Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Il Vescovado Costiera Amalfitana

Il portale online della Costa d'Amalfi

Il Vescovado - Il portale online della Costa d'Amalfi Il portale online della Costa d'Amalfi

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliPasticceria Gambardella a Minori, il gusto della tradizione in Costiera AmalfitanaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Supermarket e Supermercati Netto, la convenienza a portata di clickSal De Riso Costa d'Amalfi, acquista i dolci del maestro pasticcere più amato d'Italia sul sito ufficiale Sal De Riso ShopHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera, Albergo 4 Stelle Superior, Leisure Lifestyle Hotel in Amalfi, Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel

Tu sei qui: Cultura‘Narrazioni dal quotidiano’: 11 agosto a Positano si inaugura la mostra dedicata a Bruno Marquardt

Villa Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyCasa Angelina, Ospitalità di lusso e Boutique Hotel in Costiera AmalfitanaGranato Caffè, il più buono che c'è. In Costiera Amalfitana a Maiori, Conca dei Marini, Ravello, Amalfi e PositanoPietra di Luna Hotel a Maiori in Costiera AmalfitanaEdil Bove Marrazzo, lavori pubblici, edilizia privata, interventi tecnici, Ristrutturazioni, Consolidamenti, Costiera Amalfitana, TramontiPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationCardine SRL, lavori in quota, protezione, prevenzione, pannelli in fune d'acciaio, lavori di edilizia, interventi urgenti post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoRistorante Masaniello a Maiori, Cucina Tipica e raffinata in Corso ReginnaPositano Destination, Your private taxi on the Amalfi Coast, Excursions, Tours Amalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniFrai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiProvoloncino Amalfitano, con scorzette di Limone Costa d'Amalfi IGP firmato "la Tramontina"Amalfi Charter, prenota la tua escursione via mare in Costiera AmalfitanaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaIl Limone IGP Costa d'Amalfi Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto

Cultura

Positano, Costiera amalfitana, mostra, arte

‘Narrazioni dal quotidiano’: 11 agosto a Positano si inaugura la mostra dedicata a Bruno Marquardt

L’esposizione, curata dallo storico dell’Arte contemporanea Massimo Bignardi, presenta un repertorio di venti opere realizzate dall’artista tedesco Bruno Marquardt tra la fine degli anni Trenta, vale a dire al suo arrivo a Positano, e gli anni Settanta

Inserito da (PNo Editorial Board), martedì 8 agosto 2023 09:19:43

Venerdì 11 agosto alle ore 18:30, presso la Pinacoteca Comunale di Positano, sarà inaugurata la mostra "BRUNO MARQUARDT. Narrazioni dal quotidiano", promossa e realizzata dal Comune e dall'Associazione Positano Arte e Cultura.

L'esposizione, curata dallo storico dell'Arte contemporanea Massimo Bignardi, presenta un repertorio di venti opere realizzate dall'artista tedesco Bruno Marquardt tra la fine degli anni Trenta, vale a dire al suo arrivo a Positano, e gli anni Settanta: un'attenta ricostruzione storico-critica che ha analizzato decine e decine di dipinti su tela, su masonite, acquerelli e disegni, opere per la quasi totalità inedite, conservate in collezioni private presenti a Positano, gli eredi a Napoli e, in particolare, quelle proposte dalle case d'asta. Una vera e propria ricostruzione storico-critica che ha restituito la personalità dell'artista, al di là dell'aneddotica che fino ad oggi l'aveva avvolta.

"Con la mostra dedicata a Bruno Marquardt - scrive Giuseppe Guida sindaco di Positano nella nota introduttiva al catalogo edito da Gutenberg - , continua l'attenzione verso gli artisti stranieri che hanno scelto Positano quale luogo del proprio essere. E questo già sarebbe sufficiente per far comprendere l'importanza dell'appuntamento che da anni, nei giorni del solleone, il Comune in collaborazione con l'Associazione Positano Arte e Cultura propone all'ampio pubblico del turismo internazionale. Marquardt è un artista per il quale l'aggettivo "misterioso" appare forse anche troppo sobrio[...]. Tutti i connotati di questa mostra, curata dal prof. Massimo Bignardi in collaborazione con Enzo Esposito, si ritrovano infatti nelle precedenti esposizioni, tra queste la personale di Peter Ruta del 2006, quella di Ed Wittstein del 2008 e poi del 2021 e quella recente del pittore cubano Vicente Hernández, vale a dire porre in evidenza la storia, gli avvenimenti, le personalità artistiche che hanno contribuito e contribuiscono a rendere Positano un luogo ‘magico', un ‘paesaggio' che attraversa la storia del XX secolo."

