguardevole numero di religiose. Non si tralascia di ricordare che dal febbraio al luglio del 1944, presso il monastero di Santa Chiara, si recarono più volte il re Vittorio Emanuele III e la regina Elena, insieme al principe Umberto, che sostennero le attività educativa e lavorativa della comunità.

L'ASILO INFANTILE

Un contributo indispensabile la Comunità claustrale lo ha offerto anche nella crescita educativa di tante giovani generazioni di Ravellesi, amorevolmente accolte e formate presso l'Asilo infantile, di cui è stata per decenni uno straordinario modello pedagogico Suor Maria Cristina Fiore, decana delle religiose tuttora presenti a Ravello. La graduale e costante decrescita delle vocazioni oggi mette purtroppo in serio pericolo la vita di questa straordinaria esperienza religiosa, con grave perdita per la nostra Collettività. Occorre, pertanto, elevare un forte appello alle autorità religiose preposte, teso a scongiurare tale deprecabile soppressione, inconciliabile con la ricchezza spirituale e culturale di una tradizione religiosa plurisecolare. Anche in ragione dell'intimo legame spirituale con il vicino Convento dei Frati Minori Conventuali, che annovera testimoni di santità e di servizio come i fratelli Antonio e Bonaventura Mansi, il primo cofondatore della «Milizia dell'Immacolata» con San Massimiliano Kolbe, il secondo benemerito difensore della città di Assisi nel secondo conflitto mondiale e artefice della Federazione delle Clarisse, la paventata chiusura appare come una ferita ancor più lacerante che può pregiudicare la stessa sopravvivenza della Comunità francescana. Alla luce di quanto sopra indicato, della specifica vocazione di Ravello, vera e propria finestra sul mondo non dimentica delle proprie radici, appare necessario assicurare la presenza di un congruo numero di suore e privilegiare nuove prospettive di carattere spirituale, come la creazione un Noviziario nazionale o internazionale, certamente favorito dalla bellezza e dalla unicità di questi luoghi patrimonio dell'Umanità. Ancora una volta, come già accaduto in passato, i momenti di difficoltà possono diventare l'occasione per favorire nuovi slanci e per brillare di una nuova luce serafica. Siamo certi che, se ciascuno farà la propria parte, ancora una volta sarà così.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 108723104

Politica

Ospedale Costa d'Amalfi, consigliere Di Palma chiede rifacimento strisce pedonali sbiadite e istituzione parcheggio rosa

Il 15 settembre scorso, in sede di Consiglio comunale, il consigliere di minoranza di Ravello Ulisse Di Palma ha «evidenziato il pericolo che i pazienti afferenti al Pronto Soccorso corrono all'uscita o all'entrata del nosocomio attraversando le strisce pedonali oramai sbiadite e non molto visibili specie...

De Luca contro tutti: «La Meloni è pericolosa sui vaccini, Conte regala stipendi a chi non vuole lavorare»

«Ciò che ha detto la Meloni a Caserta sulla sanità campana è vergognoso. Lei è pericolosa per la sua posizione sulla vaccinazione secondo cui ognuno può fare ciò che vuole. Ma questo in Campania è pericolosissimo». A dirlo è stato il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nella diretta Facebook...

Elezioni, a Maiori Della Pace dice che voterà PD e si firma “Idea Comune”. E l’ex candidato: «Mai stati un'identità politica!»

«Chi non va a votare domenica indebolisce la democrazia, la rende più fragile, più vulnerabile e facilmente attaccabile. Chi mi conosce sa che considero la politica una cosa bella e pulita: la libertà di scegliere da che parte stare spetta perciò a ciascun candidato della mia lista. Ma sento il bisogno,...

«Se voto andrà “male” agiremo»: bufera in Italia dopo parole di Ursula von der Leyen. I chiarimenti della Commissione Europea

«Ci sono preoccupazioni a proposito delle imminenti elezioni italiane, considerando che molti politici hanno avuto rapporti con Putin?». La risposta a questa domanda ha scatenato una querelle in Italia, a pochi giorni dal voto. È stata posta da uno studente alla presidente della Commissione europea,...

PNRR, Cetara ottiene oltre 160mila euro per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Anche il Comune di Cetara, nei mesi scorsi, ha partecipato a numerosi bandi previsti nel PNRR, finanziati dall'Unione Europea nel contesto dell'iniziativa Next Generation EU per quanto riguarda la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. In particolare, è stata presentata domanda per l'investimento...

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.