Ultimo aggiornamento 5 minuti fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Una serata all'insegna del buon cibo e del prodotto principe della Costa d'Amalfi con due portate a scelta a partire da 35 euro con prosecco e limonata inclusaRavello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: MondoSigiElogio del Carnevale e della... "Zeza"

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

MondoSigi

Amalfi, Carnevale, Zeza

Elogio del Carnevale e della... "Zeza"

"Quando ero ragazzo, ad Amalfi (come in tanti posti della Campania) si cantava la "Canzone di Zeza" agli angoli delle strade. Con Vicenzella che faceva l'occhio languido a Don Nicola", racconta Sigismondo Nastri

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 10 febbraio 2024 10:19:49

Di Sigismondo Nastri

 

《Nu poco 'e canto e ssuone Carnevale pure 'o vvò》.

Quando ero ragazzo, ad Amalfi (come in tanti posti della Campania) si cantava la "Canzone di Zeza" agli angoli delle strade. Con Vicenzella che faceva l'occhio languido a Don Nicola:

《Oi mamma mà che veco!

Nn'è chillo Don Nicola?

Mò proprio sarrà asciuto dalla scola!

Si chillo me vulesse,

io me lo spusarrìa

e cchiù sotto de tata nun starria.》

 

E questi che confessava di aver perso la testa per la ragazza:

《Bennaie tutto lu munno

'stu spantu de biddizza,

comm'a sumaru io tir' 'a capizza.

Pe' chesta faccia bella

nun trovo cchiù arricietto,

de lacreme aggio 'nfuso tutto lu lietto,

aggio pisciat' 'o lietto!》

 

Mentre Zeza faceva la voce grossa al marito:

《Sì pazzo si te cride

c'aggio 'a tenè 'nzerrata

chella povera figlia sfurtunata!

La voglio fà scialare

cu ciento nnammurate

cu prievete, signure e cu li surdate

pure cu 'e surdate!》

 

E il povero Pulcinella, costretto alla fine a dare il suo assenso al matrimonio, con un amaro commento:

《Gnorsì songo contento,

maie cchiù io 'na parola

m'hanna cecà si 'a dico a don Nicola!....

Ma vuie signori mieie

nun ve 'nzurate maie,

pecchè cu 'na mogliera passate 'nu guaio!...

Passate 'nu guaio!》

 

Un attento cultore di storia e tradizioni del territorio amalfitano, Salvatore D'Amato, che ha raccolto, a suo tempi, la testimonianza di un protagonista (Quirino D'Amato), scrive [ved. articolo sul Foglio Costa d'Amalfi, febbraio 2000] che 《la rappresentazione aveva inizio di sera, all'imbrunire, nella Piazza dello Spirito Santo, seguendo un percorso abituale contrassegnato da vigorose soste nelle varie osterie che si incontravano lungo la strada, si portava a Piazza Flavio Gioia dove si concludeva con un'allegra quadriglia》. La gente seguiva divertita ed attenta, formando nutriti tornelli, le scene a soggetto interpretate da Nicola "Alaccio" [abitava for' 'o Muro rutto], nelle vesti dell'esile e graziosa Zita - la figlia - detta anche Vicenzella; Vincenzo Livano (don Nicola), Emilio Proto (il padre: Pulcinella), Alfonso Cretella (Zeza: la madre), sostituiti, in seguito, alcuni di essi, da Giacomino e Antonio Milano e da Quirino D'Amato.

Personaggi, scene, allegria, che conservo bene nella memoria.

Sul sito del Museo Nazionale delle Arti e delle Tradizioni Popolari trovo questa spiegazione: 《Il nome di Zeza è il diminutivo di Lucrezia, tipico nome nobiliare molto diffuso a Napoli fin dal 1400, ma nella rappresentazione Zeza è una contadina che, proprio per il rovesciamento dei ruoli ammesso durante il Carnevale, ha un nome appartenente a una classe sociale diversa dalla sua. È comunque una intrigante e ruffiana, che fa in modo che la figlia si incontri e scambi la promessa di nozze con il pretendente, don Nicola Pacchesicco nella tradizione orale, e Tolle nella tradizione scritta. Don Nicola si presenta vestito di nero, con un libro in mano, dichiarandosi a volte abate e a volte studente in legge o dottore. Dal punto di vista storico Don Nicola esprime come studente una condizione di emarginazione che durò fino al 1800, ma rappresenta anche colui che sa scrivere e sa leggere. La maschera di dottore è tipica nelle mascherate del Carnevale perchè, nel rovesciamento dei valori, dice spropositi, fa morire gli ammalati e in molti casi opera il Carnevale moribondo, facendolo morire. Don Nicola, a una ennesima minaccia di Pulcinella, che lo caccia di casa avendolo sorpreso con sua figlia, ritorna armato di fucile e spara tra le gambe del suocero, che alla fine sarà costretto a dare il suo consenso alle nozze. [...] Nella canzone di Zeza Pulcinella è padre con tutte le negatività addossate al padre carnevalesco (geloso, vile, repressivo), ed è anche l'immagine del Carnevale stesso, al quale si fa il tradizionale funerale.》

