Ultimo aggiornamento 17 minuti fa S. Bonaventura vesc.

Date rapide

Oggi: 15 luglio

Ieri: 14 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Musica, Cinema e TeatroL'aquilano Jacopo Sipari dirige il concerto per i 70 anni dell'Opera di Stato di Tirana

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Musica, Cinema e Teatro

Albania, Tirana, concerto, Teatro Nazionale dell’Opera di Tirana

L'aquilano Jacopo Sipari dirige il concerto per i 70 anni dell'Opera di Stato di Tirana

Il direttore artistico Sipari è anche avvocato della Sacra Rota, con un dottorato in diritto penale e uno in lingua latina medievale e comunica in quattro lingue.

Inserito da (PNo Editorial Board), lunedì 27 novembre 2023 08:46:37

Che significato può avere oggi celebrare l'anniversario di un teatro? È forse il messaggio più forte, poiché universale. Lunedì 27 novembre alle ore 19,30, i riflettori illumineranno il palcoscenico del Teatro Nazionale dell'Opera di Tirana, orchestra e coro, preparato da Dritan Lumshit, schierati per l'esecuzione della IX sinfonia op.125 in Re Minore di Ludwig van Beethoven, sul podio il Maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli, solisti il soprano Renisa Lacka, il tenore Denis Skura, il mezzosoprano Vikena Kamenica e il baritono Armando Likaj. Questo luogo ha formato e lanciato diversi performer famosi al di fuori del paese, come le cantanti liriche Inva Mula e Ermonela Jaho, gli strumentisti Tedi Papavrami e Shkelzen Doli, i ballerini classici Ilir Kerni e Anbeta Toromani, tra gli altri. Un luogo, che è il centro, il cuore culturale, quindi civile della capitale questo Teatro che ha portato molti artisti a calcare palchi nazionali e mondiali soltanto dopo il collasso del comunismo e che ha inteso mantenere vive tutte le tradizioni culturali anche quelle popolari della musica e del ballo.

"La scelta di dedicare questa serata celebrativa all'esecuzione unica della IX sinfonia di Ludwig Van Beethoven - ha rivelato il Maestro Jacopo Sipari, direttore artistico dell'Opera Nazionale di Tirana - è avvenuta in accordo con Abigeila Voshtina, sovrintendente del Teatro, proprio per questa sua dimensione totalizzante. La grande novità da essa rappresentata vuole essere un segno del nostro lavoro e delle linee su cui lo abbiamo basato, ovvero quel coinvolgimento di tutte le varie masse artistiche. La gioia espressa unitamente alla ricerca di questo forte sentimento che permea ogni nota di questa partitura rappresenta il marchio di fabbrica del nostro progetto. Sono felice che questo settantennale si apra su queste note e che attraversi il centenario pucciniano, in una visione che guarda all'Europa e al mondo intero".

L'attacco della Nona ha qualcosa di iniziatico, è uno dei passi più famosi per l'originalità intrinseca e l'influenza esercitata sulla musica futura.

Il primo movimento (Allegro ma non troppo, un poco maestoso) allarga a dismisura la struttura della forma sonata: ampie zone tematiche sostituiscono i singoli temi canonici, mentre squarci contrappuntistici, idee umbratili e intime, episodi eroici (la tragica marcia conclusiva) ampliano come non mai il quadro espressivo. Lo Scherzo (Molto vivace), generato da una figura ritmica di tre note, ha una forza trascinante interrotta solo dal Trio (in re maggiore) e con le sue entrate polifoniche e lo straordinario intervento solistico del timpano conduce a perfezione il tipo dello Scherzo inaugurato nella Sinfonia eroica. Il terzo movimento ha una struttura a incastro, fra un primo tema in si bemolle maggiore (Adagio molto e cantabile) di natura quasi liturgica e "organistica" e un secondo in re maggiore (Andante moderato) che si inserisce fra le variazioni a cui il primo tema è sottoposto; un'ampia coda, interrotta da richiami di fanfara, chiude la pagina con l'autonomia di un episodio a sé. L'apparizione del tema della Gioia nel Finale è preceduta da un episodio di transizione di grande importanza: dopo un'armonia crudamente dissonante (Presto), violoncelli e contrabbassi introducono un recitativo che si alterna a brevi ritorni tematici, come citazioni, dei movimenti precedenti della sinfonia: è una pantomima "musicale" di temi proposti e rifiutati, seguita dall'esposizione del tema della Gioia da parte dell'orchestra (Allegro assai); dopo un ritorno alla dissonanza d'apertura, il baritono, riprendendo il recitativo, invita a voltare pagina verso nuovi orizzonti ("Amici, non questi suoni! Ma lasciateci intonare canti più graditi e gioiosi"): è l'invito al finale vero e proprio (Allegro assai), in cui i quattro solisti e il coro intonano nuove strofe scelte dall'Ode di Schiller e impaginate in quattro episodi musicali principali: il primo riprende ed elabora con le voci il tema della Gioia, il secondo lo trasforma in passo di Marcia (con la "musica turca" in orchestra, cioè gran cassa, piatti e triangolo), il terzo (Andante maestoso) introduce un nuovo tema di stampo händeliano per l'immagine della fratellanza universale ("Siate avvinti, o milioni"), il quarto combina in contrappunto rivoltabile il tema principale della Gioia con quello del terzo episodio: una grande architettura sonora che si incammina, attraverso una quantità di episodi secondari, alcuni anche di estatica commozione, verso la trionfale conclusione, quel tripudio musicale nel quale Maynard Salomon vede fuse insieme quattro componenti caratteristiche dell'ultimo stile beethoveniano: il canto, la danza, la variazione e la fuga, diventa così festosa enunciazione di un messaggio di libertà di fratellanza universale, che riprende da Schiller l'ideale di una nuova società. Per il poeta tedesco, convinto seguace di Kant, lo scopo dell'arte era quello di indirizzare l'umanità verso un nuovo ordine sociale, verso una nuova forma di armonia e di pace, che avrebbe permesso il libero sviluppo di tutte le potenzialità umane.