 

"È una ricostruzione concentrata a far luce sulla formazione artistica e sulle varie esperienze - aggiunge Giuseppe Vespoli delegato alla cultura e al turismo -, oggi testimoniate da oltre trenta opere che disegnano un percorso che giunge alle tavole realizzate per "La storia della tartarughina", del 1958. Si propone, quindi come una pagina di storia che doveva essere ricostruita nella sua pienezza, registrando anche le piccole cadute, ma che, trasversalmente, richiama un'ulteriore riflessione sulla Positano di quegli anni, sul clima culturale che si respirava, sulle presenze, suo essere un luogo della cultura internazionale."

 

"Chi è Bruno Marquardt?" Si chiede Massimo Bignardi nelle prime pagine del lungo saggio al catalogo. " È un artista tedesco, nato nel 1904, a Insterburg[...]Studia presso la Kunstakademie di Königsberg, un centro che nel secondo decennio del XX secolo presenta il volto di una cittadina urbanisticamente e socialmente ben sviluppata: famosa per il noto Viadukt di Rathshof, inaugurato nel 1915, il Caffè Ristorante Füestenteich, luogo di ritrovo mondano dei primi anni Trenta, oppure l' Adolfsruh Kolthof Königsallee, frequentatissimo caffè dal 1920. Königsberg sarà nota per la sua Kunstakademie, fondata nel 1838 da Theodor von Schön, orientata, principalmente, allo studio della pittura di paesaggio e di genere. Negli anni nei quali il Nostro frequentò le sue aule, l'istituto era già nella sede di Rathshof, nell'area occidentale della città, nel nuovo edificio costruito da Friedrich Lahrs. Nel corso della seconda metà degli anni Venti, nei quali è da collocare la formazione artistica di Marquardt, da poco ventenne, l'accademia era sotto la direzione di Richard Dettmanns e il suo maestro di pittura era Alfred Partikel, che insegnava paesaggio. Partikel è stato maestro di Andersson e di Ulrich Knispel, nonché ha condiviso con Werner Gilles - che abbiamo ricordato tra le figure presenti a Positano - il soggiorno di studio a Villa Massimo a Roma, nel biennio 1930-1931.

Tracce significative degli insegnamenti di Partikel si riscontrano ponendo a confronto, per esempio, un'opera del Nostro, l'acquerello Pescatori e barche, databile alla fine degli anni Quaranta, passato nell'asta da Roseberys (West Norwood, Regno Unito) del 12 Aprile del 2014, erroneamente attribuito all'omonimo pittore Bruno Marquardt (1878-1916), con Boddenlandschaft bei Ahrenshoop, un olio su tela di Partikel, attribuito agli anni Venti, che declina un tardo espressionismo, scarico di tensione e con una tavolozza affidata più ai toni che hai valori cromatici[...]Una vicinanza, inoltre, si scorge nella texture del segno, prerogativa delle opere di Marquardt, in particolare quelle del suo arrivo a Positano: in tal senso, si confronti la Veduta di una strada tortuosa (nella parte alta di Positano) un dipinto su tavola, anch'esso erroneamente attribuito al Marquardt ottocentesco, passato nell'asta di Sworders Fine Art del 27 aprile del 2021, con Ahrenshoop, un carboncino su carta, realizzato da Partikel nel 1940. Dopo l'accademia, Marquardt lascia la Germania trasferendosi dapprima a Parigi, poi alle isole Baleari, infine giunge a Positano, dove si stabilirà definitivamente. [...] Poche le fotografie che ritraggono l'artista, ad eccezione di quella ben nota, con gli occhialini da sub e la ‘molletta da bucato' al naso, più volte pubblicata sui periodici e i giornali locali. Invece una fotografia presente tra i documenti messi a disposizione della signora Stefania Sorace, moglie di Alberto Marquardt, figlio dell'artista, che qui ringrazio per la disponibilità, ci offre il volto del giovane artista giunto da qualche anno a Positano. È quella del "Reisepass", rilasciato dal Deutsches Generalkonsulat di Napoli, in data 26 giugno del 1942: essa ci mostra il volto dell'artista trentottenne che farà colpo sulla giovane nobildonna napoletana. I dati riportati sul "Reisepass" ci dicono dell'altro: che è di professione, pittore accademico; la statura, grande; il viso, ovale, con gli occhi, di color marrone, i capelli, biondo scuro. Nessun segno particolare. [...]Prima di questa data si conosce ben poco del lavoro artistico di Marquardt: i dipinti dedicati a Positano, vale a dire Case a Positano, una tempera grassa su masonite, oggi in collezione privata e la piccola tela raffigurante la Chiesa ai Mulini, nella collezione del Comune di Positano, dichiarano la sua formazione di pittore di paesaggio, capace di muoversi tra il racconto dettagliato dell'habitat e la sintesi espressionistica di forma e colore. Rilevante è l'effetto impressivo che spinge l'artista a segnare, con un colpo di azzurro, il riflesso del cielo sui vetri delle finestre, unitamente alla capacità descrittiva del reale, che ci portano ad attribuire queste opere tra la fine degli anni Trenta e i primi dei Quaranta."