Ad Amalfi questo singolare e pittoresco funerale del Carnevale - condotto in "processione'' in una cassa da morto scoperchiata mentre divorava spaghetti prendendoli con le mani da un pitale - ha avuto come protagonisti due mitici personaggi: Burdello e 'o Caporale.

Ora, ho già avuto modo di scriverlo, il gusto del Carnevale è finito. Tutto avviene per motivi di richiamo turistico. Solo i bambini vivono la giornata con spontaneità e allegria. Evviva!

Il Carnevale, però, resta un'occasione ghiotta per i buongustai. Certo, non si allestiscono più banchetti di quaranta portate, come si usava una volta, ma si può essere sicuri che, in molte case, trionferanno sulla mensa le specialità trasmesse a noi dagli antenati. Cito le squisite lasagne [ved. Mio post con la ricetta], condite con robusto ragù di tracchiolelle, minuscole polpettine (la carne macinata sparsa alla rinfusa, no!), ecc. ecc. [e chi usa la besciamella - prendo l'espressione dalla Cena delle beffe - "peste lo colga"[; quindi, le salsicce, le braciole arrotolate, le polpette (con i pinoli e l'uva sultanina), passate in padella e poi cotte nella salsa; la gelatina di maiale guarnita di foglie di lauro, uvetta e pinoli; i tortani di pane con la 'nzogna, cìculi e pepe. E le sopressate [io prediligo quelle tramontane di Gianni Sorrentino: entrare nella sua macelleria a Pucara è sempre una festa]. Mi fermo qui: il sanguinaccio, dopo il divieto di adoperare il sangue di maiale, introdotto nel 1992, sopravvive nei ricordi, che si fanno, accidenti!, sempre più lontani [anche se di tanto in tanto mi capita ancora di gustarlo, grazie alla disponibilità di qualche amico].

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Pulcinella innamorato di Giandomenico Tiepolo Pulcinella innamorato di Giandomenico Tiepolo

rank: 107275107

MondoSigi

Hemingway ad Amalfi?

Di Sigismondo Nastri Ogni tanto vien fuori l'ipotesi che Ernest Hemingway, durante la sua permanenza ad Acciaroli, abbia tratto ispirazione per il romanzo "Il vecchio e il mare". A me spesso viene la voglia riproporre un mio scritto, già pubblicato su mondosigi il 25 aprile 2007, nel 90° anniversario...

Un anno dalla morte di Giuseppe Liuccio, poeta e scrittore di fine sensibilità

Di Sigismondo Nastri È passato un anno dalla morte di Giuseppe Liuccio e ne sentiamo terribilmente la mancanza. Come scrissi allora, egli aveva avuto due amori. Uno, istintivo, derivato dal suo stesso DNA, testimoniato da una lirica, "Chesta è la terra mia", appassionata, di forte carica emotiva, scritta...

A un mese dall'Assunta: la tradizione dei canti mariani

di Sigismondo Nastri - Manca un mese al 15 agosto, quando celebreremo la solennità dell'Assunta: Maria, che una preghiera invoca come «porta del Cielo, specchio della luce divina, santuario dell'Alleanza tra Dio e gli uomini». C'è un'indagine sui canti dedicati alla Madonna, a partire dai primi secoli...

Salerno, addio all'attore e docente Attilio Bonadies: il ricordo di Sigismondo Nastri

Si è spento nelle scorse ore Attilio Bonadies, attore, regista e docente di lettere. Protagonista di diversi spettacoli del Teatro Popolare Salernitano, fondatore e figura importante del Teatro gruppo di Salerno, Bonadies era noto anche in Costiera Amalfitana, come ha ricordato Sigismondo Nastri. "Con...

I riti del Giovedì santo e del Venerdì santo in Costiera amalfitana

Di Sigismondo Nastri In Costiera Amalfitana, protagonisti di questo tempo di Passione sono i Battenti. Bisogna venirci per rendersene conto. Vestiti di una lunga tunica bianca, incappucciati, in qualche caso (ad Amalfi) col capo coronato di rovi, cinti alla vita da un nodoso cilicio, che anticamente...