Un filo, che vogliamo immaginare rosso, legherà, così i valori di libertà, di passione, di democrazia e di pace. Non può non partire da un luogo d'arte il dialogo, per riottenere la pace, non può non partire dalla musica, che possiede, forse, il segno più democratico di tutti i linguaggi, poiché come il vento sul mare - ora lieve e impetuoso, ora acquietato - il mutare dell'espressione musicale è variato nel tempo attraverso un susseguirsi incessante di crisi, ripudi, violazioni e rinunzie. La musica e l'arte tutta, hanno la capacità di abbattere ogni muro poiché, pur rispettando l'individualità, di timbro, di interpretazione, fa ritrovare tutti nell'universalità del suo segno iridescente. Dal Teatro dell' Opera di Tirana quindi, la lezione di pace, per ottenere una terra senza alcuna ghirlanda spazzata via, senza specchi in frantumi, per seguitare ad irrompere pacificamente nella vita e in essa nuovamente esordire con più grande forza d'Amore.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

L'aquilano Jacopo Sipari dirige il concerto per i 70 anni dell'Opera di Stato di Tirana L'aquilano Jacopo Sipari dirige il concerto per i 70 anni dell'Opera di Stato di Tirana

rank: 103623105

Musica, Cinema e Teatro

Parte da Salerno il tour de I Promessi Sposi: già attive le prevendite per l’opera moderna di Michele Guardì

Un evento straordinario, uno spettacolo che si impone con la forza dei suoi ideali e l'intensità delle sue performance, una rappresentazione scenica imperdibile. Parte da Salerno, poi Ferrara, Roma, Catania e Palermo, la nuova e rivoluzionaria versione de "I Promessi Sposi", frutto dell'eclettica mente...

Paestum, Villa Salati in musica: tributo a Ennio Morricone e innovazione con l'IA

L'incantevole cornice di Villa Salati diventerà il palcoscenico di una serie di eventi musicali senza precedenti. Dal 12 luglio al 5 settembre, l'Associazione Gestione Musica e il Comune di Capaccio Paestum presentano "Villa Salati in Musica", un festival che unisce la maestosità dei templi antichi con...

“Vietri in Scena” prosegue il 15 luglio al Belvedere "Due Fratelli" con il concerto di Massimo Masiello

Continua a Vietri sul Mare la programmazione di "Vietri in Scena", curata dal direttore artistico Luigi Avallone con il sostegno del sindaco di Vietri sul Mare, Giovanni De Simone, e dell'assessore ad Eventi e Cultura, Daniele Benincasa. Il 15 luglio alle ore 21, ci si sposta per la prima volta in una...

Dalla platea di Ravello solo applausi per Laura Marzadori e per la Filarmonica di Benevento diretta da Michele Spotti | FOTO

Già in passato un concerto dell'Orchestra Filarmonica di Benevento previsto sul palco del Belvedere di Villa Rufolo era stato spostato all'Auditorium Niemeyer a causa della pioggia, stavolta il pericolo era l'umidità che ha messo a dura prova soprattutto il violino di Laura Marzadori e i legni dell'Orchestra...

Praiano, 14 luglio il secondo appuntamento di Suoni della Tradizione con Bagarija Orkestar

Domenica 14 luglio 2024, in Piazza San Gennaro a Praiano, andrà in scena il secondo appuntamento di Suoni della Tradizione, con Bagarija Orkestar: il clima di magia liberatrice delle feste balcaniche, unito alla musica popolare partenopea. Bagarija Orkestar è una folle banda di fiati e percussioni che...