 

Bruno Enrico Marquardt è nato il 2 novembre del 1904 a Insterburg, oggi Černjachovsk, nell'Oblast di Kaliningrad nell'ex Prussia orientale, da Julius Robert ed Enrichetta Preszeit. Dopo la formazione artistica presso la Kunstakademie Königsberg e l'Akademie der Künste in Berlin, lascia la Germania e vive dapprima a Parigi, poi in Spagna alle isole Baleari. Nel 1936 si trasferisce in Italia, a Positano, dove si stabilisce definitivamente. Negli anni Trenta Positano ha offerto rifugio a innumerevoli profughi ed emigranti, tra cui molti artisti e intellettuali, fuggiti dagli orrori nazisti. A Positano conosce Emilia, detta‚' Pupa‘. Discendente di un'aristocratica famiglia napoletana, Tuttavilla di Calabritto, aveva lasciato la città dopo i bombardamenti e l'occupazione da parte delle truppe della Wehrmacht. Nella cittadina, incastrata nella punta estrema della penisola sorrentina-amalfitana, Marquardt apre il suo studio in via Fornillo, dove dipinge le barche a vela, le case, soggetti che ripeterà più volte. Il suo studio, negli anni, sarà tra i punti d'incontro degli artisti stranieri che troveranno rifugio a Positano: pittori quali Kurt Craemer, Martin Wolff, Eduard Gilhausen nei primi anni Venti membro del Bauhaus, Karli Sohn-Rethel, nonché gli scrittori Stefan Andres e Armin T. Wegner e sua moglie, la ceramista Irene Kowaliska. A questo nutrito gruppo di artisti si affiancheranno quelli esuli dalla Russia stalinista, tra loro i pittori Giovanni Zagoruiko, Gregorij Oscheroff, Boris Georgiev, Vassillij Issupoff e più tardi (nel 1950) Burliuk. Nell'ampia compagine figura anche Ettore Pignone del Carretto che ritroveremo, con gli altri nell'elenco degli artisti invitati alla Prima Mostra d'Arte tenutasi nel 1935, promossa dall'Ente per il Turismo. Marquardt terrà diverse mostre personali e presenze a collettive allestite a Berlino, Königsberg, Lugano, Napoli e Roma. Nel novembre del 1946 gli viene concessa la cittadinanza italiana: giura fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione italiana, nell'aprile del 1947 nella casa comunale di Positano. Muore il 2 maggio 1981 ed è sepolto nel cimitero di Positano, sua città di adozione.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Vescovado!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie del Vescovado, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 106421103

Cultura

Terzo concorso nazionale di poesia "Simonetta Lamberti": un ponte tra memoria e futuro

Il Comune di Cautano, in collaborazione con la Regione Campania, il Parco Regionale del Taburno Camposauro e il Forum dei Giovani di Cautano, annuncia la terza edizione del Concorso Nazionale di Poesia "Simonetta Lamberti". Il concorso, nato per ricordare la piccola Simonetta Lamberti, uccisa a soli...

Capitale italiana del Libro 2025, tra le città candidate anche Sorrento e Ischia

Il Ministero della Cultura comunica che sono 20 le città italiane ad aver inviato la candidatura per concorrere al titolo di Capitale italiana del Libro 2025. Il bando si è chiuso l'8 luglio scorso, data in cui i Comuni hanno inviato le domande corredate da dossier completi alla Direzione generale Biblioteche...

Minori, ad Alfonso Bottone laurea honoris causa in Diritto Internazionale

L'organizzazione di ..incostieraamalfitana.it annuncia il conferimento della Laurea Honoris Causa in Diritto Internazionale della Facoltà di Giurisprudenza della ISFOA Libera e Privata Università Internazionale ad Alfonso Bottone. A consegnare il prestigioso riconoscimento all'impegno e alla passione...

Vietri sul Mare, una serata magica con la Banda dell'Esercito Italiano. Omaggio a Pellegrino Caso

Il terzo appuntamento di "Vietri in Scena" ha portato l'eccellenza musicale, attraverso la grande musica classica. La Banda dell'Esercito Italiano, diretta dal Maggiore Antonella Bona, ha eseguito brani che hanno spaziato da Verdi a Puccini, passando da Reed, De Meij e Ponchielli, fino all'omaggio a...

Ad Ischia la mostra “Amare il Mare” dedicata a Ugo Marano, illustre figlio di Cetara

Dal 13 luglio (e fino al 30 settembre), il Castello Aragonese di Ischia ospita la mostra "Amare il Mare", un omaggio al genio eclettico di Ugo Marano. Conosciuto a livello mondiale come un artista unico nel suo genere, Marano ha sempre esplorato una vasta gamma di forme espressive, dagli scritti alla...